Il Times di Londra ha intervistato cinque esperti che si sono dimessi dalla Tavistock Clinic, l’unico centro del Servizio Sanitario Nazionale per il trattamento dei bambini che credono di essere “transgender”. Tali medici hanno chiesto che sia posta fine alle sue procedure sperimentali che hanno effetti irreversibili sui bambini.

Di seguito un articolo di Dorothy Cummings McLean nella mia traduzione.

Adolescente triste

Ex dipendenti di una clinica transgender per bambini finanziata con fondi pubblici hanno chiesto che sia posta fine alle sue procedure sperimentali.

Nell’ambito degli articoli top di oggi, il Times di Londra ha intervistato cinque esperti che si sono dimessi dalla Tavistock Clinic, l’unico centro del Servizio Sanitario Nazionale per il trattamento dei bambini che credono di essere “transgender”. I cinque clinici sostengono tutti che il Tavistock Centre, gestito dal Gender Identity Development Service (GIDS), ha approvato “interventi medici che cambiano la vita” a bambini e adolescenti “senza prove sufficienti dei suoi effetti a lungo termine”.

Secondo il Times, i professionisti medici hanno lasciato il Centro Tavistock a causa del modo in cui sono stati trattati i bambini con dismorfie del corpo. Essi ritengono che alcuni bambini sono stati erroneamente diagnosticati come “transgender” solo perché hanno sperimentato attrazioni sessuali per lo stesso sesso.

Tutti questi medici sono stati responsabili della determinazione di quali bambini dovevano o non dovevano ricevere ormoni bloccanti che ritardano la pubertà. Nella maggior parte dei casi, i bambini a cui vengono somministrati i bloccanti della pubertà iniziano a prendere “ormoni della transizione sessuale” quando hanno 16 anni. Gli effetti di questi ormoni sono “irreversibili”.

Il Times, che non ha nominato gli ex dipendenti di Tavistock, ha detto che ai bambini era stato dato il via libera per le terapie che cambiano la vita prima che la clinica avesse stabilito le cause della loro “confusione di genere”. L’autorevole giornale ha anche riportato che il GIDS, durante una revisione interna, ha espresso rammarico per il suo sistema di riferimento e per il modo in cui è stato ottenuto e registrato il consenso dei suoi clienti minorenni.

Nel frattempo, i cinque clinici hanno anche detto che credono che gli enti di beneficenza transgender come Mermaids, gestito dall’attivista transgender Susie Green, facciano danni “promuovendo a quanto si dice la transizione come unica soluzione curativa per adolescenti confusi”.

Il Times ha intervistato anche Carl Heneghan del Centre of Evidence-based Medicine dell’Università di Oxford.  Anche lui ha descritto le terapie transgender come sperimentali.
 
“Data la scarsità di prove, l’uso di un farmaco off-label (cioè un farmaco usato per curare una condizione per la quale non è stato ufficialmente approvato) nel trattamento della disforia di genere significa in gran parte un esperimento dal vivo non regolamentato sui bambini”, ha detto.

Today’s Times, tradizionalmente il giornale dell’establishment britannico, ha dedicato quattro articoli alla controversia. Il nome del professor Henegan è apparso nelle pagine interne del giornale, questa volta con il nome sopra l’articolo di opinione (editoriale, ndr).

“Il disordine in cui ci siamo trovati con il trattamento della disforia di genere nei bambini e negli adolescenti mette in evidenza tutto ciò che riguarda l’uso attuale e la valutazione di potenti farmaci in questo gruppo di età”, ha scritto.

Heneghan ha dato esempi di ormoni e farmaci usati dalle cosiddette cliniche di riassegnazione di genere, e ha dichiarato che “tutte le cliniche usano farmaci diversi e dosi diverse”.

“Questo di per sé è preoccupante”, ha aggiunto.

Un altro articolo è focalizzato sull’influenza che gli attivisti transgender hanno sulle famiglie e sui medici. Anche se “Mermaids” e “Gendered Intelligence” negano di essere lobbisti, gli ex dipendenti di Tavistock li hanno accusati di sfruttare le famiglie e di effettuare attività di pressione sui medici.

“Mermaids dice sempre che è una questione di vita o di morte. ‘Preferiresti avere un ragazzo vivo o una ragazza morta?’ Quella narrazione delle Mermaids è ovunque”, ha detto uno degli ex medici.

Caroline Farrow, la madre cattolica che ha sofferto mesi di abusi online a causa della sua critica del movimento transgender, ha detto a LifeSiteNews di essere soddisfatta dell’articolo del Times.

“Il Times ha rivelato ciò che centinaia di migliaia di donne dicono da molto tempo”, ha detto. “I bambini sono indirizzati verso una vita di interventi medici”.

Farrow ha aggiunto che la storia del Times “ha aperto una finestra” sulla necessità di salvaguardare i bambini vulnerabili agli adulti che sono disposti a dare loro bloccanti della pubertà e ormoni sessuali per la transizione.

“Ora ci deve essere un’inchiesta pubblica su come questi gruppi (di attivisti transgender) sono riusciti a ottenere così tanta influenza”, ha detto.

Farrow non sta ancora festeggiando, tuttavia. Ha detto a LifeSiteNews che ogni bambino o adolescente che ha subito una “transizione di genere” è stato “reso sterile” e derubato della sana vita sessuale che avrebbe potuto avere da adulto. Per ogni bambino che ora dipenderà dall’intervento medico per tutta la vita, c’è una “tragedia individuale”, ha sottolineato.

“Penso che ci saranno cause legali tra 20 anni”, ha aggiunto Farrow.

Il numero di bambini e adolescenti britannici che cercano aiuto per le questioni di identità di genere nei GIDS è salito alle stelle in meno di un decennio. Secondo il Times, nel 2010 ci sono stati 94 pazienti. Il NHS (il Sistema Sanitario Nazionale, ndr) ha riferito che nel 2017/2018 erano saliti a 2.519. L’ente sanitario pubblico dice anche che questo rappresenta un aumento del 25% rispetto al 2016/2017, quando c’erano 2.016.

Le ragazze adolescenti in particolare sono a rischio di essere indirizzate ai GIDS. L’NHS ha riferito che nell’anno 2017/2018, più della metà (1.806) erano per le femmine biologiche (o, in lingua NHS “giovani a cui è stata assegnato il sesso di femmina alla nascita (AFAB)”). I maschi biologici sono 713.

“Questo perpetua la tendenza ad un aumento del numero di pazienti inviati agli specialisti AFAB (sic) in proporzione”, ha osservato il SSN.

 

Fonte: LifeSiteNews

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email