Elon Musk ha dichiarato lunedì che i file interni di Twitter sulla “soppressione della libertà di parola” dell’azienda saranno rivelati “presto”, sollevando l’aspettativa che venga fatta luce sulle circostanze della censura di Twitter alla storia esplosiva del New York Post che ha rivelato informazioni su un computer portatile presumibilmente appartenente a Hunter Biden. 

Di seguito vi propongo un articolo scritto da Tom Ozimek, pubblicato su The Epoch Times. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Elon Musk - GettyImages-1229893671
Elon Musk – (Photo by Britta Pedersen-Pool/Getty Images)

 

Elon Musk ha dichiarato lunedì che i file interni di Twitter sulla “soppressione della libertà di parola” dell’azienda saranno rivelati “presto”, sollevando l’aspettativa che venga fatta luce sulle circostanze della censura di Twitter alla storia esplosiva del New York Post che ha rivelato informazioni su un computer portatile presumibilmente appartenente a Hunter Biden.

“I Twitter Files sulla soppressione della libertà di parola saranno presto pubblicati su Twitter stesso. Il pubblico merita di sapere cosa è successo davvero…”. ha dichiarato Musk in un post di lunedì scorso.

I critici sostengono da tempo che Twitter utilizza standard vaghi per censurare o sospendere gli account e che quelli presi di mira sono prevalentemente quelli che esprimono opinioni conservatrici.

Twitter ha negato qualsiasi pregiudizio nelle sue azioni, insistendo ripetutamente che sta semplicemente seguendo le sue politiche di moderazione dei contenuti.

Settimane prima delle elezioni presidenziali del 2020, il New York Post ha pubblicato un articolo che descriveva i presunti incontri del figlio del presidente Joe Biden, Hunter Biden, con un’azienda energetica ucraina prima che l’allora vicepresidente Biden facesse pressioni sui funzionari del governo ucraino affinché licenziassero un procuratore che indagava sull’azienda.

La storia è stata vista dagli avversari politici di Biden come una prova di corruzione e la notizia si è rapidamente diffusa su Twitter, spingendo la società di social media a rimuovere i link all’articolo e, per un certo periodo, a sospendere l’account Twitter del New York Post.

I conservatori hanno visto le azioni di Twitter in questo senso come una prova del pregiudizio pro-Biden e anti-Trump dell’azienda.

All’epoca Twitter disse che stava semplicemente facendo rispettare le sue regole sul materiale hackerato, che vietano la distribuzione di informazioni ottenute tramite hacking.

 

Incredibilmente inappropriato

Ad aprile Musk si è espresso contro la decisione di Twitter di sospendere temporaneamente l’account Twitter del New York Post.

“Sospendere l’account Twitter di un’importante organizzazione giornalistica per aver pubblicato una storia veritiera è stato ovviamente incredibilmente inappropriato”, ha dichiarato Musk in aprile, rispondendo a un post sulla storia del laptop di Hunter Biden.

Musk, che ha assunto il controllo di Twitter a fine ottobre, ha promesso di trasformare la piattaforma in un bastione politicamente imparziale della libertà di parola.

In una lettera aperta dopo l’acquisizione di Twitter, Musk ha dichiarato di averla comprata perché “è importante per il futuro della civiltà avere una piazza digitale comune, dove un’ampia gamma di convinzioni possa essere discussa in modo sano, senza ricorrere alla violenza”.

“Attualmente c’è il grande pericolo che i social media si dividano in camere dell’eco di estrema destra e di estrema sinistra che generano più odio e dividono la nostra società”, ha aggiunto Musk.

Tra gli sforzi di Musk per ripristinare il ruolo di Twitter come “piazza digitale” imparziale c’è anche l’impegno a rendere pubbliche le discussioni interne di Twitter sulla soppressione della storia del laptop di Hunter Biden.

“Alzate la mano se pensate che [Musk] debba rendere pubbliche tutte le discussioni interne sulla decisione di censurare la storia del [New York Post] sul portatile di Hunter Biden prima delle elezioni del 2020, nell’interesse della trasparenza”, ha dichiarato il 24 novembre su Twitter il giornalista Alex Lorusso.

“È necessario per ripristinare la fiducia del pubblico”, ha risposto Musk.

Il post di Musk di martedì, che parla di un’imminente pubblicazione dei file di Twitter sulla “soppressione della libertà di parola”, suggerisce che presto vedranno la luce anche le informazioni sulla decisione dell’azienda di censurare i contenuti del portatile di Hunter Biden.

L’impegno del nuovo proprietario di Twitter per la libertà di parola sulla piattaforma va oltre la vicenda del laptop di Hunter Biden.

In un post successivo ha dichiarato di considerare le prossime rivelazioni sulla “soppressione della libertà di parola” come parte di una battaglia più ampia contro la censura.

“Questa è una battaglia per il futuro della civiltà. Se la libertà di parola viene meno anche in America, la tirannia è tutto ciò che ci aspetta”, ha scritto Musk.

 

Inaccettabile

L’ex CEO di Twitter Jack Dorsey ha dichiarato ai legislatori di Washington nel novembre 2020 che la censura della storia del laptop di Hunter Biden è stata un errore.

Ha dichiarato alla Commissione giudiziaria del Senato in videoconferenza che i dipendenti di Twitter hanno preso una decisione di applicazione basata su una politica creata nel 2018 per evitare che la piattaforma di social media venisse utilizzata per diffondere materiale hackerato.

Dorsey si è scusato pubblicamente per la sospensione di numerosi account che avevano condiviso la storia del giornale, affermando in una dichiarazione su Twitter che la “comunicazione” dell’azienda sulla censura del servizio “non è stata delle migliori”.

“La nostra comunicazione in merito alle nostre azioni sull’articolo del [New York Post] non è stata delle migliori”, ha dichiarato Dorsey. “E bloccare la condivisione di URL tramite tweet o DM senza alcun contesto sul motivo del blocco: inaccettabile”.

Sebbene Musk abbia promesso di ridurre le politiche di censura di Twitter, che secondo molti conservatori sono discriminatorie e equivalgono alla soppressione della libertà di parola, nella sua lettera aperta si è impegnato a non permettere che la piattaforma diventi un “paesaggio infernale libero” in cui si possa dire qualsiasi cosa “senza conseguenze”.

“Oltre a rispettare le leggi del Paese, la nostra piattaforma deve essere calorosa e accogliente per tutti”, ha scritto Musk.

All’inizio di novembre ha anche annunciato che la nuova politica di Twitter è “libertà di parola, ma non libertà di raggiungere”, aggiungendo che Twitter demonetizzerà e non promuoverà “tweet di odio/negativi”.

“Non troverete il tweet a meno che non lo cerchiate specificamente, il che non è diverso dal resto di Internet”, ha detto Musk.

Tom Ozimek

 

Tom Ozimek ha un’ampia esperienza nel giornalismo, nell’assicurazione dei depositi, nel marketing e nella comunicazione e nell’educazione degli adulti. Il miglior consiglio di scrittura che abbia mai sentito è quello di Roy Peter Clark: “Colpisci il tuo obiettivo” e “lascia il meglio per ultimo”.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email