Rilancio stralci di uno studio fatto da Christof Kuhbandner, Ph.D., professore di psicologia, Dipartimento di Scienze Umane, Università di Regensburge (Germania) e  Matthias Reitzner, Ph.D. Professore di matematica, Institute for Mathematics, University of Osnabrück (Germania). La traduzione è a mia cura. 

 

grafico-crescita

 

Sintesi

Contesto
Questo studio stima il peso del COVID-19 sulla mortalità in Germania. Si prevede che a causa del nuovo virus COVID-19 siano morte molte persone che altrimenti non sarebbero morte. La stima del peso della pandemia COVID-19 sulla mortalità in base al numero di decessi ufficialmente segnalati legati al virus COVID-19 si è rivelata difficile per diversi motivi. Per questo motivo, un approccio migliore, che è stato utilizzato in molti studi, è quello di stimare il peso della pandemia COVID-19 calcolando l’eccesso di mortalità per gli anni della pandemia. Un vantaggio di questo approccio è che vengono coperti anche gli ulteriori impatti negativi di una pandemia sulla mortalità, come ad esempio la possibile pressione indotta dalla pandemia sul sistema sanitario.

Metodi
Per calcolare l’eccesso di mortalità in Germania per gli anni della pandemia dal 2020 al 2022, abbiamo confrontato il numero di decessi per tutte le cause (cioè il numero di decessi indipendentemente dalle cause sottostanti) con il numero di decessi per tutte le cause statisticamente previsti. A tal fine, viene utilizzato il metodo più avanzato della scienza attuariale, basato su tabelle demografiche, tabelle di vita e trend di longevità, per stimare il numero previsto di decessi per tutte le cause dal 2020 al 2022 se non ci fosse stata la pandemia.

I risultati
I risultati mostrano che il numero di morti osservato nel 2020 era vicino a quello previsto rispetto alla deviazione standard empirica; si sono verificati circa 4.000 decessi in eccesso. Nel 2021, invece, il numero di morti osservato è stato due deviazioni standard empiriche al di sopra del numero atteso e addirittura più di quattro volte la deviazione standard empirica nel 2022. In totale, il numero di decessi in eccesso nell’anno 2021 è di circa 34.000 e nel 2022 di circa 66.000, per un totale di 100.000 decessi in eccesso in entrambi gli anni. L’elevato eccesso di mortalità nel 2021 e nel 2022 è dovuto principalmente a un aumento dei decessi nelle fasce di età tra i 15 e i 79 anni e ha iniziato ad accumularsi solo a partire dall’aprile 2021. Un modello di mortalità simile è stato osservato per i nati morti, con un aumento di circa il 9,4% nel secondo trimestre e del 19,4% nel quarto trimestre dell’anno 2021 rispetto agli anni precedenti.

Conclusioni
Questi risultati indicano che nella primavera del 2021 deve essere successo qualcosa che ha portato a un aumento improvviso e prolungato della mortalità, anche se finora non erano stati osservati effetti di questo tipo sulla mortalità durante la prima pandemia COVID-19. I possibili fattori di influenza sono esaminati nella discussione.

***

Fin qui la sintesi.  Andiamo ora a vedere nel testo dello studio qualche tabella e brano di testo esplicativo che rendano più evidenti i risultati ottenuti. Il grassetto e l’evidenziato in giallo è mio. 

 

 

L’eccesso di mortalità osservato nel 2021 è quasi interamente dovuto a un aumento dei decessi nelle fasce di età comprese tra 15 e 79 anni. I valori più elevati si raggiungono nella fascia di età 40-49 anni, dove il numero di decessi osservati è stato superiore dell’8,2% rispetto al numero di decessi attesi, il che rappresenta un eccesso di mortalità di oltre cinque volte la deviazione standard empirica, e nelle fasce di età 60-69 e 70-79 anni, dove il numero di decessi osservati è stato superiore del 7,0% e del 7,6% rispetto al numero di decessi attesi, il che rappresenta un eccesso di mortalità di oltre due volte la deviazione standard empirica.

Nel 2022, l’eccesso di mortalità è superiore al 7% per quasi tutti i gruppi di età superiori ai 15 anni. I valori più alti si raggiungono nelle fasce di età 15-29, 30-39 e 70-79 anni, dove si osserva un aumento del numero di decessi superiore di circa il 10% rispetto a quello previsto. Nelle fasce d’età 15-29, 30-39 e 60-89 anni si osserva un eccesso di mortalità pari a più del doppio della deviazione standard empirica, mentre nelle fasce d’età 40-50 e 90+ anni si osserva un eccesso di mortalità pari a più di quattro volte la deviazione standard empirica. Gli altri gruppi di età sono al di sotto del doppio della deviazione standard empirica.

Un’eccezione per tutti e tre gli anni è il gruppo di età 50-59 anni dove, a differenza dei gruppi di età circostanti, si osserva un eccesso di mortalità sostanzialmente inferiore. Ciò è visibile anche se si sostituisce la tavola di mortalità 2017/2019 dell’Ufficio federale di statistica della Germania con una tavola di mortalità di un altro anno, e diverse indagini più dettagliate da parte nostra, così come quelle di De Nicola et al. [7,8], confermano questa osservazione. Non siamo a conoscenza di una spiegazione per questo fatto. Una strada interessante per la ricerca futura potrebbe essere quella di esplorare quali sono i fattori che rendono questo gruppo di età così resistente.

Va sottolineato che negli ultimi 20 anni l’eccesso massimo di mortalità in un anno è stato di circa 25.000 morti e gli autori non sono a conoscenza di un eccesso di mortalità superiore a 60.000 morti – o in due anni consecutivi di circa 100.000 morti – negli ultimi decenni.

 

Figura 3: Deviazione standard empirica.
I quadrati blu mostrano il numero di decessi per tutte le cause in Germania dal 2010 al 2019 e i quadrati rossi il numero di decessi per tutte le cause negli anni dal 2020 al 2022. La linea blu mostra la retta di regressione per gli anni dal 2010 al 2019.

 

Queste stime di mortalità mensile riflettono l’eccesso di decessi causati dalle infezioni abituali in inverno e dalle settimane ad alta temperatura in estate. L’eccesso di mortalità durante la pandemia COVID-19 deve essere confrontato con queste ondate di mortalità previste.

Nelle sezioni seguenti, analizziamo in dettaglio le fasce di età 0-14, 15-29, 30-49, 50-59, 60-79, 80+. La Figura 4 mostra i risultati per queste fasce d’età.

 

Figura 4: Eccesso di mortalità mensile.
Per sei gruppi di età, le linee nere mostrano l’eccesso di mortalità mensile da gennaio 2020 a dicembre 2022. Le aree ombreggiate di rosso mostrano i periodi in cui è stato osservato un aumento della mortalità; le aree ombreggiate di verde mostrano i periodi in cui è stato osservato un deficit di mortalità.

 

Questa osservazione è visibile calcolando l’eccesso cumulativo di mortalità in numeri assoluti, che sono mostrati nella Figura 5. Forse a causa di una stagione influenzale relativamente mite nel 2019/2020, il gruppo di età 80+ inizia con un valore negativo. A luglio 2020, fino a 20.000 persone, più del previsto, sono ancora in vita, il che viene compensato nel periodo da dicembre 2020 a febbraio 2021, dove la curva è di 10.000 persone al di sopra delle aspettative, e poi la curva oscilla a -10.000, a +10.000, e fino a luglio 2022, dove è di circa 7.000. Ciò dimostra che un deficit o un eccesso di mortalità nella fascia di età [80,∞) di solito si limita a spostare l’ora del decesso di qualche mese. La situazione cambia negli ultimi mesi del 2022, dove si registra un eccesso di mortalità cumulata di 43.000 decessi alla fine dell’anno. Ciò è in contrasto con la situazione del gruppo di età 60-79 anni. L’eccesso cumulativo di mortalità è in costante aumento fino a 56.000 decessi alla fine dell’anno 2022.

 

 

I bambini nella fascia d’età da 0 a 14 anni e la fascia d’età eccezionale da 50 a 59 anni sembrano essere resistenti e l’eccesso cumulativo di mortalità è per lo più negativo. Le fasce d’età tra i 15 e i 29 anni e tra i 30 e i 49 anni si comportano in modo simile alla fascia d’età tra i 60 e i 79 anni, con la differenza che la fascia d’età tra i 15 e i 29 anni inizia nell’estate 2021 con un deficit di mortalità e con un aumento ritardato della mortalità di uno o due mesi.

 

Nati morti negli anni dal 2019 al 2022 in Germania

In tutti gli studi precedenti sull’eccesso di mortalità durante la pandemia COVID-19 è stato esaminato solo l’aumento del numero di decessi delle persone viventi. Di seguito, si esamina se aumenti di mortalità simili a quelli riscontrati per le persone vive si riscontrino anche a livello di bambini nati morti.

Un problema nell’analizzare l’eccesso di mortalità a livello di nati morti in Germania è che la definizione di nato morto è stata modificata alla fine del 2018. Fino a questo momento, un bambino nato morto veniva considerato tale se raggiungeva un peso alla nascita di almeno 500 g. Dalla fine del 2018, un bambino nato morto è considerato tale se si raggiunge un peso di almeno 500 g o la 24a settimana di gravidanza, il che ha portato a un aumento dei nati morti correlato alla diagnosi. Ciò significa che i dati sui nati morti sono validamente confrontabili solo a partire dal 2019. Pertanto, la stima dell’eccesso di mortalità a livello di nati morti basata su una modellazione delle tendenze a lungo termine della mortalità è problematica. Inoltre, non è possibile determinare la deviazione standard empirica che si è verificata negli anni precedenti. Pertanto, riportiamo solo in modo descrittivo l’andamento dei nati morti dal 2019 in poi.

Si noti che il numero di nati morti deve essere interpretato in relazione al numero di nascite totali, poiché un aumento o una diminuzione del numero di nascite totali è automaticamente accompagnato da un aumento o una diminuzione dei nati morti. La Figura 6 mostra nel primo pannello il numero di nati vivi per trimestre [22] e nel secondo il numero di nati morti per trimestre [23] dal 2019. Come si può notare dallo spostamento dei picchi stagionali dei nati morti rispetto ai picchi stagionali dei nati vivi, i nati morti precedono i nati vivi della stessa coorte di gravidanza di circa un trimestre. Pertanto, per controllare correttamente l’effetto di un aumento o di una diminuzione generale del numero di nascite totali, il numero di nascite totali deve essere calcolato come la somma del numero di nati morti in un trimestre e del numero di nati vivi nel trimestre successivo.

 

 

La Figura 6 (terzo pannello) mostra il numero di nati morti per 1.000 nascite totali e il quarto pannello mostra l’aumento trimestrale del numero di nati morti per 1.000 nascite totali negli anni 2021 e 2022 rispetto alla media degli anni 2019 e 2020. Si noti che il numero di nati morti per 1.000 nascite totali non può essere determinato per il quarto trimestre del 2022 perché il numero di nati vivi nel primo trimestre del 2023 non è ancora stato pubblicato dall’Ufficio federale di statistica della Germania.

 

Vaccinazione COVID-19 e mortalità

Nell’aprile 2021 è iniziata in Germania un’ampia campagna di vaccinazione contro la COVID-19. Per quanto riguarda la relazione tra eccesso di mortalità e vaccinazioni, se le vaccinazioni prevengono con successo la morte per COVID-19, una previsione diretta è che l’eccesso di mortalità dovrebbe diminuire con l’aumento del numero di persone vaccinate.

Per esplorare questa ipotesi, la Figura 8 mostra l’andamento del numero cumulativo di persone completamente vaccinate e con tripla vaccinazione registrato dal Robert Koch Institute [27] e il numero cumulativo di decessi in eccesso dall’inizio della pandemia. In alcuni momenti, quando muoiono più persone del previsto, il numero cumulativo di decessi in eccesso aumenta, mentre quando muoiono meno persone del previsto, il numero cumulativo di decessi in eccesso diminuisce.

 

 

Come è visibile nella Figura 8, l’ovvia ipotesi di una diminuzione della mortalità in eccesso con l’aumento del numero di persone vaccinate non è corretta. Durante i periodi in cui sono state vaccinate molte persone, l’eccesso di mortalità sembra essere aumentato più fortemente rispetto agli stessi periodi dell’anno pandemico precedente. Durante il primo e il secondo periodo di vaccinazione, nella primavera e nell’estate del 2021, si è osservato un aumento della mortalità cumulativa in eccesso, mentre l’anno precedente si era osservata una diminuzione. Durante il periodo della terza vaccinazione, parallelamente all’aumento delle vaccinazioni, si osserva un aumento della mortalità cumulativa in eccesso che inizia prima rispetto all’anno precedente. E nel 2022, quando gran parte della popolazione è stata vaccinata, il numero cumulativo di morti in eccesso ha mostrato un ulteriore aumento, che supera addirittura l’anno precedente di pandemia senza vaccinazioni. Sembrano esserci effetti negativi a lungo termine sia per le infezioni da SARS-CoV-2, sia per le misure COVID-19, sia per la vaccinazione COVID-19, o molto probabilmente per una combinazione di questi fattori.
Per esplorare ulteriormente la relazione a breve termine tra vaccinazioni ed eccesso di mortalità, la Figura 9 mostra l’andamento del numero di persone vaccinate e del numero di decessi in eccesso al mese.

 

 

L’esame del numero di vaccinazioni e di decessi in eccesso per mese conferma l’impressione di cui sopra: A differenza dell’anno precedente, nei mesi con un numero elevato di vaccinazioni, la prima, la seconda e la terza, è stato osservato anche un numero elevato di decessi in eccesso. La relazione temporale tra l’andamento delle vaccinazioni e l’eccesso di decessi è particolarmente pronunciata per la terza vaccinazione. Nei mesi di settembre e ottobre 2021, il piccolo aumento iniziale del numero di terze vaccinazioni è stato accompagnato da un aumento altrettanto piccolo dei decessi in eccesso. Nei mesi di novembre e dicembre 2021, il numero di terze vaccinazioni è aumentato bruscamente, accompagnato da un aumento altrettanto brusco dei decessi in eccesso. Nel gennaio 2022, il numero di terze vaccinazioni è diminuito bruscamente, accompagnato da una diminuzione altrettanto forte del numero di decessi in eccesso.

Nel complesso, nel 2021, con l’inizio della campagna di vaccinazione COVID-19, si osserva un eccesso di mortalità più elevato rispetto all’anno precedente nei mesi in cui è stato vaccinato un gran numero di persone. Nel 2022, quando gran parte della popolazione è stata completamente [vaccinata con la seconda dose, ndr] o addirittura vaccinata con la tripla dose, l’eccesso di mortalità è in costante aumento dalla primavera in poi, raggiungendo un massimo del 28% a dicembre. Questa osservazione è difficile da conciliare con l’ipotesi che le vaccinazioni contro la COVID-19 siano altamente efficaci contro le morti da COVID-19. O le vaccinazioni non hanno il successo atteso, oppure le vaccinazioni prevengono con successo i decessi da COVID-19, ma ci sono improvvisamente altri fattori oltre alla COVID-19 che portano a un numero crescente di decessi inattesi nel 2021 e 2022.

Per quanto riguarda quest’ultima possibilità, è interessante considerare l’andamento dell’eccesso di mortalità nelle diverse fasce d’età mostrato nella Figura 4. L’ondata di mortalità a cavallo tra il 2020 e il 2021 è caratterizzata da una forte dipendenza dall’età, che segue il rischio dipendente dall’età della COVID-19: l’eccesso di mortalità è più elevato nelle persone anziane ed è completamente assente nelle fasce di età inferiori ai 30 anni. Questo schema cambia sostanzialmente a partire dall’aprile 2021, nel momento in cui un numero sempre maggiore di persone viene vaccinato. Improvvisamente, compare un eccesso di mortalità che non dipende più dall’età e che si osserva persino nei gruppi di età più giovani. Ciò depone a sfavore della possibilità che la COVID-19 sia la causa scatenante. Si osservi inoltre che nei gruppi di età più giovani, dove la vaccinazione è iniziata più tardi, l’eccesso di mortalità inizia anch’esso più tardi.

Dal punto di vista della farmacovigilanza, l’insorgenza contemporanea di un eccesso di mortalità e di vaccinazioni rappresenta un segnale di sicurezza. Segnali di sicurezza come l’osservazione di una relazione temporale tra la somministrazione di vaccini e l’insorgenza di eventi avversi non implicano necessariamente una relazione causale, poiché possono esistere potenziali terze variabili che influenzano sia l’andamento delle vaccinazioni sia quello dei decessi in eccesso. Pertanto, un segnale di sicurezza non indica una relazione causale tra un effetto collaterale e un farmaco, ma è solo un’ipotesi che richiede un’ulteriore valutazione.

Infatti, in uno studio condotto da un gruppo di ricercatori guidati da Schirmacher [28], su 35 corpi trovati inaspettatamente morti in casa con cause di morte non chiare nei 20 giorni successivi alla vaccinazione COVID, le autopsie hanno rivelato cause di morte dovute a malattie preesistenti solo in 10 casi. Nei restanti 25 casi, in tre casi le autopsie hanno permesso di concludere che la miocardite indotta dalla vaccinazione era la probabile causa del decesso, mentre in due casi hanno permesso di concludere che la miocardite indotta dalla vaccinazione era probabilmente la causa del decesso. Come mostrato nella Tabella supplementare 1 pubblicata da Schwab et al. [28], la vaccinazione è stata la causa di morte anche in altri casi.

Data la relazione temporale tra l’aumento delle vaccinazioni e l’eccesso di mortalità, sembra sorprendente che un rispettivo segnale di sicurezza non sia stato rilevato dalla farmacovigilanza del Paul-Ehrlich-Institut (PEI), responsabile del monitoraggio della sicurezza dei farmaci in Germania. Un’ispezione più attenta dei metodi utilizzati dal PEI per monitorare gli effetti collaterali potenzialmente letali delle vaccinazioni COVID-19 [29] rivela che viene utilizzata un’analisi di sicurezza errata che non indica un segnale di sicurezza anche se un vaccino causa un numero estremamente elevato di decessi inattesi.

Il PEI utilizza la cosiddetta analisi observed-versus-expected, in cui il numero di decessi segnalati al PEI con un sospetto collegamento a una vaccinazione COVID-19 viene confrontato con il numero atteso di decessi per tutte le cause nel gruppo vaccinato. Se il numero di morti sospette segnalate legate al vaccino non è significativamente superiore al numero di morti attese per tutte le cause (inclusi cancro, malattie cardiache, ictus, ecc.), il PEI conclude che non vi è alcun problema di sicurezza. Un’analisi di sicurezza di questo tipo è profondamente sbagliata, poiché il verificarsi di segnali di sicurezza è essenzialmente impossibile. Non sorprende quindi che il PEI non abbia rilevato alcun segnale di sicurezza nella farmacovigilanza.

Poiché i dati di mortalità disponibili non ci permettono di determinare il numero di decessi attesi e osservati per il solo gruppo vaccinato, è impossibile esaminare cosa sarebbe stato osservato se il PEI avesse applicato una corretta analisi di sicurezza. Per dimostrare almeno come dovrebbe essere fatta una corretta analisi osservato-sopravvissuto, si possono confrontare due periodi di tempo: il periodo compreso tra aprile 2020 e marzo 2021 (il primo anno di pandemia) può essere utilizzato come stima approssimativa del numero di morti in eccesso senza vaccinazioni. Questo dovrebbe essere confrontato con il numero di decessi in eccesso nel periodo compreso tra aprile 2021 e marzo 2022 (il secondo anno pandemico), quando gran parte della popolazione è stata vaccinata. La Tabella 13 contiene i risultati di tale analisi per sei gruppi di età.

(…)

Nel complesso, ci si aspetterebbe che la vaccinazione di gran parte della popolazione avrebbe dovuto ridurre l’eccesso di mortalità. Si osserva il contrario: sia la mortalità in eccesso che il numero di nati morti sono aumentati con l’aumento delle vaccinazioni. In tutti i gruppi di età inferiori agli 80 anni, l’eccesso di mortalità è stato più alto nel secondo anno e in particolare molto più alto nel terzo anno della pandemia, quando gran parte della popolazione è stata vaccinata. Queste osservazioni sono sorprendenti e si raccomandano ulteriori indagini più approfondite in diversi settori scientifici per escludere che questi segnali di sicurezza siano dovuti all’esistenza di effetti collaterali sconosciuti dei vaccini COVID-19.

 

Conclusioni

Questo studio ha utilizzato lo stato dell’arte della scienza attuariale per stimare il numero atteso di decessi per tutte le cause e l’aumento della mortalità per tutte le cause per gli anni della pandemia dal 2020 al 2022 in Germania. Nel 2020, il numero di decessi osservati è stato estremamente vicino a quello previsto, ma nel 2021 il numero di decessi osservati è stato di gran lunga superiore a quello previsto, nell’ordine del doppio della deviazione standard empirica, e nel 2022, superiore al numero previsto anche di oltre quattro volte la deviazione standard empirica. L’analisi dell’eccesso di mortalità mensile in funzione dell’età ha mostrato che l’elevato eccesso di mortalità a partire dalla primavera del 2021 è responsabile dell’eccesso di mortalità nel 2021 e nel 2022. L’analisi del numero di nati morti ha rivelato un modello di mortalità simile a quello osservato per il gruppo di età compreso tra 15 e 80 anni.

Come punto di partenza per ulteriori indagini che spieghino questi modelli di mortalità, abbiamo confrontato l’eccesso di mortalità con il numero di decessi COVID-19 segnalati e il numero di vaccinazioni COVID-19. Questo porta a diverse domande aperte, la più importante delle quali è la covariazione tra l’eccesso di mortalità, il numero di decessi COVID-19 e le vaccinazioni COVID-19.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments