Di seguito vi propongo un interessante articolo scritto da Jeffrey A. Tucker, pubblicato su The Epoch Times, una rivista che dovreste leggere. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

 

Durante il fine settimana, PayPal ha inviato un aggiornamento delle sue condizioni d’uso o della sua politica di utilizzo accettabile (AUP). L’aggiornamento includeva un’aggiunta scioccante. Si riservava il diritto di confiscare 2.500 dollari dai conti delle persone che avessero diffuso “disinformazione”. Era un chiaro annuncio di ciò che molti già sospettavano: PayPal si è arruolata nella guerra dell’informazione.

Questo arriva settimane dopo che PayPal ha bloccato diversi conti importanti nel Regno Unito, tra cui il conto personale di Toby Young, la Free Speech Union e il DailySceptic. Si tratta di sedi estremamente importanti per il mondo anglosassone nel contrastare la narrazione propagandistica del COVID. Non è stato un caso che siano stati presi di mira.

Dopo le proteste globali e la copertura giornalistica da parte di fonti alternative, PayPal ha ceduto e ha ripristinato i loro account senza alcuna spiegazione.

In modo analogo, in tutto il mondo si sono levate proteste per la nuova politica di PayPal. Twitter si è riempito di annunci di persone che stavano cancellando i loro conti.

Il giorno successivo, PayPal ha fatto marcia indietro, affermando che il divieto di “disinformazione” era solo un errore.

“Il portavoce ha dichiarato a The Epoch Times: “Di recente è stato diffuso per errore un avviso AUP che includeva informazioni errate. “PayPal non sta multando le persone per la disinformazione e questo linguaggio non è mai stato inserito nella nostra politica”.

In altre parole, PayPal ha affermato che la sua politica sulla disinformazione era essa stessa disinformazione!

È molto probabile che sia stata proprio la protesta degli utenti – e un grande crollo delle azioni PayPal – a fare la differenza. Molti hanno esultato, ma in realtà questo è estremamente inquietante. Non possiamo vivere in un mondo in cui i nostri diritti essenziali, la nostra privacy e le nostre libertà sono sempre in bilico e dipendono dalle proteste su Twitter per essere riconosciuti.

Inoltre, sicuramente PayPal non si aspetta che qualcuno sul pianeta creda davvero all’affermazione che si è trattato di un “errore”. Non è possibile. Tutti sanno che qualcosa di così importante dal punto di vista legale e istituzionale come la Politica d’Uso Accettabile deve passare attraverso molti livelli di burocrazia e avvocati, soprattutto per evidenziare le modifiche.

Questa modifica è stata ovviamente approvata ai massimi livelli. Era destinata a rimanere in vigore e PayPal aveva tutte le intenzioni di preparare la strada per confiscare i fondi alle persone in base alla loro fedeltà politica e alle loro opinioni. Questo è davvero il punto in cui la situazione è peggiorata.

Sono particolarmente incuriosito dal modo in cui il Washington Post ha riportato la notizia:

“PayPal sta affrontando il contraccolpo dopo aver proposto regole che le avrebbero permesso di multare gli utenti per 2.500 dollari per aver promosso la disinformazione – cosa che il servizio di pagamento online ha poi definito un errore.

Nel fine settimana, diversi organi di stampa conservatori hanno riferito che l’azienda tecnologica ha aggiornato i termini di contratto, in base ai quali PayPal può imporre multe agli utenti in caso di violazioni, per includere “l’invio, la pubblicazione o l’invio di messaggi, contenuti o materiali” che “promuovono la disinformazione”.

“L’aggiornamento ha immediatamente scatenato un putiferio online a destra, segnando l’ultimo caso in cui un importante servizio di pagamento online ha affrontato le critiche per le sue pratiche di moderazione”.

Avete capito bene? Il Post si preoccupa di notare che le proteste provenivano da ambienti “conservatori” e che “ha scatenato un putiferio online a destra”.

Questo è un modo per segnalare ai loro lettori che si trattava di una buona politica e che l’avrebbero fatta franca se non fosse stato per i ragazzini impiccioni della destra. Tanto per essere chiari: il Post non usa mai il termine conservatore o di destra senza intendere quello di sbagliato, emarginato, pericoloso e cancellabile.

Quello che dicono sulle proteste sembra empiricamente corretto, anche se non del tutto. L’ex presidente di PayPal, David Marcus, ha scritto su Twitter: “È difficile per me criticare apertamente un’azienda che amavo e a cui ho dato tanto. Ma la nuova AUP di @PayPal va contro tutto ciò in cui credo. Un’azienda privata ora può decidere di prendere i vostri soldi se dite qualcosa con cui non sono d’accordo. Una follia”.

Elon Musk ha apprezzato il tweet.

Poi è intervenuto Brendon Carr, ex commissario della Federal Communications Commission: “Orwelliano. Paypal si riserva il diritto di prendere i tuoi soldi se pubblichi un messaggio che Paypal considera ‘disinformazione’. Ecco perché è fondamentale che le legislature statali e federali approvino leggi che vietino la discriminazione da parte delle aziende tecnologiche e proteggano la libertà di parola”.

Ormai sappiamo esattamente cosa intendono le Big Tech per “disinformazione”. Intendono informazioni che smentiscono le priorità del regime. È iniziato con il COVID e si è esteso ai vaccini. Ora include il cambiamento climatico. In effetti, ogni opinione o prova che sembra andare contro l’agenda prevalente della Fondazione Gates, dell’amministrazione Biden o del World Economic Forum viene sistematicamente deprecata dalle Big Tech. Questo vale per Google, Facebook, Twitter, Amazon e ora anche per PayPal.

La guerra alla libertà di informazione si intensifica di giorno in giorno. Questa piccola vittoria su PayPal è dolce, ma tutti sanno che si tratta di una concessione temporanea. Non hanno gradito il messaggio di cattive relazioni pubbliche. Nelle ultime 48 ore, la società ha probabilmente registrato un numero record di cancellazioni di conti. Hanno cambiato la politica per fermare l’emorragia.

In questo senso, abbiamo visto cosa funziona. Per lo meno, queste persone devono obbedire ai segnali del mercato, perché hanno una base di clienti e devono occuparsi delle esigenze di base della contabilità. Non devono solo soddisfare gli interessi governativi, ma anche il pubblico, nella misura in cui dipendono ancora da utenti volenterosi.

Tuttavia, la traiettoria è molto chiara. È il passo più spaventoso nella continua ascesa della tirannia nel mondo di oggi: la vostra stessa capacità di muovere denaro o persino di guadagnare un reddito sarà ufficialmente dichiarata condizionata alle opinioni che esprimete.

È un dispotismo di livello superiore che non è ancora avvenuto in modo sistematico negli Stati Uniti. In Cina, tutto ciò è ormai istituzionalizzato. L’ultimo anno ci ha mostrato molti esempi di come il Partito Comunista Cinese (PCC) utilizzi le applicazioni digitali per attivare o disattivare la capacità delle persone di parlare, associarsi, viaggiare e spostare denaro. La conformità è tutto.

In Canada, in una certa misura, questo sta già accadendo: il governo ha invaso i conti bancari dei camionisti che protestavano e di coloro che li sostenevano con donazioni.

Che importanza ha l’inversione di rotta di PayPal? Non è del tutto chiaro. Hanno mostrato la mano e hanno rivelato un piano molto più profondo e spaventoso che riguarda l’intenzione dell’amministrazione Biden di creare una nuova banca centrale di valuta digitale. Si tratterà di una moneta programmabile, che permetterà a un’élite al potere di tagliarvi i mezzi di sostentamento, se lo decideranno.

È fin troppo tragico. PayPal è stato creato inizialmente come mezzo per ottenere l’indipendenza finanziaria dalle banche controllate dal governo. Sperava addirittura di diventare una forma di denaro indipendente. Dopo tutti questi anni, è stato catturato da interessi che hanno l’ambizione opposta. In realtà, sono in molti ad acclamare questa prospettiva.

Ecco quanto è diventata intensa la guerra politica in questo Paese. Una volta si discuteva. Eravamo abituati a parlare. Ci rallegravamo della libertà garantita da una repubblica costituzionale. Oggi, molti gruppi di interesse – molti dei quali associati per ora principalmente alla sinistra – non vogliono più giocare a quel gioco. Vogliono che siate deplorati, cancellati e persino privati della possibilità di guadagnarvi da vivere o di sfamare la vostra famiglia.

È una nuova era di brutalismo, e le tecnologie che avrebbero dovuto impedirlo vengono ora impiegate per inaugurarlo e consolidarlo.

 

Jeffrey A. Tucker è fondatore e presidente del Brownstone Institute e autore di molte migliaia di articoli sulla stampa scientifica e popolare, oltre che di 10 libri in cinque lingue, il più recente dei quali è “Liberty or Lockdown”. È anche l’editore di The Best of Mises. Scrive una rubrica quotidiana di economia per The Epoch Times e parla diffusamente di economia, tecnologia, filosofia sociale e cultura.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments