Giudice blocca temporaneamente obbligo di vaccino per lo stato di New York, senza esenzione religiosa, per i lavoratori medici

Di |2021-09-16T19:53:15+02:00Settembre 16th, 2021|Categorie: Attualità, News|Tag: , , , |0 Commenti


Un articolo di Jonah McKeown, pubblicato su Catholic News Agency, nella mia traduzione.

 

Vaccinazione-Vaccini

 

Martedì un tribunale federale ha emesso un ordine restrittivo temporaneo contro un obbligo vaccinale contro il COVID-19 dello stato di New York, che ha vietato le esenzioni religiose, dopo che un gruppo di professionisti medici anonimi ha intentato una causa contro il governatore e la sua amministrazione. 

Ad agosto, l’allora governatore Andrew Cuomo ad agostoha annunciato un obbligo per il vaccino COVID-19 per tutti gli operatori sanitari nello stato, con una scadenza del 27 settembre per la completa vaccinazione. L’obbligoo copre il personale degli ospedali e delle strutture di assistenza a lungo termine come case di cura, strutture per l’assistenza agli adulti e altre strutture di assistenza e non includeva un’esenzione religiosa.  

La Thomas More Society, un gruppo legale conservatore, rappresenta un gruppo di 17 professionisti medici che affermano che il mandato viola la clausola di libero esercizio del primo emendamento alla Costituzione e hanno scelto di rimanere anonimi. Stanno cercando un’ingiunzione preliminare per impedire allo stato di far rispettare il mandato. 

Nella sentenza della Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Settentrionale di New York , emessa il 14 settembre, il giudice David Hurd ha scritto che al Dipartimento della Salute di New York è “vietato interferire in qualsiasi modo con la concessione di esenzioni religiose da COVID-19 a vaccinazione in corso”. 

Lo stato ha tempo fino al 22 settembre per rispondere all’ordine restrittivo temporaneo. 

La Thomas More Society afferma che i querelanti includono medici, infermieri, un tecnico medico e un medico di collegamento e che “ora stanno affrontando il licenziamento, la perdita dei privilegi di ricovero ospedaliero e la distruzione delle loro carriere, a meno che non acconsentano a essere vaccinati contro la loro volontà con vaccini che contraddicono le loro sincere credenze religiose”.

Molti stati hanno introdotto obblighi di vaccinazione COVID-19 per operatori sanitari e insegnanti. Il presidente Joe Biden ha annunciato la scorsa settimana di aver ordinato al Dipartimento del lavoro di redigere una norma che richiederebbe ai dipendenti di tutte le aziende con più di 100 dipendenti di vaccinarsi o di affrontare test settimanali (tamponi, ndr). 

I vescovi di tutto il paese hanno emesso diverse linee guida per i cattolici che desiderano cercare obiezioni di coscienza ai mandati COVID-19. Alcuni hanno espresso un sostegno esplicito ai cattolici che desiderano chiedere esenzioni; alcuni hanno detto che i cattolici possono chiedere esenzioni, ma devono difendere la propria coscienza senza il coinvolgimento del clero; e alcuni hanno affermato che l’insegnamento cattolico manca di una base per rifiutare i mandati di vaccinazione.  

Tutti e tre i vaccini COVID-19 approvati per l’uso negli Stati Uniti hanno qualche connessione con linee cellulari derivate da tessuto fetale probabilmente derivate da un bambino abortito decenni fa. I vaccini prodotti da Pfizer e Moderna sono stati testati sulle controverse linee cellulari, mentre il vaccino Johnson & Johnson ha utilizzato le linee cellulari sia nella produzione sia nei test.

La Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti, facendo eco alle linne guida del Vaticano, da allora ha affermato che tutti e tre i vaccini approvati per l’uso negli Stati Uniti sono “moralmente accettabili” per l’uso a causa della loro remota connessione con l’aborto, ma se si ha la possibilità di scegliere un vaccino, i vaccini Pfizer o Moderna dovrebbero essere scelti rispetto a quelli di Johnson & Johnson.

Nella Nota del dicembre 2020 sulla moralità dell’uso di alcuni vaccini anti-Covid-19, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha affermato che “la vaccinazione non è, di regola, un obbligo morale” e “quindi, deve essere volontaria. ” Papa Francesco ha incoraggiato la vaccinazione contro il COVID-19, definendola un “atto d’amore”.

I vescovi del South Dakota e del Colorado hanno espresso esplicitamente sostegno ai cattolici che desiderano chiedere esenzioni, mentre al contrario, molti vescovi in ​​California, così come a Chicago, Seattle e Filadelfia, hanno incaricato il clero di non assistere i parrocchiani che cercano esenzioni religiose ricevendo vaccini COVID-19, affermando che non ci sono basi nell’insegnamento morale cattolico per rifiutare gli obblighi del vaccino per motivi religiosi. 

L’arcidiocesi di Chicago, insieme alla diocesi di El Paso, ha introdotto il proprio mandato di vaccinazione per i dipendenti.

I cinque vescovi del Wisconsin a fine agosto hanno rilasciato una dichiarazione che incoraggiava la vaccinazione contro il COVID-19, pur sostenendo che le persone non dovrebbero essere costrette ad accettare un vaccino contro il COVID. I vescovi hanno aggiunto che, nei casi di cattolici che si oppongono coscienziosamente a ricevere un vaccino, il clero non dovrebbe intervenire in loro favore. 

L’arcivescovo di Portland Alexander Sample e il vescovo di Spokane Thomas Daly hanno entrambi decretato determinazioni simili, affermando che qualsiasi cattolico che chiede un’esenzione pone l’onere sulla coscienza dell’individuo piuttosto che sull’approvazione della Chiesa, e quindi i sacerdoti delle loro diocesi non sono autorizzati a garantire per la coscienza di un’altra persona in cerca di esenzione da un obbligo di vaccinazione. 

Il National Catholic Bioethics Center, un think tank che fornisce indicazioni sulla dignità umana nell’assistenza sanitaria e nella ricerca medica, ha espresso la sua opposizione all’immunizzazione obbligatoria per COVID-19. Pur riconoscendo che la ricezione dei vaccini COVID-19 è moralmente ammissibile, il centro ha mantenuto il sostegno ai diritti dei cattolici di rifiutare i vaccini a causa di preoccupazioni di coscienza.

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email

Scritto da:

Sabino Paciolla è nato a Noicattaro (Ba) nel 1963. Si è laureato presso la Facoltà di Economia e Commercio dell'Università degli studi di Bari, corso di laurea in Scienze statistiche ed economiche. Ha conseguito un Master in Corporate and Investment Banking presso la SDA Bocconi in collaborazione con il MIP del Politecnico di Milano. Attualmente lavora presso un primario gruppo bancario di livello internazionale in qualità di gestore commerciale, ambito corporate. In tale banca, nella sue attività operativa, collabora con la funzione Restructuring nei casi di risanamento di società e gruppi aziendali. Cultore di materie economiche e finanziarie, segue con attenzione l’andamento dell’economia, dei mercati finanziari e delle politiche monetarie delle Banche centrali. Segue anche il panorama culturale e politico attuale. Sposato, con quattro figli.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.
Torna in cima