Rilanciamo un articolo scritto da Phillip W. Magness, pubblicato sul sito di AIER, l’American Institute for Economic Research, che rivela i passaggi via e-mail di Collins direttore uscente dei National Institutes of Health (NIH) e Anthony Fauci, consigliere della Casa Bianca per la pandemia COVID. 

Phillip W. Magness ha un dottorato e un MPP della George Mason University’s School of Public Policy, e un BA della University of St. Thomas (Houston). La traduzione è a mia cura. 

 

Dr. Anthony Fauci, Director of the National Institute of Allergy and Infectious Diseases at the National Institutes of Health, listens during a Senate Senate Health, Education, Labor, and Pensions Committee Hearing on the federal government response to COVID-19 on Capitol Hill Wednesday, Sept. 23, 2020, in Washington. (Graeme Jennings/Pool via AP)
Dr. Anthony Fauci, Director of the National Institute of Allergy and Infectious Diseases at the National Institutes of Health, listens during a Senate Senate Health, Education, Labor, and Pensions Committee Hearing on the federal government response to COVID-19 on Capitol Hill Wednesday, Sept. 23, 2020, in Washington. (Graeme Jennings/Pool via AP)

 

Dal 2 al 4 ottobre 2020, l’American Institute for Economic Research (AIER) ha ospitato una piccola conferenza per scienziati per discutere i lockdown Covid-19. Solo quattro giorni dopo, il dottor Francis Collins, il direttore uscente dei National Institutes of Health (NIH), avrebbe definito i tre scienziati presenti “epidemiologi marginali”, in una direttiva che ha inviato a Anthony Fauci e ad altri alti funzionari della sua agenzia.

Erano “epidemiologi marginali” perché hanno avuto la temerarietà di chiedere se i lockdown del 2020 fossero efficaci. Quei tre, Martin Kulldorff di Harvard, Sunetra Gupta di Oxford e Jay Bhattacharya di Stanford stavano semplicemente facendo quello che ogni buon scienziato avrebbe fatto: Stavano seguendo le evidenze.

Hanno scritto la Great Barrington Declaration [GBD] mentre si separavano dall’AIER, pubblicandola per tutti.

Allora perché il dottor Collins era così intento a mettere in dubbio questi tre scienziati? È difficile saperlo con esattezza, soprattutto perché ogni scienziato degno di questo nome avrebbe dovuto essere felice di vedere che venivano fatte ulteriori ricerche. Questo è, dopo tutto, il modo in cui l’ignoranza viene sostituita dalla conoscenza. Ma Collins non era chiaramente in vena di sostituire la sua possibile ignoranza con alcun tipo di conoscenza. Era abbastanza sicuro di sapere tutto ciò che doveva sapere; e questa è una delle posizioni più pericolose che uno scienziato possa prendere.

In una e-mail ottenuta da AIER attraverso una richiesta di Freedom of Information Act (accesso agli atti, ndr), Collins ha detto ad Anthony Fauci, mettendo per conoscenza Lawrence Tabak, vice consigliere etico del NIH, che voleva “fosse pubblicata una rapida e devastante stroncatura” delle premesse della Dichiarazione di Great Barrington.

Ci si chiede perché avrebbe dovuto informare il vice consigliere di etica su questo, visti i problemi che queste persone sembrano avere con l’etica, ma eccoli nell’ottobre del 2020. Fauci scrisse quella stessa notte per far sapere a Collins che c’era già una devastante stroncatura della Dichiarazione di Great Barrington… nell’augusta pubblicazione scientifica Wired.

“Francis”, ha scritto Fauci, “sto incollando qui sotto un pezzo di Wired che sfata [la GBD]“. Lì, il giornalista scientifico Matt Reynolds ci ha detto che non c’era alcun “divario scientifico” sull’immunità di gregge, ma questa non è la parte divertente. La parte divertente è arrivata quando Reynolds ha dichiarato abbastanza fiduciosamente che non avevamo più nulla di cui preoccuparci, dato che il lockdown era – a partire da ottobre 2020 – una cosa del passato.

“Il problema [con il GBD] è che non siamo in lockdown”, ha spiegato Reynolds. “[I]l difficile è trovare persone che stanno difendendo un ritorno al lockdown che abbiamo visto a marzo”. Quando gli autori della Great Barrington Declaration dichiarano la loro opposizione ai lockdown, stanno letteralmente discutendo con il passato”.

Questo passaggio appoggiato da Fauci può essere una delle peggiori prese dell’intera pandemia. Meno di un mese dopo, le chiusure sono tornate con una vendetta durante la seconda ondata dell’inverno.

Fauci scrisse di nuovo a Collins il giorno dopo, questa volta facendo riferimento a un articolo di Gregg Gonsalves, un professore di salute pubblica a Yale, su The Nation. E qui arriviamo a un’altra parte divertente. L’articolo di Gonsalves non era esattamente una critica della Dichiarazione di Great Barrington. Invece, Gonsalves se l’è presa con Martin Kulldorff, che in un’intervista con la rivista di sinistra Jacobin ha ragionevolmente sottolineato che i lockdown danneggiano i poveri più di quanto la maggior parte delle teste parlanti siano disposte ad ammettere. La lamentela di Gonsalves era che, intervistando Kulldorff, Jacobin aveva rotto la “solidarietà” di altri siti web di estrema sinistra, tra cui Nation e Boston Review.

Il 10 ottobre, le linee erano ben tracciate, e Fauci si spinse nel mezzo della baldoria mediatica che stava chiaramente emergendo. Collins ha inviato un’altra email per vantarsi di aver chiamato i tre scienziati “marginali” sul Washington Post, anche se ha detto a Fauci che la loro campagna in corso per abbattere il GBD “non sarà apprezzata nella Casa Bianca”. La Casa Bianca, replicò Fauci, era “troppo occupata con altre cose per preoccuparsi” della GBD. C’era un’elezione da affrontare, dopo tutto.

Mentre i colleghi diventavano più strani, Gregg Gonsalves scrisse direttamente a Collins, ringraziandolo per il suo approccio poco diplomatico. Da parte sua, Gonsalves divenne sempre più ostile e profano, nelle sue osservazioni sulla GBD. “Questa f****g Great Barrington Declaration è come una brutta eruzione cutanea che non va via”, ha twittato Gonsalves, poco prima di raggiungere Collins. Un giorno prima, il professore di Yale ha anche iniziato a promuovere teorie cospirative sgangherate sulla GBD e l’AIER che risalivano al blog di un ex attivista del movimento 9/11 Truther.

Alcune delle e-mail tra Collins e Fauci inviate in risposta alla richiesta FOIA di AIER sono state redatte, ma il contesto circostante rende abbastanza chiaro che stavano cercando un modo per contestare ulteriormente la GBD se è venuta fuori alla riunione della task force Covid della Casa Bianca il 16 ottobre. Quella mattina, Fauci ha inviato un’e-mail a Deborah Birx, il coordinatore della risposta al coronavirus della Casa Bianca. Ha insistito sulla necessità che lei si opponesse alla GBD, e ha preparato il terreno per un attacco a Scott Altas, che era il campione più amichevole della GBD nella Task Force.

Fauci, a quanto pare, ha dovuto mancare alla riunione della task force del 16 ottobre, anche se probabilmente ha tirato un sospiro di sollievo quando Collins gli ha inviato una e-mail due giorni dopo. “Atlas non ha preso parte alla riunione [della task force] di venerdì”, ha scritto Collins, “e la dichiarazione di Great Barrington non è venuta fuori”. Un’altra e-mail parzialmente riservata suggerisce che Fauci ha apprezzato questo risultato. L’opposizione di Atlas alla fazione del lockdown nella task force “sta facendo impazzire Deb [Birx]”, ha continuato.

Traduzione del tweet: “La mattina della riunione della task force Covid, Fauci invia a Deborah Birx questa e-mail che la avverte della necessità di opporsi alla GBD alla riunione. La parte non censurata suggerisce che si stanno preparando ad attaccare @ScottWAtlas, che è stato percepito come il campione della task force della GBD”.

Fauci e Collins non avevano finito, però, nella loro campagna per “abbattere” gli scienziati del GBD.

La nostra storia riprende seriamente il 2 novembre, quando il capo dello staff di Fauci, Greg Folkers, ha risposto a una e-mail che non è stata resa pubblica in seguito alla richiesta FOIA di AIER. Sembra abbastanza chiaro, però, che Fauci ha chiesto a Folkers una lista di fonti che gli avrebbe permesso di argomentare efficacemente contro la GBD. L’oggetto dell’email fa riferimento a una precedente corrispondenza di Fauci “come discusso”, notando che Folkers aveva “evidenziato i tre che ho trovato più utili” (sic).

Molteplici fonti, e in particolare il resoconto recentemente pubblicato da Scott Atlas di quando faceva parte della task force, hanno notato che Fauci si affida spesso agli aiutanti per curare gli elenchi di fonti prima delle sue numerose apparizioni sui media. Raramente legge la letteratura scientifica su Covid-19 lui stesso, e invece arriva alle riunioni con punti di conversazione preparati dallo staff. Sembra che l’e-mail di Folker fosse una risposta a una di queste richieste di punti di discussione per attaccare gli scienziati GBD.

Si noti che Fauci si dipinge spesso come uno strenuo difensore della scienza che rimane al di sopra delle divisioni politiche e rimane al di fuori dei dibattiti partigiani. Alla luce di ciò, ci si potrebbe aspettare che la risposta di Folker alla richiesta di Fauci produca un piccolo campione di analisi scientifiche sulla logica alla base dei lockdown, anche se solo in un formato puntato dal suo staff. Ma vi sbagliereste. Folkers ha inviato a Fauci un elenco di sette editoriali e articoli politici contro la GBD ripresi dai media popolari.

Quindi sì. Scienza.

 

Facebook Comments