Vorrei proprio farti felice”; “Il tuo grande amore mi aiuterà a essere forte”; “Pregusto già la gioia di rivederti”. Queste sono alcune frasi contenute nelle tante Lettere che Gianna Beretta e Pietro Molla si sono scambiati nel corso della loro vita insieme: dal breve periodo del fidanzamento, attraversando i primi fervidi anni di matrimonio, con le gioie e le preoccupazioni per i figli, con le sofferenze per i frequenti viaggi di lavoro del marito, con le sollecitudini per le persone vicine e per le comunità, fino alla maturità che a poco a poco prepara il supremo dono di sé di Gianna.

Una storia d’altri tempi quella tra la futura Santa e l’ingegnere Pietro, dirigente di una grande azienda. La storia di un amore infinito che rende eterno anche ciò che per sua natura è destinato a estinguersi. Un amore umano che nella sua concretezza spalanca ad entrambi le porte di una dimensione che vince l’inesorabile scorrere del tempo che consuma l’esistenza e i rapporti.

Nella vita di Gianna e Pietro si palesa la presenza del Verbo che si è fatto carne, la certezza che Dio esiste ed è presente nella vita di ciascuno di noi. Il dono generoso di sé e la gratuità non sono più obblighi e doveri che occorre osservare, a volte con sacrificio e controvoglia, ma un moto spontaneo del cuore che riempie la vita di significato e regala la gioia.

Il dono della fede non è il frutto di una convinzione personale, né di uno slancio emotivo, ma è fare esperienza di Cristo nella nostra vita. Lo scambio epistolare tra la futura Santa e suo marito è un diario di viaggio che racconta la scoperta di Dio, la certezza che Cristo rende nuove tutte le cose ed è l’unica speranza che non delude mai.

 

Leggi qui un estratto del libro

 

Dettagli

 Autore: Gianna Beretta, Pietro Molla (a cura di Elio Guerriero)

 Pagine: 328 + 8 a colori

 Formato: 14,5×21

 ISBN: 9791259621894

Edizioni Cantagalli 

Clicca qui per acquistarlo in anteprima con il 5% di sconto e le spese di spedizione gratuite

In libreria dal 14 luglio 2023.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments