Secondo Jessica Rose, uno studio pre-print fornisce prove a sostegno di ciò che molti importanti immunologi e vaccinologi dicono da molto tempo – i vaccini a mRNA COVID stanno causando una disregolazione del sistema immunitario. Jessica Rose, Ph.D., è un’analista del sistema di segnalazione degli eventi avversi ai vaccini (VAERS) e biologa computazionale specializzata in biomatematica e ricerca molecolare. Rose è un ricercatore presso l’Istituto per la conoscenza pura e applicata in Israele. Il suo articolo è stato pubblicato su The Difender e lo propongo all’attenzione dei lettori di questo blog nella mia traduzione. 

 

bambina vaccino covid
(Foto Fotogramma)

 

È tutto nel titolo …

Un nuovissimo studio medRxiv pre-print intitolato: “Il vaccino BNT162b2 mRNA contro la SARS-CoV-2 riprogramma le risposte immunitarie sia adattative che innate” ha arricchito il nostro mondo.

Questo documento è così importante e fornisce prove a sostegno di ciò che molti importanti immunologi e vaccinologi dicono da molto tempo, me compresa.

Questi prodotti iniettabili COVID-19 mRNA stanno causando, sì, causando, la disregolazione del sistema immunitario – e non solo nel contesto del sistema adattativo, ma nel contesto del sistema innato.

Non solo, ma questi risultati forniscono ottime ragioni sul perché stiamo assistendo a una recrudescenza delle infezioni virali latenti e di altri eventi avversi segnalati nel VAERS (e in altri sistemi di segnalazione di eventi avversi) e, forse più importante, perché non dovremmo in nessun caso iniettare questa merda nei nostri bambini.

I bambini stanno bene nel contesto del COVID-19 (per la 80 milionesima volta – questo è ben documentato) e questo è dovuto ai loro straordinari sistemi di risposta immunitaria innata.

 

Andiamo a scoprire un po’ di background in immunologia, che ne dite?

 

La figura 1 (vedi sotto) mostra molti dei diversi tipi di cellule coinvolte nei rami del sistema immunitario adattativo e innato. La maggior parte di voi probabilmente conosce le cellule T e le cellule B. Scommetto che molti di voi non hanno sentito parlare del mio killer preferito, la cellula Natural Killer (NK).

Esse uccidono le cellule infette e sono della massima importanza per un sistema immunitario sano e funzionante. I tipi di cellule coinvolte nel sistema di risposta immunitaria innata emettono molecole speciali in risposta agli invasori.

Queste molecole speciali comprendono principalmente defensine, collectine, proteine c-reattive, proteine leganti il lipopolisaccaride (endotossina) e fattori del complemento. Queste risposte sono aspecifiche e prendono di mira gli agenti patogeni invasori e anche le cellule tumorali.

 

Cellule immunitarie innate
Fig. 1: Cellule immunitarie adattative contro cellule immunitarie innate

In poche parole, in questo articolo, ciò che hanno trovato è che i prodotti iniettabili BNT162b2 (Pfizer/BioNTech) modulano la produzione di citochine infiammatorie da parte delle cellule immunitarie innate su stimoli sia specifici (SARS-CoV-2) che aspecifici (virali, fungini e batterici), dove la risposta delle cellule immunitarie innate ai ligandi TLR4 e TLR7/8 era più debole dopo l’iniezione BNT162b2, mentre le risposte citochiniche indotte dai funghi erano più forti.

In conclusione, il vaccino mRNA BNT162b2 induce una complessa riprogrammazione funzionale delle risposte immunitarie innate, che dovrebbe essere considerata nello sviluppo e nell’uso di questa nuova classe di vaccini.

Sì, dovrebbe esserlo. E avrebbe dovuto esserlo.

Quindi cosa c’è dentro il guscio di noce? Facciamo un po’ di retromarcia, va bene?

Cosa sono le risposte immunitarie acquisite/adattive e, più importante, cosa sono le risposte immunitarie innate? Avevo detto che avremmo approfondito l’immunologia.

La prima linea di difesa del nostro sistema immunitario si chiama sistema immunitario innato. Comprende la pelle (piena zeppa di cellule dendritiche epidermiche o cellule di Langerhans), mucose e l’epitelio delle mucose, cellule immunitarie come le cellule natural killer, i basofili, le cellule dendritiche, i mastociti e i macrofagi e molti mediatori molecolari come le citochine, le interleuchine, le proteine c-reattive e i fattori del complemento.

