Evangelizzare i Paesi in cui la fede è stata annacquata e risolvere la crisi finanziaria in corso in Vaticano sono sfide che si estenderanno oltre il regno di Papa Francesco, ha detto lunedì l’autore George Weigel.

Ne parla Christine Rousselle in questo suo articolo pubblicato su Catholic News Agency e che vi presento nella mia traduzione. 

 

Lo scrittore George Weigel

Lo scrittore George Weigel

 

Evangelizzare i Paesi in cui la fede è stata annacquata e risolvere la crisi finanziaria in corso in Vaticano sono sfide che si estenderanno oltre il regno di Papa Francesco, ha detto lunedì l’autore George Weigel.

Weigel ha discusso il suo nuovo libro “Il prossimo Papa” con i membri della stampa cattolica in un webinar il 22 giugno.

“La Chiesa è viva, vibrante ed efficace nella società in cui i cattolici hanno abbracciato il cattolicesimo in pieno e stanno vivendo con gioia la discepolanza missionaria”, ha detto Weigel. Al contrario, ha detto, i luoghi che hanno abbracciato una versione del cattolicesimo che si discosta da aspetti dell’insegnamento morale della Chiesa, che ha definito “cattolico lite” (il “cattolico con poche calorie”, cioè “all’acqua di rosa”, ndr), hanno visto la fede avere un’influenza decrescente sulla cultura. 

Weigel ha fatto riferimento a diversi Paesi europei in cui i leader della Chiesa hanno proposto vasti accomodamenti con una cultura laica. In Germania, i vescovi hanno inaugurato un “processo sinodale vincolante” per esaminare vari aspetti dell’insegnamento e della disciplina della Chiesa, tra cui il prendere in considerazione la benedizione delle unioni omosessuali, l’ordinazione delle donne e l’abrogazione del celibato clericale. Anche i leader laici locali [impegnati] nel processo [sinodale] sono stati messi sotto osservazione per il loro aperto sostegno a chi pratica l’aborto.

In Belgio, che ha introdotto una vasta gamma di permessi per l’eutanasia, alcuni organismi cattolici sono stati al centro dell’assistenza sanitaria etica, con alcuni che hanno cercato di accogliere la pratica e altri che insistevano sull’adesione all’insegnamento della Chiesa sulla santità della vita. 

“Il cattolico lite non funziona”, ha detto. “Non funziona in Germania; non funziona in Svizzera, non funziona in Belgio, non funziona in Olanda, non funziona da nessuna parte”.

Il prossimo papa, ha detto, dovrà operare sia per riportare queste persone all’ovile, sia per “incoraggiare coloro che hanno piena fiducia nel Vangelo”. 

Weigel ha anche detto che il prossimo papa sarà costretto ad affrontare la questione della riforma finanziaria in corso in Vaticano. 

“La Santa Sede è in gravi difficoltà finanziarie”, ha detto Weigel, aggiungendo che c’è la possibilità che il Vaticano possa dichiarare fallimento entro la fine dell’anno. Le questioni finanziarie della Santa Sede, ha detto, derivano da una combinazione di “corruzione”, “incompetenza” e “una cultura del nepotismo, nel senso più ampio del termine”. 

Nel 2014, Papa Francesco ha istituito il Segretariato per l’Economia sotto la guida del Cardinale George Pell. Negli anni successivi alla sua creazione, il Segretariato ha avanzato una visione globale per la riforma finanziaria, insistendo su una revisione completa dei beni vaticani e su una revisione delle procedure di approvvigionamento, ma molte di queste riforme sono state successivamente bloccate o ribaltate.

A maggio, padre Juan Antonio Guerrero Alves, SJ, che è succeduto a Pell come prefetto del Segretariato per l’Economia, ha detto che la Santa Sede si aspetta una riduzione dal 30% all’80% delle entrate nel prossimo anno. E la Santa Sede ha accumulato per anni grandi disavanzi; tra cui un deficit di 70 milioni di euro su un bilancio di 300 milioni di euro per il 2018.

All’inizio di questo mese, Papa Francesco ha pubblicato nuove leggi che regolano i rapporti finanziari vaticani, stabilendo nuovi standard per gli appalti aggiudicati dallo Stato della città e dai dipartimenti della Curia, e mirando ad introdurre trasparenza e responsabilità nel processo di bilancio della Santa Sede e delle sue istituzioni.

Il prossimo papa, ha detto Weigel, deve coinvolgere “persone competenti”, compresi laici e laiche, per completare l’opera di risoluzione dei problemi finanziari della Chiesa. Ciò significherà rompere con le politiche consolidate di assunzione e promozione all’interno della curia, ha aggiunto, sottolineando che attualmente molti funzionari curiali di carriera sono nominati per lavori per i quali hanno avuto poca esperienza o competenza. 

“Ciò significa fermare questa idea piuttosto curiosa che solo perché qualcuno è stato un buon nunzio da qualche parte, che sappia qualcosa di soldi e che investa denaro e gestisca denaro”, ha detto Weigel.  

“Il prossimo Papa” sarà pubblicato dalla Ignatius Press e uscirà il 7 luglio 2020. 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1