“New York ha inviato al nostro Paese un barbaro invito a riconoscere l’umanità del bambino pre-nato perduto con l’aborto. E quel bambino a 39 settimane ha lo stesso valore, dignità e umanità a 8 settimane, 16 settimane o 24 settimane. In nessun momento aumentiamo in dignità durante la gestazione, semplicemente cresciamo. Una volta che disumanizziamo una persona, diventiamo molto capaci di ucciderla e questa nuova legge mette in bella mostra questa realtà”.

Di seguito un articolo di Shawn Carney, nella mia traduzione.

Piede del bambino dopo 12 settimane dal concepimento

Piede del bambino dopo 12 settimane dal concepimento

 

Avevo 25 anni all’epoca, e Kevin mi stava riportando all’aeroporto dopo che la sera prima avevo parlato alla sua cena delle risorse per la gravidanza. Per fare conversazione gli ho chiesto, quello che pensavo, era una semplice domanda. Ero solo ingenuo.

“Come sei stato coinvolto nel movimento a favore della vita?” Ho detto.

Ha guardato fuori dalla finestra per un momento e ha pensato silenziosamente alla domanda. Poi, improvvisamente, le lacrime cominciarono a scorrere sul suo viso.

Kevin aveva lavorato in un laboratorio medico di un ospedale cattolico. Il suo compito era quello di esaminare gli organi asportati dopo l’intervento chirurgico. Doveva esaminare ogni organo, a seconda di ciò per cui l’organo sarebbe stato usato, o da dove l’organo era venuto. Un giorno ci fu un errore e l’ospedale cattolico ricevette un pacco destinato ad un ospedale laico.

Quando Kevin aprì la confezione, le sue mani cominciarono a tremare mentre estraeva il contenuto. All’interno c’era una borsa Ziploc (borsetta di plastica con scanalature che se premute una contro l’altra fanno diventare la borsa ermetica, ndr) che conteneva i resti di una piccola bambina di 12 settimane, uccisa mediante un aborto salino.

Kevin ha cominciato a piangere dicendomi questo; ma ha detto che non era la parte peggiore. Quello che arrivò a Kevin non era l’orribile contenuto della borsa, ma piuttosto come la borsa era etichettata. Stordito da ciò che stava guardando, Kevin voleva vedere cosa dicesse l’etichetta ufficiale – tutto ciò che passava dal suo ufficio doveva essere etichettato in termini medici. Il suo cuore è caduto quando ha guardato sul lato della borsa e ha visto l’etichetta sulla borsa Ziploc:

“Prodotto del concepimento (POC)”.  

Kevin era cresciuto cattolico, ma era stato lontano dalla Chiesa per diversi anni. Dopo questa esperienza, tornò alla sua fede cattolica e promise di vivere la sua vita in modo tale da vedere tutti come esseri umani e non come un “prodotto del concepimento”.

La vita di Kevin è cambiata. Non è successo per una discussione sull’aborto o un dibattito politico in TV. Sarebbe stato certamente più facile e più pulito. Non è successo nemmeno a causa di ciò che vide. È successo perché ha preso una decisione dopo essersi trovato di fronte alla barbarie dell’aborto.

La decisione di New York – e la celebrazione (mediante l’illuminazione di rosa della guglia del World Trade Center, ndr)- di permettere l’aborto sui bambini fino al giorno della loro nascita fa sì che molti vogliano vomitare. G.K. Chesterton lo disse quasi 100 anni fa, ma oggi vale forse più che mai: “La follia di domani non è a Mosca, ma molto più a Manhattan”.

L’indignazione è traboccata e spazia dai protestanti agli evangelici che sfidano i pastori che hanno taciuto sull’aborto, ai cattolici che chiedono la scomunica ufficiale del governatore Cuomo, un personaggio pubblico cattolico. Se Cuomo non è scomunicato, allora io come cattolico mi unisco a molti nel chiedermi cosa si deve fare o difendere pubblicamente per ottenere la scomunica. Può essere sia comico che spaventoso riflettere.

Nonostante l’effusione della giusta rabbia per l’ulteriore distruzione della vita umana, la domanda rimane, ora che cosa fare? Quindi, siamo pazzi, disgustati, feriti e indignati. Tutto ciò non toglie il fatto che stiamo vivendo in questi tempi e quindi dobbiamo prendere una decisione.

New York ha inviato al nostro Paese un barbaro invito a riconoscere l’umanità del bambino pre-nato perduto con l’aborto. E quel bambino a 39 settimane ha lo stesso valore, dignità e umanità a 8 settimane, 16 settimane o 24 settimane. In nessun momento aumentiamo in dignità durante la gestazione, semplicemente cresciamo. Una volta che disumanizziamo una persona, diventiamo molto capaci di ucciderla e questa nuova legge mette in bella mostra questa realtà.

La mia speranza è che l’oltraggio diffuso non sia perduto, ma incanalato. Spero che New York sia la risposta per molte persone negli anni a venire quando sarà chiesto loro: “Perché ti sei fatto coinvolgere nel movimento a favore della vita?

Nonostante 46 anni di aborto legalizzato, c’è sempre più slancio in questo bellissimo movimento che ringiovanisce di giorno in giorno. Prendi la decisione di fare qualcosa come ha fatto Kevin. Non basta essere indignati, dobbiamo combattere il cinismo e la compiacenza e agire. Fai il volontario in un centro per la gravidanza (che ora supera di gran lunga i centri per l’aborto per 3 a 1), partecipa alla più grande primaverile “40 giorni per la vita” che inizia dal 6 marzo (15 località nel solo Stato di New York), vai a vedere il nuovo film Unplanned il 29 marzo, che mostra graficamente la natura dell’aborto, sostieni un gruppo legislativo pro-life, basta che tu faccia qualcosa.

Non è mai troppo tardi per aiutare a porre fine all’aborto dove si vive. Le urla (di gioia, ndr) del Senato di New York sono dalla parte sbagliata della storia. Quelle urla saranno messe a tacere dalla scienza, dalla ragione e dalla fede di coloro che decidono di parlare per coloro che non possono parlare per se stessi.

 

Shawn Carney è il presidente/CEO di 40 giorni per la vita e l’autore di “L’inizio della fine dell’aborto: 40 Storie di Dio che cambiano i cuori e salvano vite umane”.

 

Fonte: LifeSiteNews

Facebook Comments