E’ una dura e brutta verità: farmaci straconosciuti e sperimentati, di cui si conosce la storia e la sicurezza, che si riscoprono essere efficaci nella lotta alla COVID, che costano appena qualche euro, vengono ostracizzati e denigrati. Nuovissimi farmaci, costosissimi, pochissimo sperimentati  e i cui effetti collaterali non si conoscono a fondo, vengono subito approvati dalle autorità nella cura della covid e autorizzati per una somministrazione “in emergenza” a miliardi di persone. Perché?

L’articolo che segue è di Pierre Kory, medico, presidente e responsabile medico della Front-Line COVID-19 Critical Care Alliance, pubblicato su The Federalist, e ve lo propongo nella mia traduzione.

 

covid-farmaci

 

Omicron che emerge negli Stati Uniti e la notizia della prima morte segnalata nel Regno Unito ci ricordano quanto poco capiamo il nuovo coronavirus, e con i vaccini meno efficaci contro la nuova variante, quanto abbiamo bisogno di ulteriori modi per combatterlo. Per ampliare la nostra conoscenza del COVID-19 e identificare i modi migliori per trattarlo e prevenirlo, i medici dovrebbero essere in grado di utilizzare ogni possibile mezzo sicuro a loro disposizione per aiutare i pazienti. Purtroppo, questo è impossibile nel nostro attuale clima politico.

Dall’estate del 2020, le agenzie di salute pubblica degli Stati Uniti hanno continuamente bloccato l’uso o anche la discussione di trattamenti generici che sono poco redditizi. Il National Institutes of Health (NIH) ha finanziato 20 grandi studi di ricerca sui farmaci brevettati dell’industria farmaceutica prima di accettare solo recentemente (e lentamente) di studiare i farmaci generici riproposti.

La Food and Drug Administration e i Centers for Disease Control non ne hanno raccomandato quasi nessuno. Invece, l’amministrazione Biden ha gettato il suo peso politico quasi esclusivamente dietro le vaccinazioni di massa, e gli ospedali e le farmacie hanno seguito dogmaticamente l’esempio. Ma questo approccio si sta dimostrando insufficiente per arrestare il COVID-19.

Farmaci generici riproposti che aiutano a combattere la COVID

Basta guardare le prove sulla fluvoxamina, un antidepressivo generico ampiamente utilizzato. Uno studio controllato randomizzato (RCT) pubblicato nel novembre 2020 ha mostrato che il farmaco ha portato a un deterioramento clinico molto inferiore nei pazienti trattati. Un altro, più grande, RCT in doppio cieco, pubblicato su The Lancet nell’ottobre di quest’anno, ha trovato che la fluvoxamina ha ridotto i tassi di mortalità COVID-19 fino al 91% e le ospedalizzazioni di due terzi. Questo è un farmaco approvato dalla FDA. Dosato correttamente e per periodi così brevi, è sicuro. E costa circa un dollaro a pillola.

Questi risultati sono stati ulteriormente rafforzati da un altro studio pubblicato dal Journal of the American Medical Association in novembre, che ha mostrato un forte “effetto classe” di benefici da antidepressivi molto simili alla fluvoxamina contro il COVID-19. Eppure, nonostante il grande studio in doppio cieco e controllato con placebo, né il NIH né la Infectious Diseases Society of America (IDSA) sono arrivati a una raccomandazione per l’uso di routine di questi farmaci per trattare la COVID-19.

Il NIH fino ad oggi ha ignorato lo studio. Il suo ultimo aggiornamento sulla fluvoxamina risale ad aprile, più di sette mesi fa. Ancora più inquietante è il fatto che l’IDSA ha recentemente rivisto questo studio di alta qualità, ma ha ancora mantenuto la sua raccomandazione di “non usare al di fuori di uno studio clinico”. Perché i farmaci riproposti richiedono numerosi studi prima di una raccomandazione dell’agenzia, mentre i nuovi farmaci brevettati ad alto profitto vengono ordinariamente approvati dopo un solo studio?

Un esempio recente e più sfacciato è il nuovo costoso farmaco antivirale COVID-19 della Merck, il molnupiravir. La FDA lo ha rapidamente approvato sulla base di un singolo studio di modesti benefici in pazienti ambulatoriali leggermente malati, e l’amministrazione Biden ha rapidamente accettato di pagare 700 dollari per ciclo di trattamento. Tutto questo nonostante il fatto che la medicina costa circa 20 dollari per ciclo di trattamento, secondo un consulente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, e potrebbe rivelarsi meno efficace o addirittura dannosa nella pratica.

Con il nostro debito nazionale che registra 2,77 trilioni di dollari e l’inflazione dilagante, costruire la capacità nel nostro governo federale di studiare medicine generiche a buon mercato sarebbe una mossa economica intelligente. Ma non sembra esserci alcun appetito per la prudenza fiscale o l’indagine scientifica al di là delle costose soluzioni di nuovo conio sfornate dall’industria farmaceutica della nostra nazione.

L’ospedale vieta un trattamento collaudato

I medici che non seguono la linea sono sottoposti a censura e minacciati di perdere il loro sostentamento, indipendentemente dalla loro esperienza clinica. Il mio collega Dr. Paul Marik, uno scienziato-medico che esercita a Norfolk, Virginia, è tra questi. Ha curato pazienti durante tutta l’epidemia di COVID ed è stato uno dei primi sostenitori dell’uso di steroidi per trattare i pazienti di COVID – una pratica inizialmente scoraggiata dai funzionari sanitari federali che si è poi dimostrata efficace.

Quando sono emerse le prime prove sulla fluvoxamina, abbiamo iniziato a studiare il farmaco e a condividere i dati clinici con i medici della Frontline COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCC), un gruppo di medici no-profit che gestiamo insieme. L’abbiamo aggiunta al nostro protocollo FLCCC sette mesi fa. Marik ha iniziato a trattare i suoi pazienti con il farmaco oltre agli steroidi e a una serie di farmaci generici riproposti, che hanno contribuito a dimezzare i decessi nel suo ospedale.

Questo progresso è ora in pericolo: Il datore di lavoro di Marik, il Sentara Norfolk General Hospital, ha vietato l’uso della fluvoxamina e di molti altri farmaci generici approvati dalla FDA per trattare la COVID-19 – e i tassi di mortalità sono già in aumento.

Qual è la giustificazione dell’ospedale per negare ai pazienti un trattamento che si sta dimostrando efficace negli studi clinici? Suona molto come il sito web del NIH, e suona altrettanto vuoto: “Molti [di questi farmaci] non hanno pubblicazioni peer-reviewed, RCT [randomized controlled trial] disponibili per valutare sia l’efficacia che la sicurezza in COVID-19.”

Negli ultimi due anni, le nostre autorità politiche e di salute pubblica hanno parlato spesso di fiducia nella scienza per guidare una risposta efficace a questo terribile virus, ma le loro azioni sono state più spesso dettate da tribalismo e avidità.

Sicuramente affronteremo nuove varianti di COVID-19 dopo Omicron, e altri focolai di malattie infettive in futuro. Possiamo prepararci costruendo la capacità nel nostro governo di studiare trattamenti economicamente vantaggiosi in modo rapido ed efficiente, e dando ai medici la possibilità di perseguire ogni possibile trattamento che possa aiutare i pazienti.

 

 

 

 

Facebook Comments