Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Simon Caldwell e pubblicato su Catholic Herald. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

bambini-felici

 

Il governo olandese ha annunciato l’estensione dell’eutanasia ai bambini in età scolare.

Il ministro della Salute Ernst Kuipers ha dichiarato che i bambini di età compresa tra i cinque e i 12 anni potranno ottenere iniezioni letali se “l’interruzione della vita è l’unica opzione possibile per porre fine alle sofferenze disperate e insopportabili del bambino”.

Il Paese consente già l’eutanasia dei neonati gravemente malati in base al famigerato Protocollo di Groninga.

Secondo il NLTimes, Kuipers ha dichiarato di aspettarsi che le norme vengano attuate entro l’anno.

Ha detto di aspettarsi che fino a 10 bambini in età da scuola elementare all’anno moriranno per iniezione letale.

Il regolamento prevede l’esenzione dall’azione penale per i medici che praticano un’eutanasia infantile approvata.

Un comitato di revisione e la Procura esamineranno se la procedura è stata eseguita con la dovuta attenzione, il che significa che il controllo avverrà solo dopo che il bambino è stato ucciso dal suo medico.

Nel 2022 i Paesi Bassi hanno registrato un numero record di decessi per eutanasia.

Un totale di 8.720 decessi segnalati – tra cui 288 di pazienti affetti da demenza – rappresenta un aumento del 14% rispetto ai decessi per eutanasia del 2021.

Ciò significa che il 5,1% di tutti i decessi nei Paesi Bassi è dovuto all’eutanasia.

Il Belgio permette già l’eutanasia dei bambini e il Canada sta pianificando una legislazione simile per permettere ai giovani di essere uccisi dai loro medici.

Anche il parlamento canadese ha approvato l’eutanasia per le persone affette da malattie mentali incurabili, ma ha ritardato l’estensione del programma Medical Assistance in Dying fino al 2024 a causa di una reazione dell’opinione pubblica.

Nella rivista online Psyche, la dott.ssa Marie Nicolini, psichiatra ed etica belga, ha affermato che non ci può essere alcuna giustificazione per l’uccisione di persone affette da malattie mentali.

“In una revisione completa della ricerca scientifica sulla curabilità della depressione, i miei colleghi e io abbiamo scoperto che non esiste uno standard oggettivo di incurabilità a cui i medici possano aggrapparsi”, ha scritto.

“Il termine comunemente usato ‘depressione resistente al trattamento’ significa che un paziente ha avuto due tentativi infruttuosi con gli antidepressivi; non è un sinonimo di ‘incurabile'”.

La dottoressa ha aggiunto: “L’accuratezza della previsione è, nel migliore dei casi, a livello di probabilità, come lanciare una moneta”.

La dott.ssa Nicolini ha anche detto che c’è una “constatazione costante che tra le persone che ricevono l’eutanasia per disturbi mentali, dal 69 al 77% sono donne”.

“Nello studio del mio team sui casi di eutanasia psichiatrica olandesi, il 36% aveva una storia di gravi abusi sessuali o di altro tipo”, ha affermato la dottoressa.

“La violenza di genere è un importante problema di salute pubblica che colpisce una donna su tre in tutto il mondo e per il quale l’assistenza sanitaria e la prevenzione mentale sono in ritardo.

“Quando ci sono prove che una politica, in particolare una che implica la fine di vite umane, può riflettere o approfondire disuguaglianze preesistenti, questo dovrebbe farci riflettere”.

Simon Caldwell

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments