I rischi di una escalation nella guerra in Ucraina aumentano agni giorno di più. I rischi di risvolti nucleari aumentano altrettanto, A tal proposito, rilancio un articolo di Dave DeCamp, pubblicato su Antiwar. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

esplosione nucleare, guerra nucleare, armi nucleari

 

Domenica il Dipartimento di Stato ha lasciato intendere che le forze ucraine sono autorizzate a utilizzare i sistemi di artiglieria ad alta mobilità (HIMARS) forniti dagli Stati Uniti contro obiettivi russi in Crimea, che la Russia controlla dal 2014.

Quando gli Stati Uniti hanno annunciato per la prima volta l’invio di HIMARS all’Ucraina, i funzionari dell’amministrazione Biden hanno dichiarato di aver ricevuto “assicurazioni” da parte dei funzionari ucraini che i razzi non sarebbero stati utilizzati per colpire il territorio russo.

Alla domanda se il divieto per l’Ucraina di usare gli HIMARS per colpire il territorio russo si applichi alla Crimea, un portavoce del Dipartimento di Stato ha dichiarato ad Antiwar.com: “La Crimea è Ucraina”.

“Gli Stati Uniti non riconoscono e non riconosceranno mai la presunta annessione della Crimea da parte della Russia. Continueremo a opporci alla guerra ingiustificata e non provocata della Russia contro il popolo ucraino”, ha dichiarato il portavoce.

Sabato, un funzionario dell’intelligence ucraina ha dichiarato che le forze ucraine dovrebbero iniziare ad attaccare le strutture russe in Crimea e ha suggerito che gli HIMARS forniti dagli Stati Uniti potrebbero essere utilizzati per tali attacchi.

L’ex presidente russo Dmitry Medvedev, che attualmente ricopre la carica di vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Russia, ha avvertito domenica che se l’Ucraina lanciasse attacchi alla Crimea, significherebbe “il giorno del giudizio” per la leadership ucraina.

“Se dovesse accadere qualcosa del genere, si troveranno di fronte a un giorno del giudizio, molto rapido e duro, immediatamente. Non sarà possibile evitarlo. Ma loro continuano a provocare la situazione generale con queste dichiarazioni”, ha detto Medvedev, secondo l’agenzia di stampa russa Tass.

Medvedev ha anche affermato che il fatto che l’Ucraina e le nazioni occidentali non riconoscano la Crimea come territorio russo rappresenta una “minaccia sistemica” per la Russia. “Se uno Stato, l’Ucraina o un Paese della NATO, pensa che la Crimea non faccia parte della Russia, per noi è una minaccia sistemica”, ha dichiarato.

Gli HIMARS che gli Stati Uniti hanno inviato all’Ucraina sono dotati di munizioni che possono raggiungere obiettivi fino a 50 miglia di distanza. I sistemi missilistici potrebbero essere equipaggiati con razzi a più lunga gittata, ma gli Stati Uniti hanno scelto la gittata di 50 miglia e hanno cercato di ottenere garanzie che non saranno utilizzati per colpire il territorio russo, nel timore che tali attacchi rischino di aggravare il conflitto.

Ma poiché la Russia considera la Crimea come suo territorio, qualsiasi attacco alla penisola sarebbe una grave escalation e rischierebbe di provocare una risposta da parte di Mosca.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email