Nell’articolo seguente di Steven Ertelt, pubblicato il 10 novembre scorso su LifeNews è riportato l’ampio e documentato resoconto di quella che appare come la più grande frode elettorale di tutti i tempi. Non solo ai danni del presidente Trump, ma di tutto il popolo americano.

Se confermati, questi fatti sconcertanti avranno l’effetto di mostrare al mondo il volto autoritario e liberticida di una certa ideologia.

La traduzione è a cura di Wanda Massa.

 

Rudy Giuliani (Kathy Willens/AP Photo)
Rudy Giuliani (Kathy Willens/AP Photo)

 

L’ex sindaco di New York Rudy Giuliani, che sta aiutando il presidente Donald a vincere la sfida elettorale, afferma che in Pennsylvania sono state potenzialmente votate 900.000 schede illegali. Con Joe Biden che ha meno di 50.000 voti in vantaggio sul presidente, questo potrebbe potenzialmente portare lo stato alla colonna di Trump e far pendere l’equilibrio delle elezioni.

Ecco altre informazioni dalla sua intervista con la conduttrice di Fox News, Maria Bartiromo:

Giuliani ha detto che le cause intentate dalla campagna elettorale di Trump potrebbero rivelare che fino a 900.000 schede non valide sono state votate nello stato della Pennsylvania, uno stato chiave per le elezioni, in cui diverse testate giornalistiche hanno previsto la vittoria del presunto Presidente eletto Joe Biden. “Credete di averne abbastanza per cambiare il destino delle elezioni?” Ha chiesto la Bartiromo.

Beh, penso che ne abbiamo abbastanza per cambiare la Pennsylvania. Le elezioni in Pennsylvania sono state un disastro“, ha detto Giuliani. “Abbiamo persone che hanno osservato persone che sono state spinte fuori dai seggi elettorali. Abbiamo persone a cui è stato suggerito di votare in un altro modo e che hanno mostrato come farlo. Vi sto dando il quadro generale“.

Giuliani ha descritto i dettagli della sua indagine in Pennsylvania, che potrebbe tradursi in nuove cause legali questa settimana, già lunedì. Ha affermato che gli osservatori repubblicani a Pittsburgh, in Pennsylvania, sono stati “tenuti fuori dalla stanza o tenuti lontani dalla stanza” per 24 ore in cui sono state contate le schede per corrispondenza, aggiungendo che in quel periodo di tempo sono state contate 135.000 schede.

Anche se siamo andati in tribunale, e ci è stato permesso di avvicinarci di un metro e mezzo, i democratici hanno spostato il posto di conteggio di un metro e mezzo più lontano. Questo è documentato su una videocassetta. Ci sono più di 50 testimoni“, ha detto Giuliani, che saranno oggetto di una causa per i diritti civili lunedì.

Giuliani ha detto che la squadra di Trump stava anche esaminando se le schede sono state lanciate in nome di persone che sono già morte e se le schede sono state “retrodatate“.

Ora abbiamo la prova, non solo dalle Poste, ma anche da altri, che c’è stata una retrodatazione. In questo momento posso solo dirvi che si tratta di circa 2.000 o 3.000 voti“, ha detto Giuliani.

Nel frattempo, il presidente Donald Trump ha ufficialmente conquistato la vittoria nello stato del North Carolina. Fox News e i media liberali si sono trovati sotto tiro per aver dichiarato prematuramente Joe Biden vincitore in Pennsylvania e Arizona senza certificare lo stato del North Carolina, dove Trump guida il suo rivale pro-aborto con ben oltre 70.000 voti.

Ma il Decision Desk oggi ha finalmente assegnato lo Stato del tallone di catrame a Trump una settimana dopo il giorno delle elezioni. I proiettori elettorali erano in attesa delle votazioni per posta e militari per fare l’ultima chiamata, anche se il presidente Trump ha tenuto un vantaggio significativo per tutta la settimana.

Trump vincerà i 15 voti del Collegio Elettorale del North Carolina e il senatore Thom Tillis, repubblicano pro-vita, sconfiggerà il democratico Cal Cunningham.

Nel frattempo, continua la lotta della campagna di Trump contro i brogli elettorali nei restanti Stati del campo di battaglia. Il procuratore generale William Barr ha firmato un’indagine su potenziali irregolarità di voto in un memorandum ai procuratori e ai vice procuratori generali, The Associated Press ha riferito lunedì.

Barr ha scritto che “le indagini e le revisioni possono essere condotte se ci sono chiare e apparentemente credibili accuse di irregolarità che, se vere, potrebbero potenzialmente influenzare l’esito di un’elezione federale in un singolo Stato“, secondo il memorandum, ha riferito AP News.

Barr ha scritto che qualsiasi accusa di frode che potrebbe non avere un impatto sulle elezioni dovrebbe essere rinviata, ha riferito AP News.

Mentre è imperativo che le accuse credibili siano affrontate in modo tempestivo ed efficace, è altrettanto imperativo che il personale del Dipartimento eserciti la dovuta cautela e mantenga l’impegno assoluto del Dipartimento verso l’equità, la neutralità e la non partigianeria“, ha detto Barr, per AP.

La campagna Trump ha presentato diverse cause legali in Pennsylvania, Georgia e Michigan dopo il giorno delle elezioni. La campagna ha annunciato un’altra causa lunedì che cerca di impedire al Segretario di Stato della Pennsylvania, Kathy Boockvar, di “affrettarsi” a certificare i risultati di queste elezioni.

L’Associated Press e Fox News hanno indetto la corsa per il presidente eletto Joe Biden.

Nell’ultima settimana sono state scoperte in tutto il paese prove credibili di brogli elettorali negli Stati che decideranno le elezioni presidenziali. Il Washington Examiner ha riferito di alcuni dei brogli trovati in Nevada che la campagna di Trump ha presentato ai tribunali di quel paese:

Tra le accuse: elettori morti, voti di migliaia di persone che non vivono più in Nevada, e un furgone con la scritta “Biden-Harris” pieno di schede aperte.

L’ex procuratore generale del Nevada Adam Laxalt, che sta aiutando l’impegno legale di Trump nello Stato, ha presentato in dettaglio le lamentele che la campagna ha presentato con la verifica delle firme delle schede elettorali nella contea di Clark, Nevada, che rappresenta la grande maggioranza dei voti nello stato.

Ci è stato detto che la verifica delle firme sventerà ogni possibilità di frode“, ha detto Laxalt di fronte a una folla di circa 50 manifestanti pro-Trump domenica.

Laxalt ha identificato diverse lamentele per gli oltre 600.000 voti per corrispondenza espressi in Nevada. Laxalt ha detto che circa 200.000 di questi sono stati verificati attraverso una macchina, e mai da un essere umano. Ha anche accusato il cancelliere della contea di Clark degli elettori Joe Gloria di aver configurato l’impostazione di fabbrica sulla macchina per accettare le firme con una corrispondenza solo del 40%.

Venerdì un giudice federale ha bloccato un tentativo della campagna di Trump di fermare l’uso della macchina che convalidava le firme degli elettori sulle schede elettorali.

Altre 400.000 di quelle firme sono state verificate a mano, ma Laxalt ha detto che la campagna non è in grado di visualizzarle.

Sono sicuro che se tutti voi le vedrete“, ha detto Laxalt, “vedrete innumerevoli disallineamenti“.

Il furgone e i voti provenienti da fuori dello stato sono di particolare interesse per la campagna di Trump.

Schlapp ha detto che un altro informatore di un centro di conteggio dei voti, mentre faceva una passeggiata intorno al centro di conteggio durante la sua pausa pranzo, “ha notato un furgone accostato al centro contrassegnato Biden-Harris“.

“Le porte del furgone erano aperte, le schede erano chiaramente visibili, le schede erano aperte con tagliacarte e le schede erano riempite e richiuse in buste“, ha detto Schlapp. “Queste persone che erano coinvolte in questa attività hanno poi deciso di creare uno scudo umano intorno a ciò che stavano facendo nel furgone“.

