Giusto: perché licenziare medici e operatori sanitari che sono guariti dal COVID ma che non si vogliono vaccinare? E’ un assurdo. La stessa domanda se la pone Martin Kulldorff, famoso epidemiologo dell’Università di Harvard, studioso senior del Brownstone Institute, è professore di medicina presso la prestigiosa Harvard Medical School. Ecco la sua risposta. L’articolo è apparso su Brownstone Institute, e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

(Photo Shutterstock)
(Photo Shutterstock)

 

Tra molti sviluppi sorprendenti durante questa pandemia, il più sorprendente è stato l’interrogativo sull’immunità acquisita naturalmente dopo che una persona ha avuto la malattia di Covid. 

Abbiamo compreso l’immunità naturale almeno dalla peste ateniese nel 430 aC. Ecco Tucidide:

«Eppure era con coloro che erano guariti dalla malattia che i malati e i moribondi trovavano più comprensione. Questi sapevano cosa fosse per esperienza e non avevano paura per se stessi; perché lo stesso uomo non è mai stato attaccato due volte, almeno mai a morte». – Tucidide

Viviamo con coronavirus endemici da almeno cento anni, per i quali abbiamo un’immunità naturale di lunga durata. Come previsto, abbiamo anche un’immunità naturale dopo la malattia da Covid-19, poiché ci sono state pochissime reinfezioni con malattie gravi o morte, nonostante un virus ampiamente circolante. 

Per la maggior parte dei virus, l’immunità naturale è migliore dell’immunità indotta dal vaccino, e questo vale anche per il Covid. Nel miglior studio fino ad oggi, i vaccinati avevano circa 27 volte più probabilità di avere una malattia sintomatica rispetto a quelli con immunità naturale, con un intervallo stimato tra 13 e 57. Senza morti per Covid in entrambi i gruppi, sia l’immunità naturale che quella vaccinale proteggono bene contro Morte. 

Durante l’ultimo decennio, ho lavorato a stretto contatto con epidemiologi ospedalieri. Mentre il ruolo dei medici è quello di curare i pazienti e farli stare bene, il compito dell’epidemiologo ospedaliero è quello di garantire che i pazienti non si ammalino mentre sono in ospedale, come prendere un virus mortale da un altro paziente o da un assistente. 

A tal fine, gli ospedali adottano una varietà di misure, dal lavaggio frequente delle mani al controllo completo delle infezioni quando si prendono cura di un paziente con Ebola. Le vaccinazioni sono una componente chiave di questi sforzi di controllo. Ad esempio, due settimane prima dell’intervento chirurgico alla milza, ai pazienti viene somministrato il vaccino pneumococcico per ridurre al minimo le infezioni postoperatorie e la maggior parte del personale clinico viene immunizzato contro l’influenza ogni anno.

Le misure di controllo delle infezioni sono particolarmente critiche per i pazienti ospedalieri anziani fragili con un sistema immunitario indebolito. Possono infettarsi e morire a causa di un virus a cui la maggior parte delle persone sopravvivrebbe facilmente. Una logica chiave per immunizzare infermieri e medici contro l’influenza è garantire che non infettino tali pazienti.  

Come possono gli ospedali proteggere al meglio i propri pazienti dalla malattia da Covid? È una domanda di enorme importanza, rilevante anche per le case di cura. Esistono alcune ovvie soluzioni standard, come separare i pazienti Covid da altri pazienti, ridurre al minimo la rotazione del personale e fornire un generoso congedo per malattia al personale con sintomi simili a Covid. 

Un altro obiettivo dovrebbe essere quello di assumere personale con la più forte immunità possibile contro il Covid, in quanto è meno probabile che lo prendano e lo diffondano ai loro pazienti. Ciò significa che gli ospedali e le case di cura dovrebbero cercare attivamente di assumere personale che abbia un’immunità naturale dalla precedente malattia di Covid e utilizzare tale personale per i loro pazienti più vulnerabili. 

Quindi, ora stiamo assistendo a una forte concorrenza in cui ospedali e case di cura stanno cercando disperatamente di assumere persone con immunità naturale. Behin realtànon è

Invece, gli ospedali stanno licenziando infermieri e altro personale con un’immunità naturale superiore, al contempo mantenendo quelli con un’immunità più debole indotta dal vaccino. In tal modo, tradiscono i loro pazienti, aumentando il rischio di infezioni acquisite in ospedale. 

Spingendo i mandati dei vaccini, il capo consigliere medico della Casa Bianca, il dottor Anthony Fauci, sta mettendo in dubbio l’esistenza dell’immunità naturale dopo la malattia da Covid. In tal modo, sta seguendo l’esempio del direttore del CDC Rochelle Walensky, che ha messo in dubbio l’immunità naturale in un Memorandum del 2020 pubblicato da The Lancet . Istituendo mandati di vaccino, gli ospedali universitari ora mettono anche in discussione l’esistenza dell’immunità naturale dopo la malattia di Covid. 

Questo è sorprendente. 

Lavoro al Brigham and Women’s Hospital di Boston, che ha annunciato che tutti gli infermieri, i medici e gli altri operatori sanitari verranno licenziati se non riceveranno un vaccino contro il Covid. La settimana scorsa ho parlato con una delle nostre infermiere. Ha lavorato duramente per prendersi cura dei pazienti Covid, anche se alcuni dei suoi colleghi sono partiti per la paura all’inizio della pandemia. 

Non sorprende che sia stata infettata, ma poi si è ripresa. Ora ha un’immunità più forte e più duratura di quella degli amministratori vaccinati dell’ospedale che lavorano da casa in smartworking e che la stanno licenziando per non essersi vaccinata. 

Se gli ospedali universitari non possono ottenere le prove mediche giuste sulla scienza di base dell’immunità, come possiamo fidarci di loro per qualsiasi altro aspetto della nostra salute? 

Qual è il prossimo? Le università si chiedono se la terra sia rotonda o piatta? Questo, almeno, farebbe meno male.

 

Facebook Comments