“Non abbiate paura di uscire per le strade e nei luoghi pubblici, come i primi apostoli che predicavano Cristo e la buona novella della salvezza nelle piazze delle città, dei paesi e dei villaggi. Non è il momento di vergognarsi del Vangelo… È il momento di predicarlo dai tetti.”

Questo è quello che ci ricorda George Weigel, biografo e amico di papa San Giovanni Paolo II, in questo articolo che propongo nella mia traduzione.

Foto: papa Giovanni Paolo II nel 1993 alla GMG. (CNS photo/Joe Rimkus Jr.) ripreso da The World Catholic Report

Foto: papa Giovanni Paolo II nel 1993 alla GMG. (CNS photo/Joe Rimkus Jr.) ripreso da The World Catholic Report

 

In questo 25° anniversario della Giornata Mondiale della Gioventù a Denver (dal 10 al 15 agosto 1993, ndr), non posso fare a meno di condividere uno dei miei ricordi personali preferiti di Giovanni Paolo II.

Era il 15 dicembre 2004, e come era diventata la nostra abitudine durante gli anni in cui stavo preparando Witness to hope, stavo facendo una cena prenatalizia con Giovanni Paolo II, che amava il periodo natalizio – e credeva di aprire i suoi regali di Natale quando li ha ricevuti. Quell’anno, gli avevo portato un album fotografico molto grande, National Parks of the United States, che il Papa ha proceduto a scartare non appena gliel’ho dato, con l’aiuto dell’allora arcivescovo Stanislaw Rylko. Il 263° successore di San Pietro guardò l’indice e si rivolse immediatamente al Parco Nazionale delle Montagne Rocciose.

Dopo alcuni minuti di tranquilla navigazione attraverso le immagini, Giovanni Paolo II assunse quello sguardo nei suoi occhi, e disse sul tavolo, “Hmm. Rocky Mountain National Park”. Hmm. Denver. Giornata Mondiale della Gioventù. 1993. Hmm. I vescovi d’America avevano detto che non si poteva fare. Io… dimostrai che si erano… sbagliati!” L’ultima frase fu pronunciata con un grande sorriso, con quanta forza il papa oppresso dal Parkinson potesse raccogliere, e l’ha sottolineata puntando il dito verso il basso sulla pagina con ogni parola drammaticamente pronunciata.

La memoria di quei giorni straordinari dell’agosto 1993 ovviamente ha significato molto per lui, e non stava esagerando l’opposizione che ha affrontato nel portare la Giornata Mondiale della Gioventù in Mile High City. Nonostante i suoi successi altrove, molti vescovi americani pensavano che un festival cattolico della gioventù non avrebbe funzionato negli Stati Uniti. Ma il Papa ha insistito che voleva una Giornata Mondiale della Gioventù in America; l’Arcivescovo J. Francis Stafford voleva che la Giornata Mondiale della Gioventù fosse un inizio per la rievangelizzazione dell’Arcidiocesi di Denver; e dopo alcuni sforzi per tenere l’evento a Buffalo (dove si pensava che potesse attrarre pellegrini canadesi) o a Chicago, Denver ottenne il consenso e l’Arcivescovo Stafford e la sua squadra si misero al lavoro per preparare la GMG del 1993.

Fu un’impresa colossale che esaurì tutte le persone coinvolte (tranne, forse, l’esuberante Giovanni Paolo II), e riuscì ben oltre le aspettative di tutti (tranne, ancora una volta, il Papa). L’evento stesso fu una meraviglia. Il pilota di elicotteri che trasportò John Paul nel vecchio stadio Mile High disse che il rumore della folla accogliente creò turbolenze d’aria del calibro di cui non aveva più sperimentato da quando era stato sotto il fuoco quando volava in Vietnam. Il capo della polizia aveva poi notato che non c’era stato alcun arresto per crimini in città durante l’intera Giornata Mondiale della Gioventù, subito dopo che Denver aveva subito un’ondata di criminalità. Gli scettici che da anni non vedevano l’interno di una chiesa si ritrovarono a dare acqua e caramelle ai giovani pellegrini mentre camminavano per 15 miglia attraverso e fuori la città che avevano trasformato, per la Veglia di chiusura e la Messa al Cherry Creek State Park.

E durante quella Messa, il Papa portò il tutto a una bella e drammatica conclusione con questa sfida:

Non abbiate paura di uscire per le strade e nei luoghi pubblici, come i primi apostoli che predicavano Cristo e la buona novella della salvezza nelle piazze delle città, dei paesi e dei villaggi. Non è il momento di vergognarsi del Vangelo… È il momento di predicarlo dai tetti.

La GMG del 1993 non è stata solo un trionfo per Giovanni Paolo II e per l’attuale cardinale Stafford e la sua équipe, ma una svolta nella storia della Chiesa cattolica degli Stati Uniti, i cui effetti si fanno ancora sentire in questo giubileo d’argento. Prima della GMG del 1993, troppo cattolicesimo in America era accovacciato in difesa, come lo è oggi quello della Chiesa nell’Europa occidentale. Dopo la GMG del 1993, la Nuova Evangelizzazione negli Stati Uniti diventò seria, poiché i cattolici che vi avevano partecipato portarono a casa la parola che il Vangelo era ancora la forza che più poteva trasformare il mondo. Prima della GMG 1993, il cattolicesimo americano era in gran parte una Chiesa che si occupava di manutenzione istituzionale. Con la GMG del 1993, il cattolicesimo in America ha scoperto l’avventura della Nuova Evangelizzazione, e le parti vive della Chiesa negli Stati Uniti oggi sono le parti che hanno abbracciato quel modo evangelico di essere cattolici.

Questa svolta cruciale sulla strada verso il cattolicesimo dei discepoli missionari dovrebbe essere ricordata con gratitudine.

 

Fonte: The Catholic World Report

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
13