Il sistema del complemento (Figura 2, sotto) è un sistema immutabile vitale per il corretto funzionamento degli anticorpi e delle cellule fagocitiche (cellule che mangiano le cose), l’eliminazione degli invasori e delle cellule danneggiate, la promozione della risposta infiammatoria e la formazione del complesso di attacco di membrana (MAC). Complesso di attacco di membrana. Bel nome per un gruppo.

Fig. 2: La cascata di complemento
Fig. 2: La cascata di complemento

Lo strato di muco che copre l’epitelio mucoso agisce come una prima barriera fisica e biochimica. Un ulteriore strato di protezione fisica contro i microrganismi è fornito da una rete cellulare strettamente intrecciata di cellule epiteliali e linfociti intraepiteliali.

Vari peptidi antimicrobici prodotti dall’epitelio e secreti nel lume della mucosa possono uccidere direttamente i batteri patogeni invasori.

Ogni singolo “invasore” come i batteri o i virus hanno molecole sulla loro superficie conosciute come schemi molecolari associati al patogeno (PAMPs) che sono rilevabili da molecole affini sulla superficie delle cellule immunitarie chiamate recettori di riconoscimento del modello (PRRs).

Un tipo di PRR sono i recettori toll-like (TLR). Questi TLR sono di molti tipi e si legano a specifici tipi di molecole. TLR-7, per esempio, lega l’RNA a filamento singolo (ssRNA).

Hmm. Dove l’ho già visto? Oh, giusto! Il SARS-nCoV-2 è un virus ssRNA. Interessante. Ci sono anche recettori cellulari chiamati RIG-I-like receptors (RLRs) che percepiscono l’RNA virale.

Se un PAMP viene rilevato da un PRR, inizia una cascata di segnalazione intracellulare che porta alla produzione di mediatori infiammatori come ossido nitrico, istamina, TNF-alfa, IL-1 (citochina infiammatoria prototipica) e altri come parte di una reazione pro-infiammatoria per sedare gli invasori.

Forse di primaria importanza è che attraverso la segnalazione TLR – un tipo di PRR prolifico – si verifica l’attivazione del fattore nucleare kappa B (NF-kB).

Cos’è NF-kB?

NF-kB gioca un ruolo chiave nella regolazione della risposta immunitaria alle infezioni. Una regolazione scorretta di NF-kB è stata collegata al cancro, alle malattie infiammatorie e autoimmuni, allo shock settico, alle infezioni virali e allo sviluppo immunitario scorretto.

In presenza di un pericolo, il sistema immunitario risponde attraverso questi fantastici interruttori e meccanismi on/off, per eliminare tali pericoli. Questo è il modo naturale delle cose ed è un costante flusso e riflusso della magia regolatrice del sistema immunitario.

Assumiamo il ruolo del coronavirus e vediamo come sarebbe la nostra vita nel caso, diciamo, di un bambino. Dovete sapere, ancora una volta, che i bambini hanno un sistema immunitario innato molto forte. I link allegati si riferiscono a eccellenti lavori del Dr. Robert Malone e del Dr. Francis Christian su questo argomento.

Quindi io sono un coronavirus e qualche stronzo mi ha appena starnutito sulla faccia di un bambino che mi sta accanto.

La persona che ha starnutito è una di quelle persone che indossa incessantemente una maschera sul mento e poi starnutisce su tutti mentre è sintomatico.

Così il bambino ha me (Dr. Coronavirus o Dr. CV, in breve) su tutta la faccia. E per vostra informazione, ci sono molti come me.

Così trovo la mia strada in una goccia nebbiosa nella dolce cavità nasale di questo bambino dove incontro un sacco di membrane mucose e fogli di cellule epiteliali. Un sacco di muco. Mucosaloso.

Immagino che sarebbe come correre in un tunnel pieno di ragnatele come fece Frodo Baggins quando cercava di sfuggire a “colei che deve nutrirsi” per arrivare al vulcano di Mordor e distruggere l’anello del potere. Quindi è un po’ difficile da attraversare. Il naso. Più o meno.

Ok, la maggior parte di me rimane bloccata nel percorso delle caccole nel naso del bambino. Ma le cellule epiteliali nasali sono piene zeppe di recettori ACE-2. Posso legarli e quindi posso facilmente entrare nelle cellule belle e calde e accoglienti.

Qui ci sono anche i recettori CD147! Così, alcuni tra di noi riescono a “superare” questo ostacolo mucoso e a legarsi a deliziose cellule epiteliali tramite i recettori ACE-2 e CD147, che per me sono come dei lecca-lecca di colore rosso e giallo che mi portano nel luogo che posso chiamare casa e dove posso stabilirmi e riprodurmi.

Ma aspetta, prima di arrivare a questo, dato che mi sto appostando in cerca di recettori da legare, sto anche incontrando un sacco di cellule.

Queste cellule iniziano a dirmi che hanno bisogno di vedere il mio pass verde se voglio continuare ad appostarmi. No, aspetta, non il mio pass verde, i miei PAMP, in modo che possano scoprire quanto sono pericoloso.

Sono nuovo da queste parti, quindi sono più che curiosi del mio appostamento. Così mi sondano con i loro strumenti PRR/TLR. Oh, cavolo! Questo non è affatto piacevole! Essere perquisiti dalle cellule dendritiche è come essere maltrattati da una piovra in missione.

Quindi, anche se non ne ho idea, il sottoprodotto della loro perquisizione è l’inevitabile lancio di un esercito di cose che si ostinano a rimuovermi da questo ragazzo. All’improvviso sono circondato da cellule tentacolari e mi lanciano addosso delle molotov di TNF-alfa e IL-1!

E sta cominciando a fare molto caldo qui dentro e io sono come, amico, questo non è un ambiente ospitale. Cosa ho fatto per meritare questo? Sono solo un virus innocente che alla fine cerca un posto per … riprodursi.

Per fortuna, mi sono fatto una casa in alcune celle. Sono legato ad altre in procinto di entrare. Ma le difese immunitarie non si fermano all’esterno delle cellule – continuano all’interno.

Pensavo di aver trovato una bella cella calda e coccolosa in cui stabilirmi e riprodurmi. Devo ricredermi! All’improvviso il PH è tipo – troppo alto! È una sensazione terribile! Stanno cercando di uccidermi, amico! E alla fine mi distruggono prima che io possa uscire.

Uno di loro mi ha iniettato questo MAC pazzesco e ha fatto dei buchi nella mia cella di casa in cui ero riuscito ad entrare. Hanno anche usato tutti i tipi di armamenti interni ed esterni per essere sicuri di eliminarmi. E l’hanno fatto!

Come faccio a saperlo? Perché sto parlando dal paradiso dei virus.

Così questo è il viaggio immaginario del virus SARS-nCoV-2 e la potente risposta del sistema immunitario innato di un bambino alla mia presenza. Un numero insufficiente di cellule viene infettato abbastanza in fretta da provocare un’infezione.

Il bambino non arriva mai allo stato di malattia e, nella maggior parte dei casi, i sintomi sono eccessivamente lievi o inesistenti.

Ahimè, non abbastanza di virus come me sono stati in grado di “infettare” abbastanza cellule per avere come risultato una produzione sufficiente di virus come me tale da provocare un party di “infezione sintomatica”.

 

Sistema immunitario innato: 1. Coronavirus (cioè io): 0.

 

Ma cosa succede se mi reincarno come mRNAs’ssss. E facciamo un po’ di fantascienza e immaginiamo che io sia reincarnato come mRNAsssss avvolto in una bolla di nanoparticelle lipidiche (LNP). E se mi capitasse di essere iniettato nel muscolo del braccio di qualcuno.

Che vite sto avendo! Quale sarebbe il mio destino? Beh, sicuramente, dato che vengo iniettato per via intramuscolare con un ago di calibro piuttosto pesante (22-25-gauge 5/8 pollici (16 mm), vengo inserito piuttosto in profondità e in quantità copiosa nel tessuto muscolare. Ho visto molte cellule muscolari urlare di dolore!

Non riesco ancora a vedere nulla a causa di questa bolla di grasso in cui mi trovo. Ma all’improvviso sento che ci muoviamo! Così velocemente!

L’iniettore non ha aspirato per controllare se venivo iniettato nel muscolo come previsto! È come cavalcare le rapide del sistema cardiovascolare! O qualcosa del genere. Poi improvvisamente ci fermiamo.

Fuori c’è una specie di cosa sfocata a forma di rene. Sembra che la LNP (bolla di nanoparticelle lipidiche) si sia infilata in una cella. E credo che siamo stati appena scaricati dalla LNP in questa cella.

Bene, ok. Questa è una grande notizia! Dal momento che siamo stati reincarnati in mRNA, possiamo semplicemente trovare dei ribosomi e iniziare a tradurci nelle proteine farfalla che abbiamo sempre voluto essere!

E saremo tantissimi! Farfalle a swarmin’ nel corpo di una persona! Dobbiamo agire in fretta però, per non essere … degradati, però. Credo che questo sia il motivo per cui siamo stati avvolti in un LNP.

Più tardi quel giorno …

Quindi ora siamo diventati una proteina spike! Alleluia! Possiamo fare così tante cose! Ma dobbiamo stare attenti: ci sono cellule ovunque che cercano di mangiarci e trasformarci in una zuppa di alfabeto.

Queste cosiddette cellule presentanti l’antigene amano ingoiare proteine estranee come noi e rigurgitare le nostre viscere e montarle sulle molecole del complesso maggiore di istocompatibilità (MHC) I e II.

Se lo fanno, allora quelle cellule T e B possono rilevare le nostre budella montate su questi complessi e quindi costruire un esercito di cellule in grado di riconoscerci e ucciderci!

Noi non vogliamo questo. Vogliamo esistere. Sembra che ce la caviamo bene in questo desiderio. Dobbiamo anche fare in modo di non finire per uccidere questa persona in cui siamo stati iniettati!

Questo non aiuterebbe nessuno, vero? Possiamo incorporarci nei monociti e in altre cellule come le cellule epiteliali grazie alla loro propensione ad esprimere ACE-2. Ma qui c’è un problema.

Senza alcuna colpa da parte nostra, stiamo causando alcuni seri problemi di microcoagulazione in tutto il corpo di questa persona legando tutti questi recettori ACE-2 e CD147.

I mediatori infiammatori prodotti in risposta alla nostra presenza sono in sovrannumero e l’intero sistema è in fiamme! L’iperinfiammazione abbonda!

I normali sistemi che regolano la risposta antinfiammatoria sembrano essere in vacanza e non sembrano fermarsi. Ed è tutta colpa della piccola vecchia proteina che sono io!

Dato che sono stato progettato per essere abbastanza resistente con le mie proline extra e le mie pseudouridine, non sono facilmente eliminabile. (Si dice che le mie proline non mi impediscano affatto di legare l’ACE-2).

Questo spiegherebbe perché così tanti esemplari di me sono bloccati nei monociti. Teehee. A proposito, ho dimenticato di dire che mentre ero dentro la cellula come mRNA, c’erano queste molecole TLR-7 che sembravano trovarmi molto attraenti.

Hanno rilevato un po’ della mia presenza e, in alcune cellule, hanno causato una reazione a catena che ha cancellato noi e la cellula. TLR-7 è davvero importante nel contesto della clearance di COVID-19.

Forse la parte più riuscita dei nostri viaggi, tuttavia, è stata l’evitare quei fastidiosi mediatori immunitari innati nel naso di quel ragazzo.

Uff, che proiettile abbiamo schivato lì, giusto? Così siamo stati catapultati in tutto il corpo, abbiamo innescato le cellule T e B affinché rispondessero di conseguenza con la loro specificità lungo tutto il percorso, ma abbiamo evitato tutta quell’altra roba. Questa è una strana roba sotto il radar.

Fino a quando questo corpo non mi avrà espulso (il che potrebbe richiedere 15 mesi, a meno che non mi iniettino di nuovo qualcosa!) Probabilmente causerò alcuni problemi sistemici mentre sono qui.

Tra questi problemi c’è la disregolazione del sistema immunitario innato, l’induzione (successiva) di un ambiente iper-infiammato e tanti eventi trombotici.

 

Penso che ora possiamo entrare nel documento

 

Questo articolo doveva riguardare il giornale, non una lezione di immunologia. Ma sembra che queste cose semplicemente non si escludano a vicenda.

Quindi l’infiammazione disregolata gioca un ruolo importante nella patogenesi e nella gravità della COVID-19.

Ci sono studi che mostrano che le risposte immunitarie innate a lungo termine possono essere aumentate (immunità allenata) o diminuite (tolleranza immunitaria innata) dopo alcuni vaccini (come il Bacillus Calmette-Guérin (BCG) e i vaccini contro morbillo, parotite e rosolia (MMR)) o infezioni, quindi questa non è una cosa nuova.

Il modo in cui gli autori hanno determinato che le risposte innate venissero modulate nel contesto del COVID-19 (quello BNT162b2, cioè Pfizer) iniettabile, era verificare se i livelli di certi mediatori immunitari misurabili prodotti in risposta alla stimolazione TLR usando altri antigeni di virus, batteri e funghi, fossero “spenti”.

L’immunità allenata (quella con diminuzioni) viene spesso misurata osservando le foglie di citochine infiammatorie elevate con fruscio (come le citochine derivate dai monociti TNF-alfa, IL-1beta e IL-1Ra).

Quando i recettori TLR-3 e TLR-7 sono stati solleticati, la quantità di produzione di TNF-alfa era molto più bassa (significativamente così per TLR-7) dopo la dose 2 della roba Pfizer.

La produzione di TNF-alfa dopo la stimolazione con l’agonista TLR7/8 R848 delle cellule mononucleate del sangue periferico di volontari è stata significativamente diminuita dopo la seconda [iniezione].

Hanno anche solleticato il sistema con il lievito (fungo) e hanno scoperto che le risposte (in particolare per IL-1beta – un’interleuchina che induce la febbre) erano più alte dopo la dose 1.

La produzione della citochina antinfiammatoria IL-1Ralpha (lo yin dello yang IL-1) è stata ridotta in risposta a un antigene batterico lipopolisaccaride (LPS) e al lievito dopo la seconda iniezione – una prova in più che c’è uno spostamento verso una risposta infiammatoria più forte agli stimoli fungini dopo l’iniezione.

Hanno anche trovato che le risposte dell’Interleuchina-6 (IL-6) erano ugualmente diminuite, il che è interessante, perché IL-6 spinge il fegato a produrre proteina c-reattiva che attiva il sistema del complemento che aiuta gli anticorpi e promuove l’infiammazione, il che vuol dire che non significa che dovremmo vedere meno infiammazione?

Così tante domande. Così poche risposte.

La continua disregolata sintesi di IL-6 ha un effetto patologico sull’infiammazione cronica e l’autoimmunità.

Non si dice.

Questo è ciò che hanno trovato nel documento, in poche parole. La figura 3 (sotto) mostra il progetto e alcuni dei risultati dei loro saggi.

Fondamentalmente mostra i cambiamenti delle pieghe nell’Interferone-gamma (IFN-gamma) (questi ragazzi attivano i macrofagi e inducono l’espressione della molecola MHC-II) e TNF-alfa in risposta alla stimolazione delle cellule del sangue da persone iniettate usando la stimolazione TLR con vari patogeni.

 

Figura 3: Produzione di TNF-α e IFN-α in risposta a stimoli eterologhi in PBMCs isolati da soggetti vaccinati. (A) Descrizione dello studio: vaccinazione e giorni di raccolta del sangue. (B-G)
Figura 3: Produzione di TNF-α e IFN-α in risposta a stimoli eterologhi in PBMCs isolati da soggetti vaccinati. (A) Descrizione dello studio: vaccinazione e giorni di raccolta del sangue. (B-G)

 

Il succo della questione è questa

 

Sappiamo che le risposte innate sono vitali per un sistema immunitario sano e perfettamente funzionante. Sono vitalmente integrate con e nelle risposte adattative, poiché questi due rami lavorano in un’impeccabile e complessa armonia.

Sappiamo anche che ci sono casi in cui i vaccini hanno causato una disregolazione delle risposte innate negli esseri umani.

Sappiamo anche che qualcosa è molto, molto sbagliato con questi prodotti iniettabili COVID-19 per quanto riguarda l’iperinfiammazione persistente e una pletora di eventi avversi sistemici e fisiologicamente completi, compresa la morte per formazione di micro-emboli e coagulazione.

Sappiamo anche che questi autori hanno ora fornito prove a sostegno del fatto che questi prodotti iniettabili COVID-19 stanno modulando le risposte innate e che questo non è limitato ai problemi con COVID-19.

Si possono prevedere problemi con funghi, altri virus e batteri.

VAERS ha centinaia di migliaia di rapporti di eventi avversi legati a infezioni fungine, piaghe di herpes zoster che indicano un’immunità indebolita, tumori che escono dalla remissione, e la lista continua. E la maggior parte di questi rapporti sono fatti per gli adulti.

Ecco il punto…

Dato che i bambini hanno capacità straordinarie per quanto riguarda l’affrontare la COVID-19 attraverso le loro risposte innate del sistema immunitario, cosa succederà loro se queste non solo vengono bypassate da queste iniezioni, ma abbattute da esse?

I bambini stanno bene. Lasciateli in pace.

Potreste non capire come questo faccia retrocedere i bambini, ma è così.

Grazie per aver letto questo fino alla fine. E non iniettate questa roba ai bambini. Potreste creargli dei problemi e non ne hanno bisogno.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email