Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieber pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Mark Zuckerberg, presidente e fondatore di Facebook
Mark Zuckerberg, presidente e fondatore di Facebook

 

Facebook ha censurato i contenuti relativi al COVID-19, che potrebbe essere stato creato dall’uomo, a causa delle pressioni esercitate dall’amministrazione del presidente Joe Biden, secondo quanto emerge dalle e-mail recentemente pubblicate.

Nick Clegg, responsabile degli affari globali di Facebook, in uno dei messaggi del luglio 2021 chiedeva ai colleghi perché Facebook stesse “rimuovendo – piuttosto che smitizzare/etichettare – le affermazioni secondo cui Covid è prodotto dall’uomo?”.

“Perché eravamo sotto pressione da parte dell’amministrazione e di altri per fare di più”, ha scritto un altro dipendente di Facebook.

Facebook ha rimosso diverse affermazioni perché i cosiddetti fact checker le hanno etichettate come false, anche se Facebook non ha valutato i post come causa di danni, secondo il dipendente.

“Abbiamo smesso di rimuovere l’affermazione fatta dall’uomo a maggio e ora stiamo spostando le altre tre affermazioni (covid è nuovo/brevettato) da rimuovere a ridurre e informare”, ha aggiunto il dipendente.

Meta, che possiede Facebook, e la Casa Bianca non hanno risposto alle richieste di commento.

Le e-mail sono state rese note dal rappresentante Jim Jordan (R-Ohio), che presiede la Commissione giudiziaria della Camera, dopo che la commissione le ha ottenute da Facebook.

I documenti “rivelano che Facebook si è piegata alle pressioni della Casa Bianca di Biden per rimuovere i post”, ha dichiarato Jordan in un comunicato.

Facebook ha annunciato nel 2020 che avrebbe rimosso o limitato i post che offrivano determinate opinioni sul COVID-19, compresi quelli che presumibilmente contenevano “disinformazione dannosa sul COVID-19”. Tra questi vi erano post che sostenevano che il distanziamento sociale fosse inefficace nel prevenire la diffusione del COVID-19, secondo Facebook.

Alcuni post sono stati lasciati attivi ma con etichette di avvertimento e non hanno potuto essere diffusi alla normale velocità.

Nel febbraio 2021, Facebook ha aggiunto quattro affermazioni specifiche all’elenco di quelle che sarebbero state rimosse, tra cui che “il COVID-19 è prodotto o fabbricato dall’uomo” e che i vaccini “non sono efficaci nel prevenire la malattia da cui sono destinati a proteggere”.

Dati successivi hanno dimostrato che i vaccini forniscono una scarsa protezione contro la COVID-19, e alcuni dati indicano che i vaccinati hanno maggiori probabilità di infettarsi.

L’azienda ha dichiarato in un aggiornamento del maggio 2021: “Alla luce delle indagini in corso sull’origine del COVID-19 e in consultazione con gli esperti di salute pubblica, non rimuoveremo più l’affermazione che il COVID-19 è prodotto dall’uomo o dalle nostre applicazioni”.

“Continuiamo a collaborare con gli esperti di salute pubblica per tenere il passo con l’evoluzione della natura della pandemia e aggiorniamo regolarmente le nostre politiche in base all’emergere di nuovi fatti e tendenze”, ha dichiarato l’azienda.

I primi casi di COVID-19 sono stati rilevati a Wuhan, in Cina, nel 2019. Un laboratorio del luogo stava conducendo esperimenti sui coronavirus dei pipistrelli. Alcuni esperti ritengono che il virus possa provenire dal laboratorio, mentre altri ritengono che provenga dagli animali.

 

Pressioni per censurare i contenuti reali

I funzionari dell’amministrazione hanno ripetutamente sollecitato le aziende a censurare i contenuti che presumibilmente promuovevano “l’esitazione da vaccino” o che avrebbero scoraggiato le persone dal ricevere uno dei vaccini COVID-19, come dimostrano i documenti pubblicati dai querelanti nelle cause legali.

La Casa Bianca voleva anche che Facebook rimuovesse “contenuti umoristici o satirici che suggeriscono che il vaccino non è sicuro”, secondo un altro messaggio reso pubblico da Jordan. Questo includeva un meme che suggeriva che le persone vaccinate avrebbero avuto diritto a un risarcimento negli anni futuri.

In un altro messaggio, un dipendente di Facebook ha affermato che il Surgeon General Vivek Murthy, nominato da Biden, “vuole che rimuoviamo le informazioni veritiere sugli effetti collaterali se l’utente non fornisce informazioni complete sul fatto che l’effetto collaterale sia raro e curabile”.

“Non raccomandiamo di seguire questa pratica”, ha dichiarato il dipendente.

Al contrario, Facebook ha detto che permetteva alle persone di postare sugli effetti collaterali dei vaccini, ma che se il contenuto fosse stato “presentato in modo sensazionale o scioccante o avesse promosso il rifiuto del vaccino”, l’azienda avrebbe declassato il contenuto e aggiunto un’etichetta con un link a “informazioni accurate e autorevoli”.

Il dipendente ha detto che: “Riteniamo che la spinta informativa combatta parzialmente le informazioni incomplete, dando al contempo agli utenti lo spazio per esprimere le loro opinioni e condividere le loro esperienze personali”.

Tuttavia, Facebook ha rimosso completamente alcuni post personali, secondo una causa intentata quest’anno contro il governo. Brianne Dressen, che è stata danneggiata dal vaccino di AstraZeneca, ha visto rimuovere il suo post in cui parlava della sua esperienza.

In un comunicato precedente, si vedeva un dipendente di Facebook dire ai funzionari della Casa Bianca che Facebook era “concentrato sulla riduzione della viralità dei contenuti che scoraggiano i vaccini e che non contengono informazioni utili”.

“Si tratta di contenuti spesso veri”, ha scritto il dipendente.

 

Aumento dell’astio

Mentre Facebook ha parlato di resistere alle pressioni della Casa Bianca, Clegg ha ammesso che potrebbero essere necessarie ulteriori azioni.

“Sheryl vuole che continuiamo a esplorare alcune mosse che possiamo fare per dimostrare che stiamo cercando di rispondere alla WH”, ha scritto Clegg in un altro messaggio pubblicato il 28 luglio, riferendosi al direttore operativo di Facebook Sheryl Sandberg.

“La mia sensazione è che il nostro attuale percorso – in effetti ci spieghiamo meglio, ma non ci spostiamo su dove tracciamo le linee… – sia una ricetta per un’acrimonia prolungata e crescente con la WH, mentre l’introduzione del vaccino continua a stentare durante l’autunno e l’inverno”, ha scritto Clegg. Ha chiesto idee creative per “rispondere alle loro preoccupazioni”.

Nell’autunno del 2021 Facebook ha annunciato un giro di vite nei confronti di persone descritte dalla Casa Bianca come i principali diffusori di disinformazione. L’azienda ha dichiarato che sono state rimosse più di 26 pagine associate a queste persone.

Robert F. Kennedy Jr. era una di queste persone. Ora candidato democratico alla presidenza, ha recentemente unito il suo caso a quello del Missouri contro Biden, che ha generato la maggior parte dei documenti che mostrano la presunta campagna di pressione governativa illegale.

Zachary Stieber

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments