Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Finian Cunningham e pubblicato su Strategic Culture Foundation. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

guerra-russia-ucraina-italia

 

I capi militari tedeschi possono aver commesso una sciocchezza nelle loro discussioni private sui piani operativi contro la Russia. Tuttavia, la sicurezza della loro comunicazione incompetente – per quanto risibile – non diminuisce la serietà di ciò che si stava discutendo.

Il tenente generale Ingo Gerhartz e i suoi aiutanti stavano valutando seriamente i mezzi tecnici e propagandistici con cui colpire la Russia con missili balistici a lungo raggio. In breve, un membro della NATO è stato colto in flagrante mentre covava un atto di guerra contro la Russia.

Dopo che i media russi hanno pubblicato l’audio della conversazione, la reazione tedesca è stata quella di liquidare il tutto come un cervellotico esercizio di war-gaming e come un tentativo della disinformazione russa di minare il governo di Olaf Scholz.

L’offuscamento da parte di Berlino non sarà sufficiente. Il fatto incontrovertibile è che i comandanti tedeschi stavano deliberando su come “ottimizzare” la capacità offensiva ucraina di colpire obiettivi russi con il missile da crociera tedesco a lungo raggio Taurus. L’arma non è ancora stata fornita al regime ucraino a causa delle preoccupazioni di alcuni politici tedeschi, che temono che ciò comporti un’escalation della guerra con la Russia. Dal nastro audio emerge chiaramente che i capi militari tedeschi sono frustrati dal fatto che i politici non ordinino la fornitura del Taurus.

Gerhartz, il capo delle forze aeree tedesche, dice ai suoi subordinati senza mezzi termini: “Ora stiamo combattendo una guerra che utilizza una tecnologia molto più moderna della nostra buona vecchia Luftwaffe”.

Ecco: il massimo comandante tedesco dice inequivocabilmente: “Ora stiamo combattendo una guerra”.

E continua rivelando che i militari americani, britannici e francesi sono profondamente coinvolti nella logistica e nella pianificazione degli attacchi delle forze ucraine.

Sappiamo da numerose altre fonti che i militari della NATO sono impegnati sul terreno in Ucraina a combattere contro le forze russe. I sistemi missilistici americani HIMARS e Patriot, e i missili da crociera britannici Storm Shadow e francesi Scalp sono utilizzati con le competenze militari di questi membri della NATO.

Tuttavia, ciò che risulta estremamente dannoso dalla fuga di notizie sulle forze armate tedesche è la misura in cui i comandanti cercano di nascondere il coinvolgimento della Germania in una guerra con la Russia. La tortuosa conversazione su come evitare l’imputazione dei militari tedeschi rende chiaro che l’alto comando tedesco conosce bene la gravità di ciò che sta organizzando. Stanno discutendo la conduzione di una guerra segreta contro la Russia. Questo equivale al crimine di aggressione e corre il rischio di scatenare una guerra vera e propria che senza dubbio degenererebbe in una conflagrazione nucleare.

A un certo punto della discussione con i suoi interlocutori, il tenente generale Gerhartz parla della necessità di nascondere il coinvolgimento militare diretto della Germania nella fornitura dei missili Taurus all’Ucraina.

Dice: “Capisco di cosa state parlando. I politici potrebbero essere preoccupati per il collegamento diretto e chiuso tra Büchel [base aerea tedesca] e l’Ucraina, che potrebbe diventare una partecipazione diretta al conflitto ucraino. Ma in questo caso, possiamo dire che lo scambio di informazioni avverrà attraverso MBDA [il produttore tedesco di Taurus], e che invieremo uno o due dei nostri specialisti a Schrobenhausen. Naturalmente si tratta di un trucco, ma da un punto di vista politico potrebbe sembrare diverso. Se le informazioni vengono scambiate attraverso il produttore, allora questo non è associato a noi”.

Questa è la prova autoincriminante che l’alto comando tedesco partecipa a una cospirazione per espandere la guerra contro la Russia. L’unica riserva è quella di non essere identificati pubblicamente nel condurre azioni di guerra. Con il massimo cinismo, i capi militari tedeschi stanno cercando un modo per rivendicare una smentita plausibile dopo il crimine.

L’ex presidente russo Dmitry Medvedev, ora vicepresidente del Consiglio di sicurezza nazionale, ha detto bene quando ha affermato che le cassette audio trapelate mostrano che la Germania sta pianificando una guerra contro la Russia.

Berlino ha liquidato l’affermazione di Medvedev come “assurda”. È Berlino ad essere assurda se pensa che le conversazioni dei suoi leader militari possano essere spacciate come semplici chiacchiere e giochi di guerra teorici.

Nei 38 minuti di discussione, il comandante della Luftwaffe e i suoi sottoposti parlano esplicitamente di fornire fino a 100 missili Taurus alle forze del regime ucraino per colpire in profondità la Russia. I vertici tedeschi si riferiscono al Taurus come a un “super strumento” e identificano specificamente la distruzione di un importante ponte a est, presumibilmente il ponte di Kerch che collega la Russia continentale alla Crimea.

Il missile tedesco ha una gittata di oltre 500 chilometri, il doppio di quello britannico o francese.

Sembra che l’esercito tedesco stia assumendo il compito di condurre attacchi in profondità in Russia. Londra starebbe sollecitando Berlino a fornire i missili Taurus, nonostante l’imbarazzo della conversazione privata trapelata.

Questa settimana è stato riportato che un ponte ferroviario è stato distrutto nella provincia russa sudoccidentale di Samara, vicino alla città di Chapaevsk. La località è più a est di Mosca e dista circa 1.000 km dalle linee del fronte del regime di Kiev, sostenuto dalla NATO, in Ucraina. L’attacco sembra essere stato un attacco di precisione.

Come hanno osservato i comandanti tedeschi nelle loro discussioni, il crollo di un ponte è una delle operazioni aeree più difficili che richiede capacità di precisione e una sofisticata elusione dei radar. La conversazione è avvenuta il 19 febbraio. La fuga di notizie è stata pubblicata lo scorso fine settimana. Secondo i media, il governo tedesco si oppone a firmare la fornitura dei missili. Ma con tutto ciò che accade alle spalle dell’opinione pubblica, chi può sapere se e quando queste armi verranno rilasciate? Sono già state rilasciate?

Se sarà confermato che il ponte vicino a Chapaevsk è stato colpito da un missile, allora sembrerebbe che la guerra della NATO contro la Russia abbia raggiunto una nuova inquietante soglia.

Alcuni media occidentali hanno commentato che la pubblicazione russa dell’audiocassetta della Luftwaffe, avvenuta lo scorso fine settimana, aveva lo scopo di mettere in imbarazzo il cancelliere tedesco Olaf Scholz, spingendolo a escludere definitivamente qualsiasi fornitura di missili Taurus all’Ucraina. Tuttavia, tali speculazioni presuppongono che Scholz abbia il controllo dei suoi comandanti militari. Molto probabilmente non rispondono a lui, ma alla potenza occupante in Germania, gli Stati Uniti.

Finian Cunningham
 
 
Ex redattore e scrittore per i principali organi di informazione. Ha scritto molto sugli affari internazionali, con articoli pubblicati in diverse lingue.
 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments