Idroclorichina (foto: George Frey/Reuters)

Idroclorichina (foto: George Frey/Reuters)

 

La clorochina è un farmaco anti-malarico utilizzato già da tempo anche contro il lupus o l’artrite reumatoide. Quando è esplosa l’epidemia da coronavirus, in Italia ed in altre parti del mondo alcuni medici l’hanno applicata nella cura al Covid-19. 

Il 22 maggio scorso la prestigiosa rivista scientifica Lancet pubblica uno studio secondo cui l’utilizzo della clorochina non solo non avrebbe benefici, ma potrebbe anche essere pericoloso a causa dei numerosi effetti collaterali a livello cardiaco, e potrebbe potenzialmente causare anche la morte. L’Oms, dopo aver compulsato lo studio, decide di sospendere il farmaco. Alla decisione dell’OMS si associano via via anche altri enti, compresa l’italiana Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco.

Qualcosa però non quadra, e oltre 100 scienziati cominciano a sollevare dubbi. Il 2 giugno la la stessa rivista Lancet prende le distanze dal suo stesso studio. Voci lontane dal mainstream dicono che si vuole stoppare la cura del COVID-19 con farmaci a buon mercato a favore dello sviluppo dei vaccini, che farebbero la fortuna delle case farmaceutiche. 

Vi propongo la lettura di questo articolo del New York Times, scritto da Roni Caryn Rabin, che fa il punto della situazione. Eccolo nella mia traduzione. 

 

 

Più di 100 scienziati e medici hanno messo in dubbio l’autenticità di un enorme database ospedaliero che è stato la base per uno studio influente pubblicato la scorsa settimana che ha concluso che trattare le persone che hanno contratto il  Covid-19 con clorochina e idrossiclorochina non ha aiutato e potrebbe aver aumentato il rischio di ritmi cardiaci anormali e di morte.

In una lettera aperta al direttore di The Lancet, Richard Horton, e agli autori dello studio, gli scienziati hanno chiesto alla rivista di fornire dettagli sulla provenienza dei dati e hanno chiesto che lo studio fosse convalidato in modo indipendente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità o da un’altra istituzione.

Un portavoce del Dr. Mandeep R. Mehra, il professore di Harvard che è stato l’autore principale dello studio, ha detto venerdì che gli autori dello studio hanno chiesto una revisione accademica indipendente e una verifica del loro lavoro.

L’uso dei farmaci per la malaria clorochina e idrossiclorochina per prevenire e curare il Covid-19 è stato al centro di un’intensa attenzione pubblica. Il presidente Trump ha promosso la promessa dell’idrossiclorochina, nonostante l’assenza di prove auree da studi clinici randomizzati per provarne l’efficacia, e recentemente ha detto che la prendeva lui stesso nella speranza di prevenire l’infezione da coronavirus.

Le sfide degli scienziati allo studio pubblicato su The Lancet arrivano in un momento di crescente dibattito sui rischi della fretta di pubblicare nuove scoperte mediche su Covid-19. L’articolo, pubblicato il 22 maggio, includeva dati su decine di migliaia di pazienti ricoverati fino al 14 aprile, il che significa che gli autori hanno analizzato la quantità di dati, hanno scritto l’articolo e sono passati attraverso la revisione tra pari (peer review) dei risultati della rivista in poco più di cinque settimane, molto più velocemente del solito.

Gli esperti che hanno scritto The Lancet hanno anche criticato la metodologia dello studio e il rifiuto degli autori di identificare gli ospedali che hanno fornito i dati dei pazienti o di indicare i paesi in cui si trovavano. La società che possiede il database è la Surgisphere, con sede a Chicago.

“I dati provenienti dall’Africa indicano che quasi il 25% di tutti i casi di Covid-19 e il 40% di tutti i decessi nel continente si sono verificati negli ospedali associati a Surgisphere che avevano una sofisticata registrazione elettronica dei dati dei pazienti”, hanno scritto gli scienziati. “Sia il numero dei casi e dei decessi, sia la raccolta dettagliata dei dati sembrano improbabili”.

Un’altra delle preoccupazioni dei critici era che i dati sui casi di Covid-19 in Australia erano incompatibili con i resoconti del governo e comprendevano “più morti in ospedale di quante ne fossero avvenute in tutto il paese durante il periodo di studio”.

Una portavoce di The Lancet, Emily Head, ha detto in una e-mail che la rivista ha ricevuto numerose richieste di informazioni sull’articolo e ha rivolto le domande agli autori.

“Forniremo ulteriori aggiornamenti, se necessario”, ha detto. “Lancet incoraggia il dibattito scientifico e pubblicherà le risposte allo studio, insieme alla risposta degli autori, nella rivista a tempo debito”.

Sabato, la rivista ha apportato due correzioni allo studio, ma ha detto: “Non ci sono state modifiche ai risultati del lavoro”.

Il Dr. Sapan S. Desai, proprietario e fondatore di Surgisphere e uno degli autori dell’articolo, ha difeso con vigore le scoperte e l’autenticità e la validità del database della società. Ha detto che i conteggi ufficiali dei casi di coronavirus e dei decessi sono spesso in ritardo rispetto ai casi reali, il che potrebbe spiegare alcune discrepanze.

Gli autori del documento hanno detto di aver analizzato i dati raccolti da 671 ospedali in sei continenti che hanno condiviso informazioni mediche granulari su quasi 15.000 pazienti che hanno ricevuto i farmaci e 81.000 che non li hanno ricevuti, proteggendo la loro identità.

“Quello che il mondo deve capire è che si tratta di dati basati sul registro”, ha detto il dottor Desai. “Non abbiamo alcun controllo sulla fonte delle informazioni. Tutto quello che possiamo fare è riportare i dati che ci vengono forniti”.

Un altro gruppo di ricercatori dell’Istituto di Barcellona per la salute globale ha anche sollevato questioni sulla banca dati Surgisphere, sia con gli autori che con i redattori di The Lancet.

Tra gli scienziati che hanno scritto e firmato la lettera di critica allo studio vi erano medici, ricercatori, statistici ed eticisti di centri medici accademici, tra cui la T.H. Chan School of Public Health di Harvard, la University of Pennsylvania, la Vanderbilt University e la Duke University.

Uno dei firmatari, il dottor Adrian Hernandez, che dirige il Duke Clinical Research Institute, ha detto che il documento conteneva molte preoccupanti anomalie, “ma la cosa più grande che ha fatto scattare un campanello d’allarme è stato il fatto che qui c’era un database così grande proveniente da più di 600 ospedali, e nessuno sapeva veramente della sua esistenza. È stato davvero notevole”.

Come molti altri firmatari della lettera, il Dr. Hernandez è coinvolto in uno studio clinico sull’idrossiclorochina per vedere se può proteggere gli operatori sanitari dalle infezioni.

Allen Cheng, professore di malattie infettive alla Monash University di Melbourne, Australia, che ha anche firmato la lettera, ha detto in una e-mail che i singoli ospedali inclusi nel database dovrebbero essere identificati.

“Idealmente, il database dovrebbe essere reso pubblico, ma se questo non è possibile, dovrebbe almeno essere sottoposto a una revisione indipendente e a un audit”, ha detto.

I dati di Surgisphere sono stati anche la base di uno studio sui pazienti affetti da coronavirus pubblicato questo mese sul New England Journal of Medicine da alcuni degli stessi autori, tra cui il Dr. Desai e il Dr. Mehra di Harvard, nonché per due versioni di un articolo sull’uso di un farmaco antimicrobico per il trattamento di Covid-19 che non sono state pubblicate in una rivista medica rispettata.

Jennifer Zeis, portavoce del New England Journal of Medicine, ha detto via e-mail che la rivista era a conoscenza delle questioni che erano state sollevate e che le stava esaminando.

Il dottor Mehra ha rilasciato una dichiarazione venerdì, dicendo che gli autori del documento “hanno sfruttato i dati disponibili attraverso Surgisphere per fornire una guida osservazionale per dare informazione sulla cura dei pazienti ospedalizzati con il Covid-19” perché i risultati degli studi clinici randomizzati non sarebbero stati disponibili per un certo tempo.

Altri studi osservazionali avevano precedentemente riportato possibili danni associati ai farmaci per la malaria, e la Food and Drug Administration aveva emesso un avviso di sicurezza sul loro uso. Dopo la pubblicazione di Lancet, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e altre organizzazioni hanno sospeso gli studi clinici sui farmaci.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1