Schlapp ha detto che almeno 9.000 persone che si sono trasferite fuori dallo stato hanno votato alle elezioni in Nevada. La campagna di Trump aveva precedentemente inviato al Dipartimento di Giustizia una lista di più di 3.000 elettori del Nevada che, secondo un database nazionale di cambio di indirizzo, non vivono più nello stato. Si stima che solo un terzo delle persone aggiorni il proprio indirizzo nel database, quindi il triplo degli elettori di quella lista arriva a circa 9.000.

Questi casi arrivano perché il presidente Donald Trump ha intentato una nuova causa nello stato della Pennsylvania dicendo che il processo di voto per corrispondenza ha aperto la porta alla frode perché non aveva gli stessi standard del voto di persona.

La campagna per la rielezione del Presidente Trump ha presentato oggi una causa in Pennsylvania, sostenendo la creazione e l’implementazione di un sistema di voto illegale “a due livelli” per le elezioni generali del 2020. Il sistema “a due livelli” della Pennsylvania ha fatto sì che gli elettori fossero tenuti a rispettare standard diversi a seconda di come hanno scelto di esercitare il loro diritto di voto, sostiene la campagna elettorale.

Gli elettori di persona hanno dovuto firmare le registrazioni degli elettori, far controllare le firme contro le liste elettorali, votare in un luogo di scrutinio monitorato da osservatori autorizzati dalla legge, e far contare i loro voti in modo trasparente e verificabile, aperto e osservato, come sostiene la causa.

Il voto per corrispondenza dello Stato, attraverso il quale sono stati espressi quasi 2,65 milioni di voti, mancava di tutte le caratteristiche di trasparenza e verificabilità che erano presenti per gli elettori di persona, tra cui la non verifica adeguata dell’identità dell’elettore, il permettere che le schede ricevute fino a tre giorni dopo l’elezione fossero contate senza alcuna prova di invii tempestivi, come il timbro postale, e il negare un monitoraggio sufficiente sulla revisione e lo spoglio delle schede per corrispondenza, ha detto anche la campagna Trump.

Crediamo che questo sistema a due binari si traduca in due violazioni costituzionali: 1) violazione della clausola di pari protezione, e 2) violazione delle clausole su elezioni ed elettori“, ha indicato la campagna.

Gli elettori in Pennsylvania sono stati tenuti a rispettare standard diversi semplicemente in base a come hanno scelto di esprimere il loro voto, e crediamo che questo sistema elettorale a due livelli abbia portato al conteggio dei voti potenzialmente fraudolenti senza un’adeguata verifica o supervisione, così come molti elettori sono stati privati del diritto di voto semplicemente per aver espresso i loro voti di persona“, ha detto Matt Morgan, consigliere generale della campagna elettorale Trump 2020. “Non smetteremo di lottare per la trasparenza e l’integrità del nostro processo elettorale e ci assicureremo che tutti gli americani abbiano fiducia nei risultati di un’elezione libera ed equa”.

La causa è intentata contro il segretario Boockvar e il Consiglio elettorale delle seguenti sette contee: Allegheny, Centre, Chester, Delaware, Philadelphia, Montgomery e Northampton.

Nel frattempo, Lindsey Graham, il senatore repubblicano pro-vita della Carolina del Sud, sta esortando i repubblicani a difendere il presidente Donald Trump e a garantire che i risultati delle elezioni contino solo le schede legali e siano esenti da brogli.

Questa è un’elezione contestata, i media non decidono chi diventa presidente. Se lo facessero non avreste mai avuto un presidente repubblicano per sempre, quindi li stiamo scontando“, ha detto il senatore Lindsey Graham per ospitare Maria Bartiromo su “Sunday Morning Futures“.

Il presidente Trump non deve cedere“, ha continuato Graham. “Questi computer… non superano il test dell’odore. Non possiamo lasciare che i media gestiscano l’America“.

