FRATELLI TUTTI: elogi, critiche, valutazioni prudenti. Ecco come i vari esperti hanno commentato la nuova enciclica.

Mentre i cattolici si avvicinano lentamente all’ultima enciclica di Papa Francesco, gli esperti hanno iniziato a pubblicare le loro opinioni. Le reazioni alla Fratelli tutti sono contrastanti, con l’entusiasmo dei massoni e degli oppositori della pena di morte, i commenti taglienti dei critici abituali del pontefice, e le valutazioni più caute degli altri. 

Ne parla   Dorothy Cummings McLean nel suo articolo pubblicato su Lifesitenews, che vi presento nella mia traduzione 

 

Mentre i cattolici si avvicinano lentamente all’ultima enciclica di Papa Francesco, gli esperti hanno iniziato a pubblicare le loro opinioni. Le reazioni alla Fratelli tutti sono contrastanti, con l’entusiasmo dei massoni e degli oppositori della pena di morte, i commenti taglienti dei critici abituali del pontefice, e le valutazioni più caute degli altri.   

Elogi

La Loggia massonica di Spagna ha elogiato l’enciclica su Twitter, affermando:  “#FratelliTutti è l’ultima enciclica di @Pontifex in cui abbraccia la Fratellanza Universale, il grande principio della moderna [massoneria] ‘Riconoscendo la dignità di ogni persona umana, possiamo far rivivere insieme un desiderio di fratellanza mondiale'”. 

Padre James Martin, SJ, ha sottolineato sulla rivista America la sua convinzione che “Francesco ha dimostrato che la dottrina della Chiesa può essere cambiata”. 

“La nuova enciclica di Papa Francesco, ‘Fratelli Tutti’, fa qualcosa che alcuni cattolici credevano non si potesse fare: Ratifica un cambiamento nell’insegnamento della Chiesa. In questo caso, sulla pena di morte”, ha scritto. 

Martin ha detto che la Chiesa aveva precedentemente permesso la pena di morte, ma Papa Francesco ha presentato un “filo teologico” che dimostra che è stato ‘sempre’” contrario ad essa. “È un chiaro esempio dello sviluppo della dottrina nel corso dei secoli”, ha affermato.

Suor Helen Prejean, C.S.J., una delle più importanti abolizioniste, è stata citata da p. Martin in America magazine.

“Mi rallegro per la sonora proclamazione, da parte di Papa Francesco, della dignità inviolabile di ogni vita umana, anche di quella degli assassini, e sono rincuorata dall’inequivocabile opposizione della Chiesa all’uso della pena di morte da parte dei governi in tutti i casi”, ha detto. 

“Nelle camere della morte, ho visto da vicino le torture e le sofferenze degli esseri umani, resi indifesi e uccisi dallo Stato, le loro vite spogliate di ogni dignità”, ha continuato. 

“Mi rallegro che ora questa chiarezza dell’insegnamento della Chiesa contribuirà a porre fine a questa indicibile sofferenza e aiutare affinché il Vangelo di Gesù sia vissuto nella sua pienezza: la restaurazione della vita umana, non l’umiliazione, la tortura e l’esecuzione”.

Michael Sean Winters, scrivendo per il dissidente National Catholic Reporter, ha trovato la struttura [dell’enciclica] di Papa Francesco “scioccante” e ha dichiarato che “non sembra il tipo di testo magisteriale a cui siamo abituati”. Per chiarire il concetto ha scelto un brano il cui stile ha trovato “più omiletico che magistrale”. Tuttavia, Winters ha elogiato le intuizioni di Francesco che “dimostrano l’occhio acuto di un pastore che si è immerso nell’opera di aiutare il popolo di Dio a mantenere la rotta nelle complessità del suo tempo”. 

L’editorialista è stato particolarmente soddisfatto dalla critica del pontefice all’economia di mercato, scrivendo: “La critica di Papa Francesco all’economia di mercato in questo capitolo chiude davvero la porta al tentativo dei neoconservatori come George Weigel e il defunto Michael Novak di aprire l’insegnamento sociale cattolico a una maggiore valutazione delle idee del libero mercato”.  

Anche Winters è stato entusiasta dell’appello di Papa Francesco alla “gratuità” nell’accogliere i migranti e al “rispetto per gli altri”, affermando che la prima dovrebbe sfidare i cattolici conservatori che sostengono il presidente Trump e il secondo i vescovi cattolici “nelle loro campagne per la libertà religiosa” e “nel trattamento dei dipendenti gay e lesbiche”.

Critiche

L’arcivescovo Carlo Maria Viganò ha dichiarato sul blog del giornalista Aldo Maria Valli che la “dimensione spirituale è totalmente assente” da Fratelli tutti. Egli ritiene che una “lettura sommaria” porterebbe a credere che sia stata scritta da “un massone, non dal Vicario di Cristo”. L’ex nunzio papale ha sostenuto che Fratelli tutti si è ispirata un “deismo vago” e che contiene una “grave distorsione”‘ del concetto di fraternità, che “per i cattolici è possibile in Cristo solo se si ha Dio come Padre attraverso il battesimo”.

L’arcivescovo ha accusato papa Francesco di aver sostituito il concetto cattolico di “libertà di religione” con quello di “libertà religiosa” e di “barattare” il “diritto divino” della Chiesa cattolica a predicare la verità con il riconoscimento di un diritto alla diffusione dell’errore delle “false religioni”, anche nei Paesi cristiani. 

Sul tema dell’accordo dell’enciclica con i principi della massoneria, Viganò è stato particolarmente feroce. 

“Questa enciclica è il manifesto ideologico di Bergoglio”, ha scritto, “la sua professione di fede massonica, e la sua candidatura alla presidenza della Religione universale, ancella del Nuovo Ordine Mondiale. Tanta… subordinazione al pensiero mainstream può portargli l’applauso dei nemici di Dio, ma conferma l’inesorabile abbandono della missione evangelizzatrice della Chiesa”.

John-Henry Westen, redattore capo di LifeSiteNews, ha sottolineato come il Papa abbia ignorato la difficile situazione dei bambini non ancora nati nella sua nuova enciclica, affermando che “i cattolici pro-vita si trovano di fronte a un’enfasi politica che ignora l’aborto”.

“In linea con i vescovi statunitensi che hanno evitato la lotta per il diritto alla vita dei nascituri, Papa Francesco ha esplicitamente escluso l’aborto dalle preoccupazioni politiche esposte nella sua ultima enciclica”.

“Nel paragrafo 188 di Fratelli Tutti, Papa Francesco dice che ‘Le maggiori preoccupazioni di un politico non dovrebbero essere quelle causate da una caduta nelle inchieste, bensì dal non trovare un’effettiva soluzione al «fenomeno dell’esclusione sociale ed economica, con le sue tristi conseguenze di tratta degli esseri umani, commercio di organi e tessuti umani, sfruttamento sessuale di bambini e bambine, lavoro schiavizzato, compresa la prostituzione, traffico di droghe e di armi, terrorismo e crimine internazionale organizzato (…)»’ “, ha scritto.

“Il fatto che l’aborto sia lasciato fuori da questo lungo elenco è scandaloso. Tanto più che egli segue questa lista dicendo: ‘È tale l’ordine di grandezza di queste situazioni e il numero di vite innocenti coinvolte, che dobbiamo evitare qualsiasi tentazione di cadere in un nominalismo declamatorio con effetto tranquillizzante sulle coscienze.’”, ha aggiunto. 

Il professor Roberto de Mattei ha dichiarato per RadioRomaLibera.org che l’enciclica è politica, “come tutto il pontificato di Papa Francesco”. Ha anche osservato che Papa Francesco dà più valore alla “fraternità” che a Cristo stesso: 

“La verità assoluta [in Fratelli tutti] non è Gesù Cristo, nel cui nome e nel cui battesimo i cristiani sono fratelli”, ha scritto De Mattei. 

“La fraternità è un valore superiore a Cristo stesso perché ha la capacità, secondo papa Francesco, di riconciliare cattolici, musulmani, buddisti e atei stessi, che hanno anche la loro fede e le loro convinzioni”. 

De Mattei ha accusato il pontefice di aver sostituito i principi della Rivoluzione francese (libertà, uguaglianza e fraternità) con la fede cattolica e di voler creare un’utopia. Le “parole chiave” di Francesco, “fraternità” e “amicizia sociale”, costituiscono un nuovo tipo di amore cristiano che sostituisce l’amore verticale di Dio con l’amore orizzontale del prossimo come sua misura, crede il professore.   

De Mattei fa notare che papa Francesco non ha parlato dei mali del comunismo, né del ruolo della Cina nella pandemia del Covid-19, né dei peccati oltre a non accogliere i migranti. Come l’arcivescovo Viganò, il professore ha osservato che non c’è una dimensione soprannaturale nel documento.

Steve Skojec, il caporedattore della rivista online OnePeterFive, ha definito Fratelli tutti una “porzione di insalata di parole a misura di partito” e ha espresso la sua sorpresa per il fatto che papa Francesco ha usato nella sua enciclica “il motto massonico della Rivoluzione francese anticattolica” – libertà, uguaglianza e fraternità. Skojec si è opposto all’idea che Papa Francesco abbia effettivamente cambiato l’insegnamento della Chiesa sulla pena di morte, “la sua eresia più favorita in assoluto”, affermando che “l’insegnamento sulla liceità morale della pena di morte – non solo come mezzo per rendere innocuo un aggressore, ma come atto di giustizia punitiva – è un’espressione infallibile del magistero ordinario e universale. Come tale, è impossibile che vi sia un divieto universale del suo uso”.

Valutazioni prudenti

Il Dr. Samuel Gregg ha scritto sulla rivista online Catholic World Report (qui l’articolo da noi tradotto, ndt) che la rappresentazione di Francesco di San Francesco è “carente” e che il suo trattamento delle questioni economiche è “insufficiente”. Per esempio, Francesco dichiara che la gente non ha più fiducia nel mercato; Gregg ha fatto notare che, in effetti, la gente ha invece fiducia. Egli ritiene che Papa Francesco abbia bisogno di parlare con i conservatori, non solo con la sinistra, su come aiutare i poveri. Tuttavia, Gregg ha elogiato “l’enfasi sul ruolo distruttivo svolto dal relativismo morale nelle società contemporanee” (206) e “l’importanza perenne del perdono in un mondo in cui il conflitto è parte della condizione umana” (236-249).  

“Vere intuizioni che scaturiscono direttamente dai Vangeli e spesso profonde meditazioni sulle Scritture ebraiche e cristiane vanno di pari passo con dubbie affermazioni storiche, affermazioni generalizzate su questioni altamente prudenziali che non sono supportate da prove, e una buona parte di quello che posso solo descrivere come utopismo”, ha scritto. 

Robert Royal, un ospite frequente del talk show di EWTN “The World Over”, scrive in The Catholic Thing che Fratelli tutti è “tutto fuorché illeggibile”.  

“Solo quelli di noi che amano la Chiesa e sono fedeli al Papa la leggeranno, per dovere, non per interesse intellettuale o spirituale”, ha scritto. “E questa è una grave carenza per un testo rivolto non solo ai cattolici ma a tutte le persone di buona volontà”. 

Royal ha detto che se Francesco fosse uno dei suoi studenti e avesse presentato Fratelli tutti come un saggio, Royal avrebbe lodato la sua passione e la sua ambizione, ma gli avrebbe detto che le sue “grandi affermazioni” devono essere spiegate meglio. Vorrebbe vedere il riconoscimento delle paure dei cittadini dei Paesi che ospitano le istituzioni internazionali e “l’ethos internazionale che stanno diffondendo”, così come la comprensione di ciò per cui sono costruiti i “muri”. L’enciclica ha lasciato Royal non convinto che la pena di morte sia davvero “inammissibile” e, visti i 60 milioni di esecuzioni annuali di bambini non nati, si chiede perché l’aborto abbia solo una breve menzione. 

Royal ha notato che Francesco si è limitato a rivolgersi a “tutte le persone di buona volontà” e a continuare il documento interreligioso di Abu Dhabi. “Così, Francesco può parlare ma non attingere pienamente all’unica persona che i cristiani credono possa cambiare i cuori e soffiare il fuoco dell’amore nei nostri sforzi: Gesù Cristo”.