La risposta degli Stati Uniti all’aggressione della Russia in Ucraina dovrebbe essere pragmatica, con l’obiettivo di raggiungere la pace piuttosto che la perfezione.

Di seguito vi propongo un articolo di Doug Bandow, publicato su The American Conservative. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Ucraina-russia-guerra carro armato soldati

 

L’Asia ha commesso un atto di aggressione indiscutibile contro l’Ucraina. Non c’è alcuna giustificazione. Non c’era nessuna minaccia immediata plausibile. Infatti, attraverso il suo rafforzamento militare, Mosca ha reso l’adesione di Kiev alla NATO praticamente impensabile, anche se nessun funzionario dell’alleanza lo ammette.

Quindi, cosa fare ora?

In primo luogo, la risposta alla Russia dovrebbe essere una condanna inequivocabile. Anche se Mosca non è esente da lamentele sul comportamento degli alleati dopo la guerra fredda – gli Stati Uniti non avrebbero mai tollerato che la Russia agisse nell’emisfero occidentale come Washington ha fatto in Europa verso Mosca – non c’era motivo di invadere l’Ucraina. Denunciare il governo Putin non significa fargli la guerra, ma le sanzioni economiche e l’obbrobrio diplomatico sono appropriati, persino necessari.

In secondo luogo, le sanzioni economiche dovrebbero essere riconosciute come una punizione piuttosto che un mezzo per cambiare la rotta della Russia. Le sanzioni raramente riescono a costringere i governi a fare concessioni politiche. La panoplia di sanzioni dell’amministrazione Trump, alcune parte di campagne di “massima pressione”, ha fallito completamente: Cuba, Venezuela, Russia, Cina, Siria, Iran e Corea del Nord hanno tutti continuato per la loro strada, nonostante la guerra economica degli Stati Uniti.

Inoltre, le sanzioni non dovrebbero diventare un fine in sé. L’obiettivo di Washington dovrebbe essere quello di creare un’Europa orientale pacifica e stabile. Questo significa cercare un modus vivendi per liberare l’Ucraina, limitare le minacce russe e minimizzare le paure di Mosca. Il rilassamento delle restrizioni economiche dovrebbe essere parte di qualsiasi accordo.

In terzo luogo, Washington dovrebbe trattare l’invasione della Russia principalmente come una crisi umanitaria, non come una minaccia militare. Il presidente russo Vladimir Putin è un cattivo ragazzo, ma non ha mai dimostrato il minimo interesse in una guerra contro l’America, che sarebbe più che folle. Pertanto, l’amministrazione Biden non dovrebbe reagire in modo eccessivo. Il suo obbligo principale è quello di garantire che l’invasione russa non si trasformi in una crisi di sicurezza per gli Stati Uniti.

Ciò richiede di evitare il coinvolgimento, intenzionale o involontario, nel conflitto da parte delle forze americane o alleate. Anche se gli stati vicini comprensibilmente provano simpatia per Kiev, nell’offrire aiuto e rispondere a qualsiasi incursione di combattimento – almeno un pilota ucraino ha volato nello spazio aereo polacco in cerca di rifugio – gli alleati dovrebbero evitare uno scontro con le forze russe. Le due maggiori potenze nucleari del mondo non sono mai entrate in una guerra a fuoco e questo conflitto non dovrebbe diventare il primo.

Inoltre, Washington dovrebbe chiarire che sta dietro ai suoi impegni di alleanza. L’espansione della NATO è stata sciocca e ha diminuito la sicurezza degli Stati Uniti – i nuovi membri come i Baltici e il Montenegro sono nani militari. E tutti sanno chi sarebbe chiamato a combattere per loro in caso di conflitto. Suggerimento: non sarebbero i tedeschi, i portoghesi o gli italiani. Tuttavia, Washington dovrebbe mantenere le sue promesse, mentre contempla appropriati cambiamenti nell’appartenenza all’alleanza e nelle responsabilità in futuro.

