Il Dr. Anthony Fauci questa settimana ha previsto che i bambini sotto i 5 anni richiederanno un regime di tre dosi del vaccino COVID, ma le autorità sanitarie svedesi hanno detto che i vaccini non forniscono alcun beneficio ai bambini di quell’età, la Norvegia li sta rendendo facoltativi e la Danimarca sta rivedendo la sua decisione di vaccinare i bambini piccoli.

Un articolo di Michael Nevradakis, Ph.D., pubblicato su The Defender. La traduzione è a mia cura.

 

bambini-vaccini-covid

 

I bambini sotto i 5 anni probabilmente richiederanno un regime di tre dosi del vaccino COVID, ha detto il dottor Anthony Fauci durante un’intervista giovedì con Blue Star Families, un gruppo no-profit che sostiene le famiglie dei militari.

Fauci ha detto che spera che la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti autorizzi il mese prossimo il vaccino Pfizer-BioNTech per il gruppo di età più giovane, affermando:

“La mia speranza è che sia entro il prossimo mese o giù di lì e non molto più tardi, ma non posso garantirlo.

“Non posso fare previsioni sulla FDA. Devo lasciar fare a loro”.

In seguito ha chiarito in una dichiarazione alla CNBC che non è coinvolto nel processo di approvazione della FDA, dicendo:

“Non intendevo assolutamente implicare che l’autorizzazione sarebbe arrivata entro un mese. Intendevo dire che non lo sappiamo… non sono coinvolto in quella decisione”.

Due studi clinici separati del vaccino COVID di Pfizer-BioNTech sono in corso: uno che coinvolge bambini tra i 6 mesi e i 2 anni, l’altro che coinvolge bambini tra i 2 e i 4 anni.

“Due iniezioni non hanno indotto un’adeguata risposta immunitaria nei bambini dai 2 ai 4 anni negli studi clinici di Pfizer”, ha riferito la CNBC.

Durante l’intervista di giovedì Fauci ha detto, “[d]ose e regime per i bambini da 6 mesi a 24 mesi ha funzionato bene, ma si è scoperto che l’altro gruppo da 24 mesi a 4 anni non ha ancora raggiunto il livello di non inferiorità, quindi gli studi sono continuati”.

Pfizer ha detto in un comunicato stampa del 17 dicembre 2021 che intende presentare i dati alla FDA durante la prima metà di quest’anno se lo studio a tre dosi avrà successo, aggiungendo che l’azienda non ha identificato alcun problema di sicurezza con le dosi da 3 microgrammi somministrate ai bambini che partecipano a entrambe le prove.

In confronto, gli adulti ricevono due dosi da 30 microgrammi come parte della serie primaria a due dosi.

All’inizio di questo mese, il 3 gennaio, la FDA ha esteso l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) di Pfizer per una dose di richiamo del suo vaccino COVID per i 12-15 anni.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità la scorsa settimana ha detto che non ci sono prove che i bambini e i giovani adulti sani abbiano bisogno di dosi di richiami per COVID.

Il vaccino Pfizer-BioNTech è anche l’unico vaccino COVID attualmente autorizzato per la somministrazione a bambini dai 5 agli 11 anni.

La dottoressa Rochelle Walensky, direttrice dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ha dichiarato all’inizio di gennaio che non ci sono prove che la variante Omicron causi malattie più gravi nei bambini, se paragonata ai ceppi precedenti del virus, sollevando dubbi sulla necessità di vaccinare i bambini piccoli.

Come precedentemente riportato da The Defender, la spinta ad autorizzare i vaccini COVID per i bambini più piccoli potrebbe essere legata al fatto che i produttori di vaccini beneficiano delle protezioni legali per i vaccini infantili.

Secondo il National Childhood Vaccine Injury Act del 1986, quando il Comitato consultivo per le pratiche di immunizzazione del CDC inserisce un vaccino nel programma obbligatorio dei vaccini per l’infanzia, i produttori di vaccini sono protetti dalla responsabilità per i reclami per lesioni.

Tuttavia, finché il suo vaccino COVID per i bambini rimane sotto EUA, Pfizer beneficerà anche delle protezioni di responsabilità previste dal Public Readiness and Emergency Preparedness Act – così in entrambi i casi, il produttore di vaccini non sarà ritenuto responsabile se il suo prodotto danneggierà i bambini piccoli.

Mentre gli Stati Uniti spingono per i vaccini COVID per i bambini a partire dai 6 mesi, le autorità sanitarie pubbliche svedesi questa settimana hanno annunciato che non raccomanderanno i vaccini per i bambini tra i 5 e gli 11 anni.

Britta Bjorkholm, un funzionario dell’Agenzia della Salute della Svezia, ha dichiarato: “Con le conoscenze che abbiamo oggi, con un basso rischio di malattie gravi per i bambini, non vediamo alcun chiaro beneficio nel vaccinarli”.

La Norvegia ha scelto di rendere i vaccini COVID facoltativi per i bambini dai 5 agli 11 anni.

L’Istituto norvegese di salute pubblica ha dichiarato che il rischio di malattia grave nei bambini che è portato da COVID è piccolo, e che di conseguenza, la necessità per i bambini di ricevere un vaccino COVID è limitata.

L’annuncio della Norvegia, a sua volta, ha spinto la Società Pediatrica Danese a chiedere che l’Autorità Sanitaria della Danimarca riveda la sua decisione di raccomandare la vaccinazione COVID-19 per i bambini in Danimarca.

 

 

 

 

Facebook Comments