Elon Musk sta conducendo una battaglia per la libertà di parola mettendo il suo portafoglio al servizio di questa azione. E’ da credergli? Eric Louw, professore in pensione di comunicazione politica, gli crede e in questo articolo che ha scritto, e che vi proponiamo, spiega il perché. L’articolo è apparso su The Epoch Times. La traduzione è a mia cura.

 

Elon Musk - GettyImages-1229893671
Elon Musk – (Photo by Britta Pedersen-Pool/Getty Images)

 

L’uomo più ricco del mondo ha deciso di usare parte della sua vasta fortuna per promuovere la libertà di parola in modo reale e pratico. Elon Musk ha letteralmente messo i suoi soldi dove è la sua bocca.

Musk è pronto a usare parte della sua fortuna per trasformare Twitter in un veicolo per la libertà di parola. In sostanza, ha messo in discussione il loro modello esistente che riconosce essere diventato un’estensione della cultura dell’annullamento (Cancel Culture, ndr).

Il segno più visibile che Twitter agisce come un censore è la messa al bando dell’ex presidente Donald Trump. Ma la censura di Twitter va oltre Trump e si estende a un chiaro pregiudizio a favore del progressismo sociale di sinistra. Questo pregiudizio significa che i processi decisionali di Twitter limitano attivamente la circolazione delle opinioni conservatrici e di destra.

L’intervento di Musk per cercare di rimuovere questo pregiudizio di Twitter ha attirato l’attenzione sul fatto che i social media in generale sono mutati in quello che Musk chiama un “problema di civiltà”. E qualcosa deve essere fatto per risolvere questo problema.

La società occidentale ha prosperato grazie al dibattito sociale aperto. Quando tutte le voci possono unirsi al dibattito sociale, l’Occidente prospera perché si verifica una lotta tra le idee (buone e cattive).

Si scopre che una diversità di opinioni garantisce una società vibrante. E poiché le idee hanno dovuto competere nel sistema occidentale di dibattito sociale aperto, la civiltà occidentale ha prosperato ed è cresciuta.

Ma questo vecchio modello occidentale di comunicazione aperta sembra essere in pericolo ora perché l’emergere dei media sociali ha dato luogo alla crescita di fenomeni di comunicazione enormemente potenti come Facebook (Meta), Twitter, Microsoft, Apple, Netflix e Wiki.

Si può dire che tutti questi possono essere infettati dalla cultura della Silicon Valley, una cultura caratterizzata dal suo progressismo di sinistra e dalla promozione della globalizzazione cosmopolita omogeneizzante. Coloro che sono stati socializzati nella cultura della Silicon Valley mostrano uno zelo per la promozione del progressismo sociale unito all’ostilità verso le idee conservatrici, tradizionaliste o nazionaliste.

Che le persone che gestiscono organizzazioni come Twitter e Facebook siano di sinistra va benissimo. Ma ciò che non va bene è quando usano i loro ruoli decisionali per distorcere la comunicazione sociale rimuovendo alcune voci dai dibattiti sociali che si svolgono.

Il risultato è la chiusura del discorso. Questo accade perché (come Musk ha sottolineato) Twitter e Facebook programmano i loro computer e algoritmi per mettere in primo piano alcune idee, marginalizzare altre idee, e ucciderne altre ancora. Impiegano anche moderatori di contenuti per censurare attivamente i post.

Il risultato è che i nostri dibattiti sociali sono sbilanciati verso sinistra. All’interno di questo modello di social media contro la libertà di parola, le voci di destra vengono regolarmente messe a tacere su Twitter e Facebook.

A peggiorare le cose, poiché i giornalisti sono grandi utilizzatori di Twitter e Facebook, questa censura guidata da algoritmi e moderatori di contenuti si riversa anche sul contenuto dei giornali e delle notizie televisive tradizionali attraverso il sistema de facto del giornalismo copia-incolla.

Quindi, cosa ha fatto Elon Musk per cercare di risolvere il sistema orwelliano di chiusura del discorso che i social media stanno creando?

È iniziato con l’acquisto da parte di Musk del 9,2% delle azioni di Twitter. Questo ha portato ad offrire a Musk un posto nel consiglio di amministrazione di Twitter. Ma Musk ha rifiutato perché ha capito che questo lo avrebbe intrappolato nelle decisioni prese da un consiglio che aveva già dimostrato i suoi valori della Silicon Valley e la sua propensione a prendere decisioni contro la libertà di parola.

Invece, Musk ha offerto di pagare 43 miliardi di dollari per comprare tutto Twitter in modo da poter “sbloccare il suo potenziale” per promuovere la libertà di parola e il dibattito sociale aperto.

Musk ha chiarito che non stava facendo questo come un investimento finanziario. Non era spinto dalla convinzione che possedere Twitter lo avrebbe reso ancora più ricco. Piuttosto è stato spinto da una motivazione sociale per trasformare Twitter in una “piazza cittadina” pienamente funzionante dove il dialogo aperto potrebbe avere luogo.

Musk ha detto che voleva che Twitter diventasse un luogo dove le conversazioni potessero avvenire con meno vincoli possibili.

Così il miliardario è pronto a usare il suo denaro per produrre un bene sociale (la libertà di parola) non un bene privato (il profitto personale). Il suo obiettivo, ha detto, era quello di trasformare Twitter in un “bastione della libertà di parola”, perché crede che la civiltà occidentale tragga beneficio dal dialogo aperto e soffra delle restrizioni del dialogo sociale.

Alcuni cinici hanno messo in dubbio questo, implicando che i ricchi uomini d’affari sono sempre guidati solo da motivi di profitto. Ma Musk mi ha convinto forse perché riconosco echi delle nostre radici comuni in una cultura fatta a Pretoria negli anni ’80 che ha prodotto personaggi idiosincratici con una forte fede nella libertà di parola.

Importante, durante un TED-talk Musk ha anche dimostrato di aver pensato alle difficoltà pratiche e alle complessità dell’attuazione della libertà di parola in un mondo imperfetto. Eppure, nonostante la comprensione delle difficoltà, Musk ha rivelato un impegno inequivocabile per la libertà di parola.

Due cose che Musk ha detto mi hanno convinto che sarebbe stato un fantastico proprietario di Twitter. Una è stata la sua dichiarazione che la libertà di parola significa permettere alle persone di dire cose che non ti piacciono personalmente. In secondo luogo, ha detto che quando si decide se la libertà di parola deve o non deve essere applicata quando si affronta un malvagio dilemma morale, lui “sbaglierebbe dalla parte della libertà di parola”. Bravo Elon Musk.

In definitiva, Musk dimostra di capire che la libertà di parola non è un diritto astratto “dato”. Non sta argomentando dalla posizione di una sinistra liberale che crede di aver “scoperto” diritti e verità universali che hanno il diritto di imporre a tutti gli esseri umani in tutti i contesti.

Piuttosto, Musk riconosce che la libertà di parola è qualcosa per cui si deve lavorare e lottare perché facilita la libertà e il dialogo che ci rende tutti migliori.

Musk sta effettivamente facendo la sua parte nella lotta per rendere possibile la libertà di parola. Ed è pronto a mettere un sacco di soldi in questa lotta.

Musk è (correttamente) giunto alla conclusione che Twitter è attualmente un’organizzazione che fornisce un discorso limitato. Come ha detto, vuole riparare il modello rotto di Twitter in modo da liberare il suo potenziale per essere un’organizzazione che fornisce una piattaforma dove tutte le voci siano ben accolte in modo che un dialogo sociale pieno e aperto possa avere luogo. Musk sta parlando della civiltà occidentale al suo meglio.

Come ha reagito il consiglio di amministrazione di Twitter all’offerta di Musk? Beh hanno cercato di bloccarlo approvando una “pillola avvelenata” che permette agli attuali azionisti di Twitter di acquistare ulteriori azioni a prezzi inferiori in modo da diluire la percentuale che Musk detiene.

Vergognatevi Twitter per la vostra risposta. Questo rivela semplicemente molto sulle persone che gestiscono Twitter. Le loro azioni hanno confermato i miei peggiori sospetti sui loro valori e motivazioni.

Ma come dice Musk la sua lotta per la libertà di parola non è ancora finita e ha sottolineato le enormi conseguenze legali e finanziarie a cui il consiglio di amministrazione di Twitter si è aperto.

Si può solo sperare che Musk vinca la battaglia per liberare Twitter dal controllo di coloro che vogliono fermare il dibattito aperto e utilizzare i social media come un veicolo per spingere i propri programmi unilaterali.

Eric Louw

 

Eric Louw è un professore in pensione di comunicazione politica con una carriera che abbraccia università sudafricane e australiane. Prima di ciò, è stato un ex attivista, giornalista e formatore di media sotto l’African National Congress, dove ha lavorato sulla transizione del Sudafrica nell’era post-apartheid. Louw è un esperto di azione affermativa e di politiche di Black Economic Empowerment. Il suo dottorato è stato nello studio del marxismo e dei suoi sviluppi postmoderni. È autore di nove libri tra cui “The Rise, Fall and Legacy of Apartheid” e “The Media and Political Process”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

Facebook Comments