Le testimonianze di persone che, anche dopo anni, rimpiangono la loro “transizione” al sesso biologico opposto, (di cui vi abbiamo parlato qui, qui e qui) oggi si arricchiscono di quella di un uomo canadese che, dopo quasi vent’anni vissuti “da donna”, oggi lotta contro una proposta di legge che potrebbe vietare ciò che lui sostiene gli abbia salvato la vita.

Ve ne parliamo in questo articolo di Lianne Laurence, pubblicato su LifeSiteNews,  tradotto da Annarosa Rossetto.

Robert John Wenman

Robert John Wenman

 

“Temo che se questa proposta di legge verrà approvata, si impedirà alle persone LGBTQ che stanno lottando con problemi di salute mentale di ottenere l’aiuto necessario”

 

Un uomo canadese che ha subito iniezioni di ormoni e interventi chirurgici per vivere diciotto anni come donna supplica i politici del suo paese di non procedere con il divieto al tipo di consulenza che secondo lui gli ha salvato la vita aiutandolo a tornare di nuovo a vivere secondo il suo sesso biologico maschile.

“Temo che se questa proposta di legge verrà approvata, si impedirà alle persone LGBTQ che stanno lottando con problemi di salute mentale di ottenere l’aiuto necessario “, ha dichiarato Robert John Wenman a proposito di Bill S-202, che vorrebbe vietare la terapia che aiuta le persone LGBT a superare condizioni sessuali indesiderate. Il disegno di legge è ora davanti al Senato.

Wenman ha tratteggiato in un video come ha vissuto come donna dal 1994 al 2012 dopo essere arrivato a credere che la “chirurgia di riassegnazione del sesso” sarebbe stata la “soluzione definitiva” a quelli che ha descritto come “problemi emotivi profondi da tutta la vita e complessi di inferiorità.”

Aveva previsto una “nuova vita, per sempre felice” subito dopo l’intervento chirurgico e aveva pensato di aver finalmente chiuso il capitolo di una vita infelice. Il nuovo capitolo di Wenman includeva il pieno riconoscimento legale della sua nuova identità di donna. Ha ottenuto una nuova patente di guida e una tessera sanitaria con il suo nuovo nome “Rebecca” insieme alla foto dall’aspetto femminile. La società progressista canadese ebbe solo incoraggiamenti e lodi per la scelta dell’uomo di usare un nome femminile e presentarsi come donna.

“Sfortunatamente, la mia euforia post riassegnazione di genere è crollata e sfumata”, ha raccontato Wenman nel video.

“Tutti i miei ineludibili carichi emotivi sono tornati con intensità maggiore. Ora ero in profonda depressione e cercavo aiuto poiché la mia completa transizione di genere mi aveva lasciato emotivamente paralizzato in una prigione di paura, vergogna e senso di colpa”, ha aggiunto.

 

 

Wenman ha affermato che la consulenza medica e professionale non ha contribuito ad alleviare la sua “grave ansia emotiva” che stava paralizzando la sua vita.

“In verità, l’intervento di “riassegnazione del sesso” ha solo peggiorato i miei problemi emotivi”, ha detto. “Ricordo di essere andato dal mio medico di famiglia e di essere scoppiato in lacrime, arrivando a rendermi conto che la mia transizione di genere era un fallimento”.

Wenman racconta di essersi trovato in un “periodo molto buio”, chiedendosi come continuare a vivere in quell’incubo in cui si era trovato.

Cercando di trovare un modo per “alleviare il dolore”, ha persino contemplato il suicidio.

Alla fine, Wenman aveva iniziato a capire attraverso l’introspezione che il suo tumulto emotivo faceva parte di una più grande battaglia “spirituale” che veniva condotta contro la sua anima. E la battaglia non stava solo influenzando la sua stessa vita, ma la vita delle persone che lo circondavano, compresi la sua famiglia, i suoi amici e la società in generale.

“Stavo dolorosamente sperimentando le conseguenze di non vivere nella verità. C’è stata una guerra spirituale contro la mia identità spirituale non realizzata che ha avuto effetti a catena non solo su me stesso ma anche su famiglia, amici, conoscenti e società che sono stati costretti ad accettare qualcosa di oggettivamente falso”, ha detto.

Wenman alla fine è arrivato ad accettare il suo sesso biologico di maschio e ha visto che si trattava di una “benedizione, non di un errore”.

Wenman ha quindi iniziato a frequentare una “fondamentale, chiesa basata sulla Bibbia”, dove ricevette il consiglio che dice gli “ha salvato la vita”.

“Ho riconosciuto nella mia coscienza e nella mia anima che avere il nome e l’identità di una donna fosse falso, nonostante gli ormoni, la chirurgia e il riconoscimento legale per poter vivere come donna”, ha detto.

Sentiva che tutti i suoi sforzi per vivere come donna non erano altro che “un vano tentativo di rimodellare la mia creazione, come l’argilla che desse ordini al Vasaio”.

“Lo spirito santo della verità di Dio mi stava aprendo gli occhi e ammorbidendo il mio cuore verso la verità assoluta. Mi sono convinto di dover vivere nella verità e quindi sono tornato alla mia identità con il mio nome maschile di nascita. Ho imparato ad essere grato per quello che sono e per quello che ho, incluso il mio sesso biologico, e per le molte benedizioni di Dio nella mia vita”, ha detto Wenman.

La legge “Bill S-202”: criminalizzare l’aiuto 

Wenman ora accusa il governo progressista di voler mettere fuorilegge l’aiuto che lui ha ricevuto e che gli ha salvato la vita. Campaign Life, gruppo nazionale canadese di pressione politica pro-life e pro-family, ha inviato la sua testimonianza la scorsa settimana a tutti i senatori e parlamentari del paese.

Il Bill S-202, ora in discussione al Senato, avrebbe criminalizzato la cosiddetta terapia di conversione che viene definita come:

“qualsiasi pratica, trattamento o servizio ideato per modificare l’orientamento sessuale o l’identità di genere di una persona o per eliminare o ridurre l’attrazione o il comportamento sessuale verso persone dello stesso sesso. Si precisa che questa definizione non include il cambiamento chirurgico del sesso o altri servizi correlati.”

Data questa definizione, il Bill S-202 non solo impedirà alle persone di chiedere aiuto per un’attrazione indesiderata verso lo stesso sesso, ma impedirà anche a persone come Wenman di ricevere aiuto per accettare il proprio sesso biologico, sottolinea Jack Fonseca, direttore delle azioni politiche di Campaign Life.

“Qualsiasi tipo di terapia clinica o consulenza spirituale per aiutare una persona a superare la confusione dell’identità di genere e ad accettare la sua realtà corporea, incluso il sostegno pastorale che Robert ha ricevuto nella sua chiesa battista, sarà definita come ‘terapia di conversione’ e quindi diventerà illegale”, ha detto a LifeSiteNews.

“Immaginiamo che l’S-202 sia diventato legge oggi, e spostiamo avanti l’esperienza di Robert a domani. In questo scenario ipotetico, lo stesso pastore a cui Robert ha attribuito il merito di avergli salvato la vita, avrebbe dovuto affrontare fino a cinque anni di prigione … e Robert potrebbe essere morto per suicidio.”

Wenman ha dichiarato nella sua video testimonianza di essere la prova vivente che la terapia lo ha aiutato a superare la sua illusione di essere una donna nel corpo di un uomo.

“Sono un maschio che ha vissuto come donna dal 1994 al 2012 e confuto l’insinuazione che tutte le persone LGBTQ+ possano essere emotivamente traumatizzate per aver subito una terapia di conversione”, ha detto.

Fonseca ha affermato che il Paese non dovrebbe vietare terapie e consulenze utili e terapeutiche per le persone con condizioni sessuali indesiderate. “Stiamo parlando di terapie amorevoli e standardizzate. Non c’è nulla di forzato al riguardo; la gente ci va volontariamente”, ha detto.

Ma non è quello che i Canadesi o i politici sentono dai media e dagli attivisti LGBTQ quando essi parlano di terapia di “conversione”.

“In questo preciso momento, media scorretti e attivisti LGBT ancora più scorretti vanno in giro per il paese mentendo e sostenendo che gay e lesbiche vengono sottoposti ad elettroshock, sono reclusi e torturati da chiese e psicoterapeuti che praticano la terapia di ‘conversione’,” ha osservato Fonseca.

“E questa è una bugia”, ha detto. “Volevamo essere sicuri che i nostri senatori e parlamentari avessero l’opportunità di vedere l’altra versione della storia, che in realtà è l’unica versione vera della storia.”

Questo include testimonianze come quella di Wenman, che ora chiede a senatori e parlamentari di votare contro l’S-202.

“Mi appello alla vostra coscienza e vi prego di considerare le implicazioni nell’approvare un disegno di legge basato sul politicamente corretto senza approfondire correttamente la verità”, dice Wenman.

“Devo sottolineare: dobbiamo dire la verità con amore e comprensione e rispettando sempre la dignità della persona. Dobbiamo conoscere la verità, anche quando fa male. ”

 

Facebook Comments
image_print
1