Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Paul Joseph Watson e pubblicato su Summit News. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Tucker Carlson
Tucker Carlson, conduttore televisivo di Fox News

 

Un ex ufficiale dell’esercito americano addetto alla guerra psicologica afferma che Tucker Carlson è stato licenziato da Fox News a causa del programma del regime di mantenere una “popolazione disinformata, semi lobotomizzata e quasi ritardata”.

Le osservazioni sono state fatte dall’esperto di antiterrorismo statunitense Scott Bennett.

Carlson e Fox News si sono “lasciati” lunedì scorso, ma le congetture sul motivo specifico per cui la rete ha licenziato il suo conduttore più popolare e con il più alto indice di gradimento sono ancora in corso.

Secondo Bennett, Carlson rappresentava una minaccia eccessiva per il potere istituzionale perché trasformava gli americani in veri e propri “ricercatori e pensatori”.

Carlson offriva un “intellettualismo, una veridicità e una profondità analitica che nessun’altra personalità giornalistica ha mai fatto nella storia degli Stati Uniti, per quanto io possa ricordare”, ha detto Bennett.

Tucker doveva essere “messo a tacere” perché rappresentava una minaccia troppo grande per “i poteri e i principati, le istituzioni e le agende che cercano una popolazione semi-ritardata non illuminata e disinformata che non fa domande, non fa ricerche, non analizza ma semplicemente digerisce e segue le istruzioni”, secondo Bennett.

“Tucker Carlson ha anche smascherato i crimini di frode e di riciclaggio di denaro del FTX e del Partito Democratico in Ucraina, coinvolgendo il governo degli Stati Uniti. Ha smascherato i laboratori biochimici statunitensi in Ucraina e il loro legame con il Partito Democratico, il presidente Barack Obama, il vicepresidente Biden, Hillary Clinton, George Soros, Bill Gates e altre agenzie governative statunitensi e aziende farmaceutiche”, ha dichiarato Bennett a Sputnik.

La retorica anti-regime dell’ex conduttore “non poteva più essere tollerata dai media americani corrotti e dall’establishment politico”, ha detto Bennett, aggiungendo che la sua uscita segna “la morte dei media americani”.

L’ex ufficiale di psyops dell’esercito americano ha suggerito che il senatore Chuck Schumer ha minacciato di utilizzare la CIA e l’FBI per mettere in atto operazioni governative segrete contro Tucker, al fine di allontanarlo dalla trasmissione a meno che non venga licenziato.

In precedenza, Schumer aveva chiesto che Carlson venisse allontanato dalla trasmissione dopo che aveva mandato in onda un filmato che mostrava come i leader della “rivolta” del 6 gennaio fossero effettivamente autorizzati a entrare in Campidoglio e accompagnati dalle autorità.

Come abbiamo sottolineato in precedenza, uno dei motivi alla base del licenziamento di Tucker è una causa intentata dall’ex produttrice dello show Abby Grossberg, che sostiene di essere stata vittima di bullismo e di molestie sessiste e antisemite.

Tuttavia, l’avvocato della stessa Grossberg ha rivelato di non aver mai incontrato Carlson.

 

 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments