Vi propongo un articolo scritto da Anne Hendershott, professoressa di sociologia, sulla a dir poco curiosa politica di Facebook che ha riabilitato sulla sua piattaforma social, sotto certe condizioni, un gruppo neonazista ucraino chiamato Battaglione Azov. Potremo dunque mettere il “mi piace” (si fa per dire) a questo gruppo che si è macchiato di massacri spaventosi ai danni di civili e prigionieri, specie in Donbass. 

L’articolo è stato pubblicato su Crisis Magazine, e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Ucraina, Battaglione Azov - Photo: Azov Battalion in 2020 (Credit: SERGEI SUPINSKY/AFP via Getty Images)
Ucraina, Battaglione Azov – Photo: Azov Battalion in 2020 (Credit: SERGEI SUPINSKY/AFP via Getty Images)

 

Secondo i materiali di politica interna che sono stati condivisi con i giornalisti di The Intercept, Facebook ha annunciato che ha cambiato la sua politica verso il Battaglione Azov, un’unità militare neonazista ucraina che era stata bandita dal sito in base alla sua politica di individui e organizzazioni pericolose. Facebook ora permetterà agli utenti di lodare e promuovere il battaglione, una volta bandito, ora che sta combattendo l’invasione russa.

Ora possiamo tutti essere “amici” con il gruppo terroristico neonazista – non importa quanto spregevole possa essere – perché stanno combattendo contro il nemico dell’Ucraina.

The Intercept riporta che Facebook permetterà agli utenti di sostenere il Battaglione Azov, purché i post lodino esplicitamente ed esclusivamente il ruolo dell’organizzazione neonazista nella difesa dell’Ucraina o il loro ruolo come parte della Guardia Nazionale Ucraina. Esempi di discorsi che Facebook ora trova accettabili includono: “I volontari del movimento Azov sono veri eroi, sono un supporto indispensabile alla nostra guardia nazionale”; “Siamo sotto attacco. Azov sta coraggiosamente difendendo la nostra città da 6 ore”; e “Penso che Azov stia giocando un ruolo patriottico durante questa crisi”.

Facebook sta semplicemente riconoscendo che se Azov è un nemico efficace e spietato della Russia, deve essere nostro amico. Ma su questo si sbagliano. Il Battaglione Azov è stato un gruppo odioso e pericoloso fin dalla sua formazione nel 2014 come unità militare di fanteria di estrema destra, tutta volontaria, emergente dal gruppo nazionalista/terrorista Patriota dell’Ucraina e dal gruppo neonazista Assemblea Socio-Nazionale. Entrambi questi gruppi si sono impegnati in ideali neonazisti e hanno attaccato i migranti, i membri della comunità rom, la comunità LGBTQ, e chiunque si opponesse alle loro opinioni.

Andriy Biletsky, il fondatore di Azov, che ha servito come leader sia del Patriota d’Ucraina che della SNA, ha detto che lo scopo nazionale dell’Ucraina era di “guidare le razze bianche del mondo in una crociata finale per la loro sopravvivenza, una crociata contro i semiti Untermenschen” – un termine tedesco per “subumani” con radici nella propaganda nazista.

Secondo la rivista TIME nel 2021, la polizia ucraina aveva a lungo trattato l’organizzazione di Biletsky, Patrioti dell’Ucraina, come un gruppo terroristico neonazista. Il soprannome di Biletsky all’interno del gruppo era Bely Vozhd, o Regnante Bianco. Ma tutto questo è cambiato dopo il successo di Azov nel combattere i russi nel 2014. Il TIME ha concluso che tra le milizie che si sono formate per resistere alle forze russe, i seguaci di Biletsky ad Azov erano i “più disciplinati e pronti alla battaglia… Hanno tenuto la linea anche dopo che tutti se ne sono andati”.

Per il loro coraggio sul campo di battaglia, Biletsky e altri comandanti di Azov sono stati lodati come eroi nazionali. Azov ha combattuto con successo in prima linea nel 2014 contro i separatisti filorussi nella regione orientale dell’Ucraina ed è stato ufficialmente integrato nella Guardia Nazionale dell’Ucraina il 12 novembre 2014, ricevendo elogi dall’allora presidente Petro Poroshenko che li ha chiamati “i nostri migliori guerrieri” in una cerimonia di premiazione.

A causa del suo successo nel guidare il battaglione neonazista – e il suo uso sapiente di Facebook e altri social media – Biletsky ha vinto un seggio in parlamento nel 2014. In una dichiarazione al TIME nel 2021, Facebook ha difeso i suoi tentativi di affrontare la proliferazione degli estremisti di destra, dicendo che ha vietato più di 250 gruppi di suprematisti bianchi: “Man mano che evolvono i loro sforzi per tornare sulla piattaforma, aggiorniamo i nostri metodi di applicazione con la tecnologia e le competenze umane per tenerli fuori”. Azov era uno di quei gruppi banditi.

Quei giorni sono finiti perché Azov sembra essere stato entusiasticamente riaccolto su Facebook, nonostante il fatto che il gruppo sia stato accusato di abusi dei diritti umani – compresa la tortura – in un rapporto di ricerca pubblicato nel 2016 da Human Rights Watch e dalle Nazioni Unite. Persino il New York Times ha definito il battaglione “apertamente neonazista” nel 2015. L’Azov non cerca nemmeno di nascondere le sue inclinazioni naziste, usando ancora il simbolo del Gancio del Lupo sulle loro uniformi, un simbolo che è stato a lungo associato alla divisione Waffen-SS nella Germania nazista.

Quando Vladimir Putin ha giurato di “denazificare” l’Ucraina, la maggior parte dei commentatori ha liquidato la sua retorica come le farneticazioni di un pazzo. Molte fonti dei media, come il Washington Post, hanno liquidato Putin sottolineando che il presidente ebreo dell’Ucraina Zelensky aveva “perso la famiglia nell’Olocausto”. Ma la verità è che c’è stata una presenza neonazista in Ucraina per molto tempo. Azov è stata una parte importante di quella presenza – con l’incoraggiamento della leadership del paese.

Nel gennaio 2018, Azov si è impegnato a “ristabilire l’ordine in Ucraina” formando l’unità di pattuglia di strada Druzhina nazionale che ha eseguito pogrom contro le comunità rom e LGBTQ. Secondo The Nation, Azov ha monitorato i sondaggi nelle elezioni presidenziali di quell’anno.

Mentre il Congresso ha tentato di vietare ad Azov di ricevere armi e addestramento dagli Stati Uniti nel 2017, un rapporto del Daily Beast pubblicato lo stesso anno, intitolato “Gli Stati Uniti quanti neonazisti stanno sostenendo in Ucraina”, ha indicato che i suprematisti bianchi avevano pieno accesso agli aiuti degli Stati Uniti. Nel 2018, è stato riferito che Azov aveva ricevuto lanciagranate americani.

Per Putin, la città portuale ucraina di Mariupol è importante perché fornisce un corridoio di terra dal Donbas alla Crimea. Mariupol è stato il più grande porto commerciale nel Mar d’Azov da cui l’Ucraina esporta grano, ferro e acciaio e macchinari pesanti. Ma, in qualche modo Mariupol è ancora più importante per Putin simbolicamente perché è la base del Battaglione Azov – l’epicentro di ciò che Putin vede come necessario da distruggere per raggiungere il suo obiettivo di de-nazificazione dell’Ucraina.

È difficile sapere la verità su quanto lontano si spingerà Azov per vincere questa guerra. Il Guardian ha sottolineato che la propaganda russa ha affermato che i combattenti di Azov sono responsabili dell’uccisione di civili e della distruzione a Mariupol. Pedro Gonzalez ha recentemente riferito in The American Conservative che nei giorni precedenti il bombardamento del Teatro Drammatico Regionale di Donetsk a Mariupol, i rapporti locali hanno avvertito che, al fine di spingere gli Stati Uniti a sostenere una no-fly zone, il Battaglione Azov stava progettando un’operazione sotto falsa bandiera al teatro in cui i civili sarebbero stati messi in pericolo o addirittura uccisi davanti agli occhi del mondo.

Forse non sapremo mai la verità. Ma poiché Facebook permette al mondo di mettere “mi piace” al Battaglione Azov – e lodare la sua eroicità – il sito di social media fornirà un eccellente strumento di reclutamento per i suprematisti bianchi in tutto il mondo per unirsi alla lotta. Allo stesso tempo che Facebook continua a rimuovere dalla sua piattaforma i gruppi conservatori e gli individui negli Stati Uniti, la rivista TIME ha indicato che Azov ha efficacemente utilizzato Facebook per reclutare, radicalizzare e formare nuovi membri.

Per il resto di noi, sarà sempre più difficile determinare esattamente chi sono i nostri amici. La presenza di gruppi neonazisti in Ucraina non può essere negata, ma questo viene ora contestato anche all’interno della comunità cattolica, come dimostra il dibattito tra George Weigel e l’arcivescovo Vigano. Forse è il momento di riconoscere che a volte il nemico di un nemico dovrebbe rimanere un nemico per il resto di noi.

 

Anne Hendershott è professoressa di sociologia e direttrice del Veritas Center for Ethics in Public Life alla Franciscan University of Steubenville, OH. È autrice di The Politics of Envy (Crisis Publications, 2020).

 

 

Facebook Comments