Una controversia legale sulla libertà religiosa sta mettendo a subbuglio gli USA. Kim Davis, impiegata prima arrestata e poi licenziata per non aver voluto rilasciare licenza per “matrimoni gay” ha fatto ricorso alla Corte Costituzionale per ottenere un reintegro nel posto di lavoro. La sua richiesta di revisione è stata respinta per motivi tecnici ma due giudici hanno rilasciato una dichiarazione che potrebbe dare il via ad una revisione della sentenza Obergefell con cui la stessa Corte nel 2015 ha stabilito il diritto al matrimonio per le coppie dello stesso sesso.

Ci fa un resoconto della vicenda questo articolo della CNA tradotto da Annarosa Rossetto

 

Corte Suprema USA in Washington. (AP Photo/Manuel Balce Ceneta)

 

Lunedì i giudici costituzionali Clarence Thomas e Samuel Alito hanno affermato che la sentenza Obergefell  della Corte Suprema sta già ponendo problemi per quanto riguarda la libertà religiosa.

“Scegliendo di privilegiare un nuovo diritto costituzionale [il matrimonio tra persone dello stesso sesso] rispetto alla libertà religiosa esplicitamente protetta nel Primo Emendamento, e facendo ciò in modo antidemocratico, la Corte ha creato un problema che solo lei può risolvere”, hanno scritto i giudici in un parere pubblicato lunedì. 

“Fino ad allora, Obergefell continuerà ad avere ‘conseguenze rovinose per la libertà religiosa'”, hanno ammonito. 

Nel loro parere, che ha accompagnato la negazione da parte della Corte di un atto di revisione nel caso Davis vs Ermold , Thomas e Alito hanno affermato che la storica decisione del 2015 ha messo in contrapposizione il matrimonio tra persone dello stesso sesso alla libertà religiosa.

Nel caso dell’ex cancelliere di contea Kim Davis del Kentucky, che nel 2015 aveva fatto notizia per aver rifiutato di rilasciare licenze di matrimonio a coppie dello stesso sesso, Thomas e Alito hanno votato con il resto della Corte nel negare la sua petizione per un atto di certiorari, ovvero la revisione del suo caso, il primo giorno della sessione autunnale del tribunale.

Davis era stata citata in giudizio per non aver rilasciato licenze di matrimonio dopo che la sentenza Obergefell aveva dichiarato il diritto al matrimonio per le persone dello stesso sesso. La Corte d’Appello del Sesto Circuito nel 2019 aveva stabilito che la Davis non era protetta dall’immunità funzionale e quindi poteva essere ritenuta personalmente responsabile per la violazione del diritto costituzionale al matrimonio per le coppie dello stesso sesso.

In una dichiarazione che accompagna la negazione della revisione, Alito e Thomas hanno affermato che la petizione di Davis “non presenta in modo chiaro” le problematiche messe in questione con la sentenza  Obergefell.      Tuttavia, hanno aspramente criticato la sentenza del 2015 per aver posto minacce serie e ingiustificate a coloro che per motivi religiosi credono che il matrimonio sia tra un uomo e una donna.

La sentenza, approvata con 5 voti a favore contro 4 e stilata dal giudice Anthony Kennedy, ha affermato che le coppie dello stesso sesso non possono essere “escluse da una delle istituzioni più antiche della civiltà”. Ha anche affermato che negare loro “lo stesso trattamento legale delle coppie di sesso opposto” avrebbe “screditato le loro scelte e sminuito la loro dignità di persone”.

L’uso di termini quali “screditare” e “sminuire”, hanno detto lunedì Alito e Thomas, rappresenta come intolleranti le convinzioni religiose sul matrimonio tradizionale e dà credito a funzionari e giudici che lo sostengono.

La sentenza di Kennedy, hanno affermato i giudici, ha anche usurpato la legittima autorità degli Stati di creare esenzioni religiose per i molti Americani che abbracciano queste convinzioni.

“Un conto sarebbe se il riconoscimento del matrimonio tra persone dello stesso sesso fosse stato discusso e adottato attraverso il processo democratico, con gli elettori che avessero deciso di non fornire protezioni legali per la libertà religiosa secondo la legge statale”, hanno scritto Alito e Thomas.

“Ma è tutt’altra cosa quando la Corte impone questa scelta alla società attraverso la creazione di diritti costituzionali non presenti nel testo e la sua interpretazione meschina della clausola del “Free Exercise Clause” (la libertà religiosa come garantita dal 1° Emendamento, n.d.t.), lasciando allo sbando coloro che hanno obiezioni di coscienza su base religiosa”.

Hanno aggiunto che la sentenza Obergefell “consente ai tribunali e ai governi” di etichettare i credenti nel matrimonio tradizionale “come intolleranti, rendendo le loro preoccupazioni sulla libertà religiosa molto più facili da respingere”.

Preoccupazioni per la libertà religiosa sono state espresse alla Corte anche prima della sentenza nel 2015.

Durante la sua arringa nella causa Obergefell, il giudice Antonin Scalia aveva chiesto al procuratore generale Donald Verilli se le Università confessionali avrebbero potuto perdere il loro status di esenzione fiscale se si fossero opposte alla ridefinizione del matrimonio nel caso che la Corte avesse riconosciuto il diritto costituzionale al matrimonio tra persone dello stesso sesso. Verilli, successivamente, aveva detto che questo “sarebbe sicuramente diventato un problema”.

Dopo la sentenza, i vescovi statunitensi e i loro avvocati avevano ammonito che essa non garantiva sufficientemente la libertà religiosa di coloro che si oppongono alla ridefinizione del matrimonio.

La decisione “fa un cenno in direzione della libertà religiosa ma in modo non sufficiente”, aveva detto a EWTN News Nightly l’allora presidente del comitato per la libertà religiosa dell’USCCB, l’Arcivescovo William Lori di Baltimora.

Non si è riusciti, aveva sostenuto l’arcivescovo, a definire il libero esercizio della religione come qualcosa che viene praticato nell’ “interazione con la società nel suo complesso”, aprendo così la porta a contenziosi nei confronti dei credenti che si oppongono alla ridefinizione del matrimonio nelle loro funzioni pubbliche.

I tribunali stanno già mostrando ostilità verso alcuni credenti, hanno scritto Thomas e Alito, indicando le disposizioni di un giudice del Sesto Circuito nel caso Davis che aveva con franchezza ritenuto le convinzioni religiose un ‘animus anti-gay’ “.

A causa della senteza Obergefell, hanno detto i giudici, la Davis è stata costretta a scegliere tra le sue convinzioni religiose sul matrimonio e il rispetto della legge come pubblico ufficiale. 

“Davis potrebbe essere stata una delle prime vittime del trattamento sprezzante della religione da parte di questa Corte nella sua sentenza Obergefell , ma non sarà l’ultima”, hanno scritto i giudici.

“A causa della Obergefell, coloro che hanno sincere credenze religiose riguardo al matrimonio troveranno sempre più difficile partecipare alla società senza entrare in conflitto con quella sentenza e il suo effetto su altre leggi antidiscriminatorie”.

Nel 2015 Anthony Picarello, consigliere generale per la Conferenza Episcopale degli Stati Uniti, aveva affermato che a causa della sentenza Obergefell  si sarebbero potuto verificare contenziosi che avrebbero messo a rischio l’esenzione fiscale delle organizzazioni religiose non profit, nonché i benefici per i dipendenti, l’occupazione e l’accreditamento scolastico.

“Abbiamo già visto molte di queste controversie emergere in Stati che avevano già riconosciuto il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Li abbiamo visti in Stati che hanno leggi sull’orientamento sessuale aggressivo, sull’identità di genere e contro le discriminazioni”, aveva detto.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1