Un articolo di Matthew Schmitz, pubblicato su The American Conservative, nella mia traduzione.

 

Papa Benedetto XVI e Papa Francesco

 

Papa Benedetto è sopravvissuto alla sua eredità. Le sue conquiste distintive sono state morali e liturgiche. Prima come capo della dottrina sotto Giovanni Paolo II e poi come papa, ha chiarito che ci si aspetta che i cattolici vivano secondo l’immutabile insegnamento della Chiesa. Quando i cattolici hanno sollecitato la Chiesa a permettere il divorzio e il risposarsi, Benedetto ha detto di no. Ha respinto l’idea che i nuovi tempi richiedono una nuova moralità.

Nelle questioni liturgiche, ha promosso il pluralismo e la bellezza. Il suo avvicinamento agli anglicani e l’apertura ai tradizionalisti sono state le parti più drammatiche di questo programma. Credeva che coloro che erano attaccati alle parole di Cranmer o alle austere bellezze del rito romano dovessero essere liberi di usarle. Sperava che “l’arricchimento reciproco” avrebbe permesso a tutti i cattolici di sperimentare una liturgia che fosse bella.

Quasi dal momento dell’elezione di Papa Francesco, c’è stato un costante attacco a questa doppia eredità. Ma ha ricevuto il suo colpo più chiaro venerdì, quando Francesco ha pubblicato “Traditionis Custodes“, un documento che pone nuove restrizioni alla messa in latino. Già nel 2007, Benedetto aveva emanato “Summorum Pontificum“, un documento che rendeva più facile l’uso della messa in latino, soppressa dopo il Vaticano II. “Ciò che le generazioni precedenti ritenevano sacro, rimane sacro e grande anche per noi, e non può essere improvvisamente del tutto proibito o addirittura considerato dannoso”, ha dichiarato.

Francesco ha ora chiarito che non è d’accordo. Egli scrive che la messa latina così come è praticata “contraddice la comunione, alimentando [una] spinta alla divisione”. Per la salute della Chiesa, egli crede, il suo uso deve essere limitato, specialmente tra i preti più giovani. Questa è la consumazione legale dei suoi frequenti suggerimenti che i tradizionalisti sono particolarmente cattivi, vanitosi e queruli. Se è vero, questo li rende esattamente come tutti gli altri cattolici. Infatti, tutti gli altri uomini.

Benedetto è spesso chiamato un conservatore e Francesco un liberale. Queste descrizioni non sono pienamente soddisfacenti. Soprattutto in gioventù, Benedetto poteva essere teologicamente avventuroso. E nonostante la sua vicinanza ai liberali, Francesco ha spesso detto cose sorprendentemente reazionarie. C’è un modo migliore per capire i diversi approcci dei due papi. Benedetto crede che la bellezza e la morale cattolica non siano al di là della comprensione dell’uomo comune. Francesco, a quanto pare, non lo fa.

Questa differenza è diventata chiara per la prima volta nel 2016, quando Papa Francesco ha detto che “la grande maggioranza dei nostri matrimoni sacramentali sono nulli” perché la maggior parte dei cattolici semplicemente non capisce l’insegnamento della Chiesa. Se i cattolici non sanno cos’è il matrimonio, non possono entrarvi. Alcuni hanno accusato Francesco di avere una visione bassa del matrimonio, ma è vero il contrario. La sua visione del matrimonio è così alta che la pone al di sopra della portata della maggior parte degli uomini.

Contrasta questo con Benedetto, il cui papato rifletteva una fiducia che i cattolici possono capire ciò che la Chiesa insegna e vivere in base ad esso. Per quanto Benedetto possa essere sembrato a volte duro, era proprio questa fiducia che stava dietro la sua difesa pubblica della verità cattolica. I due uomini non differiscono in alcun modo sostanziale nella loro comprensione del matrimonio e della moralità sessuale. Essi differiscono solo nella loro stima del fatto che gli altri possano afferrare le verità in cui entrambi credono.

Si può vedere la stessa divisione nell’approccio dei due papi alla liturgia cattolica. Benedetto è il Papa più associato alla musica classica. Ama Mozart, un fatto che i media raramente non hanno menzionato quando lo presentano come un cattivo dei fumetti. Ma l’apprezzamento di Francesco per la musica è molto più raffinato. Questo è stato rivelato nel 2013, quando Francesco non solo ha elencato alcuni dei suoi compositori e opere preferite, ma ha nominato le sue registrazioni preferite. Come ha notato Damian Thompson (un abile critico musicale e un critico papale), queste selezioni rivelano un gusto squisito e innumerevoli ore di ascolto attento. Solo un uomo che apprezza profondamente la bellezza e si impegna per i più alti standard dell’arte si impegnerebbe in una tale impresa.

Eppure è Benedetto che ha dedicato il maggior sforzo per far rivivere la musica cattolica e promuovere la liturgia. Questo non perché ami la musica più di Francesco (secondo tutte le indicazioni, non la ama) ma perché crede che tutti i cattolici possano e debbano essere coinvolti nella ricchezza della bellezza. Francesco può ascoltare le registrazioni più gloriose nelle sue stanze private, ma si è preoccupato molto meno di promuovere le arti liturgiche che renderebbero la bellezza accessibile ai cattolici in generale.

Benedetto e Francesco credono entrambi nel vero, nel buono e nel bello. Ma Benedetto crede che la verità, il bene e la bellezza siano cose che possono e devono essere condivise. Francesco spesso sembra non essere d’accordo. Una visione è più ristretta, l’altra più comprensiva. Coloro che credono che tutti i cattolici possano godere delle ricchezze dell’insegnamento e della liturgia della Chiesa lamenteranno la distruzione dell’eredità di Benedetto.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print