Dopo la manifestazione silenziosa del 18 gennaio scorso a Monaco di Baviera per chiedere a papa Francesco e ai vescovi tedeschi “chiarezza e coerenza” e la fine della “dissimulazione e dell’inganno” legati al “percorso sinodale” vincolante tedesco. 

Edward Pentin ha intervistato una delle partecipanti, Gabriele Kuby, scrittrice cattolica tedesca, sociologa ed esperta delle problematiche dell’ideologia di genere. La sua intervista è stata pubblicata su National Catholic Register. Eccola nella mia traduzione.

 

Gabriele Kuby

Gabriele Kuby, scrittrice e sociologa

 

Circa 130 fedeli laici invitati hanno partecipato ad una manifestazione di preghiera silenziosa a Monaco di Baviera nel fine settimana per chiedere a papa Francesco e ai vescovi tedeschi “chiarezza e coerenza” e la fine della “dissimulazione e dell’inganno”.

Una delle partecipanti all’evento, che ha coinciso con l’inizio di un controverso percorso sinodale biennale nella Chiesa tedesca, è stata la scrittrice cattolica tedesca, sociologa ed esperta delle problematiche dell’ideologia di genere, Gabriele Kuby.

In questa intervista del 18 gennaio con il Register, Kuby spiega quanto sia stata importante la manifestazione per la Germania, perché ritiene che sia importante resistere ai cambiamenti in corso, e che si debbano fare sacrifici per difendere la Chiesa da coloro che, dice, si preoccupano principalmente solo del potere.

 

Qual è la sua valutazione dell’Acies Ordinata (la manifestazione del 18 gennaio) a Monaco di Baviera?

Sono molto contenta di questo evento. È come un’infusione di sangue per la Germania da parte di persone che non hanno paura di dire la verità. Non sono paralizzati dalla correttezza politica e dalla paura – “Deutsche Angst” – e quindi non sono scoraggiati dallo stare in prima linea e dire la verità.

 

Che forma dovrebbe assumere questo impegno?

Quello che ha detto [l’attivista cattolico austriaco] Alexander Tschugguel è giusto: Dobbiamo diventare consapevoli che dobbiamo fare dei sacrifici. Non faremo alcuna differenza finché cercheremo di proteggerci. E se siamo sempre dietro la linea del fronte per evitare qualsiasi contraccolpo – anche se è solo un po’ dietro la linea del fronte – significa che l’avversario può sempre progredire.

 

In altre parole, i fedeli devono essere pronti ad alzare la testa al di sopra del parapetto?

Esatto. Certo, non con la cecità. Tutti noi abbiamo un certo ruolo e una certa posizione da dove parlare e agire. Come dice Gesù, dobbiamo essere saggi come serpenti e innocenti come colombe.

 

Che tipo di impatto pensi che avrà?

Non lo so. Siamo al di là del luogo dove i buoni argomenti fanno davvero la differenza. Si tratta solo di potere e di soldi, purtroppo, non solo in politica, ma spesso anche nella Chiesa. Il processo sinodale è attentamente progettato per manipolare la coscienza dei credenti per far accettare una nuova Chiesa che si adatti alle esigenze della rivoluzione sessuale.

I vescovi hanno dato il 50% della loro autorità decisionale al Zentralkomitee der Deutschen Katholiken [il più grande gruppo laico della Chiesa tedesca], che da sempre ha spinto per i liberalismi. Dato che la maggioranza dei vescovi sono anche “marxisti” [sostenitori del cardinale tedesco Reinhard Marx, presidente della Conferenza Episcopale Tedesca], l’esito sarà quello voluto: cambiamento nell’insegnamento perenne della Chiesa in materia di sacerdozio – celibato e ordinazione femminile – e di morale sessuale. Siamo al di là dello stato in cui abbiamo un’agorà in cui possiamo effettivamente cercare insieme la verità.

 

Quale può essere il prossimo passo avanti allora, se le discussioni e le proteste non sono sufficienti?

Non sono una stratega. Sono una persona che cerca di dire la verità. Penso che ogni persona abbia il suo posto e il suo ruolo. Abbiamo dei talenti, certe posizioni nella società, e dobbiamo diventare obbedienti nell’ascolto dello Spirito Santo.

 

Cosa dice a coloro che sostengono che sono coloro che protestano a Monaco che hanno bisogno di ascoltare di più lo Spirito Santo che guida la Chiesa verso una Chiesa più “sinodale” che ascolta di più il mondo?  

Francamente, preferisco ascoltare la parola immutabile di Cristo e dei santi. Questo tipo di consiglio apparentemente spirituale è una semina manipolativa di confusione.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1