Eugénie Bastié, di Le Figaro, ha intervistato l’intellettuale Pierre Manent su una serie di questioni che vanno dalla libertà alla cultura della vita, all’Europa, tutte alla luce della crisi pandemica di coronavirus.  Pierre Manent è politologo e accademico francese, insegna filosofia politica presso l’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales, nel Centre de recherches politiques Raymond Aron. La rivista First Thing ha tradotto l’intervista dal francese all’inglese. Riccardo Zenobi l’ha tradotta per noi dall’inglese.  

 

Pierre Manent

Pierre Manent, politologo e accademico di Francia

 

Eugénie Bastié: La crisi che stiamo attraversando sembra provocare un ritorno dello Stato, dopo decenni di discussioni sul suo declino. Perfino il presidente Emmanuel Macron ha ammesso “dobbiamo ricostruire la nostra sovranità nazionale ed europea”. Stiamo assistendo al grande ritorno dell’idea di nazione?

Pierre Manent: In attesa che le cose si disvelino notiamo il ritorno delle caratteristiche meno piacevoli del nostro Stato. In nome di un’emergenza sanitaria, è stato nei fatti stabilito uno stato di emergenza. In nome di questa emergenza, è stata presa la più primitiva e brutale delle misure: il confinamento generale sotto la sorveglianza della polizia. La velocità, la completezza e persino l’entusiasmo con cui è stato messo in moto l’apparato repressivo contrastano dolorosamente con i ritardi, la mancanza di preparazione e l’indecisione delle nostre politiche di risanamento, che si tratti di maschere, test o potenziali trattamenti. Innocenti o benigni passi falsi sono puniti con multe esorbitanti. Ci è proibito lasciare le nostre residenze senza passaporto, ma il ristabilimento dei confini nazionali è ancora considerato un peccato mortale. Non credo che la crisi stia riabilitando quello Stato.

Per quanto riguarda la nazione, è stata abbandonata, screditata e delegittimata per due generazioni, proprio come ogni pensiero per la politica industriale è stato abbandonato, screditato e delegittimato. Abbiamo rinunciato all’idea stessa di indipendenza nazionale. Oh, essere nient’altro che un nodo morbido e flessibile di competenza specializzata nella grande rete del commercio globale! E soprattutto, il flusso non deve mai rallentare! Stiamo scoprendo che dipendiamo dalla Cina per quasi tutto ciò di cui abbiamo bisogno? Ma ci siamo organizzati per essere dipendenti! Lo abbiamo voluto! Crede che, quando emergeremo indeboliti dalla distruzione economica provocata dalla crisi sanitaria, ci saranno molti che saranno disposti a invertire il corso che seguiamo da quarant’anni?

 

EB: Il rapporto tra scienziato o studioso e uomo politico, fondamento della modernità politica, è stato completamente rovesciato da questa crisi. Sembra che cerchiamo di nascondere le decisioni politiche dietro la competenza scientifica, eppure nel momento in cui la politica cerca di resistere da sola, è criticata dall’opinione pubblica. Come dovremmo analizzare questa situazione? È il trionfo della competenza sul processo decisionale politico, o è in effetti il ​​ritorno di ciò che è essenzialmente politico in un contesto di incertezza?

PM: Per quanto riguarda esperti e scienziati, devono essere fatte alcune distinzioni. Abbiamo imparato a riconoscere, a stimare e spesso ad ammirare i nostri dottori, operatori sanitari e ricercatori. Questo è un vantaggio durante questa sinistra primavera. Abbiamo anche scoperto la politica della scienza, che non è più innocente della politica normale. La competenza non fornisce immunità contro il desiderio di potere. In ogni caso, spetta ai funzionari eletti prendere decisioni perché sono loro i responsabili del tutto, cioè del corpo politico; sta a loro prendere in considerazione tutti i parametri e prevedere tutte le conseguenze delle loro azioni. Aristotele aveva ragione: la politica è la regina delle scienze!

 

EB: Come analizzerebbe la reazione dell’Unione Europea a questa crisi? Più in generale, la crisi sta rivelando la debolezza dell’Occidente?

PM: L’Unione europea è debole quanto le nazioni che la compongono. L’Unione è nella sua ultima fase. O zoppicherà nella sua forma attuale, o cadrà a pezzi. L’ordine europeo si basa sull’egemonia tedesca, un’egemonia che è accettata e apprezzata dal resto d’Europa. La Germania si trova nella situazione più stabile e favorevole in cui sia mai stata. Domina solo per il suo peso; non ha bisogno di fare una mossa, o meglio ha bisogno di non fare una mossa. Questo è qualcosa che il presidente Macron non ha capito, e quindi stanca i tedeschi con le sue incessanti richieste di iniziative comuni. Le varie nazioni si sono ritirate dietro i loro confini.

Questa è la fine della fantasia europea. Non c’è nessuna meravigliosa avventura che ci aspetta sul lato europeo della strada. Ogni nazione ha scoperto il carattere immutabile del suo essere collettivo. Liberati dal sogno frustrante di “Sempre più Europa”, ora possiamo riscoprire un certo affetto per ciò che siamo, possiamo provare a raccogliere forza attingendo al nostro carattere nazionale e nutrire pazientemente le nostre risorse, risorse morali e spirituali, nonché risorse militari ed economiche. Questo desiderio di riscoprire e riaffermare noi stessi sarà salutare solo se sarà accompagnato da una lucida consapevolezza della nostra vera debolezza, la debolezza in cui ci siamo lasciati scivolare.

 

EB: È sorpreso dalla docilità con cui le nostre democrazie liberali hanno accettato la sospensione della maggior parte delle nostre libertà? Non è forse questo un segno che il regno esclusivo dei “diritti” rimane fragile di fronte all’emergenza dell’autoconservazione biologica?

PM: Nessuno contesta che la pandemia costituisce un’emergenza e che con un’emergenza sono inevitabili alcune misure insolite. Ma la fragilità della salute umana in un certo senso costituisce un’urgenza permanente e può fornire allo Stato una giustificazione permanente per uno stato permanente di emergenza. Ora vediamo nello Stato solo il protettore dei nostri diritti; ora, poiché la vita è il primo dei nostri diritti, si apre un ampio percorso al potere inquisitorio dello Stato. Detto questo, ci siamo dati allo Stato molto tempo fa, secondo la sua sovranità sulle nostre vite. Questa tendenza a lungo termine è diventata più acuta negli ultimi anni. La spontaneità del discorso pubblico è stata sottoposta a una sorta di censura preventiva, che in effetti ha escluso il legittimo dibattito sulla maggior parte delle questioni importanti della nostra vita comune o persino della nostra vita personale. Che la questione sia la migrazione o le relazioni tra i sessi e le relative questioni sociali, un’ideologia comune alla società e allo Stato detta ciò che è permesso e proibito, che è lo stesso di ciò che è onorevole e vergognoso, nobile e vile. In una parola, abbiamo completamente interiorizzato il principio di un codice di parole ed espressioni, a cui si ritiene sospetto resistere. Così abbiamo tranquillamente lasciato alle spalle il regime liberale e democratico che è stato informato e animato da progetti collettivi rivali e che ci ha presentato grandi impegni, azioni comuni da compiere, buone e cattive, giudiziose e rovinose, ma che ci hanno dato ragioni per creare una buona lotta, occasioni per discussioni vigorose e grandi domande che nutrono grandi disaccordi. Questo momento felice è finito. Il nostro mondo è pieno di vittime che, con una voce che è allo stesso tempo piagnucolante e minacciosa, affermano di essere ferite da tutto questo discorso. Vedono nelle regole grammaticali che governano il genere un’offesa per tutte le donne e trovano insulti omofobi nella volgarità degli scolari. Come possiamo ora opporci allo Stato come custode dei diritti mentre lo preghiamo di intromettersi nelle nostre vite personali sempre ferite?

 

(se il video non si carica fare il refresh di questa pagina o  cliccare qui)

 

 

EB: Pensa che i principi fondamentali del liberalismo siano minati da questa crisi? Possono essere salvati?

PM: Ciò che è indebolito sono i principi fondamentali della globalizzazione, che sono chiamati liberali, cioè la competizione di tutti con tutti o l’idea che l’ordine umano derivi dalla regolazione impersonale del flusso. Questa ideologia ha sfruttato alcuni temi liberali, ma il liberalismo che dobbiamo preservare è qualcosa di diverso. Un regime liberale organizza una competizione pacifica al fine di definire e attuare le regole della vita comune e distingue rigorosamente tra il regno del comando politico e quello della libertà imprenditoriale nel senso più ampio del termine, che comprende in particolare la libera comunicazione della morale, influenze sociali, intellettuali e religiose. Ed ecco il punto chiave: il regime liberale presuppone il quadro nazionale; non c’è mai stato un regime liberale senza un quadro nazionale. Negli ultimi anni, il nostro regime ha subito una corruzione che ha colpito tutte le classi: i ricchi, poiché il regime ha favorito la ricerca di finanziamenti e ricerca di rendite, soprattutto nel settore immobiliare, e ha incentivato l’alta tecnologia per voltare le spalle alla nazione, a volte al punto di perdere il senso del bene comune; e gruppi a basso reddito, che sono stati scoraggiati dal lavorare con spese sociali indiscriminate. Le funzioni direttamente legate alla sovranità — militare, sicurezza, giustizia — sono state private di risorse. Pertanto, o procederemo a riallocare le risorse a favore di queste funzioni essenziali e ricompense per il lavoro, oppure ci immobilizzeremo ulteriormente nell’amministrazione statale di risorse sempre più scarse, mentre continuiamo ad appassire moralmente e politicamente.

 

EB: Mentre è stato fatto tutto il possibile per salvare le vite dei più vulnerabili, le cerimonie di base che accompagnano la fine della vita sono state limitate, persino abolite. Cosa ci dice questa crisi sul posto della morte nelle nostre società moderne?

PM: Il governo ha assunto su di sé l’autorità, in tali circostanze, in pratica di vietare l’ultimo rituale a cui siamo ancora attaccati, cioè quello che accompagna la morte. Nonostante la nostra tendenza molto diffusa a rendere invisibile la morte, questa misura ha provocato tristezza, costernazione e disapprovazione. Tutti possono vedere che le cerimonie possono essere regolate mentre restano mantenute nelle loro caratteristiche essenziali, senza che i partecipanti rischino più di quanto sia rischiato ogni giorno dal personale di consegna o dai cassieri, per non parlare dei badanti.

Questa brutale cancellazione della morte è inseparabile dalla cancellazione della religione: ha notato che, sulla lunga lista di motivi autorizzati per lasciare il proprio domicilio, i “bisogni degli animali domestici” non sono stati dimenticati, ma non ci sono disposizioni per coloro che potrebbero desiderare di andare in un luogo di culto? Questo merita riflessione. Coloro che ci governano sono persone onorevoli che stanno facendo del loro meglio per superare una grave crisi. Ma non hanno notato l’enorme e inammissibile abuso di potere implicito in alcune delle loro decisioni. Com’è possibile? Negli ultimi anni, le istituzioni, i regolamenti e le leggi che definiscono la vita comune in Europa sono diventati malleabili di fronte alle esigenze che tutti noi, tiranni tirannizzati dai nostri desideri, scelgono di rivolgere a loro. Abbiamo bevuto una coppa d’ira, come dice la Scrittura. Abbiamo delegittimato le istituzioni che ordinano la trasmissione della vita e ora stiamo rimuovendo i riti che accompagnano la morte. È ora di svegliarsi.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1