Mentre la fiducia continua a crollare negli Stati Uniti, la Reuters riporta che miliardi di euro sono stati ritirati anche dalle banche britanniche ed europee.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Frank Wright e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

crisi-economia recessione

 

A quasi otto mesi dalla scadenza del 2023, i crolli bancari di quest’anno eclissano già quelli della crisi finanziaria del 2008 – e del 2009 – messi insieme.
Secondo un articolo di Michael Snyder, pubblicato il 1° maggio su Zerohedge:

Insieme, le tre grandi banche che sono crollate nel 2023 avevano più attività di tutte le 25 banche crollate nel 2008.

Tre in meno – ne mancano ancora?

La Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) ha pubblicato i dati dettagliati di tutte le banche fallite negli Stati Uniti dal 2000. La FDIC agisce come curatore fallimentare per le banche in crisi, assumendo parte delle loro passività con accordi di acquisto e garanzie finanziate dai contribuenti.
La Signature Bank di New York e la Silicon Valley Bank di Santa Clara sono crollate nel marzo 2023, seguite dalla First Republic Bank di San Francisco il 1° maggio.
Questi crolli sono stati causati da una fuga di capitali – un termine elegante per indicare una corsa alle banche. Nonostante le rassicurazioni del management, non si tratta di una crisi minore, limitata a poche mele marce. L’albero è marcio dalle radici.

Che cos’è una corsa agli sportelli?

Il denaro segue la fiducia. Quando una banca perde credibilità, i depositanti ritirano il loro denaro. Una volta iniziato, questo processo non può essere fermato legalmente.
Attualmente la fiducia nelle banche è in calo in tutto l’Occidente.

Un disastro incombente?

La crisi bancaria è internazionale ed è altamente probabile che si diffonda. In una ricerca pubblicata nel marzo 2023, quattro analisti hanno concluso che almeno 200 banche statunitensi con attività superiori a 300 miliardi di dollari rischiano il collasso. 
Anche se solo la metà dei depositanti non assicurati decidesse di ritirarsi, quasi 190 banche con attività di 300 miliardi di dollari sono a rischio potenziale di svalutazione, il che significa che il valore di mercato delle loro attività rimanenti dopo questi ritiri sarà insufficiente a rimborsare tutti i depositi assicurati.
Oltre alla fragilità delle banche e alla probabilità (elevata) di una serie di corse agli sportelli, il documento evidenzia la precisa vulnerabilità del settore bancario statunitense. Basterebbe un piccolo calo della fiducia dei depositanti per far cadere tutte queste tessere del domino. Quel che è peggio è che se una corsa agli sportelli inizia in questi 200 istituti, è probabile che porti a una crisi ben più grave:
Se i ritiri dei depositi causano anche solo piccole vendite di fuoco, un numero molto maggiore di banche è a rischio. Le regioni con redditi familiari più bassi e con un’ampia presenza di minoranze sono più esposte al rischio bancario. [enfasi aggiunta]
Nel complesso, le prospettive per il settore bancario statunitense appaiono disastrose.
Dimostriamo inoltre che il calo del valore degli attivi delle banche ha eroso la capacità delle banche di resistere a eventi creditizi avversi, con particolare attenzione ai prestiti immobiliari commerciali. Nel complesso, questi calcoli suggeriscono che le recenti diminuzioni del valore degli attivi bancari hanno aumentato in modo molto significativo la fragilità del sistema bancario statunitense nei confronti delle corse ai depositi non assicurati.
La lezione da trarre è appunto come i pensieri, i sospetti e le dicerie possano far crollare un’economia basata su una falsa promessa. In questo caso, sono i discorsi prudenti a costare la vita – la vita di banche avventate.

L’Europa fa un “giro di boa”?

La Reuters riporta che i depositanti hanno ritirato miliardi dalle banche britanniche ed europee, temendo che si ripeta il crollo del Credit Suisse. La crisi di fiducia non si limita agli Stati Uniti. 
“Gli europei hanno ritirato miliardi di euro dalle banche, stufi della contrazione dei risparmi”, si legge nel rapporto del 4 maggio
Quattro grandi banche britanniche hanno registrato perdite da due a undici miliardi di sterline nei primi tre mesi del 2023, mentre i depositi tedeschi e francesi hanno registrato cali fino all’8%.
Per descrivere questa fuga di capitali è stata usata un’espressione nuova e divertente, proprio dalle banche il cui mestiere è – letteralmente – quello di raccontarvi bugie per tenersi i vostri soldi.
La tendenza è emersa mentre alcuni dei maggiori istituti di credito della regione hanno delineato un inizio d’anno redditizio, in risultati che hanno anche offerto uno sguardo al fenomeno soprannominato “bank walk” – un lento ma notevole deflusso di denaro dei clienti.
Il diritto di ritirare il proprio denaro – nonostante le rassicurazioni sorridenti degli operatori – potrebbe non essere supportato dai termini e dalle condizioni del regime per molto tempo ancora. Finché sopravvive, ci si aspetta di sentire il crollo dell’economia riconfezionato in una serie di modi confortanti.

E’ in gioco la guerra dell’informazione

La pratica della guerra dell’informazione è universalmente degradante. Sia le banche che il Presidente Joe Biden hanno rassicurato il pubblico che non c’è motivo di preoccuparsi. Queste osservazioni devono essere comprese nel contesto in cui le voci – soprattutto quelle sulla verità – possono essere fatali per la fiducia nelle banche.
La verità è che la stampa di denaro sostenuta da promesse sul debito è un affare da pazzi – per le popolazioni che lo pagano.
È sorprendente vedere l’Occidente nuovamente minacciato da una grave crisi finanziaria. I recenti eccessi nei prestiti governativi – per la guerra, per lo “stimolo” economico e per la tragica demolizione della libertà che è stata la serrata – non hanno tutta la colpa.
Il sistema basato sul debito è all’opera negli Stati Uniti da oltre un secolo. La pratica di prestare denaro a interesse è la causa di questa crisi – e di molte altre – che affligge la nostra società di massa.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments