Di seguito rilancio unarticolo scritto da Zachary Stieber per The Epoch Times. Eccolo nella mia traduzione. 

 

CDC

 

Le e-mail ottenute di recente mostrano che i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno fatto una falsa dichiarazione sul monitoraggio della sicurezza del vaccino COVID-19 nel 2021, mesi prima che i funzionari dell’agenzia rilasciassero false dichiarazioni in merito a The Epoch Times.

Le e-mail mostrano anche che alti funzionari dell’agenzia hanno discusso di effettuare il monitoraggio della sicurezza su un database chiave per la miocardite, una forma di infiammazione cardiaca che è stata collegata ai vaccini di Pfizer e Moderna.

Nel 2021, in una serie di procedure operative, il CDC aveva promesso di eseguire un tipo di analisi chiamata Proportional Reporting Ratio (PRR) sulle segnalazioni di reazioni avverse in seguito alla vaccinazione COVID-19. Le segnalazioni vengono inviate al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), che i funzionari hanno descritto come “il sistema di allarme rapido della nazione” per gli eventi avversi post-vaccinazione. In una serie di procedure operative aggiornate nel 2022, il CDC ha anche affermato che avrebbe eseguito l’analisi.

Ma quest’anno il CDC ha rilasciato per tre volte dichiarazioni false sulle PRR, inizialmente affermando che tale analisi non rientrava nelle competenze dell’agenzia, poi affermando che l’analisi sarebbe stata eseguita a partire dal 2021, quindi affermando che l’analisi non sarebbe iniziata fino al 2022. Le e-mail appena ottenute mostrano che un funzionario ha falsamente affermato che il CDC non esegue analisi PRR a un redattore nel 2021.

John Gregory, redattore sanitario di NewsGuard, scrisse al CDC il 19 ottobre 2021, chiedendo un commento in merito all’affermazione secondo cui l’analisi PRR del CDC non è in grado di identificare con precisione quando un vaccino causa eventi avversi, si legge in una delle e-mail. Martha Sharan, portavoce del CDC, ha inviato la richiesta al Dr. John Su, che dirige il team VAERS del CDC, e al Dr. Tom Shimabukuro, che si occupa anche di sicurezza dei vaccini.

Le loro risposte sono state oscurate, a parte un commento su NewsGuard. Sharan ha poi scritto di aver parlato con Gregory.

“Ho parlato con il giornalista e gli ho spiegato che il CDC non fa analisi sulla PPR. Il giornalista non ha intenzione di proseguire oltre!”, ha scritto, aggiungendo poi che intendeva PRR.

Questo contraddice le procedure operative, che affermano che il CDC “eseguirà l’analisi del rapporto proporzionale (PRR)” sui rapporti VAERS.

“Lasciamo che i nostri contenuti pubblicati parlino da soli”, ha detto Gregory a The Epoch Times in un’e-mail quando gli è stato comunicato che il CDC esegue effettivamente le PRR.

 

È una cosa nuova per me

Nel giugno 2022, il CDC ha falsamente dichiarato alla Children’s Health Defense, un’organizzazione no-profit, che l’analisi PRR è “al di fuori delle competenze dell’agenzia”. Un giornalista dell’Associated Press, Angelo Fichera, ha segnalato al CDC un articolo di Children’s Health Defense su questa dichiarazione, chiedendo se il CDC avesse mai eseguito l’analisi, secondo le e-mail appena ottenute.

Kristen Nordlund, un’altra portavoce del CDC, ha inoltrato la domanda a Sharan. “Martha, cosa ne pensi di questo?”, ha chiesto.

“È una cosa nuova per me – rapporti proporzionali – devo mandarla a John”, ha risposto Sharan.

In seguito Sharan ha inviato una dichiarazione sui PRR all’Associated Press e al Washington Examiner.

L’Associated Press e NewsGuard non hanno mai pubblicato articoli sull’argomento. Dopo che l’Epoch Times ha riportato le dichiarazioni contraddittorie del CDC, l‘Examiner ha pubblicato un articolo sugli sviluppi.

Fichera, Sharan e Su non hanno risposto alle richieste di commento per questo articolo.

Le e-mail sono state ottenute da The Epoch Times e da un ricercatore indipendente tramite richieste FOIA.

“Il CDC sostiene di monitorare in modo vigile e trasparente la sicurezza dei vaccini COVID-19, ma quando si tratta di analisi del rapporto proporzionale (PRR), le promesse non mantenute, le dichiarazioni incoerenti, l’ostruzionismo e i due pesi e due misure del CDC raccontano una storia diversa”, ha dichiarato Mary Holland, presidente e consigliere generale di Children’s Health Defense, al The Epoch Times via e-mail.

“Quando è stata chiesta l’analisi PRR in relazione ai vaccini COVID – attraverso le richieste del FOIA, dei media e del Congresso – il CDC ha rilasciato dichiarazioni contrastanti, alcune delle quali false. Quando è stato interrogato sulle dichiarazioni, il CDC ha affermato, in sostanza, che non vale la pena fare l’analisi PRR. E per i pochi mesi di PRR che ora dice di aver completato, il CDC non ha reso pubblici i risultati, nonostante le richieste di più fonti”.

“Children’s Health Defense invita il CDC a fare la cosa giusta: fare l’analisi e rendere disponibili i risultati”, ha aggiunto.

Cronologia delle e-mail e delle dichiarazioni del CDC. Alcune vengono riportate per la prima volta in questa storia, che continua qui sotto.

  • “Ho parlato con il giornalista e gli ho spiegato che il CDC non fa analisi PPR. Il giornalista non ha intenzione di approfondire la questione!”. – Martha Sharan ai colleghi del CDC, 19 ottobre 2021. (fonte: risposta FOIA a ricercatore indipendente)
  • “Correzione: dovrebbe esserci scritto PRR”. – Martha Sharan ai colleghi del CDC, 19 ottobre 2021. (risposta FOIA a ricercatore indipendente)
  • “[Il personale del programma all’interno dell’Ufficio Immunizzazione e Sicurezza mi ha informato che nessun PRR è stato condotto da CDC. Inoltre, l’estrazione dei dati non rientra nelle competenze dell’agenzia”. – Roger Andoh, 16 giugno 2022. (lettera alla Children’s Health Defense)
  • “Questa mi è nuova – rapporti proporzionali di segnalazione – devo mandarla a John”. – Martha Sharan ai colleghi del CDC, 22 giugno 2022 (risposta FOIA a The Epoch Times).
  • “[Il personale del programma all’interno dell’Ufficio Immunizzazione e Sicurezza mi informa che il CDC non ha condotto alcun PRR. Inoltre, l’estrazione dei dati non rientra nelle competenze dell’agenzia”. – Bruno Viana a Roger Andoh, 30 giugno 2022 (risposta FOIA a The Epoch Times)
  • “Il CDC ha eseguito le PRR dal febbraio 2021 e continua a farlo fino ad oggi”. – Dr. John Su, 18 luglio 2022 (dichiarazione a The Epoch Times)
  • “Il CDC ha rivisto diverse richieste FOIA e come risultato della sua revisione sta emettendo delle correzioni. … In riferimento ai Proportional Reporting Ratios (PRR) – CDC ha eseguito i PRR dal 25 marzo 2022 al 31 luglio 2022”. – Martha Sharan, 8 agosto 2022. (dichiarazione a The Epoch Times)
  • “Il CDC ha effettuato analisi PRR tra il 25 marzo 2022 e il 31 luglio 2022. Il CDC ha anche recentemente risposto a una precedente dichiarazione rilasciata all’Epoch Times per chiarire che le PRR non sono state eseguite tra il 26 febbraio 2021 e il 30 settembre 2021”. – Dott.ssa Rochelle Walensky, 12 settembre 2022 (lettera al Sen. Ron Johnson (R-Wis.)).

 

Altre e-mail

Diversi altri messaggi si aggiungono alla cronologia delle dichiarazioni interne ed esterne del CDC riguardo al PRR.

Due settimane dopo che Andoh aveva falsamente detto a Children’s Health Defense che l’estrazione dei dati non rientra nelle competenze del CDC, Bruno Viana, un dipendente del CDC, ha inviato e-mail ad Andoh in merito alla risposta.

Viana ha citato parola per parola parti della lettera che Andoh ha inviato al gruppo.

Il contesto delle e-mail non è chiaro.

Un’e-mail inviata a Viana per richiedere ulteriori informazioni ha restituito un messaggio di risposta negativa. L’ufficio archivi del CDC ha rifiutato di commentare, dicendo che sarebbe stata necessaria una nuova richiesta FOIA per ottenere le informazioni.

Un’altra serie di e-mail interne mostra Su e Shimabukuro impegnati a rispondere all’Associated Press e al Washington Examiner.

“Con le premesse di cui sopra, potrei suggerire la seguente risposta”, ha detto Su in una e-mail pesantemente redatta.

“Le modifiche di John mi sembrano corrette. Grazie”, ha scritto poi Shimabukuro.

In altre e-mail Su e Sharan parlavano con e delle domande di Epoch Times, compresa una domanda di follow-up in cui si faceva notare che una prima risposta non chiariva se il CDC avesse effettivamente eseguito delle PRR.

A Su è stata attribuita la falsa dichiarazione che il CDC aveva iniziato le PRR nel febbraio 2021. Una delle missive indica che l’affermazione proviene da lui. La parte dell’e-mail è stata eliminata, ma la lunghezza del testo è in linea con la risposta effettiva.

 

Analisi sulla miocardite

Gli studi clinici per i vaccini non hanno evidenziato alcuna prova di miocardite, una forma di infiammazione cardiaca, o di una patologia correlata chiamata pericardite. Ma all’inizio del 2021 sono emerse prove reali di queste malattie.

Dopo che il Dipartimento della Difesa, nella primavera del 2021, ha dichiarato di aver identificato la miocardite come possibile effetto collaterale dei vaccini, la dott.ssa Rochelle Walensky, direttore del CDC, ha affermato che il CDC non ha riscontrato alcun segnale di miocardite dopo aver esaminato i dati sulla sicurezza dei vaccini.

“Dopo aver appreso di queste segnalazioni, abbiamo nuovamente esaminato i nostri dati sulla sicurezza dei vaccini e non abbiamo riscontrato alcuna segnalazione in tal senso. Nel frattempo ci sono state segnalate, e quindi le indagini sono in corso”, ha detto durante un briefing con la stampa, aggiungendo poi: “Non abbiamo riscontrato alcun segnale, e abbiamo effettivamente cercato intenzionalmente il segnale negli oltre 200 milioni di dosi che abbiamo somministrato”.

Il CDC ha rifiutato di rendere pubblici i risultati di tale esame. Non è chiaro quali sistemi il CDC abbia esaminato.

“Al momento della conferenza stampa del direttore, il CDC non disponeva di prove sufficienti per concludere che vi fosse un segnale di sicurezza per la miocardite a seguito della vaccinazione con mRNA COVID-19. La sorveglianza continua ha poi rilevato un segnale di sicurezza, che è stato verificato da ulteriori valutazioni”, ha dichiarato Sharan a The Epoch Times in una recente e-mail. I vaccini Pfizer e Moderna sono entrambi basati sulla tecnologia dell’RNA messaggero (mRNA).

Uno scambio di appena due settimane dopo, incluso nelle e-mail appena pubblicate, mostra che i funzionari del CDC hanno discusso del monitoraggio della miocardite.

Il 13 maggio 2021 Shimabukuro scrisse a Su e Paige Marquez, un altro funzionario del CDC, con l’oggetto “PRR per la miocardite”. L’e-mail è stata interamente redatta.

“Stai dicendo che…” Marquez ha risposto. Il resto dell’e-mail è stato cancellato.

L’e-mail successiva di Shimabukuro è stata completamente modificata, così come un’e-mail di Su, a parte la sua firma.

“Niente Janssen”, ha scritto poi Shimabukuro.

“Ok, grazie per aver chiarito!” Su ha scritto.

Lo scambio si è concluso lì.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments