Theotokos – dormizione di Maria

 

di Ines Murzaku

 

Contemplare l’icona bizantina della Dormizione della Theotokos per la solennità dell’Assunzione del 15 agosto, come è conosciuta in Occidente, è immergersi nei più profondi misteri della fede cristiana. È un atto di riverenza, di preghiera e di discepolato.

Maria, Madre di Dio, è stata la discepola più fedele di Cristo che ha seguito suo Figlio. Ella, secondo la carne, fu madre di Gesù e visse una vita lunga e appagante.

Come raffigurata nell’icona, Maria, addormentata, era circondata dagli Apostoli con Cristo al centro che teneva in braccio un bambino vestito di bianco che simboleggiava l’anima di Maria. Pietro, Paolo, i vescovi con i paramenti episcopali (Giacomo, il fratello del Signore, Timoteo, Heirotheus e Dionisio l’Areopagita) e altri loro amici si sono riuniti con gli apostoli per la Dormizione della Regina e le donne della Chiesa di Gerusalemme che contemplano dalla finestra.

Maria è stata la prima a sperimentare l’esperienza di addormentarsi e di essere trasportata in Cielo, mostrando ciò che è in serbo per tutti i discepoli che seguono le orme del Maestro: i loro corpi si alzeranno e saranno con Dio in Cielo per sempre. È stata la prima donna – e, di fatto, il primo essere umano – a sperimentare la Risurrezione dopo Gesù Cristo e l’Unità con Dio nell’eternità. Con la sua Dormizione, Theotokos ha compiuto miracoli, così come registrati nella Vita della Vergine, ritenuta la prima biografia della Vergine Maria, da Massimo il Confessore (580-662 d.C.).

Quando la Madonna si addormentò, gli occhi dei ciechi si aprirono, le orecchie dei sordi si sbloccarono, gli zoppi si alzarono per camminare, i demoni vennero espulsi e ogni sofferenza e malattia venne curata. I peccatori capirono il loro errore e si convertirono, invocando il nome di Cristo e della sua santa madre Maria. Chiamate speciali che segnarono un nuovo inizio furono le grazie speciali di Maria.

Il pomeriggio del 15 agosto 1922, quando Gonxhe (nome laico di Madre Teresa), immersa nella preghiera e inginocchiata davanti alla statua della Madonna col Bambino, sentì per la prima volta nella sua vita che il Signore la chiamava in modo speciale. Era chiamata ad essere consacrata a Lui. Così, a Letnica, nelle vicinanze di Skopje, Gesù la chiamava attraverso la Madonna. L’Assunzione iniziò il cammino religioso per la futura santa Teresa di Calcutta che ha seguito Gesù attraverso Maria, il Figlio attraverso la madre. Più tardi, Madre Teresa rifletterà sulla sua speciale chiamata a Letnica, dicendo:

Qualche giorno fa mi sono fatto una bella risata – quando mi sono venuti in mente alcuni incidenti di Letnica. Davvero, quanto sono stata orgogliosa allora. Non sono umile nemmeno ora – ma almeno desidero diventarlo – e le umiliazioni sono i miei dolci più dolci…..

La vicinanza spirituale di Madre Teresa a Maria è stata una combinazione di adorazione, devozione e fiducia totale nel carisma della Madonna e nel suo aiuto che l’ha portata a sperimentare l’amore e la potenza di Dio attraverso la Mediatrice – Maria. Anche l’intimità e l’unità di Madre Teresa con il Crocifisso di Gesù può essere attribuita a Maria e alla sua intercessione. Essere tutto per Gesù attraverso Maria – questa era la teologia della redenzione di Madre Teresa, che è simile alla devozione di San Luigi de Montfort “a Cristo attraverso le mani di Maria”, con solide basi sia nella Scrittura che nella Tradizione.

Nella festa dell’Assunta, il 15 agosto 1948, il viaggio di Madre Teresa che doveva dare origine alle Missionarie della Carità iniziò come scrisse annunciando la sua partenza dal convento di Loreto di Entally:

Pregate per me affinché abbia il coraggio di completare il mio sacrificio, poiché Egli mi ha dato l’ispirazione e la grazia per iniziare….. Pregate per favore. – Ho pochissimo coraggio – ma mi fido ciecamente di Lui, nonostante tutti i sentimenti.

Il 17 agosto 1948, indossando un sari con un bordo blu, in quella che lei chiamava “povertà assoluta” con solo cinque rupie in tasca, Madre Teresa partì come prima Missionaria della Carità per le strade di Calcutta.

Tre decenni dopo, nell’agosto 1982, Madre Teresa visitò il Libano devastato dalla guerra, salvando i bambini lasciati in un ospedale musulmano. La guerra del Libano tra Israele e l’Organizzazione per la liberazione della Palestina era iniziata nel giugno del 1982. Madre Teresa è stata la prima a dare una mano ai Paesi in guerra – in questo caso il Libano.

Il suo approccio alla guerra e alla risoluzione dei conflitti era semplice: “Non usiamo le bombe e le armi per vincere il mondo, ma irradiamo la pace di Dio e spegniamo ogni odio e l’amore per il potere nel mondo e nel cuore di tutti gli uomini”.

Madre Teresa ha parlato con un sacerdote e un ufficiale: “Sento che la Chiesa deve essere presente in questo momento”, disse ai due uomini. “Poiché non ci occupiamo di politica. Per questo dobbiamo essere presenti”.

Quando le fu stato detto che era assolutamente impossibile passare da est a ovest di Beirut per evacuare e salvare i bambini disabili e ritardati mentali intrappolati nel Dar al-Ajaza al-Islamia Mental Hospital, rispose con fiducia: “Ah, ma ho chiesto alla Madonna in preghiera. Ho chiesto un cessate il fuoco per domani sera, alla vigilia della sua festa” (era la vigilia del 15 agosto, Solennità dell’Assunzione). La Madre chiese con fervore, e la Madonna acconsentì. Uno ad uno, 37 bambini che erano rimasti a Beirut Ovest furono salvati.

Il 15 agosto 1982, il New York Times riferì: “Nella sua veste bianca con la frangia blu, la suora di 72 anni, vincitrice del premio Nobel per la pace del 1979, si muoveva tranquillamente nel gruppo dei bambini, di età compresa tra i 7 e i 21 anni, dando una stretta di mano a uno dei più grandi”. I bambini disabili furono portati alla Spring School di East Beirut, gestita dalle Missionarie della Carità. Missione compiuta.

Quest’anno, celebrate la festa dell’Assunzione contemplando l’icona bizantina della Dormizione. Nella vostra meditazione, troverete sicuramente Santa Madre Teresa là tra le donne alla finestra.

 

Facebook Comments