“Dio vuole figli, non schiavi; vuole la pienezza dell’umanità. Satana si accontenta volentieri di uomini stentati e abortivi, mezzi uomini, schiavi dei fenomeni di massa. E tra questi ci sono molti dei pastori della nostra Chiesa – e qui parlo della loro condizione non culturale e non dello stato delle loro anime.”

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Anthony Esolen e pubblicato su Crisis magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione

 

Card. Blase Cupich
Card. Blase Cupich

 

Come i nostri lettori sicuramente sanno, il cardinale Cupich ha limitato l’adorazione eucaristica nell’arcidiocesi di Chicago. È un po’ come fare in modo che un bambino debole e tarchiato trascorra il minor tempo possibile all’aria aperta esercitando i muscoli che ha a malapena, in modo che crescano forti.

In questo senso, il cardinale sta conformando la Chiesa al modello del mondo che lo circonda, un non-modello, in realtà, senza significato, senza memoria culturale e devozione, e senza speranza. Come disse Talleyrand, quando Napoleone fece assassinare il duca di Enghien: “È peggio di un crimine. È un errore”.

È passato molto tempo da quando ho suggerito che la condizione dell’uomo secolare contemporaneo è quella di essere del mondo ma non nel mondo. La Chiesa non ha mai avuto a che fare con queste persone perché non è mai stato possibile per loro esistere o, a parte gli occasionali scherzi della natura o della storia, sopravvivere a una sola generazione. Bisognava essere nel mondo per farsi strada, per fare le cose: caricare una nave di merci, riparare gli ingranaggi del mulino lungo il fiume, erigere un campanile che non sprofondasse e non si inclinasse alla successiva pioggia battente.

Ma noi in Occidente siamo abbastanza ricchi da poter assecondare le nostre fantasie, politiche o sessuali o solipsistiche, e non viviamo più in una cultura. Non si può dire cosa crede il tuo vicino, non solo su Dio o sull’uomo, ma sulla realtà stessa. Quando Gesù diede il suo ultimo comando, quello di andare e fare discepoli tutti i popoli, gli uomini che lo ascoltavano potevano capire cosa intendesse: Roma, Grecia, Persia e così via. Temo che ora abbiamo bisogno di un comando propedeutico, di andare e fare nazioni di uomini disuniti e fatti a metà, in modo che ci sia una Roma, una Grecia o una Persia da battezzare.

Supponiamo che il vostro compito sia quello di evangelizzare una persona come Lorenzo de’ Medici, il mondano e acuto uomo forte di Firenze quando Michelangelo era giovane. Avrete a che fare con i suoi peccati, senza dubbio, e saranno molti e gravi. Dovrete superare il suo malinconico epicureismo, come lo esprimeva nella sua poesia più famosa:

Chi vuol esser lieto, sia!
Di doman non c’è certezza.

Dovrete ricordargli che la sua ricchezza è tenuta in prestito da Dio, per essere impiegata per il bene comune. Su questo punto avrete meno lavoro da fare di quanto forse supponete, dato che la famiglia Medici si vanta delle opere pubbliche e dell’abbellimento della città. Dovrete ricordargli che non basta essere saggi come un serpente, ma bisogna anche essere candidi come una colomba. Se legge Cicerone può continuare a leggere Agostino. Se legge Virgilio, può leggere Dante con un effetto migliore.

Ma pensate alle tante cose che non dovete fare. Non dovete convincere Lorenzo che la realtà esiste, indipendentemente da ciò che pensiamo di essa. Non dovete quindi convincerlo che alcune cose sono oggettivamente più belle di altre, nella natura, nelle arti e nelle azioni umane. Potreste dover convincere Lorenzo a voler diventare come Luigi IX, il santo re di Francia, ma non dovrete persuaderlo che Luigi fosse santo; e non dovrete insegnargli che, tanto per cominciare, esisteva un uomo del genere. Voi e lui condividerete un linguaggio comune, un modo di dare senso al mondo.

Può darsi che non voglia credere nei Vangeli, perché sa che gli imporranno di cedere la sua amante o di trattare i suoi nemici con onestà, ma non dovrete persuaderlo dell’alta e nobile moralità che i Vangeli presentano. Lorenzo odiava Savonarola, l’ardente predicatore che per un breve periodo gli strappò il controllo di Firenze; si può stare in Piazza della Signoria e guardare il punto sul pavimento di pietra, ricordato da un’iscrizione, dove Lorenzo fece bruciare Savonarola sul rogo. Quindi, non si può fare leva su di esso. Ma si potrebbe fare appello alla bella anima del suo amico sempre giovane, Giovanni Pico della Mirandola, il platonista cristiano che ammirava Savonarola e che era probabilmente l’uomo più colto dell’Europa dell’epoca.

Ma come può la Chiesa iniziare a evangelizzare gli uomini e le donne dell’Occidente, proprio adesso? È come cercare di fare leva su un grumo amorfo. “Il porno è fantastico”, mi ha detto di recente qualcuno sui media antisociali, corroborando la sua affermazione con alcune oscenità. Quando l’ho rimproverato per la sua bocca sboccata e la sua mente ristretta – perché non ha voluto prendere in considerazione nessuna delle direttive morali e delle barriere di sicurezza che sono destinate a promuovere e a proteggere il matrimonio e la vita familiare – si è messo a ridere e ha detto che avevo “paura della carne”. Non gli è venuto in mente che la pornografia è un’offesa alla carne: disincarnata, impersonale, staccata dal luogo, dal tempo e dalla comunità.

Oppure mi capita di incontrare persone che deridono la fede in Dio, chiamandola fede in un “papà del cielo”. Con il loro scherno dimostrano di avere solo una vaga idea di ciò che credono i cristiani e gli ebrei, e di non avere la minima curiosità di conoscerlo. Non si può quindi chiedere loro di leggere le Confessioni di Agostino, e ci sono diverse ragioni per non farlo, ragioni che non sarebbero valse cento anni fa.

Il primo è che danno per scontato che non serve a nulla, dato che la “scienza” – con la quale di solito hanno una conoscenza minima – è il nostro unico mezzo per accertare la verità; scienza che ignoreranno comodamente quando si tratta delle loro abitudini o inclinazioni personali. Così la “scienza” viene invocata non per perseguire la conoscenza, ma per escluderla fin dall’inizio.

La seconda è che forse non hanno mai sentito parlare di Agostino, né gli interessa sentirlo. Ora, se state evangelizzando i guerrieri tedeschi pagani al tempo di Bonifacio, non potete chiedere loro di leggere Agostino perché non leggono affatto. Ma non saranno nemmeno disposti a ignorare il vostro sapere; non avranno imparato a considerarsi istruiti.

Qualche anno fa, Ta-Nehisi Coates, il celebre autore ateo che si occupa di questioni razziali, si è difeso con una certa stizza quando è emerso che non aveva mai sentito parlare di Agostino. Disse che ogni scrittore ha il suo pantheon di predecessori influenti, e Agostino non era tra i suoi. Il problema, naturalmente, è che ignorare l’esistenza di Agostino, quando si è uno studioso ben remunerato e di fama mondiale che scrive sulla storia culturale dell’Occidente, è come essere uno scrittore di scienza che non ha mai sentito parlare di Galileo, o uno scrittore di arte che non ha mai sentito parlare di Rembrandt.

Coates potrebbe leggere Agostino se volesse, ma la maggior parte delle persone “esperte” di cristianesimo non può farlo. Manca loro la conoscenza generale della storia e della filosofia, la conoscenza specifica delle Scritture e la raffinatezza linguistica necessaria. Sono stati educati a credersi al di là del bisogno di istruzione: sono stati educati a un’ignoranza molto più ostinata e intrattabile di quanto non sia mai stato l’analfabetismo.

Ma la terza ragione è la più terribile. Il solipsismo distrugge nell’anima qualsiasi desiderio di imparare, insieme alla gratitudine per i doni culturali di cui ci si può appropriare dal passato. Se si amano i paesaggi di John Constable, si può facilmente arrivare ad amare i dipinti naturalistici di Hokusai. Ma quando non si ha cultura, non si cerca la cultura; ciò che si chiama “cultura” da altre parti sarà superficiale, un gusto per la cucina o per l’abbigliamento elegante; non ci si rende conto che una cultura autentica richiede un ordine della realtà, e pretende dai suoi membri, non solo per quanto riguarda il loro comportamento nei giorni di parata, ma per quanto riguarda ciò che danno per scontato su ciò che esiste, ciò che è vero, onorevole, saggio, ben fatto, bello, buono.

Paolo si recò in quell’antico centro nevralgico della cultura greca, l’Areopago di Atene, per dire agli ateniesi che era venuto a rivelare loro il “Dio sconosciuto” che avevano commemorato, citando persino un poeta greco per dire che nell’unico Dio “viviamo, ci muoviamo e siamo”. Oggi non esiste un luogo simile. Non esistono persone come gli Ateniesi. Non c’è una nazione.

Dio vuole figli, non schiavi; vuole la pienezza dell’umanità. Satana si accontenta volentieri di uomini stentati e abortivi, mezzi uomini, schiavi dei fenomeni di massa. E tra questi ci sono molti dei pastori della nostra Chiesa – e qui parlo della loro condizione non culturale e non dello stato delle loro anime. Nel frattempo, rimane il compito umano fondamentale: costruire una cultura tra persone che non ne hanno, che non sanno come sarebbe averne una e che non ne hanno alcun desiderio evidente.

Anthony Esolen

 

Anthony Esolen è autore di 28 libri sulla letteratura, la cultura e la vita cristiana, la cui opera più recente è In principio era il Verbo: An Annotated Reading of the Prologue of John. Insieme a sua moglie Debra produce anche una nuova rivista web, Word and Song, dedicata a reintrodurre le persone al bene, al vero e al bello.

 

 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments