In un nuovo allarmante sviluppo nella sperimentazione biologica, gli scienziati hanno creato un embrione ibrido composto da cellule umane e di scimmia.

Un articolo di Calvin Freiburger pubblicato Lifesitenews, nella mia traduzione. 

 

 

primo embrione uomo-scimmia
primo embrione uomo-scimmia

 

In un nuovo allarmante sviluppo nella sperimentazione biologica, gli scienziati hanno creato un embrione ibrido composto da cellule umane e di scimmia.

“La formazione di chimere interspecie con cellule staminali pluripotenti umane (hPSC) rappresenta un’alternativa necessaria per valutare la pluripotenza delle hPSC in vivo e potrebbe costituire una strategia promettente per varie applicazioni di medicina rigenerativa, compresa la generazione di organi e tessuti per il trapianto”, si legge nel riassunto del documento, pubblicato sulla rivista Cell. “Abbiamo dimostrato che le hPSC sono sopravvissute, hanno proliferato e hanno generato diversi lignaggi cellulari peri- e post-impianto all’interno di embrioni di scimmia”.

“L’uso di hPSCs per generare embrioni chimerici umano-animali fornisce un paradigma sperimentale per studiare lo sviluppo umano precoce e ha un grande potenziale per diverse applicazioni nella medicina rigenerativa, nonché per la produzione di tessuti e organi umani per le terapie di sostituzione”, sostengono i ricercatori.

I difensori della ricerca sostengono che è necessario imparare a coltivare organi umani vitali per salvare le migliaia di persone che muoiono ogni anno nelle liste d’attesa per i trapianti d’organo, e coltivarli in embrioni di maiale e pecora è stato finora inefficace. Ma NPR cita diversi scienziati che hanno ancora scrupoli etici.

“La mia prima domanda è: perché?” ha detto Kirstin Matthews del Baker Institute della Rice University. “Penso che il pubblico sarà preoccupato, e lo sono anch’io, che stiamo solo spingendo avanti la scienza senza avere una conversazione adeguata su ciò che dovremmo o non dovremmo fare”.

“Dovrebbe essere regolato come umano perché ha una proporzione significativa di cellule umane al suo interno?” ha continuato. “O dovrebbe essere regolato solo come un animale? O qualcos’altro? A che punto si prende qualcosa e lo si usa per gli organi quando in realtà sta iniziando a pensare e ad avere una logica?”

Il bioeticista di Stanford Hank Greely, nel frattempo, ha scritto che ha trovato questo particolare studio accettabile, ma ha riconosciuto un altro potenziale pericolo che potrebbe seguire: la creazione di animali con cellule riproduttive umane.

“Nessuno vuole davvero che le scimmie vadano in giro con uova umane e sperma umano dentro di loro”, ha avvertito. “Perché se una scimmia con sperma umano incontra una scimmia con uova umane, nessuno vuole un embrione umano nell’utero di una scimmia”.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1