Volodymyr Oleksandrovyč Zelenskyy, Presidente dell'Ucraina
Volodymyr Oleksandrovyč Zelenskyy, Presidente dell’Ucraina

 

Volodymyr Zelensky, il presidente dell’Ucraina in difficoltà, ha preso d’assalto il mondo. Sembra che tutti sulla Terra stiano cantando le sue lodi. È facile pensare che meriti il suo status leggendario. È quasi impossibile immaginarlo come qualcosa di meno di un supereroe che si oppone alla tirannia e salva il mondo. È una descrizione realistica di cui chiunque può essere all’altezza?

La guerra in Ucraina è un disordine devastante e doloroso di disgrazie gigantesche. Nel dare un senso a questo disastro, è molto difficile separarci dalla finalità di ciò che può sembrare inevitabile. Cerchiamo di interpretare questa tragedia in modi che abbiano senso per noi, ricadiamo nelle nostre antiche storie del bene contro il male, Davide contro Golia. Ma purtroppo le nostre storie antiche e le analogie moderne non ci servono nel 21° secolo, in realtà non ci aiutano a capire il pericolo che il mondo si trova ad affrontare.

Presentano argomenti convincenti quando c’è un’enfasi irrisoria sulle soluzioni pacifiche alla guerra. Dobbiamo chiedere qual è l’obiettivo di questa guerra? Possiamo supporre che l’obiettivo sia salvare vite, possiamo supporre che l’obiettivo sia la vittoria. Imparando ciò che è più importante possiamo capire meglio i progressi che si stanno facendo. La cosa più importante è che la guerra subisca una de-escalation immediata.

Bisogna capire che l’escalation ci porta nella direzione sbagliata, perché una guerra contro una potenza armata di armi nucleari non può essere vinta. Senza questa consapevolezza cruciale le cose più impossibili diventano possibili, come un eroe che salva il mondo. Naturalmente è essenziale avere ispirazione e motivazione in tempi difficili, ma è anche essenziale essere pratici.

Il motivo per cui non dovremmo ammirare Zelensky è che non sembra molto impegnato nella de-escalation della guerra. Ha detto che acquisire più armi gli farà sicuramente vincere la guerra; un argomento potente di per sé, ma quando si considera che solo un accordo negoziato può porre fine alla guerra, si dissolve in una promessa impossibile.

L’apparente intransigenza di Zelensky rende le possibili soluzioni alla guerra ancora più sconcertanti. Se un nobile obiettivo è quello di prevenire una guerra nucleare, non dovrebbe esserci più enfasi sulla diplomazia? Eppure Zelensky implora incessantemente il mondo di disporre di sempre più armi. Senza alcuna apparenza di alternative, è molto facile assumere che più armi siano la risposta per porre fine alla guerra e portare la pace.

Allo stesso tempo ha lodato l’idea della diplomazia e contemporaneamente l’ha liquidata come inutile, giurando di combattere fino all’ultima città. Eppure, promettere cose impossibili non fa bene a nessuno. Più preoccupanti di tutti sono gli argomenti contro la diplomazia che sono stati echeggiati da milioni di persone che potrebbero non aver considerato la necessità della de-escalation.

È qui che la maggior parte di noi ha difficoltà a capire quali dovrebbero essere i prossimi passi. Alla luce delle nostre antiche storie del bene contro il male, sentiamo così fortemente che la Russia deve essere sconfitta. Non c’è altra possibilità nella nostra mente che la decimazione assoluta della Russia. Eppure Noam Chomsky ha sottolineato fin dall’inizio di questa guerra che a Putin deve essere data una via d’uscita; non la vittoria, ma una fuga, o come ha sottolineato Chomsky, può accadere il peggio. Questo rende una fine pacifica della guerra ancora più disperatamente impopolare.

Questo non è un suggerimento che la Russia sia incolpevole, solo una spiegazione di ciò che è necessario per dare un senso a questa guerra, e come terminarla. Senza questa importantissima considerazione resteremo bloccati in una creazione di miti senza fine. La risposta a questa guerra non è più armi. La risposta è spingere per la diplomazia da tutte le parti. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Ucraina devono dedicarsi a una soluzione diplomatica invece di un’ulteriore escalation. Tutto deve essere fatto per evitare una guerra nucleare, specialmente quando la pace è possibile.

Edward Alvarez

 

Edward Alvarez scrive da San Diego. Ralph E. Shaffer, professore emerito di storia al Cal Poly Pomona, ha contribuito a questo articolo.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments