Ci sono i primi segnali che le persone che sono state vaccinate contro il COVID-19 potrebbero essere in grado di trasmettere la variante Delta del virus con la stessa facilità di quelle che non lo hanno fatto, hanno affermato gli scienziati di Public Health England (PHE) (Ministero della Salute) di venerdì. Lo dice un articolo della Reuters. Ve lo riporto nella nella mia traduzione.

Il Ministero della Salute Inglese ha detto “che dei casi confermati [con la variante] Delta finiti in ospedale dal 19 luglio, il 55,1% non era vaccinato, mentre il 34,9% aveva ricevuto due dosi di vaccino COVID-19”, ed il 20,2% aveva avuto una dose di vaccino. Quindi gli ospedalizzati sono per il 55% non vaccinato e per il 45% vaccinato.

 

Ci sono i primi segnali che le persone che sono state vaccinate contro il COVID-19 potrebbero essere in grado di trasmettere la variante Delta del virus con la stessa facilità di quelle che non lo hanno fatto, hanno affermato gli scienziati di Public Health England (PHE) (Ministero della Salute) di venerdì.

I risultati coincidono con quelli dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, che la scorsa settimana hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che le persone vaccinate infette da Delta possano, a differenza di altre varianti, trasmetterlo facilmente. leggi di più

La variante altamente infettiva del Delta è diventata il tipo di coronavirus dominante a livello globale, sostenendo una pandemia che ha già ucciso più di 4,4 milioni di persone, di cui oltre 130.000 in Gran Bretagna.

È stato dimostrato che i vaccini forniscono una buona protezione contro malattie gravi e morte per Delta, specialmente con due dosi, ma ci sono meno dati sul fatto che le persone vaccinate possano ancora trasmetterlo ad altri.

“Alcuni risultati iniziali … indicano che i livelli di virus in coloro che vengono infettati da Delta che sono già stati vaccinati possono essere simili ai livelli riscontrati nelle persone non vaccinate”, ha affermato PHE in una nota.

“Ciò potrebbe avere implicazioni per l’infettività delle persone, indipendentemente dal fatto che siano state vaccinate o meno. Tuttavia, questa è un’analisi esplorativa precoce e sono necessari ulteriori studi mirati per confermare se questo è il caso”.

PHE ha affermato che dei casi Delta confermati che erano finiti in ospedale dal 19 luglio, il 55,1% non era vaccinato, mentre il 34,9% aveva ricevuto due dosi di un vaccino COVID-19.

Quasi il 75% della popolazione britannica ha ricevuto due dosi di vaccino e PHE ha affermato che “più la popolazione verrà vaccinata, [più] vedremo una percentuale relativa più elevata di persone vaccinate in ospedale”.

In una dichiarazione separata, PHE ha affermato che un’altra variante, nota come B.1.621, rilevata per la prima volta in Colombia, ha mostrato segni di eludere la risposta immunitaria innescata dai vaccini COVID-19 o da una precedente infezione.

PHE ha etichettato la variante “sotto indagine” ma non l’ha dichiarata “variante preoccupante” – una designazione che può innescare forti risposte politiche.

“Esistono prove di laboratorio preliminari che suggeriscono che la vaccinazione e l’infezione precedente potrebbero essere meno efficaci nel prevenire l’infezione da (B.1.621)”, ha affermato, aggiungendo che in Inghilterra erano stati confermati 37 casi della variante.

“Tuttavia, questi dati sono molto limitati e sono necessarie ulteriori ricerche. Non ci sono prove che suggeriscano che sia più trasmissibile della variante Delta dominante”.

Facebook Comments