Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ted Snider e pubblicato su Antiwar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Guerra Ucraina-Russia
Guerra Ucraina-Russia

 

La politica del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden nella guerra in Ucraina è stata chiara fin dall’inizio: mettere l’Ucraina nella posizione migliore “sul campo di battaglia [per] essere nella posizione più forte possibile al tavolo dei negoziati”, facendo attenzione a “non combattere la terza guerra mondiale in Ucraina”. C’è stata molta meno chiarezza sul significato di “migliore”.

Sul campo di battaglia dell’Ucraina, il “meglio” è definito – o avrebbe dovuto essere definito – non come il meglio immaginabile, ma come il meglio raggiungibile. Il meglio immaginabile si trova in un futuro irrealizzabile; il meglio raggiungibile è già passato. E questo è stato il primo errore di Biden.

Nel novembre 2022, l’Ucraina ha riconquistato una quantità massiccia di territorio e gli analisti militari hanno avvertito di un punto di inflessione in cui l’Ucraina probabilmente non avrebbe potuto catturare altro territorio se avesse continuato, ma avrebbe potuto perdere altro territorio e altre vite. Alcuni analisti militari all’epoca suggerirono che Kherson era probabilmente l’ultimo territorio occupato dai russi che l’Ucraina sarebbe stata in grado di riconquistare nel prossimo futuro. Alcuni funzionari “si chiedevano ad alta voce quanto altro territorio potesse essere conquistato da entrambe le parti, e a quale costo”.

È stato riferito che il punto di vista del “punto di inflessione” è condiviso da altre forze armate della NATO. Secondo tali rapporti, Germania e Francia ritenevano che “la parità non durerà a lungo e che questo è il momento ottimale per l’Ucraina per iniziare dei colloqui”.

Soprattutto, il 9 novembre, il presidente dello Stato Maggiore congiunto, il generale Mark Milley, ha dichiarato: “Deve esserci un riconoscimento reciproco del fatto che una vittoria militare probabilmente, nel vero senso della parola, non è raggiungibile con mezzi militari”, aggiungendo “e quindi è necessario ricorrere ad altri mezzi”.

Gli Stati Uniti non hanno incoraggiato l’Ucraina a ricorrere ad altri mezzi. Da allora, l’Ucraina non ha più ottenuto vittorie importanti sul campo di battaglia. La successiva opportunità di guadagnare terreno è stata l’attuale controffensiva. Ma poco terreno è stato conquistato e un po’ di terreno, insieme a decine di migliaia di vite in un paio di mesi, è stato perso. Le forze armate ucraine, gravemente depauperate, devono ora affrontare non una posizione migliore sul campo di battaglia, ma la prospettiva di una massiccia offensiva russa.

L’amministrazione Biden ha perso il momento in cui il “meglio” si è realizzato sul campo di battaglia. La controffensiva ha messo l’Ucraina in una posizione molto peggiore, non migliore, al tavolo dei negoziati, a un prezzo enorme di morti e feriti.

Il 18 agosto, Milley ha dichiarato: “Se l’obiettivo finale è che l’Ucraina sia un Paese sovrano, libero e indipendente, con il suo territorio intatto, questo richiederà un considerevole livello di sforzi ancora da compiere. Si tratta di una guerra lunga, molto difficile e con un alto numero di vittime. È possibile raggiungere questi obiettivi con mezzi militari. Ci vorrà molto, molto tempo, ma è anche possibile raggiungere questi obiettivi, forse, con qualche mezzo diplomatico”.

Il più alto in grado soldato statunitense lo ha detto ai politici nove mesi fa, ma i politici non hanno ascoltato. Il prezzo è che l’Ucraina si trova ora in una posizione molto peggiore sotto ogni punto di vista, anche sul campo di battaglia e al tavolo dei negoziati.

Questo è stato il primo errore dell’amministrazione Biden. E quella chiamata mancata ha danneggiato gravemente l’Ucraina. I soldati ucraini, incoraggiati dagli Stati Uniti a continuare a combattere anche a costo di perdite ingenti, previste ma accettabili per gli Stati Uniti, hanno pagato con le loro vite, i loro arti e la loro salute mentale. Gli ucraini hanno pagato con la devastazione della loro economia e delle loro infrastrutture e con la perdita di terre.

Il secondo errore è stata la promessa più volte ripetuta di Biden di stare al fianco dell’Ucraina “finché sarà necessario” e la promessa gemella di “niente che riguardi l’Ucraina senza l’Ucraina”. “Finché sarà necessario” è un tempo indefinibilmente lungo, e “niente senza l’Ucraina” è una grande abdicazione quando la posta in gioco è la sicurezza degli Stati Uniti e decine di miliardi di dollari.

La retorica politica del “finché serve” suonava bene. Ma la comunità di intelligence statunitense ha ora comunicato alla Casa Bianca che la controffensiva ucraina non riuscirà a raggiungere il suo “obiettivo principale”. Quando l’amministrazione Biden si renderà conto che “il più a lungo possibile” potrebbe significare investire altri miliardi di dollari in Ucraina per restituire altre vite umane, altri terreni ed equipaggiamenti perduti, potrebbero esserci pressioni per suggerire negoziati che potrebbero portare all’Ucraina un risultato peggiore di quello che avrebbe potuto ottenere prima della guerra o nei primi giorni della guerra.

Il Ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha iniziato a temere un “autunno difficile” per l’Ucraina nel respingere le richieste di colloqui di pace. “Queste voci, che cominciano a farsi sentire in diversi Paesi del mondo, dicono che ci sono problemi e che è necessario negoziare. Queste voci stanno diventando più forti”, ha detto Kuleba.

Con le elezioni all’orizzonte, una spinta dell’amministrazione Biden a negoziare con un’Ucraina indebolita potrebbe danneggiare Biden e i democratici, essendo vista come un abbandono e un tradimento dell’Ucraina. Potrebbe essere sfruttata durante la campagna elettorale come una rottura della promessa di stare al fianco dell’Ucraina “fino a quando sarà necessario” e di non fare “nulla per l’Ucraina senza l’Ucraina” e potrebbe portare a mettere in discussione lo scopo di tutto ciò. Inoltre, potrebbe danneggiare ulteriormente la credibilità degli Stati Uniti a livello internazionale, sollevando ulteriori dubbi sulla loro capacità di stare al fianco dei beneficiari degli aiuti promessi.

Il terzo errore è stato quello di Biden di definire la sua amministrazione in base alla lotta generazionale tra democrazia e autocrazia e di inquadrare la guerra in Ucraina come una guerra per “principi universali … fondamentali”. Ciò ha alzato notevolmente la posta in gioco, trasformando una guerra evitabile tra Ucraina e Russia in una guerra globale tra i valori e la visione del mondo dell’Occidente politico e i valori e la visione del mondo della Russia, che avrebbe definito il futuro ordine internazionale. Il mancato raggiungimento di una vittoria decisiva in questa guerra danneggia gravemente la NATO e l’Occidente politico.

Alzando la posta in gioco politica della guerra, l’amministrazione Biden ha commesso tre errori di calcolo evitabili e costosi. Il primo errore di calcolo, la promessa di conquistare all’Ucraina una posizione sempre migliore al tavolo dei negoziati, ha danneggiato gravemente l’Ucraina. Il secondo, la promessa di stare al fianco dell’Ucraina “finché sarà necessario”, potrebbe danneggiare Biden e gli Stati Uniti. La terza, la promessa di essere vittoriosi nella battaglia generazionale tra democrazia e autocrazia, potrebbe danneggiare la NATO e l’Occidente politico. Continuare la guerra rischia di far aumentare ognuno di questi errori di calcolo.

Ted Snider

 

 

Ted Snider scrive regolarmente di politica estera e storia degli Stati Uniti su Antiwar.com e The Libertarian Institute. Collabora spesso anche con Responsible Statecraft e The American Conservative, oltre che con altre testate.

Facebook Comments