Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da William J. Astore e pubblicato su Bracing view. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

carri armati tedeschi abbattuti nella guerra in Ucraina giugno 2023
epa10683896 A handout still image taken from a handout video provided by the Russian Defence Ministry’s press service on 10 June 2023 shows German ˜Leopard-2A6™ and American BMP M2 ‘Bradley’ tanks destroyed in combat in the Zaporizhzhia region, southern Ukraine. The Russian Defense Ministry said the Russian military destroyed two columns of armored vehicles of the Armed Forces of Ukraine in the Zaporizhzhia region, including nine tanks, four of which were Leopard. EPA/RUSSIAN DEFENCE MINISTRY PRESS SERVICE/HANDOUT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

 

Nel 1998, come maggiore dell’Aeronautica, ho partecipato a un simposio di storia militare sulla guerra di coalizione che discuteva del futuro della NATO. Un alto ufficiale presente, il generale Sir Anthony Farrar-Hockley, si espresse senza mezzi termini a favore dell’espansione della NATO. Dai miei appunti presi nel 1998:

Farrar-Hockley ha sostenuto che rinunciare all’espansione a causa delle preoccupazioni russe significherebbe concedere alla Russia un continuo feudo nell’Europa orientale. La Russia non ha nulla da temere dalla NATO e, inoltre, non può fare nulla per impedire l’espansione. Se l’Unione Sovietica era una tigre anemica, la Russia è più simile a una tigre da circo che può ringhiare ma non morde.

Questo riassume la posizione occidentale nei confronti dell’espansione della NATO e della Russia: peccato. Avete perso la guerra fredda. Non c’è niente da fare.

Finché la “tigre del circo” non ha finalmente morso.

Gli Stati Uniti e la NATO avevano calcolato che la Russia, ora guidata da Vladimir Putin, non avrebbe reagito. Lo ha fatto nel 2022.

Ora, si potrebbe obiettare che è colpa della tigre che morde; si potrebbe dire che l’Ucraina non meritava di essere morsa. Ma non credo che si possa dire che le azioni degli Stati Uniti e della NATO siano state del tutto prive di colpa o di responsabilità nel provocare la tigre. Come minimo, le azioni sono state giudicate male (ammesso che non ci sia stato un complotto per provocare Putin e la Russia ad attaccare).

L’Ucraina è al centro delle preoccupazioni della Russia. I due Paesi condividono un lungo confine e una storia ancora più lunga. In confronto, credo che l’Ucraina sia periferica per le preoccupazioni degli Stati Uniti, così come si sono rivelati periferici l’Afghanistan e il Vietnam. Ricordo la critica della politologa Hannah Arendt, secondo cui, per quanto riguarda l’America, la guerra del Vietnam fu un caso di utilizzo di “mezzi eccessivi per raggiungere obiettivi minori in una regione di interesse marginale”. Sia in Vietnam che, più recentemente, in Afghanistan, gli Stati Uniti hanno sempre potuto permettersi di accettare la sconfitta, anche solo tacitamente, ritirandosi (anche se gli irriducibili del Pentagono vogliono sempre continuare a combattere).

Tutto questo per dire che la volontà della Russia di prevalere potrebbe rivelarsi più resistente dell’attuale impegno degli Stati Uniti nei confronti dell’Ucraina, con un sostegno con “assegno in bianco”.

La resistenza dell’Ucraina alla Russia è stata effettivamente forte, sostenuta da abbondanti armi e aiuti da parte degli Stati Uniti e della NATO. Di fronte a un’invasione, stanno difendendo il loro Paese. Ma una chiara vittoria per l’Ucraina è improbabile nel breve termine e, se ottenuta, nel lungo termine si rivelerà probabilmente di Pirro.

Nessuno negli Stati Uniti pensava che un raid punitivo contro i Talebani nel 2001 avrebbe prodotto una guerra afghana che sarebbe durata 20 anni. Quando gli Stati Uniti impegnarono un gran numero di truppe in Vietnam a partire dal 1965, la maggior parte del Pentagono pensava che la guerra sarebbe finita nel giro di pochi mesi. Per quanto tempo gli Stati Uniti e la NATO sono davvero disposti a sostenere l’Ucraina nella sua guerra contro la Russia?

Nei circa 17 mesi trascorsi dall’invasione russa, gli Stati Uniti hanno già impegnato circa 115-200 miliardi di dollari per l’Ucraina e la guerra. Questo impegno dovrebbe rimanere a tempo indeterminato fino alla “vittoria” dell’Ucraina? Che dire dei legittimi timori di un’escalation regionale o degli scenari da incubo di scambi nucleari?

Le guerre lunghe di solito non si concludono con una democrazia più sana. Anzi, il più delle volte le guerre generano censura, autoritarismo, soppressione del dissenso e molti altri aspetti negativi. Pensate all’enorme fardello che grava sulla Russia e sull’Ucraina a causa di tutti i feriti sopravvissuti, delle famiglie in lutto, degli orrendi danni all’ambiente. Più a lungo dura la guerra, più profonde sono le ferite per la società.

Le aree dell’Afghanistan, bruciate da decenni di guerra, sono terre desolate. Vietnam, Laos e Cambogia si stanno ancora riprendendo dall’orgia di violenza americana. Da cosa dovrà riprendersi l’Ucraina, ammesso che abbia la fortuna di “vincere”?

Non vedo una vittoria rapida per nessuna delle due parti nelle settimane e nei mesi a venire. Riprendendo il famoso discorso sulla “pace” di John F. Kennedy del 10 giugno 1963, credo che la pace non debba essere necessariamente impraticabile e che la guerra non debba essere inevitabile. Come ammoniva anche JFK, costringere una potenza nucleare a una ritirata umiliante senza offrire altre opzioni è davvero pericoloso.

Recentemente l’attenzione si è concentrata sulla decisione dell’amministrazione Biden di fornire bombe a grappolo all’Ucraina. La Russia può, e probabilmente lo farà, eguagliare l’uso da parte dell’Ucraina delle bombe a grappolo fornite dagli Stati Uniti. In precedenza, gli Stati Uniti hanno affermato che la Russia era colpevole di crimini di guerra per aver usato queste munizioni. Ora va tutto bene, perché l’Ucraina ne ha bisogno. Quando uccidono i russi, sono bombe “buone”?

Sento anche commentatori statunitensi parlare di “campagne di bombardamento del terrore” da parte della Russia. Forse è così, ma quando i commentatori statunitensi usano questa espressione, dovrebbero riconoscere pienamente ciò che gli Stati Uniti hanno fatto in Giappone, Corea del Nord, Vietnam, Laos, Cambogia, Iraq, Afghanistan e altrove. Nessun Paese al mondo si avvicina al numero e alla quantità di bombe, defolianti, bombe a grappolo, proiettili al DU e napalm che gli Stati Uniti hanno usato in varie guerre negli ultimi 80 anni. Quando si tratta di bombardamenti terroristici, gli Stati Uniti sono davvero una nazione eccezionale.

Ma gli Stati Uniti possono essere eccezionali in pace? Gli Stati Uniti dovrebbero e devono condurre la diplomazia con il tipo di fervore che di solito riservano alla guerra.

William J. Astore

 

William J. Astore è un tenente colonnello in pensione (USAF). Ha insegnato storia per quindici anni in scuole militari e civili.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments