Ricevo e volentieri pubblico.

 

Carlo Maria Viganò, Arcivescovo
Mons. Carlo Maria Viganò, Arcivescovo

 


Forza del Popolo risponde a Mons. Carlo Maria Viganò

Sua Eccellenza Reverendissima,
Carlo Maria Viganò,
Arcivescovo di Ulpiana,

 

Le inviamo questa nostra lettera per aderire al Suo appello diffuso in rete con il titolo “Alcuni consigli pastorali sulla coerenza dei candidati alle elezioni politiche per un voto cattolico consapevole”.

Nell’imminenza del voto, per ribadire quanto in modo esplicito già inserito nel programma di Forza del Popolo depositato al Viminale il 12 Agosto 2022[1], desideriamo ritornare ai suoi consigli per ripercorrere i sette punti relativi a “Santità e inviolabilità della vita e della persona” e a “Morale familiare e sociale”, nonché i dodici punti riguardanti “Sovranità della Nazione, immigrazione, pandemia”.

Forza del Popolo ha accolto con profonda gratitudine le Sue primissime prese di posizione che ci offrirono consolazione e coraggio per poter proseguire sempre più con maggior vigore le battaglie per resistere e reagire alla dittatura sanitaria, nonostante il sacrificio necessario, specialmente nella fase iniziale in cui eravamo soli, isolati, smarriti ed anche perseguitati.

 

Per alcuni di noi l’impossibilità di accogliere la vulgata del potere fu subito un fatto di fede e di ragione allo stesso tempo. Non abbiamo potuto accettare il trasferimento della nostra fede da Dio alla falsa scienza, ipocrita e serva del potere più crudele. Non abbiamo potuto accettare le omelie dei sacerdoti di questa nuova religione, che abbiamo smascherato come impostura dell’eugenetica. Non abbiamo consentito la sostituzione del ragionamento, del confronto, del vero metodo scientifico con il fideismo scientista. Ove “essi” hanno imposto di separare, distanziare, mascherare, isolare, inoculare, noi “altri” abbiamo unito, riavvicinato, socializzato e mantenuta l’integrità fisica.

Hanno tentato di imporci i loro dogmi e noi ci siamo dichiarati eretici. Abbiamo respinto le loro ragioni di un credo materialista, di una fede nella scienza commerciale, la sola, per loro, che ci avrebbe salvato. Non abbiamo ceduto il nostro cuore e la nostra mente a questa nuova religione eretica e apostata, fondata sulla menzogna, sul terrore e sulla superstizione.

I Suoi interventi costituirono una chiara indicazione che non stavamo errando.

Con la certezza di rappresentare il punto di riferimento politico per tutte le persone animate dal desiderio di trovare la verità, Le rispondiamo, sicuri di trovare in Lei la gioia di sapere che in Italia esistono ancora persone libere e forti, capaci di combattere con gli strumenti della ragione per la difesa dei valori irrinunciabili della vita e della dignità della persona.

Il Manifesto di Forza del Popolo[2] è stato pubblicato per la prima volta nell’aprile del 2016. Da questo Manifesto è scaturito il partito, costituito il 12 agosto 2021 per dare al movimento di ideazione politica, fondato sul finire degli anni novanta del secolo scorso, gli strumenti efficaci per la nostra comune battaglia politica.

Da allora, il partito ha mantenuto i suoi originari contenuti che testimoniano la volontà di chi aderisce a Forza del Popolo di difendere a spada tratta la libertà di coscienza che Dio ha posto nel cuore di ogni umana creatura.

Forza del Popolo è un partito laico e aconfessionale, affinché in esso possano trovare spazio tutte le anime di buona volontà. Tuttavia, Forza del Popolo poggia il suo pensiero politico su una visione trascendentale dell’uomo e mette in campo la sua azione politica ispirandosi apertamente al messaggio del Cristo su cui storicamente si fondano i moderni diritti fondamentali dell’uomo.

Forza del Popolo contrasta l’immanentismo sia della visione marxista sia di quella liberista e predica il superamento della falsa contrapposizione tra destra e sinistra, ponendosi come strumento per la realizzazione della terza via.

Forza del Popolo riconosce la Costituzione italiana come baluardo a difesa dei valori fondamentali che appartengono al diritto naturale.

Pertanto, la Costituzione italiana è la base giuridica della nostra azione politica.

Da questa visione costitutiva di Forza del Popolo discendono in modo consequenziale le nostre risposte alle Sue domande, che andiamo a chiarire punto per punto, in modo sintetico.

 

Santità e inviolabilità della vita e della persona.

Morale familiare e sociale.

Forza del Popolo difende la vita dal concepimento alla morte naturale, ora e sempre; ci opponiamo con determinazione all’aborto e all’eutanasia, ora e sempre; ci opponiamo ad ogni forma di omicidio, compresa la pena di morte.

Forza del Popolo contrasta la fecondazione artificiale, la sperimentazione embrionale, la manipolazione genetica, la maternità surrogata, le dottrine e le pratiche del transumanesimo, ora e sempre.

Forza del Popolo combatte l’ideologia nota come “neo-malthusianesimo” ed ogni altra teoria sul sovrappopolamento del pianeta, ora e sempre.

Forza del Popolo contrasta l’uso di materiale umano abortivo nella ricerca scientifica o nella produzione di farmaci o altri prodotti e la sperimentazione dei farmaci sull’uomo, ora e sempre.

Forza del Popolo si oppone agli interventi sullo sviluppo ormonale dei minori; difende la famiglia naturale, composta da uomo e donna; propone forme di aiuto per le famiglie e per sostenere la natalità; si oppone alla parificazione sul piano del diritto pubblico del matrimonio naturale alle c.d. “nozze” omosessuali; contrasta l’adozione di minori da parte di coppie omosessuali; avversa l’ideologia LGBTQ e ogni teoria gender fluid; riconosce il diritto nativo dei genitori all’educazione della prole; si oppone all’indottrinamento dei bambini e dei giovani da parte dello Stato, ora e sempre.

Forza del Popolo difende la famiglia come unione di un uomo e di una donna, fondata sul matrimonio, quindi sull’assunzione di responsabilità, e aperta alla vita, per come essa è definita dalle leggi di natura e riconosciuta dalla Costituzione.

Forza del Popolo contrasta tutte le sette segrete. Per espressa previsione statutaria[3], non può iscriversi al nostro partito chi ha aderito a consorterie massoniche o similari, a meno che non le rinneghi pubblicamente.

 

Sovranità della Nazione, immigrazione, pandemia

Il partito sostiene il principio di autodeterminazione dei popoli e le sovranità nazionali. A tal fine, mette in campo tutte le azioni possibili e necessarie per il ripristino di tali valori.

Alla sostanziale desovranizzazione del popolo e al dominio globalista delle élite, rispondiamo con la volontà di azzerare le organizzazioni sovranazionali come, ad esempio, l’OMS ed ogni altra organizzazione limitante la nostra sovranità nazionale.

Forza del Popolo condanna l’unione politica europea, che ha tradito gli ideali di una “Europa dei Popoli”, che avrebbe dovuto favorire la libera circolazione delle persone nel pieno rispetto dell’identità di ciascun popolo.

Tra le azioni specifiche fondamentali abbiamo programmato l’affermazione della sovranità monetaria e la fine della moneta a debito, con istituzione di una banca centrale nazionale soggetta all’esclusiva direzione del Governo nazionale in esecuzione della programmazione economica decisa con le leggi del Parlamento.

Forza del Popolo giudica il vincolo di pareggio di bilancio un limite inaccettabile per il popolo italiano e ne propone la cancellazione dalla Costituzione.

Forza del Popolo intende nazionalizzare i servizi pubblici che gestiscono i beni primari, quali acqua, energie, sanità, comunicazione, trasporti, e ha già condotto, a più livelli, importanti battaglie.

Forza del Popolo, in opposizione alle tendenze globalistiche, è favorevole ad un mondo multipolare nel quale la giustizia sociale e la libertà personale ispirino l’operato di ciascuno Stato.

 

Forza del Popolo, in linea con la Costituzione italiana, ripudia la guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali e come strumento di offesa alle libertà degli altri popoli.

Forza del Popolo intende disciplinare i flussi migratori a partire da progetti di sviluppo sui territori di provenienza, senza mai rinunciare al rispetto assoluto della dignità umana dei migranti; utilizzare le basi militari Nato e americane presenti in Italia per lo smistamento dei migranti in territorio nazionale e in territori di altri Stati, secondo accordi multilaterali di equa ripartizione di responsabilità e di solidarietà umana; rimpatriare i migranti violenti e che vivono in Italia su crimine, delinquenza, spaccio, sfruttamento della prostituzione.

Forza del Popolo si prefigge il superamento della NATO e la dismissione delle basi militari NATO e USA nel territorio italiano. Siamo contrari all’invio di armi in Ucraina e favorevoli alla risoluzione delle controversie internazionali su base diplomatica e mediante accordi che tengano conto della identità culturale dei popoli che vivono su determinati territori.

Forza del Popolo si è distinta, sin dal primo momento, per aver compreso gli eventi e per essersi opposta all’emergenza democratica e alla dittatura sanitaria.

Forza del Popolo ha fondato il cosiddetto “Fronte Ampio Antisistema”,  il principale fronte in Italia, sorto già a marzo 2020, contro questa dittatura sanitaria, che coerentemente conduce la battaglia per la verità e per la libertà con Mille Avvocati per la Costituzione[4], Mille Medici per la Costituzione[5], Scuola per la Costituzione[6], La Nuova Norimberga[7].

In conclusione, riaffermiamo il nostro impegno nella ricerca della verità e nella battaglia contro il deep state, smisuratamente forte rispetto alle nostre piccole risorse, ma non onnipotente, sapendo che quanto più piccoli siamo noi, tanto più grande è la gloria di Colui che tutto può e che condurrà i piccoli alla vittoria.

Ogni Golia conoscerà il suo Davide!

La salutiamo con gratitudine ed affetto,

certi di poter godere della Sua benedizione su di noi e sulle nostre famiglie.

Roma, 16 settembre 2022

Avv. Lillo Massimiliano Musso
Segretario Generale di Forza del Popolo

 

 

 

 

 

 

 

Segue Programma Politico di Forza del Popolo,
 depositato al Ministero dell’Interno in data 12.08.2022.

PROGRAMMA ELETTORALE

DI FORZA DEL POPOLO

 

INDICAZIONE DEL CAPO POLITICO

Il Partito Politico CONFEDERAZIONE NAZIONALE DI FORZA DEL POPOLO, giusto statuto anche inteso soltanto con la locuzione “FORZA DEL POPOLO”, costituito in forma associativa in Ravanusa (AG) il 12 agosto 2021 innanzi al Dottor Leoluca Crescimanno, Notaio in Palermo (Estremi del Rogito: Repertorio N. 110225, Raccolta N. 33605), con attribuzione del Codice Fiscale n. 16680091002 e sede legale in Roma in via Cesare Ricotti n. 54, indica come CAPO POLITICO il proprio Presidente e Legale Rappresentante Avv. Lillo Massimiliano MUSSO (Cognome: Musso), nato a Tagliacozzo (AQ) il 9 novembre 1976, Codice Fiscale: MSSLLM76S09L025C, residente in Ravanusa (AG) in C.da Poggio Rotondo snc, domiciliato per la carica e per ogni attività riferita alle elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Roma in via Cesare Ricotti n. 54.

 

Il programma elettorale di Forza del Popolo è costituito dai seguenti obiettivi, alla luce del Manifesto di Forza del Popolo, che si unisce come parte integrante.

 

  1. Processo storico e giudiziario ai Governi liberticidi Conte-bis e Draghi Mario, come indicato nella denuncia penale depositata in Roma dall’Avvocato Lillo Massimiliano Musso alla Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo in data 29.01.2022, con contestuale petizione denominata “La Nuova Norimberga”; istituzione di commissioni parlamentari di inchiesta aventi ad oggetto tutto ciò che ha riguardato e riguarda la gestione della cosiddetta “pandemia”; in particolare, con riferimento a sieri genici sperimentali, reazioni avverse, decessi per protocolli sanitari di diramazione ministeriale, regionale, di aziende sanitarie e degli ordini professionali, spesa pubblica e responsabilità civile, penale e contabile. Divieto assoluto di sistemi cosiddetti “di credito sociale”. Divieto assoluto dell’obbligatorietà di utilizzo di nanotecnologie da implementare nel corpo umano, quali microchip, nanochip e semiconduttori comunque intesi.
  2. Ratifica della Convenzione di Oviedo. Divieto assoluto di discriminazione per ragioni di libera scelta vaccinale e sanitaria in genere, con introduzione di aggravante nel codice penale per ogni condotta che tenda ad imporre, direttamente o indirettamente, un trattamento sanitario. Divieto assoluto di green pass o di ogni altra forma di certificazione atta a determinare in modo diretto o indiretto forme di discriminazione per qualunque ragione. Divieto assoluto di occultamento del viso in luogo pubblico o aperto al pubblico, compreso l’uso della mascherina, ad eccezione di chi documenti con certificazione medica di specialista la ragione della sua necessità. Risarcimento diretto di tutti i lavoratori non vaccinati sospesi, pari al doppio dello stipendio non percepito. Ristoro di tutte le attività produttive, impedite o rallentate, dai Governi dal 2020 ad oggi, pari alla dichiarazione reddituale del 2018. Annullamento d’ufficio di tutte le sanzioni amministrative adottate sulla scorta di DPCM e decreti legge con riferimento alla gestione della cosiddetta “pandemia”. Annullamento d’ufficio delle sanzioni per omessa inoculazione di sieri genici. Risarcimento del danno derivante dall’inoculazione di sieri genici. Piena attuazione dell’art. 32 della Costituzione, in particolare, con riferimento al rispetto della persona umana. Riforma del TSO, con previsione della presenza di un avvocato di fiducia nella fase preliminare rispetto all’intervento dei medici. Sospensione della partecipazione dell’Italia all’OMS e apertura di un tavolo internazionale per estromettere gli interessi privati dalle sedi decisionali di interesse nazionale di ciascuno Stato aderente. Abolizione della Legge Lorenzin. Risarcimento del danno subito da minori a seguito di inoculazione di sieri di ogni genere, con responsabilità oggettiva a carico del produttore. Moratoria dei cosiddetti “vaccini” ed analisi di quanto successo dal 1978 ad oggi. Commissioni parlamentari d’inchiesta sui rapporti tra OMS e produttori farmaceutici e/o altri privati a qualunque titolo intervenuti in materia dal 1988 ad oggi, e sui rapporti tra “virostar” e “Big Pharma”. Legge sul conflitto di interessi e previsione di pesanti sanzioni penali per l’esposizione della salute pubblica a pericoli. Abolizione di tutti gli ordini professionali, con salvaguardia degli albi da tenere presso il Ministero dell’Interno. Estensione degli albi alle nuove figure professionali da accreditare sui tavoli ministeriali. Abolizione della vivisezione. Contrasto dell’ideologia neomalthusiana di riduzione del numero della popolazione e di ogni teoria sul sovrappopolamento del pianeta. Introduzione del reato di pericolo di genocidio nella programmazione politica. Divieto di sperimentazione dei farmaci sull’uomo. Implementazione della medicina sul territorio e ripristino delle visite a domicilio del “medico di famiglia”. Potenziamento della figura del “medico di famiglia”. Deaziendalizzazione della sanità pubblica. Istituzione del Ministero per il benessere del cittadino. Piano straordinario per la cura dentale della popolazione. Piano straordinario per il supporto alla vista e all’udito del cittadino. Sburocratizzazione e semplificazione per l’accesso del cittadino alle visite, alle analisi e alle cure mediche. Abolizione del ticket. Divieto di uso di materiale umano abortivo per la ricerca scientifica o per la produzione di farmaci o altri prodotti. Divieto di intervento nello sviluppo ormonale dei minori. Cancellazione di tutti i dati biometrici raccolti durante la pandemia. Abolizione dell’obbligatorietà del Fascicolo Sanitario Elettronico.
  3. Recesso dai trattati europei. Cancellazione del vincolo di pareggio di bilancio dalla Costituzione. Abolizione del debito pubblico. Emissione di moneta a credito di proprietà popolare. Piena attuazione dell’art. 11 della Costituzione. Superamento della NATO. Neutralità e disarmo. Ritiro di ogni sanzione internazionale che non sia nei confronti di soggetti destinatari di provvedimenti giudiziali definitivi esecutivi. Ritiro di ogni sanzione nei confronti di popolazioni o di categorie di persone. Divieto di coinvolgimento diretto o indiretto dell’Italia in operazioni belliche. Istituzione di tribunale internazionale per i crimini di guerra nel conflitto ucraino. Commissioni di inchiesta parlamentari sulla responsabilità a qualunque titolo dei membri del Governo Draghi Mario e di tutti i parlamentari uscenti, in particolare per individuare loro connessioni dirette o indirette con soggetti privati o enti stranieri. Stop immediato di forniture militari a Paesi in guerra. Promozione di organo interparlamentare tra Paesi europei aperto anche a paesi extraeuropei diretto a promuovere la risoluzione non violenta dei conflitti internazionali con metodi di dialogo e di cooperazione.
  4. Disciplina dei flussi migratori. Progetti di sviluppo sui territori di provenienza dei migranti. Rispetto assoluto della dignità umana dei migranti. Utilizzo delle basi militari Nato e americane presenti in Italia per lo smistamento dei migranti in territorio nazionale e in territori di altri Stati, secondo accordi multilaterali di equa ripartizione di responsabilità e di solidarietà umana. Rimpatrio di migranti violenti e che vivono in Italia su crimine, delinquenza, spaccio, sfruttamento della prostituzione.
  5. Divieto di diffusione dell’ideologia gender fluid e/o transgender nelle scuole pubbliche o private di qualsiasi livello. Lotta a tutte le discriminazioni. Riforma scolastica con ripristino del Maestro unico per la scuola elementare e del Preside a tutti i livelli. Ripristino delle materie letterarie. Riduzione dell’orario scolastico. Affiancamento all’attività scolastica di attività di doposcuola o di tempo prolungato fondate su sport, musica, arte e artigianato. Protezione della famiglia. Potenziamento di asili nido e di scuole materne e sostegno delle famiglie per il pagamento delle rette. Aumento delle ore lavorative libere per maternità e paternità. Contrasto della maternità surrogata. Supporto alla maternità e superamento dell’aborto come metodo contraccettivo ex post. Difesa della vita dal concepimento alla morte naturale. Aggravamento della sanzione penale per omicidio del consenziente e per chi istiga al suicidio. Contrasto all’artificio di laboratorio nel concepimento della vita, alla sperimentazione embrionale, alla manipolazione genetica, alla maternità surrogata, ad ogni dottrina o pratica eugenetica e transumanista. Moratoria 5G e commissione parlamentare di inchiesta su tutte le implicazioni sanitarie, di privacy e di conflitto di interessi. Dismissione di ogni progetto sullo sfruttamento dell’energia nucleare. Smantellamento dei siti nucleari e loro cambio di destinazione per fini di utilità sociale.
  6. Abolizione del canone RAI. Abolizione del bollo auto. Abolizione di bolli e tassa di registro per il trasferimento di proprietà di automezzi. Abolizione di bolli per certificati pubblici di ogni genere. Abolizione della tassa di registrazione di contratti di comodato e di locazione, sia a fini abitativi e che commerciali. IVA al 4% per bevande vegetali e servizi per il benessere della persona. Iva al 10% per ogni altro bene o servizio. Aliquota IRPEF del 5% per redditi netti annui inferiori ad €. 15.000; aliquota del 10% per redditi tra 15.000,01 netti annui a €. 30.000 netti annui; aliquota al 15% per redditi tra €. 30.000,01 netti annui e €. 100.000 netti annui; aliquota del 20% per redditi netti annui superiori a €. 100.000. Detrazione di ogni spesa sanitaria di tipo diagnostico e di tipo terapeutico. Detrazioni nella misura del 20% delle spese veterinarie per animali domestici. Detrazioni totali per spese veterinarie per soccorso di animali di strada. Sburocratizzazione e semplificazione delle procedure di gestione di qualunque attività del terzo settore di solidarietà nei confronti di minori abbandonati o disabili, anziani non autosufficienti, ragazze madri, disabili psichici e fisici in genere e loro sottrazione all’ordinario sistema fiscale e tributario. Sburocratizzazione e semplificazione delle procedure di gestione di canili e di rifugi per animali in genere e loro sottrazione all’ordinario sistema fiscale e tributario. Abolizione dell’IMU fino alla terza casa per nucleo familiare.

Esdebitamento del cittadino e delle imprese nei confronti di Banche e Finanziarie. Sanatoria tombale d’ufficio per cartelle esattoriali e ruoli in genere. Sanatoria tombale d’ufficio di irregolarità edilizie che non comportino pericolo per la pubblica incolumità. Nazionalizzazione di ogni servizio pubblico essenziale, tra cui acqua pubblica, energia elettrica, gas, internet, accesso al credito, tutela del risparmio. Abolizione delle accise e imposizione di prezzo politico del carburante. Defiscalizzazione di canoni di affitto e di locazione per proprietari che accettino volontariamente le politiche governative di calmierazione dei canoni mensili. Supporto straordinario alle imprese, con costo del lavoratore a carico dello Stato nella misura dell’importo erogato a titolo di reddito di cittadinanza. Stipendio minimo per contratto a tempo pieno di €. 1500 mensili e oneri pensionistici integralmente a carico del pubblico. Ritorno all’industria pubblica. Pensioni minime a 1000 euro mensili. Contrasto di ogni tentativo di abolizione della moneta contante.

  1. Divieto di lobbing nei confronti di eletti in Istituzioni a qualunque livello e sanzioni penali gravi per chi tenti di condizionare la spesa pubblica fuori dal pubblico dibattito. Estensione della normativa antimafia ad ogni sistema di corruzione. Cessazione di ogni segreto di Stato, industriale, militare, senza eccezione alcuna. Aumento della spesa pubblica per la giustizia, assunzione straordinaria di personale e di magistrati. Riforma del processo civile e penale. Abolizione di tribunali amministrativi e di commissioni tributarie. Riforma del processo innanzi alla Corte di Cassazione. Introduzione di ricorso diretto alla Corte Costituzionale attraverso il mandato di almeno 50.000 cittadini e contestuale divieto di retribuzione dell’avvocato per il ricorso medesimo. Soppressione di ogni segreto di Stato sugli atti connessi a stragi di Stato e delitti ancora in parte non integralmente accertati in sede giudiziaria. Sospensione dei termini di prescrizione dei reati nei processi in cui compaiono fatti coperti da segreti di Stato. Divieto di omissis in atti parlamentari, compresi gli atti delle commissioni nazionale e regionali antimafia. Riapertura di specifica commissione parlamentare sulla P2 e su altre associazioni segrete operanti anche solo parzialmente in Italia.
  2. Strenua difesa dell’ambiente. Bonifica ambientale di siti di estrazione e raffinerie. Rimozione degli ecomostri. Difesa delle foreste. Piano straordinario per impedire gli incendi boschivi. Bonifica di campagne, montagne, spiagge, fondali. Divieto di allevamenti intensivi e di uso di ormoni e antibiotici.

 

Per Forza del Popolo,

Data e luogo della firma innanzi al Notaio.

Roma, 12 agosto 2022        

                                                                       Avv. Lillo Massimiliano Musso

                                                           Segretario Generale di Forza del Popolo

[1]Programma elettorale di Forza del Popolo, depositato il 12.08.2022 al Ministero dell’Interno, pubblicato sul sito ufficiale del medesimo ministero all’indirizzo: https://dait.interno.gov.it/documenti/trasparenza/POLITICHE_20220925/Documenti/45/(45_progr_2_)-03_programma_e_indicazione_capo_politico.pdf

[2]Manifesto di Forza del Popolo: https://www.forzadelpopolo.org/manifesto-politico-di-forza-del-popolo/

[3]Statuto di Forza del Popolo: https://www.forzadelpopolo.org/statuto-e-regolamenti/

[4]Sito di Mille Avvocati per la Costituzione: https://www.milleavvocati.it/

[5]Sito di Mille Medici per la Costituzione: https://www.millemedici.it/

[6]Sito di Scuola per la Costituzione: https://www.scuolaperlacostituzione.it/

[7]Sito de La Nuova Norimberga: https://www.lanuovanorimberga.it/

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments