Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Michael Hudson e pubblicato su ZeroHedge. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

banca-banche-tempio-denaro

 

I crolli di Silvergate e Silicon Valley Bank sono come iceberg che si staccano dal ghiacciaio antartico. L’analogia finanziaria con il riscaldamento globale che ha causato questo crollo degli scaffali di supporto è l’aumento della temperatura dei tassi d’interesse, che giovedì e venerdì scorso hanno raggiunto il 4,60% per i titoli del Tesoro americano a due anni. Nel frattempo i depositanti bancari continuavano a ricevere solo lo 0,2% sui loro depositi. Questo ha portato a un costante ritiro di fondi dalle banche e a un corrispondente calo dei saldi delle banche commerciali presso la Federal Reserve.

La maggior parte dei resoconti dei media si augura che le corse agli sportelli siano localizzate, come se non ci fosse un contesto o una causa ambientale. C’è un imbarazzo generale nello spiegare come la disgregazione delle banche, che ora sta prendendo piede, sia il risultato del modo in cui l’amministrazione Obama ha salvato le banche nel 2008 con quindici anni di Quantitative Easing per gonfiare nuovamente i prezzi dei mutui bancari a pacchetto – e con essi i prezzi delle case, insieme ai prezzi delle azioni e delle obbligazioni.

I 9.000 miliardi di dollari di QE della Fed (non conteggiati nel deficit di bilancio) hanno alimentato un’inflazione dei prezzi degli asset che ha fatto guadagnare trilioni di dollari ai detentori di attività finanziarie – l’1%, con un generoso effetto di ricaduta sugli altri membri del 10%. Il costo della proprietà di una casa è salito alle stelle, grazie alla capitalizzazione dei mutui a tassi di interesse in calo in immobili ad alta leva finanziaria. L’economia statunitense ha sperimentato il più grande boom del mercato obbligazionario della storia, mentre i tassi di interesse scendevano sotto l’1%. L’economia si è polarizzata tra la classe dei creditori con patrimonio netto positivo e il resto dell’economia, la cui analogia con l’inquinamento ambientale e il riscaldamento globale era l’inquinamento da debito.

Ma nel servire le banche e la classe proprietaria finanziaria, la Fed si è messa in un angolo: Cosa sarebbe successo se e quando i tassi di interesse fossero finalmente aumentati?

In Killing the Host ho scritto di ciò che sembrava abbastanza ovvio. L’aumento dei tassi d’interesse fa crollare i prezzi delle obbligazioni già emesse, insieme ai prezzi degli immobili e delle azioni. Questo è ciò che sta accadendo nell’ambito della lotta della Fed contro l'”inflazione”, il suo eufemismo per opporsi all’aumento dell’occupazione e dei livelli salariali. I prezzi delle obbligazioni stanno crollando, così come il valore capitalizzato dei mutui ipotecari e degli altri titoli in cui le banche tengono in bilancio le loro attività a garanzia dei depositi.

Il risultato rischia di far scendere gli attivi delle banche al di sotto dei loro depositi, azzerando il loro patrimonio netto. Questo è ciò che è stato minacciato nel 2008. È ciò che si è verificato in modo più estremo con le S&L e le casse di risparmio negli anni ’80, portando alla loro scomparsa. Questi “intermediari finanziari” non creavano credito come le banche commerciali, ma prestavano i depositi sotto forma di mutui a lungo termine a tasso fisso, spesso per 30 anni. Tuttavia, sulla scia dell’impennata dei tassi d’interesse volkeriani che inaugurò gli anni ’80, il livello generale dei tassi d’interesse rimase più alto dei tassi d’interesse che le S&L e le casse di risparmio ricevevano. I depositanti cominciarono a ritirare il loro denaro per ottenere rendimenti più elevati altrove, perché le S&L e le casse di risparmio non potevano pagare ai loro depositanti tassi più alti con le entrate derivanti dai loro mutui fissati a tassi più bassi. Quindi, anche senza frodi in stile Keating, lo squilibrio tra le passività a breve termine e i tassi d’interesse a lungo termine mise fine al loro piano d’affari.

Le S&L dovevano denaro ai depositanti a breve termine, ma erano bloccate in attività a lungo termine a prezzi in calo. Naturalmente, i mutui delle S&L erano molto più a lungo termine rispetto a quelli delle banche commerciali. Ma l’effetto dell’aumento dei tassi di interesse ha lo stesso effetto sugli asset bancari che ha su tutti gli asset finanziari. Così come il calo dei tassi d’interesse del QE (Quantitative Easing, uno strumento non convenzionale di politica monetaria, ndr) mirava a sostenere le banche, oggi la sua inversione deve avere l’effetto opposto. E se le banche hanno fatto operazioni in derivati sbagliate, sono nei guai.

Qualsiasi banca ha il problema di mantenere la valutazione delle proprie attività superiore a quella dei propri depositi. Quando la Fed alza i tassi di interesse in modo così brusco da far crollare i prezzi delle obbligazioni, la struttura patrimoniale del sistema bancario si indebolisce. Questo è l’angolo in cui la Fed ha messo l’economia con il QE.

La Fed riconosce questo problema intrinseco, ovviamente. È per questo che ha evitato di aumentare i tassi di interesse per così tanto tempo, fino a quando il 99% dei salariati non ha iniziato a beneficiare della ripresa dell’occupazione. Quando i salari hanno iniziato a riprendersi, la Fed non ha potuto fare a meno di combattere la solita guerra di classe contro il lavoro. Ma così facendo, la sua politica si è trasformata in una guerra contro il sistema bancario.

Silvergate è stata la prima ad andarsene, ma si trattava di un caso particolare. Aveva cercato di cavalcare l’onda delle criptovalute fungendo da banca per varie valute. Dopo che la vasta frode di SBF è stata svelata, c’è stata una corsa alle criptovalute. Gli investitori/giocatori hanno abbandonato la nave. I gestori di criptovalute hanno dovuto pagare attingendo ai depositi che avevano presso Silvergate. La società è fallita.

Il fallimento di Silvergate ha distrutto la grande illusione dei depositi in criptovalute. L’impressione popolare era che le criptovalute fornissero un’alternativa alle banche commerciali e alla “moneta fiat”. Ma in cosa potevano investire i fondi di criptovaluta per sostenere gli acquisti di monete, se non in depositi bancari, titoli di Stato o azioni e obbligazioni private? Che cos’è la criptovaluta, in definitiva, se non un semplice fondo comune di investimento con la segretezza della proprietà per proteggere i riciclatori di denaro?

Anche la Silicon Valley Bank è per molti versi un caso particolare, data la sua specializzazione nei prestiti alle startup IT. Anche la New Republic Bank ha subito una corsa agli sportelli, e anch’essa è specializzata nella concessione di prestiti a ricchi depositanti nell’area di San Francisco e della California settentrionale. Ma la scorsa settimana si è parlato di una corsa agli sportelli e i mercati finanziari sono stati scossi dal calo dei prezzi delle obbligazioni, quando il presidente della Fed Jerome Powell ha annunciato che intendeva aumentare i tassi di interesse anche più di quanto avesse previsto in precedenza, in considerazione del fatto che l’aumento dell’occupazione ha reso i salariati più arroganti nella loro richiesta di tenere almeno il passo con l’inflazione causata dalle sanzioni statunitensi contro l’energia e i prodotti alimentari russi e dalle azioni dei monopoli per aumentare i prezzi “per anticipare l’inflazione in arrivo”. I salari non hanno tenuto il passo con i conseguenti alti tassi di inflazione.

Sembra che la Silicon Valley Bank dovrà liquidare i suoi titoli in perdita. Probabilmente sarà rilevata da una banca più grande, ma l’intero sistema finanziario è sotto pressione. Venerdì la Reuters ha riportato che le riserve bancarie presso la Fed sono crollate. Non c’è da stupirsi, visto che le banche pagano circa lo 0,2% sui depositi, mentre i depositanti possono ritirare i loro soldi per acquistare titoli del Tesoro americano a due anni che rendono il 3,8 o quasi il 4%. Non c’è da stupirsi che gli investitori benestanti stiano scappando dalle banche.

È ovvio chiedersi perché la Fed non si limiti a salvare le banche nella posizione di SVB. La risposta è che il calo dei prezzi delle attività finanziarie sembra la Nuova Normalità. Per le banche con patrimonio netto negativo, come si può risolvere il problema della solvibilità senza ridurre drasticamente i tassi di interesse per ripristinare la politica dei tassi zero (ZIRP) durata 15 anni?

C’è un elefante ancora più grande nella stanza: i derivati. La volatilità è aumentata giovedì e venerdì scorsi. Le turbolenze hanno raggiunto dimensioni ben superiori a quelle che hanno caratterizzato il crollo di AIG e di altri speculatori nel 2008. Oggi, JP Morgan Chase e altre banche di New York hanno decine di trilioni di dollari di valutazioni di derivati – scommesse da casinò su come cambieranno i tassi di interesse, i prezzi delle obbligazioni, i prezzi delle azioni e altre misure.

Per ogni ipotesi vincente c’è una perdente. Quando si scommette su trilioni di dollari, qualche trader bancario è destinato a subire una perdita che può facilmente cancellare l’intero patrimonio netto della banca.

Ora c’è una fuga verso il “contante”, verso un rifugio sicuro – qualcosa di ancora migliore del contante: i titoli del Tesoro americano. Nonostante i repubblicani si rifiutino di alzare il tetto del debito, il Tesoro può sempre stampare il denaro per pagare gli obbligazionisti. Sembra che il Tesoro diventerà il nuovo deposito di scelta per coloro che hanno le risorse finanziarie necessarie. I depositi bancari diminuiranno. E con essi anche le riserve bancarie presso la Fed.

Finora il mercato azionario ha resistito al crollo dei prezzi delle obbligazioni. La mia ipotesi è che ora assisteremo al grande scioglimento del grande boom del capitale fittizio del 2008-2015. Quindi i polli stanno vendendo per essere arrostiti- e il “pollo” è, forse, l’enorme sovraccarico di derivati alimentato dall’allentamento della regolamentazione finanziaria e dell’analisi del rischio dopo il 2008.

Michael Hudson

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments