Il 24 aprile, il film Fatima sarà proiettato su 1.000 schermi negli Stati Uniti. Parla della notevole serie di apparizioni della Madre a tre giovani pastorelli a Fatima, in Portogallo, nel 1917. “Questo film è stato fatto perché entrasse nei media mainstream”, mi ha detto la produttrice Natasha Howes in un’intervista. “È bellissimo, e tutti dovrebbero andare a vederlo”. Aspettatevi lo splendore”.

Ecco l’intervista fatta da Patti Armstrong a Natasha Howes, pubblicata sul National Catholic Register. Ve la propongo nella mia traduzione. 

 

FATIMA film

FATIMA film

 

Il 24 aprile, il film Fatima sarà proiettato su 1.000 schermi negli Stati Uniti. Parla della notevole serie di apparizioni della Madre a tre giovani pastorelli a Fatima, in Portogallo, nel 1917. “Questo film è stato fatto perché entrasse nei media mainstream”, mi ha detto la produttrice Natasha Howes in un’intervista. “È bellissimo, e tutti dovrebbero andare a vederlo”. Aspettatevi lo splendore”.

E’ difficile credere a tali elogi quando vengono espressi da qualcuno che ha effettivamente prodotto il film, quindi sono stata prudente. Dopo tutto, non tutti i film cristiani sono stati… beh, sapete. Sapevo che aveva un cast di prima categoria e che il compositore italiano Paolo Buonvino aveva creato l’intera partitura, compresa “Gratia Plena” (Full of Grace), la canzone dei titoli di coda eseguita dal tenore superstar Andrea Bocelli. E la storia stessa è un messaggio avvincente di cui il nostro mondo ha disperatamente bisogno. Sono stata felice, dopo aver visto in anteprima il film, di vedere che Howe avesse detto davvero la verità: è un bel film.

Le apparizioni della Madonna di Fatima hanno generato più devozione di qualsiasi altra apparizione mariana approvata dalla Chiesa. I messaggi riguardavano la riparazione del peccato, l’inferno che è un vero e proprio luogo dove i peccatori vanno, la recita del rosario ogni giorno per la pace. Fatima (il film) racconta la storia attraverso gli occhi di Lúcia Santos, 10 anni, era la più grande dei bambini. Francisco e Jacinta Martos, i suoi due giovani cugini, avevano 8 e 7 anni.

Uno dei messaggi chiave era un invito a pregare per la pace. In quel momento, la prima guerra mondiale stava infuriando e la gente si uccideva a vicenda in numeri mai sentiti prima. I bambini hanno trasmesso il messaggio della Madre perché ci si allontanasse dal male e si tornasse a Dio per guarire la loro terra. È un messaggio che vale ancora oggi,

Le rivelazioni dei bambini attirarono folle di credenti, ma fecero arrabbiare sia i funzionari della Chiesa che quelli del governo, che cercarono di costringerli a ritrattare la loro storia. All’ultima apparizione del 13 ottobre, una folla stimata di 70.000 persone rimase sotto la pioggia battente ed fu testimone del “miracolo del sole”. [Quell’evento] fu ampiamente riportato con foto e testimonianze oculari dai giornali dell’epoca.

 

Il film originale di Fatima, Il miracolo di Nostra Signora di Fatima, fu realizzato nel 1952. La versione de Il 13° giorno è stata pubblicata nel 2009, ed è stata anch’essa prodotta da Howe. Questo nuovo film, secondo lei, è unico nel suo genere, in quanto viene raccontato in gran parte dal punto di vista dei bambini e guarda al rapporto tra Lúcia e sua madre. “C’è il vantaggio della prospettiva di Lúcia da adulta”, ha detto Howe. “Abbiamo usato le sue memorie. Lei era la messaggera principale e l’ultima veggente rimasta”. Il film, inoltre, di tanto in tanto si sofferma sulla prospettiva di suor Lúcia, nel 1989, come monaca carmelitana di clausura, quando il professor Nichols, autore e religioso scettico, le fa visita e la interroga.

“In tutto il film si arriva a comprendere la storia umana dietro la storia di Fatima e a comprendere le relazioni familiari di Lúcia e di come i pellegrini  abbiano sconvolto la loro vita familiare”, ha detto Howe. “E non abbiamo quella di Maria che è sospesa nell’aria. Lei appare invece come una donna bellissima, gentile e materna che viene dal cielo, così possiamo identificare come questi bambini si sono innamorati di questa esperienza”. Howe ha osservato che l’idea della mortificazione e di cosa significhi soffrire è anche raffigurata.

Sebbene Giacinta e Franciso siano stati canonizzati nel 2017 e la causa di canonizzazione di Lúcia sia stata aperta nello stesso anno, Howe ha spiegato che volevano ritrarre i bambini come bambini. “Abbiamo la tendenza a immortalare la vita dei santi, piuttosto che concentrarci sui loro tratti umani”, ha detto. “Erano esseri umani comuni come te e me, anche se avevano delle caratteristiche belle e sante”.

Il film è stato approvato dal Santuario della Madonna del Rosario di Fatima, che è servito anche come risorsa durante la realizzazione del film. Provvidenzialmente, secondo Howe, Fatima sta uscendo in concomitanza con il lancio da parte dell’Apostolato Mondiale Internazionale di Fatima di una campagna di preghiera per raccogliere un bouquet spirituale di 5 milioni di Rosari da offrire alla Madonna nel Santuario di Fatima.

“Abbiamo un rapporto simbiotico”, ha detto Howe. “Ci sosteniamo l’un l’altro”. Entrambi hanno la stessa missione di diffondere il messaggio di Fatima, soprattutto chiedendo alla gente di recitare il Rosario ogni giorno. “Il film parla del piano di pace dal cielo”, ha detto. “E’ un modo per fare la differenza nel mondo e, si spera, raggiungere un ampio pubblico mainstream”.

Il sito ufficiale è www.FatimaTheMovie.com. I biglietti sono ora disponibili online in alcuni luoghi selezionati del teatro, tra cui AMC, Cinemark, Harkins e Regal. 

 

Facebook Comments
image_print
1