“Eppure, come dimostrano le proteste sempre più frequenti, da Sydney a Parigi, le politiche sanitarie autoritarie hanno seminato discordia sociale e politica. Le generazioni future erediteranno una società meno libera e più amareggiata, in cui lo stato di vaccinazione, l’atteggiamento nei confronti del mascheramento obbligatorio e dei lockdowns dividono le persone tanto quanto classe e razza hanno fatto prima.”

Un articolo di Adam Creighton pubblicato su American Institute for Economic Research. Lo propongo ai lettori di questo blog nella mia traduzione. 

 

 

bambini per mano in estate
bambini per mano in estate

 

La necessità di agire sul cambiamento climatico è l’imperativo morale fondamentale della nostra epoca, animata dall’idea che i nostri sacrifici oggi salveranno il pianeta in futuro. Sì, i costi energetici possono essere più alti e alcune persone perderanno il lavoro, ma ne vale la pena per i nipoti.

Curiosamente, ai nipoti non è stato dato molto peso nella nostra risposta al Covid-19. La nostra generazione ha imposto costi straordinari alle generazioni future nel vano tentativo di salvare vite da una malattia letale per pochi.

“La grande maggioranza delle persone… anche di 80 anni… sopravviverà”, ha detto il principale consigliere scientifico britannico Chris Whitty nel marzo dello scorso anno, prima che la psicosi collettiva prendesse piede. “Anche nei gruppi più vulnerabili e più anziani, in un servizio sanitario molto stressato… la grande maggioranza delle persone che contraggono il virus – e non tutti – sopravvivranno”, ha detto a una commissione parlamentare, dopo aver analizzato i dati provenienti da Cina e Italia. 

Questo era vero allora ed è vero adesso. Il Covid-19 non è mai stato una minaccia esistenziale. Dopo 18 mesi circa quattro milioni di persone sono morte di o con Covid – la maggior parte di età avanzata a parte alcune tragiche eccezioni – in un mondo con una popolazione in rapida crescita di quasi otto miliardi di persone. Sessanta milioni di persone muoiono ogni anno.

Ma ci siamo comportati come è stato, accumulando migliaia di miliardi di debiti extra e distruggendo le norme della democrazia liberale che potrebbero non tornare rapidamente, se non mai. L’idea che Sydney sarebbe stata chiusa nel settembre 2021 o che i pediatri americani avrebbero insistito che chiunque avesse più di due anni indossasse una maschera all’esterno, a chiunque vivesse nel febbraio dello scorso anno sarebbe sembrata ridicola. Eppure entrambe, a quanto pare, sono vere. Su questa tendenza, mettere a tacere diversi pareri scientifici o imporre dispositivi di localizzazione individuali, il tutto in nome del “salvare vite”, non può più essere considerato inverosimile.

Alla fine del 2019 i documenti di bilancio federali prevedono un debito netto di 361 miliardi di dollari entro giugno 2023. Gli ultimi documenti di bilancio prevedono 835 miliardi di dollari per lo stesso periodo, che salgono a 980 miliardi di dollari entro la metà del 2025. In altre parole, si prevede che entro il 2030 l’onere del debito lordo del governo supererà il 51 per cento del PIL, rispetto al 15 per cento previsto nel 2019, secondo il Rapporto intergenerazionale pubblicato il mese scorso.

Entro il 2060, si prevede che i pagamenti degli interessi sul debito federale raddoppieranno come quota dell’economia, se i tassi di interesse inizieranno a tornare a livelli più normali. Un pianeta più caldo non sarà l’unico fardello che lasceremo ai nipoti. Le tasse future dovranno essere più alte e le spese per altri beni e servizi inferiori, proporzionalmente, di quanto sarebbero state altrimenti. Avremo meno risorse da investire nella ricerca sul cancro e sulla demenza, ad esempio minacce molto maggiori per il benessere rispetto al Covid-19.

“La pandemia di Covid-19 e le relative misure di contenimento, tuttavia, hanno profondamente colpito la società e l’economia australiane e probabilmente modelleranno il futuro in modi che non sono ancora evidenti”, afferma il Rapporto intergenerazionale.

Chi avrebbe previsto, ad esempio, un’ondata  di bambini ricoverati in ospedale in Nuova Zelanda per un “debito di immunità” potenzialmente causato dalla politica di chiusura delle frontiere del governo?

In una compagnia educata bisogna sempre incolpare la pandemia degli enormi costi della lotta contro il Covid-19, eppure gran parte del costo è stata una scelta deliberata. Chiudere scuole e aziende erano tutte scelte. E molti di noi si sono innamorati dei media sensazionalistici che hanno creato l’impressione che fossimo tutti condannati. Il Covid ha sostituito Donald Trump come il grande generatore di clic.

I difensori di “Zero Covid” affermano che le economie non possono prosperare a meno che il Covid non venga debellato, trascurando che gli Stati Uniti, presumibilmente devastati dalla malattia, sono l’unica economia che si prevede essere più grande quest’anno di quanto previsto nel 2019.

Celebrano anche gli alti tassi di crescita del PIL quando le restrizioni saranno revocate, come se la loro rimozione in qualche modo invertisse lo straordinario accumulo di debito.

Eppure, come dimostrano le proteste sempre più frequenti, da Sydney a Parigi, le politiche sanitarie autoritarie hanno seminato discordia sociale e politica. Le generazioni future erediteranno una società meno libera e più amareggiata, in cui lo stato di vaccinazione, l’atteggiamento nei confronti del mascheramento obbligatorio e dei lockdowns dividono le persone tanto quanto classe e razza hanno fatto prima.

Nessuno di questi costi rientra in nessuno dei modelli utilizzati dagli esperti per sostenere il perseguimento di zero Covid. Nei loro modelli, gli esseri umani sono droni incapaci di fare le proprie valutazioni del rischio, ma fortunati ad essere governati da leader saggi e altruisti con accesso a denaro illimitato della banca centrale.

I manifestanti a Sydney lo scorso fine settimana sono stati condannati come egoisti. Ma prendere precauzioni di base e vivere con un minuscolo aumento del rischio personale può essere la posizione più altruista.

Usare il potere coercitivo dello stato per costringere gli altri a comportarsi contro la loro volontà per mesi, con un enorme costo finale per i futuri contribuenti, potrebbe essere più egoistico.

Entro settembre, Sydney e Melbourne saranno chiuse per più di tre e cinque mesi in un periodo di 18 mesi. Queste non sono restrizioni temporanee. Come per il cambiamento climatico, coloro che chiedono le azioni più dure sono in genere immuni dai costi o addirittura ne beneficiano.

Ridurre le emissioni di anidride carbonica potrebbe portare a un pianeta migliore, ma fermare a tutti i costi le morti per Covid-19 ci renderà solo più poveri in futuro.

Nessuna razionale analisi costi-benefici potrebbe giustificare quanto accaduto negli ultimi 18 mesi, motivo per cui nessuna è stata rilasciata da alcun governo.

Forse questa non è una sorpresa. Il filosofo illuminista scozzese David Hume una volta scrisse: “La ragione è e dovrebbe essere solo schiava delle passioni”. La ragione e il pensiero critico e indipendente sono sicuramente passati in secondo piano rispetto alla paura negli ultimi mesi.

Dovremmo imparare da questo episodio, però. Emergeranno pandemie peggiori, forse anche dove alcune severe restrizioni saranno giustificate. Ma dobbiamo imparare a combattere le pandemie senza alterare in modo permanente il nostro modo di vivere.

 

***

 

Adam Creighton è un premiato giornalista con un interesse speciale per la politica fiscale e finanziaria. È stato un giornalista in residenza presso la Booth School of Business dell’Università di Chicago nel 2019.

Ha scritto per The Economist e The Wall Street Journal da Londra e Washington DC, ed è stato autore di capitoli di libri sulla superannuation per la Oxford University Press. Ha iniziato la sua carriera alla Reserve Bank of Australia e all’Australian Prudential Regulation Authority.

Ha conseguito una laurea in economia con lode presso l’Università del New South Wales e un Master of Philosophy in economia presso il Balliol College di Oxford, dove è stato un Commonwealth Scholar.

 

 

 

 

 

Facebook Comments