I media tradizionali stanno sopprimendo le informazioni sull’efficacia dell’Ivermectina come trattamento per il coronavirus, secondo un ex reporter di un’affiliata della FOX. 

Ne parla Matt Lamb nel suo articolo pubblicato su Lifesitenws, che vi presento nella mia traduzione.

 

Ivory-Hecker-ex-giornalista-di-Fox
Ivory Hecker, ex giornalista di affiliata Fox

 

I media tradizionali stanno sopprimendo le informazioni sull’efficacia dell’Ivermectina come trattamento per il coronavirus, secondo un ex reporter di un’affiliata della FOX.

Ivory Hecker ha detto che FOX l’ha censurata quando ha cercato di riferire sull’efficacia della Ivermectina. Ha postato recentemente un video che sembra includere filmati del 2020 che il suo datore di lavoro non ha mandato in onda.

Il dottor Joseph Varon è indicato come il “Cacciatore di COVID”. Ha fatto centinaia di apparizioni sui media nelle stazioni di notizie negli Stati Uniti e a livello internazionale.

Ha anche avuto molto successo nel trattamento della COVID perché ha usato farmaci come l’Ivermectina e l’idrossiclorochina (HCQ) per trattare la COVID.

“Quasi tutti i giornali non hanno riportato [la notizia]”, ha detto Hecker, che l’uso dei farmaci da parte di Varon lo ha aiutato a raggiungere un basso tasso di mortalità per i pazienti che cura negli ospedali.

Hecker ha intervistato Baron, e lui ha detto che i media non avrebbero incluso i suoi commenti sull’Ivermectina nei loro servizi.

“Non ho problemi a dire alla gente che questo è un farmaco [parla della idrossiclorochina]. Che prenderei io stesso se dovessi ammalarmi e dovessi essere in ospedale”, ha detto Varon l’anno scorso a un giornale locale di Houston.

La copertura [della notizia] di Hecker, secondo quanto riferito, ha attirato l’ira dei funzionari governativi ma il plauso di altri.

“Le redazioni americane evitano attivamente [di riportare] questa storia di vita e di morte che cambia il mondo. L’Ivermectina viene nascosta sotto gli occhi di tutti mentre i burocrati cercano scuse per non usare medicine economiche che funzionano. Com’è possibile?” Ha scritto Bret Weinstein su Twitter.

L’idrossiclorochina, che è economica e ampiamente disponibile, è un farmaco usato per trattare la malaria, il lupus e l’artrite.

“Una ricerca pubblicata da medRxiv questa settimana ha scoperto che l’idrossiclorochina, quando accoppiata con l’azitromicina, potrebbe aumentare il tasso di sopravvivenza del coronavirus di quasi il 200% nei pazienti ventilati che hanno una forma grave di COVID-19″, il Washington Examiner ha riportato l’11 giugno.

“Pochi mesi dopo, l’Henry Ford Health System ha pubblicato uno studio che ha dimostrato che l’idrossiclorochina ha aiutato i suoi pazienti gravemente malati di coronavirus a guarire”, ha riferito la testata.

 

 

Facebook Comments