Quarto, la resistenza dell’Ucraina è stata impressionante, ma crea un rischio. Apparentemente piena di arroganza e aspettandosi una facile conquista, Mosca inizialmente ha inviato troppo poche truppe in Ucraina per avere successo. Sfortunatamente, Putin ha investito troppo per ritirarsi semplicemente, così la Russia ha rinforzato la sua forza d’invasione e ha usato la potenza di fuoco in modo meno discriminatorio. Questo si tradurrà in più distruzione e vittime e renderà più difficile qualsiasi risoluzione. Così, anche se poche persone speravano di ottenere molto dai colloqui di pace iniziali russi e ucraini, entrambe le parti hanno molto in gioco nel trovare una soluzione vivibile. Più lunghi sono i combattimenti, più difficile sarà raggiungere questo obiettivo.

Quinto, l’amministrazione dovrebbe andarci piano con le proposte di promuovere un’insurrezione contro le truppe russe. Gli ucraini stanno giustamente reagendo. Il governo Zelensky spera di trasformare una popolazione mal addestrata in una milizia informale per controllare Kiev. Tuttavia, trasformare i civili in combattenti renderà tutti i civili potenziali bersagli. Questo rischia anche di approfondire l’impegno di Mosca nel cambio di regime, che richiederebbe un’occupazione di una certa entità. Questo potrebbe portare alla guerra civile e all’insurrezione senza fine, che sarebbe un disastro per l’Ucraina. Per quanto efficaci, tali campagne tendono ad essere distruttive e sanguinose, come in Afghanistan, Siria e molti altri esempi. L’Ucraina deve custodire il suo futuro così come il suo presente. L’obiettivo immediato di Washington dovrebbe essere quello di incoraggiare un risultato che minimizzi i danni all’Ucraina e lasci il paese non occupato. Le attuali difficoltà della Russia dovrebbero moderare le sue ambizioni, anche se non è probabile che si ritiri senza ottenere alcune concessioni.

Sesto, gli Stati Uniti non dovrebbero inviare truppe altrove in Europa. Le azioni di Putin sono criminali, ma non è Hitler. Prima dell’attacco in Ucraina, dopo 22 anni al potere, le sue conquiste totali erano… la Crimea. Mosca controllava indirettamente anche l’Abkhazia, il Donbass, l’Ossezia del Sud e la Transnistria, territori che al massimo sarebbero il quarto premio in una gara di geopolitica.

Nonostante i meandri retorici di Putin nel corso degli anni, il suo obiettivo è sempre stato l’Ucraina. Lo testimoniano il suo articolo dell’anno scorso e il suo discorso della settimana scorsa; non sente un simile attaccamento ai paesi baltici. Inoltre, il suo esercito, anche se competente, è relativamente piccolo, incapace di lanciare una guerra lampo contro l’Europa. Egli è anche consapevole che attaccare un membro della NATO sarebbe entrare in un altro regno – questo è precisamente il motivo per cui vuole escludere l’Ucraina dall’alleanza transatlantica. I benefici di un’ulteriore aggressione impallidirebbero rispetto al prezzo che la Russia finirebbe per pagare.

Altrettanto importante, Washington è sovraccaricata. In primo luogo, con il debito federale che già supera il 100 per cento del suo PIL, le pressioni sul bilancio non faranno che aumentare man mano che i baby boomer continueranno ad andare in pensione. Gli Stati Uniti non possono permettersi di continuare a fornire assistenza militare ad alleati ricchi e incapaci in tutto il mondo. In secondo luogo, la battaglia su come utilizzare ciò che viene speso diventerà solo più feroce. La Cina è ampiamente vista come la più grande sfida dell’America. Washington non può più permettere agli europei benestanti di spillare ai contribuenti e alle truppe statunitensi.

Settimo, l’amministrazione Biden dovrebbe riunire i membri della NATO e indicare che è tempo di iniziare a pianificare un rafforzamento militare europeo e l’assunzione delle responsabilità della difesa europea. Infatti, l’aggressione di Putin ha fatto più di anni di piagnistei presidenziali statunitensi per motivare gli europei. Domenica, la Germania ha annunciato un significativo rafforzamento militare per portare finalmente le sue spese all’obiettivo NATO del 2% del PIL. Lo stesso giorno, il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha sollecitato un aumento delle spese militari della sua nazione.

Altri governi europei dovrebbero seguire. Washington dovrebbe continuare a proteggere il continente mentre l’alleanza inizia questo processo. Tuttavia, con un PIL collettivo da cinque a dieci volte quello della Russia – a seconda della misura utilizzata – e una popolazione più di tre volte più grande, gli europei sono ben in grado di difendersi. Ora è il momento.

Washington dovrebbe indicare che non dirà ai governi europei cosa fare. Tuttavia, se falliscono, dovranno affrontarne le conseguenze. Indipendentemente dalle scelte che faranno, gli Stati Uniti dovrebbero presto iniziare a ridurre le forze sul continente per soddisfare le crescenti responsabilità interne e le sfide estere. Settantasette anni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale sono sicuramente abbastanza per gli stati europei per agire come nazioni serie e gestire la responsabilità più fondamentale di qualsiasi governo.

Ottavo, per contrastare meglio Mosca, i funzionari statunitensi dovrebbero abbandonare la cantilena bigotta che ha catturato la politica estera americana e praticare l’empatia strategica, riconoscendo come gli altri vedono le azioni degli Stati Uniti, qualunque sia l’intento. Per esempio, anche se l’invasione della Russia è criminale e ingiustificata, le lamentele di Putin sono serie, in contrasto con la risposta dell’America. Documenti declassificati, cablogrammi del Dipartimento di Stato e archivi stranieri confermano le molteplici assicurazioni date ai funzionari sovietici e russi che la NATO non si sarebbe espansa fino al confine della Russia. Smantellare la Serbia e promuovere un cambio di regime a Tbilisi e Kiev (due volte!) ha aumentato l’insicurezza di Mosca. Se l’Unione Sovietica avesse fatto qualcosa di simile – promuovendo un colpo di stato a Città del Messico e invitando il Messico a unirsi al Patto di Varsavia – l’establishment della politica estera di Washington sarebbe stato in uno stato di isteria frenetica, chiedendo un’azione immediata, compresa una possibile guerra.

Né è utile l’eccesso retorico su Putin. Le sue azioni attuali, come l’allarme nucleare, sono più preoccupanti del suo passato. Naturalmente, il suo governo è terribile in materia di diritti umani e dovrebbe essere spinto a fare meglio. Tuttavia, la credibilità di Washington su questo tema è nulla. Mosca non è così male come l’Arabia Saudita, un “partner” degli Stati Uniti il cui principe ereditario fa a fette i suoi critici e massacra i civili in una guerra contro la nazione più povera del Medio Oriente. O il Bahrain, ospite di un’importante base navale degli Stati Uniti, in cui una monarchia sunnita di minoranza tiene in schiavitù una popolazione sciita di maggioranza.

Infine, l’obiettivo finale di Washington è quello di ripristinare la pace e la stabilità, e di farlo rapidamente. Se l’alternativa è uno stallo prolungato con un regime Putin disperato, varrebbe la pena un po’ di “appeasement” di Mosca, nonostante i suoi crimini, se il risultato fosse quello di liberare l’Ucraina dall’occupazione, moderare le paure di altri stati dell’Europa orientale, e diminuire le richieste di una maggiore protezione americana dell’Europa.

Washington è giustamente inondata di denunce morali della Russia. Putin ha portato morte e distruzione in Europa. Tuttavia, chiedere un cambio di regime a Mosca, di cui i politici parlano sempre più spesso, rende probabile una nuova guerra fredda. I politici di entrambe le sponde dell’Atlantico dovranno alla fine decidere se vogliono pace e stabilità o giustizia e bontà. La prima è più critica, specialmente per le persone le cui vite sono più direttamente colpite dalla guerra.

L’attacco di Mosca all’Ucraina è sia una tragedia che un crimine. Tuttavia, risolvere la crisi richiederà di trattarla come un enigma geopolitico, che comporta alcuni difficili compromessi. Gli alleati hanno sprecato la loro migliore opportunità di prevenire la guerra, rifiutando di fare tali concessioni prima dell’attacco della Russia. Raggiungere la pace sarà ancora più difficile ed essenziale.

 

Doug Bandow è un senior fellow al Cato Institute. Ex assistente speciale del presidente Ronald Reagan, è autore di Foreign Follies: America’s New Global Empire.

Facebook Comments