Forse mons. Carlo Maria Viganò sarà stato impreciso nell’accusa di “copertura di abusi” nei confronti sia del vescovo Paul Bootkoski di Metuchen che dell’arcivescovo John Myers di Newark, ma intanto sono giunte le conferme dell’esistenza delle denunce, oltre che di un risarcimento, quello del 2005 (l’altro era in esame), per abusi sessuali di cui lo stesso Viganò aveva fatto cenno. Di seguito la conferma da parte del vescovo emerito Paul Bootkoski di Metuchen in questo articolo di Carl Bunderson.

Occorre però precisare che il New York Times ha riferito che la diocesi di Metuchen era a conoscenza delle accuse anni prima che i risarcimenti avessero luogo.

Ecco la conferma nella mia traduzione.

foto: vescovo emerito Paul Bootkoski

foto: vescovo emerito Paul Bootkoski

Il vescovo emerito Paul Bootkoski di Metuchen ha detto la settimana scorsa che le denunce di abusi contro l’allora cardinale McCarrick fatte alla sua diocesi sono state segnalate all’allora nunzio in modo tempestivo. I resoconti di alcune presunte vittime suggeriscono che la diocesi era stata a conoscenza del comportamento scorretto di McCarrick molto prima che fosse segnalato.

Una dichiarazione del 28 agosto dall’ufficio del Vescovo Bootkoski riferisce che l’Arcivescovo Carlo Maria Viganòsi è sbagliato nel ricordare i fatti riguardanti gli abusi commessi dall’Arcivescovo McCarrick“.

Mons. Viganò, ex nunzio apostolico negli Stati Uniti, aveva scritto che Mons. Bootkoski, così come l’Arcivescovo emerito John Myers di Newark “hanno coperto gli abusi commessi da McCarrick nelle rispettive diocesi e hanno risarcito due delle sue vittime. Non possono negarlo e devono essere interrogati per rivelare ogni circostanza e ogni responsabilità al riguardo” (qui il testo integrale in italiano).

Secondo la dichiarazione dell’ufficio del vescovo Bootkoski, “la diocesi di Metuchen ha ricevuto la prima di tre denunce contro l’arcivescovo McCarrick nel 2004“, dopo che McCarrick era stato trasferito a Washington e nominato cardinale.

La diocesi di Metuchen ha prontamente riferito ogni denuncia ricevuta alle forze dell’ordine in diverse contee dei diversi stati in cui si sono verificati i reati denunciati“, si legge nella dichiarazione.

Mons. Bootkoski ha detto di aver informato l’allora nunzio apostolico negli Stati Uniti, Mons. Gabriel Montalvo Higuera, delle denunce ricevute dalla diocesi di Metuchen riguardo a McCarrick nel dicembre 2005, prima per telefono e poi per iscritto.

Qualsiasi implicazione riguardo al fatto che il vescovo Bootkoski non abbia riferito le accuse contro l’arcivescovo McCarrick ai funzionari ecclesiastici e alle autorità civili competenti è errata“, si legge nella dichiarazione.

L’ufficio del vescovo ha fornito la lettera di presentazione che il vescovo Bootkoski ha inviato all’arcivescovo Montalvo il 6 dicembre 2005.

Quando ha inviato la lettera, Bootkoski ha allegato due pagine che descrivono “tre richieste individuali di risarcimento da parte di adulti contro McCarrick“, ha detto il suo ufficio.

La diocesi non ha potuto pubblicare il contenuto dell’allegato, ma ne ha riassunto il contenuto: un sacerdote della diocesi di Metuchen, che è stato successivamente licenziato dallo stato clericale, “ha asserito che McCarrick ha avuto contatti fisici inappropriati con lui“; che un ex seminarista di Metuchen “ha asserito di aver sentito voci di feste (“parties”) tenute presso la casa del cardinale McCarrick sulla costa del New Jersey; tuttavia, ha indicato di non essere stato presente a nessuna delle feste (“parties”) e non ha dato credito alle voci“; e che un sacerdote di Metuchen, che è stato successivamente rimosso dal ministero a causa di abusi sessuali su minori negli anni ’90 “ha asserito che McCarrick ha avuto contatti fisici inappropriati con lui, compresi i contatti sessuali, quando era seminarista, così come incontri simili con altri sacerdoti della diocesi”.

Secondo un articolo del New York Times del 16 luglio 2004, Robert Ciolekha chiesto un risarcimento dalla chiesa” nel 2004 .

Ciolek era stato un seminarista negli anni ’80, e ha asserito abusi da parte di McCarrick. È stato ordinato sacerdote, ma ha lasciato il sacerdozio nel 1988.

Nel 2005, ha ricevuto un risarcimento di 80.000 dollari dalle diocesi di Metuchen, Trenton e Newark.

Ma il New York Times ha riferito che Ciolek è stato contattato “intorno al 1999” da Mons. Michael Alliegro, che gli ha chiesto “se intendeva fare causa alla diocesi, e poi ha menzionato il nome dell’Arcivescovo McCarrick“.

Mons. Alliegro era stato segretario di McCarrick a Metuchen, ed è stato vicario della vita pastorale per la diocesi dal 1987 fino al 1999 circa.

E ho letteralmente riso, e ho detto no“, ha detto Ciolek al New York Times, aggiungendo che Alliegro ha tirato un sospiro di sollievo.

Il New York Times ha riferito che un altro sacerdote è stato nel 2004 “costretto a dimettersi in base ai nuovi protocolli di tolleranza zero contro gli abusi sui minori“.

Quel sacerdote disse al New York Times di aver scritto al vescovo Edward Hughes di Metuchen nel 1994dicendo che l’arcivescovo McCarrick aveva toccato impropriamente lui e altri seminaristi negli anni Ottanta“.

“Ha detto al Vescovo Hughes che si stava facendo avanti perché credeva che gli abusi sessuali ed emotivi subiti dall’Arcivescovo McCarrick, così come molti altri sacerdoti, lo avevano lasciato così traumatizzato che lo hanno spinto a toccare impropriamente due ragazzi quindicenni. La diocesi di Metuchen ha mandato il sacerdote in terapia, per poi trasferirlo in un’altra diocesi“.

Il sacerdote è stato pagato dalla Chiesa nel 2007 con un risarcimento di 100.000 dollari.

L’ufficio del vescovo Bootkoski ha detto che “La diocesi di Metuchen ha ricevuto la prima di tre denunce contro l’arcivescovo McCarrick nel 2004“.

È evidente che tre uomini hanno contattato la diocesi di Metuchen tra il 2004 e il 2005 con accuse contro McCarrick.

Il primo è stato Ciolek, il cui risarcimento è stato pagato nel 2005. La diocesi di Metuchen era a conoscenza delle sue accuse almeno dal 1999.

Il secondo, un ex seminarista, aveva sentito parlare di McCarrick, ma non ha affermato di essere stato vittima di abusi.

Il terzo è il sacerdote senza nome che ha ricevuto un risarcimento nel 2007. Ha detto per la prima volta al Vescovo di Metuchen nel 1994 che lui e altri seminaristi erano stati abusati sessualmente ed emotivamente da McCarrick negli anni ’80, e che questo lo aveva spinto a toccare impropriamente due ragazzi minorenni.

Prima di diventare vescovo di Metuchen, Bootkoski ha servito alle dipendenze di McCarrick nell’arcidiocesi di Newark per 14 anni: 11 come sacerdote, e tre come vescovo ausiliare.

 

Fonte: Catholic News Agency

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email