Un membro del Congresso pro-vita guiderà gli sforzi di riconteggio del presidente Donald Trump in Georgia per garantire che i risultati delle elezioni siano esenti da frodi e altri problemi.

La Georgia è uno dei diversi stati in cui sono emerse accuse credibili di potenziali frodi elettorali e di conteggio di schede elettorali illegali che hanno potenzialmente gonfiato i totali del candidato abortista Joe Biden.

Il deputato Doug Collins guiderà il team di riconteggio della campagna elettorale in Georgia, dove il riconteggio inizierà non appena le indagini si saranno concluse.

Siamo preoccupati per la mancanza di trasparenza nel processo di tabulazione, soprattutto alla luce delle segnalazioni di irregolarità e di raccolta di voti impropri in Georgia“, ha detto Matt Morgan, consigliere generale di Trump 2020. “Affinché gli americani abbiano piena fiducia nelle nostre elezioni, ogni voto legale deve essere contato e ogni voto illegale o fraudolento deve essere escluso. Non vediamo l’ora di garantire che le nostre elezioni siano sicure, così come non vediamo l’ora che il presidente Trump vinca la Georgia“.

Collins ha detto che si impegnerà a fondo per garantire che vengano contati solo i voti legali.

“I Repubblicani sostengono l’idea che ogni elettore idoneo debba poter votare legalmente e far sì che venga contato”, ha detto il rappresentante Collins. “Durante il prossimo riconteggio, siamo fiduciosi di trovare prove di schede raccolte in modo improprio e altre irregolarità che dimostreranno che il presidente Trump ha vinto la Georgia in modo equo di nuovo sulla via della rielezione alla presidenza. I georgiani meritano un processo libero e aperto, e lo otterranno”.

In una nuova dichiarazione, il presidente Donald Trump dice che non smetterà di lottare per raggiungere una conclusione equa e trasparente per le elezioni presidenziali perché si preoccupa di garantire che il sistema elettorale sia libero da frodi. La sua dichiarazione arriva come ulteriori voti in Georgia e Pennsylvania hanno dato a Biden un vantaggio, ma i sostenitori di Trump sono preoccupati per i potenziali brogli e le votazioni illegali.

Noi crediamo che il popolo americano meriti la piena trasparenza in tutti i conteggi dei voti e le certificazioni elettorali, e che non si tratti più di una singola elezione. Si tratta dell’integrità del nostro intero processo elettorale“, ha detto.

Trump ha aggiunto: “Fin dall’inizio abbiamo detto che tutte le schede legali devono essere contate e tutte le schede illegali non devono essere contate, eppure abbiamo incontrato resistenze a questo principio fondamentale da parte dei Democratici in ogni occasione. Porteremo avanti questo processo attraverso ogni aspetto della legge per garantire che il popolo americano abbia fiducia nel nostro governo. Non rinuncerò mai a lottare per voi e per la nostra nazione“.

Nel frattempo, il Segretario di Stato della Georgia ha annunciato che il campo di battaglia terrà un riconteggio dopo che, secondo quanto riferito, il conteggio delle schede aggiuntive ha dimostrato che Joe Biden, a favore dell’aborto, ha eclissato il presidente Donald Trump. Il Segretario di Stato della Georgia, Brad Raffensberger, ha detto venerdì ai giornalisti che lo Stato si dirigerà probabilmente verso un riconteggio a causa del piccolo margine tra i due.

Questo processo è e rimarrà aperto e trasparente per i monitor“, ha detto Raffensberger. “Il conteggio finale in Georgia a questo punto ha enormi implicazioni per l’intero Paese”.

I candidati devono essere a meno di mezzo punto percentuale l’uno dall’altro per innescare un riconteggio, secondo la legge statale, ma sembra probabile. Rimangono circa 5.500 schede da contare.

I media liberali hanno sostenuto che il candidato pro-aborto Joe Biden ha vinto le elezioni presidenziali dopo ulteriori conteggi di voti in Pennsylvania e la Georgia, secondo quanto riferito, gli hanno dato abbastanza voti per vincere entrambi gli stati e assicurarsi una maggioranza nel collegio elettorale.

Ma la campagna di Trump ha rilasciato una dichiarazione che dice che le elezioni non sono finite.

Queste elezioni non sono finite. La falsa proiezione di Joe Biden come vincitore si basa sui risultati in quattro stati che sono tutt’altro che definitivi“, ha dichiarato Matt Morgan, consigliere generale della campagna elettorale Trump 2020 a LifeNews.com in una dichiarazione.

Morgan dice che la campagna fa questa dichiarazione sulla base dei riconteggi che si verificheranno in più stati di battaglia e delle contestazioni legali che avranno luogo anche sulla base di accuse di frode, conteggio di schede elettorali illegali e blocco della supervisione del processo da parte di osservatori elettorali legali.

La Georgia è diretta verso un riconteggio, dove siamo fiduciosi di trovare le schede elettorali raccolte in modo improprio, e dove alla fine prevarrà il presidente Trump. Ci sono state molte irregolarità in Pennsylvania, tra cui il fatto che i funzionari elettorali hanno impedito ai nostri osservatori legali volontari di avere un accesso significativo ai luoghi di conteggio dei voti. Abbiamo prevalso in tribunale sulla nostra sfida, ma siamo stati privati del tempo prezioso e ci è stata negata la trasparenza a cui abbiamo diritto in base alla legge statale“, ha detto.

In Nevada, sembra che ci siano migliaia di individui che hanno lanciato in modo improprio le schede elettorali per corrispondenza. Infine, il Presidente è sulla buona strada per conquistare l’Arizona, nonostante l’irresponsabile ed erronea “chiamata” dello Stato a Biden da parte di Fox News e dell’Associated Press. Biden fa affidamento su questi stati per la sua falsa pretesa sulla Casa Bianca, ma una volta che le elezioni saranno definitive, il Presidente Trump sarà rieletto“, ha aggiunto.

La campagna di Trump ha intentato una causa federale dopo che i funzionari elettorali della Pennsylvania hanno impedito ai suoi avvocati e al suo staff di seguire un’ordinanza del tribunale statale che consentiva loro di osservare il processo di conteggio dei voti a Philadelphia.

Ieri è scoppiato il caos nella città di Philadelphia, dove il quartier generale delle elezioni si rifiuta di permettere ai funzionari della campagna elettorale di Trump di osservare il processo di conteggio dei voti nonostante un’ordinanza di un tribunale statale che permette loro di stare a 6 metri di distanza dai lavoratori elettorali che incasellano i voti al fine di monitorare potenziali frodi.

All’inizio della giornata, in un’enorme vittoria per la campagna del presidente Donald Trump, una corte d’appello della Pennsylvania ha stabilito che la campagna di Trump può monitorare il conteggio dei voti nello stato contestato del campo di battaglia. Gli osservatori della campagna di Trump erano stati allontanati in precedenza a Philadelphia, a volte anche a 30 metri di distanza, dove non erano in grado di osservare correttamente l’equità e l’accuratezza del conteggio.

Ma dopo che un avvocato della città democratica ha rifiutato di permettere alla campagna di osservare correttamente il processo, la campagna di Trump ha ora intentato causa alla corte federale.

La campagna del presidente Donald Trump ha intentato una causa nello stato del Michigan dopo che, secondo quanto dichiarato dai funzionari elettorali, ha impedito ai suoi funzionari di osservare il processo di conteggio dei voti. La campagna vuole assicurare l’integrità della tabulazione dei voti nello stato chiave del campo di battaglia che è uno dei tanti che determinerà l’esito delle elezioni.

La decisione arriva dopo che il team di Trump ha indicato che chiederà un riconteggio dei voti in Wisconsin.

Trump ha governato come presidente pro-life, mentre Biden sostiene l’aborto su richiesta finanziato a spese dei contribuenti.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1