L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha elaborato nuove linee guida per l’”Educazione Sessuale Completa” (ESS) che prevedono che gli adulti parlino ai bambini dei loro genitali e li incoraggino a masturbarsi anche se, ipocritamente, lo nega. Per avere conferma, potete vedere qui il video promosso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità in cui un adulto parla di masturbazione a un piccolo bambino e ad una bambina.

L’OMS afferma che le sue linee guida sull’ESS, sviluppate con l’aiuto dell’UNESCO, dell’UNFPA, dell’UNICEF, delle Nazioni Unite per le donne e dell’UNAIDS, “dovrebbero essere basate su un programma di studi stabilito, scientificamente accurato (??), adattato alle diverse età e completo, nel senso che coprano una serie di argomenti sulla sessualità e sulla salute sessuale e riproduttiva, durante l’infanzia e l’adolescenza”.

Leggete le 10 domande e risposte pubblicate sul loro sito il 18/5/23.

A titolo di esempio, su quali “basi scientifiche” l’OMS si permette di fare affermazioni come quella che segue, tra l’altro, così apertamente in contraddizione con la Dottrina Sociale della Chiesa?

“È chiaramente dimostrato che i programmi di sola astinenzache istruiscono i giovani a non avere rapporti sessuali al di fuori del matrimoniosono inefficaci nel prevenire l’attività sessuale precoce e i comportamenti a rischio, e potenzialmente dannosi per la salute sessuale e riproduttiva dei giovani.”

Chiunque abbia a cuore l’educazione umana e cristiana dei propri figli dovrebbe iniziare da subito, con tutti i mezzi possibili, la grande battaglia culturale e educativa per difenderli dall’ennesima operazione di indottrinamento alla perversione mentale e affettiva!

Di seguito le 10 domande e risposte predisposte dall’Organizzazione mondiale della Sanità. L’evidenziato in giallo è nostro, come anche la traduzione.

 


EDUCAZIONE SESSUALE COMPLETA SECONDO L’OMS

https://www.who.int/news-room/questions-and-answers/item/comprehensive-sexuality-education

1.Che cos’è l’educazione sessuale completa?

L’educazione sessuale completa (CSE) fornisce ai giovani informazioni accurate e adeguate all’età sulla sessualità e sulla salute sessuale e riproduttiva, che è fondamentale per la loro salute e sopravvivenza.

Anche se i programmi di CSE saranno diversi dappertutto, le linee guida tecniche delle Nazioni Unite – sviluppate insieme da UNESCO, UNFPA, UNICEF, UN Women, UNAIDS e OMS – raccomandano che questi programmi siano basati su un curriculum stabilito, scientificamente accurati, adattati alle diverse età e completi, cioè che coprano una serie di argomenti sulla sessualità e sulla salute sessuale e riproduttiva, durante l’infanzia e l’adolescenza.

Gli argomenti trattati dall’ESS, che può essere chiamata anche “abilità di vita, educazione alla vita familiare” e una varietà di altri nomi, includono, ma non solo, la famiglia e le relazioni, il rispetto, il consenso e l’autonomia corporea, l’anatomia, la pubertà e le mestruazioni, la contraccezione e la gravidanza e le infezioni sessualmente trasmissibili, compreso l’HIV.

2. Perché è importante parlare ai giovani della loro sessualità e salute sessuale?

L’educazione alla sessualità fornisce ai bambini e ai giovani le conoscenze, le competenze, gli atteggiamenti e i valori che li aiutano a proteggere la loro salute, a sviluppare relazioni sociali e sessuali rispettose, a fare scelte responsabili e a comprendere e proteggere i diritti degli altri.

Le prove dimostrano costantemente che un’educazione alla sessualità di alta qualità produce risultati positivi per la salute, con effetti che durano tutta la vita. I giovani hanno maggiori probabilità di ritardare l’inizio dell’attività sessuale – e quando lo fanno, di praticare sesso sicuro – quando sono meglio informati sulla loro sessualità, sulla salute sessuale e sui loro diritti.

L’educazione sessuale li aiuta anche a prepararsi e a gestire i cambiamenti fisici ed emotivi che si verificano durante la crescita, compresa la pubertà e l’adolescenza, insegnando loro il rispetto, il consenso e a chi rivolgersi in caso di bisogno. Questo a sua volta riduce i rischi di violenza, sfruttamento e abuso.

3. Quando dovrebbe iniziare l’educazione alla sessualità?

I bambini e gli adolescenti hanno il diritto di essere istruiti su sé stessi e sul mondo che li circonda in modo adeguato all’età e allo sviluppo, e hanno bisogno di questo apprendimento per la loro salute e il loro benessere.

Con l’intento di supportare i programmi scolastici, le linee guida globali delle Nazioni Unite indicano di iniziare l’ECS all’età di 5 anni, quando di solito inizia l’istruzione formale. Tuttavia, l’educazione alla sessualità è un processo che dura tutta la vita e che a volte inizia prima, a casa, con le persone di fiducia. L’apprendimento è incrementale; ciò che viene insegnato nelle prime età è molto diverso da ciò che viene insegnato durante la pubertà e l’adolescenza.

Per gli studenti più giovani, insegnare la sessualità non significa necessariamente insegnare il sesso. Per esempio, nei gruppi di età più giovani, l’ESS può aiutare i bambini a conoscere il proprio corpo e a riconoscere i propri sentimenti ed emozioni, discutendo al contempo della vita familiare e dei diversi tipi di relazioni, del processo decisionale, dei principi fondamentali del consenso e di cosa fare in caso di violenza, bullismo o abuso. Questo tipo di apprendimento getta le basi per relazioni sane per tutta la vita.

4. Chi dovrebbe essere coinvolto nell’educazione alla sessualità?

Molte persone hanno un ruolo da svolgere nell’insegnare ai giovani la loro sessualità e la salute sessuale e riproduttiva, sia nell’ambito dell’istruzione formale, sia a casa o in altri contesti informali. Idealmente, un’educazione solida e coerente su questi temi dovrebbe essere fornita da più fonti. Tra queste ci sono i genitori e i membri della famiglia, ma anche gli insegnanti, che possono contribuire a garantire ai giovani l’accesso a informazioni scientifiche e accurate e a sostenerli nello sviluppo di competenze critiche. Inoltre, l’educazione alla sessualità può essere fornita al di fuori della scuola, ad esempio attraverso operatori sociali e consulenti formati che lavorano con i giovani.

5. L’educazione alla sessualità incoraggia l’attività sessuale precoce o a rischio?

Programmi di educazione alla sessualità ben progettati e ben eseguiti favoriscono un processo decisionale positivo in materia di salute sessuale. È dimostrato che i giovani hanno maggiori probabilità di iniziare l’attività sessuale più tardi – e quando lo fanno, di praticare sesso sicuro – quando sono meglio informati sulla sessualità, sulle relazioni sessuali e sui loro diritti.

6. L’educazione alla sessualità incoraggia la masturbazione?

L’educazione sessuale non promuove la masturbazione. Tuttavia, nei nostri documenti, l’OMS riconosce che i bambini iniziano a esplorare il proprio corpo attraverso la vista e il tatto in età relativamente precoce. Si tratta di un’osservazione, non di una raccomandazione.

La guida dell’ONU sull’educazione alla sessualità mira ad aiutare i Paesi, gli operatori e le famiglie a fornire informazioni accurate e aggiornate sulla sessualità dei giovani, adeguate al loro stadio di sviluppo. Ciò può includere la correzione di idee errate relative alla masturbazione, come ad esempio che sia dannosa per la salute, e – senza svergognare i bambini – insegnare loro a conoscere il proprio corpo, i limiti e la privacy in modo appropriato all’età.

7. Che impatto ha l’educazione alla sessualità sulle relazioni di genere?

È dimostrato che le norme di genere inique iniziano presto nella vita, con conseguenze dannose sia per i maschi che per le femmine. Si stima che il 18%, ovvero quasi 1 ragazza su 5 in tutto il mondo, abbia subito abusi sessuali su minori.

Le ricerche dimostrano, tuttavia, che l’educazione in piccoli e grandi gruppi può contribuire a sfidare e cambiare le norme di genere diseguali. Su questa base, la guida internazionale delle Nazioni Unite sull’educazione alla sessualità raccomanda di insegnare ai giovani le relazioni di genere, l’uguaglianza e la disuguaglianza di genere e la violenza di genere.

8. Come può l’educazione alla sessualità prevenire gli abusi sessuali?

Fornendo ai bambini e ai giovani una conoscenza adeguata dei loro diritti e di ciò che è o non è accettabile, l’educazione alla sessualità li rende meno vulnerabili agli abusi. La guida internazionale delle Nazioni Unite chiede che i bambini di età compresa tra i 5 e gli 8 anni riconoscano il bullismo e la violenza e capiscano che sono sbagliati. Chiede che i bambini tra i 12 e i 15 anni siano consapevoli che l’abuso sessuale, la violenza sessuale, la violenza nelle relazioni di intimità e il bullismo sono una violazione dei diritti umani e non sono mai colpa della vittima. Infine, chiede di insegnare agli adolescenti più grandi (15-18 anni) che il consenso è fondamentale per una relazione sessuale positiva con un partner. Ai bambini e ai giovani dovrebbe essere insegnato anche cosa fare e dove andare in caso di problemi come la violenza e l’abuso.

Attraverso questo approccio, l’educazione alla sessualità migliora la capacità dei bambini e dei giovani di reagire agli abusi, di fermarli e, infine, di trovare aiuto quando ne hanno bisogno.

Qual è l’impatto dei programmi basati sull’astinenza?

È chiaramente dimostrato che i programmi di sola astinenza – che istruiscono i giovani a non avere rapporti sessuali al di fuori del matrimonio – sono inefficaci nel prevenire l’attività sessuale precoce e i comportamenti a rischio, e potenzialmente dannosi per la salute sessuale e riproduttiva dei giovani.

L’ESS si rivolge quindi al sesso sicuro, preparando i giovani – dopo un attento processo decisionale – a relazioni intime che possono includere rapporti sessuali o altre attività sessuali. È dimostrato che questo approccio è associato a un inizio più tardivo dell’attività sessuale, a una riduzione della pratica di comportamenti sessuali a rischio (che contribuisce anche a ridurre l’incidenza delle infezioni sessualmente trasmissibili) e a un maggiore uso della contraccezione.

10. I Paesi come possono utilizzare le linee guida dell’ONU sull’educazione alla sessualità?

Per quanto riguarda l’educazione alla sessualità, come per tutte le altre questioni, l’OMS fornisce indicazioni per le politiche e i programmi basate su ampie prove di ricerca e sull’esperienza programmatica.

La guida globale delle Nazioni Unite sull’educazione alla sessualità delinea una serie di obiettivi di apprendimento a partire dall’età di 5 anni. Questi obiettivi devono essere adattati al contesto locale e al programma di studi di un Paese. Il documento stesso descrive in dettaglio come dovrebbe avvenire questo processo di adattamento, anche attraverso la consultazione di esperti, genitori e giovani, insieme alla ricerca per garantire che i programmi rispondano alle esigenze dei giovani.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments