La Food and Drug Administration (FDA) e il National Institutes of Health (NIH) hanno condotto progetti di ricerca separati sui problemi neurologici post-vaccinazione, che si sono manifestati con sintomi come paralisi facciale e nebbia cerebrale (confusione improvvisa e smarrimento, ndr) e sono stati collegati in alcuni casi con i vaccini, secondo le e-mail esaminate da The Epoch Times. L’articolo è stato scritto da Zachary Stieber, pubblicato su The Epoch Times, e ve lo propongo nella mia traduzione.  

 

WASHINGTON, DC – JULY 20: Janet Woodcock, acting commissioner of the US Food and Drug Administration (FDA), speaks at a Senate Health, Education, Labor, and Pensions Committee hearing at the Dirksen Senate Office Building on July 20, 2021 in Washington, DC. The committee will hear testimony about the Biden administration’s ongoing plans to deal with the COVID-19 pandemic and Delta variant. (Photo by Stefani Reynolds-Pool/Getty Images)

 

La Food and Drug Administration (FDA) e il National Institutes of Health (NIH) hanno condotto progetti di ricerca separati sui problemi neurologici post-vaccinazione, che si sono manifestati con sintomi come paralisi facciale e nebbia cerebrale (confusione improvvisa e smarrimento, ndr) e sono stati collegati in alcuni casi con i vaccini, secondo le e-mail esaminate da The Epoch Times.

Un tentativo di comprendere un problema che gli esperti di tutto il mondo stanno lottando per capire è portato avanti dalla dottoressa Janet Woodcock, che era commissario ad interim della FDA fino al 17 febbraio.

Woodcock, ora vice direttore principale della FDA, sta valutando personalmente gli effetti collaterali neurologici dei vaccini COVID-19 almeno dal 13 settembre 2021, secondo le e-mail, molte delle quali non sono state riportate in precedenza. Gli epidemiologi della FDA stanno anche raccogliendo dati per esaminare i problemi, secondo i messaggi del dottor Peter Marks, un altro alto funzionario della FDA.

Un team del NIH’s National Institute of Neurological Disorders and Stroke (NINDS), nel frattempo, ha iniziato a vedere i pazienti che riportano lesioni da vaccino per uno studio all’inizio del 2021 dopo aver ricevuto reclami poco dopo che i vaccini sono stati resi disponibili. Una parte dei pazienti è stata esaminata di persona presso la struttura di Bethesda, Maryland.

Nessuno degli esami o degli studi sembra essere stato annunciato, e i funzionari sanitari hanno detto poco su di essi pubblicamente, nonostante un crescente riconoscimento tra gli esperti che almeno alcuni problemi sono probabilmente legati ai vaccini.

FDA

Woodcock era a conoscenza delle segnalazioni di problemi post-vaccinazione dal 16 aprile 2021, secondo le e-mail.

Woodcock ha detto che era dispiaciuta per i tormenti che la gente stava attraversando e che stava cercando di trovare modi per esaminare ciò che stava accadendo. Alla fine, ha rivelato che stava lavorando su una valutazione degli “effetti collaterali neurologici dai vaccini COVID 19”, secondo una e-mail del 16 settembre 2021, esaminata da The Epoch Times.

Pungolata da persone con lesioni da vaccino diagnosticate, Woodcock ha insistito che stava ancora lavorando al progetto.

“Sto aspettando alcune informazioni dagli epidemiologi che mi aspetto di ottenere domani”, ha scritto il 16 novembre 2021. “Stiamo avendo difficoltà ad appuntare questi eventi legati al sistema nervoso che sono stati portati alla nostra attenzione. Ho chiesto ricerche specifiche dei rapporti che riceviamo sia da qui che dagli ex Stati Uniti (dato che questi vaccini sono stati usati in molti paesi) così come dai trial, dove la supervisione dei partecipanti è maggiore”.

Woodcock ha detto di essere consapevole che le persone che soffrono di problemi dopo essere state vaccinate sono alla ricerca di indicazioni sul trattamento, ma che non c’è “molta certezza su ciò che causa i sintomi”.

Woodcock ha confermato a The Epoch Times in una e-mail che la valutazione è ancora in corso e non è stata completata.

“Quando sapremo qualcosa di definitivo, rilasceremo una dichiarazione se giustificata”, ha detto.

La FDA regola i vaccini, i dispositivi medici e i cosmetici, oltre ad altri prodotti.

Marks, che dirige il centro della FDA incaricato di regolare i vaccini, ha scritto in una e-mail nel novembre 2021 che gli epidemiologi della FDA stanno “esaminando questo”.

“Lavoro a stretto contatto con loro, e so che sono molto impegnati a capire qualsiasi evento avverso possa essere attribuibile ai vaccini che regoliamo”, ha aggiunto.

Marks ha incontrato i pazienti che segnalano lesioni da vaccino in più occasioni, secondo le e-mail esaminate da The Epoch Times. È stato avvisato sia dei casi che degli studi riguardanti potenziali lesioni da vaccino. Scrive spesso che la FDA lavorerà attraverso i documenti e continuerà a seguire.

“Continueremo a valutare attentamente tutte le serie segnalazioni di eventi avversi in seguito alla vaccinazione COVID-19 e siamo impegnati nella trasparenza su qualsiasi scoperta”, ha detto in una missiva.

Marks ha rifiutato di rispondere alle domande, inoltrandole ai portavoce della FDA.

Un portavoce ha detto a The Epoch Times in una e-mail che i sistemi in atto per monitorare la sicurezza dei vaccini COVID-19 hanno identificato diversi problemi “potenzialmente associati alla vaccinazione”, tra cui il disturbo neurologico noto come sindrome di Guillain-Barré, la combinazione di coagulazione del sangue e bassi livelli di piastrine conosciuti come trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS), e diverse forme di infiammazione del cuore, tra cui la miocardite.

“La possibilità di avere questi eventi è molto bassa”, ha detto il portavoce. “Ad oggi, i sistemi di monitoraggio della sicurezza del vaccino COVID-19 non hanno identificato ulteriori segnali di sicurezza per gravi esiti neurologici in seguito alla vaccinazione COVID-19”.

Gli epidemiologi della FDA e gli esperti dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) analizzano continuamente i dati del sistema di segnalazione passiva noto come Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) per identificare potenziali segnali che suggerirebbero la necessità di uno studio più approfondito e si consultano con gli esperti del NIH sulle analisi, secondo la FDA. Le segnalazioni a VAERS sono aumentate da quando i vaccini COVID-19 sono diventati disponibili, e alcuni pazienti che hanno compilato i rapporti VAERS hanno detto a The Epoch Times che nessuno li ha seguiti.

 

VAERS-numero-di-morti-da-qualsiasi-vaccino-per-ogni-anno
VAERS: segnalazione numero di morti post vaccinazione da qualsiasi vaccino per ogni anno (ATTENZIONE: nel 2022 gli effetti avversi NON stanno diminuendo. L’area rossa aumenta in altezza con il passare dei mesi)

I funzionari statunitensi hanno scoperto che molti rapporti presentati a VAERS non rappresentano effettivamente effetti collaterali dovuti a un vaccino, per motivi come la diagnosi non corretta, la patologia in questione che si manifesta prima della vaccinazione, o il paziente che ha patologie sottostanti “che spiegano l’evento avverso”, ha detto il portavoce della FDA. Gli studi dimostrano che il numero di segnalazioni a VAERS spesso sotto-rappresenta i problemi dopo la vaccinazione. Come prova che “i segnali di eventi avversi rari possono essere rilevati”, il portavoce ha indicato come il governo abbia identificato sei rapporti di eventi avversi, tra cui tre morti, o di TTS dopo la vaccinazione con il vaccino Johnson & Johnson.

Il CDC elenca solo un evento avverso come probabile che abbia “una relazione causale” con un vaccino. Questo è il TTS e il vaccino Johnson & Johnson.

Effetti collaterali neurologici

Il Dr. Avindra Nath, direttore clinico del NIH’s NINDS, ha guidato un team che ha esaminato i pazienti che hanno avuto gravi problemi neurologici.

Alcuni pazienti sono volati a Bethesda, Maryland, per una visita di persona, mentre altri si sono consultati con gli esperti del NIH a distanza.

Nath e il dottor Farinaz Safavi, uno dei principali vice di Nath, hanno detto di credere che i problemi siano legati ai vaccini.

“Abbiamo iniziato uno sforzo al NIH per esaminare gli effetti collaterali neurologici dei vaccini COVID-19”, ha detto Safavi in una e-mail a uno dei pazienti il 3 marzo 2021.

“Crediamo che i sintomi siano reali. Questo è il motivo per cui abbiamo trattato i pazienti”, ha detto Nath in un altro messaggio il 27 luglio 2021.

I pazienti hanno inizialmente espresso gratitudine al team per averli aiutati. Molti avevano lottato per ottenere cure dai medici locali quando dettagliavano come si erano vaccinati prima che iniziassero i problemi.

“Finalmente al NIH, sono stata in grado di ottenere diagnosi appropriate”, ha detto a The Epoch Times Brianne Dressen, una maestra d’asilo che vive nello Utah. “Dopo che sono stata in grado di ottenere quelle diagnosi appropriate dai ricercatori principali di COVID, i miei medici hanno iniziato a prendermi sul serio“.

La documentazione medica della visita di Dressen mostra che i medici del NIH le hanno diagnosticato “sintomi neurologici persistenti dopo il vaccino SARS-CoV-2” e “neuropatia post-vaccino”. SARS-CoV-2 è un altro nome del virus PCC (Partito Comunista Cinese), che causa la malattia COVID-19. La neuropatia è un danno ai nervi che può colpire il sistema nervoso dei pazienti e portare a sintomi come arti deboli, perdita della vista e perdita del controllo muscolare.

La dottoressa Danice Hertz, una gastroenterologa in pensione che vive in California, è stata vista virtualmente dagli esperti del NIH. Non le hanno dato una diagnosi definitiva. Ma Safavi ha scritto in un messaggio alla Hertz: “Ciò che è chiaro qui [è] che lei ha sviluppato una reazione immediata al vaccino con alcuni sintomi sistemici continuati dall’evoluzione delle caratteristiche neuropatiche.”

“Sappiamo per certo che complicazioni neurologiche immunomediate possono verificarsi dopo la vaccinazione e dopo l’infezione”, ha aggiunto.

Gli esami sono stati fatti sotto un protocollo di studio iniziato nel 2015 chiamato “Natural History Study of Inflammatory and Infectious Diseases of the Nervous System”. Nath ha detto a The Epoch Times via e-mail che il suo team ha esaminato circa 10 pazienti, anche se ha dato un numero diverso alla rivista Science.

Altre persone che hanno avuto problemi dopo essere state vaccinate hanno detto a The Epoch Times che i tentativi di ottenere aiuto dal NIH o da altre agenzie non hanno avuto successo. Angelia Desselle della Louisiana, per esempio, le è stato detto che sarebbe stata in grado di viaggiare al NINDS ed essere vista, ma ha smesso di sentire l’istituto prima che la visita fosse completata.

Il NIH è un’agenzia di ricerca medica che lavora per esaminare le malattie e ridurre gli oneri sanitari. Il NINDS si concentra sui problemi del cervello e del sistema nervoso.

Delusione

Anche tra quelli esaminati, l’eccitazione di connettersi con i migliori ricercatori e funzionari governativi si è trasformata in delusione e frustrazione quando ripetute richieste hanno dato pochi segni di progresso nella ricerca sui problemi post-vaccinazione.

Woodcock e Marks spesso fornivano aggiornamenti solo dopo essere stati sollecitati, e nessuno dei due ha spinto la conversazione che avveniva in privato nel regno pubblico.

Anche Nath e Safavi si sono allontanati con il passare del 2021. Alla fine hanno smesso di esaminare i pazienti. Nath ha esortato Dressen a smettere di riferire le persone a lui, dicendole che “non abbiamo alcuna sperimentazione clinica per … complicazioni legate al vaccino”.

Dressen ha risposto a gennaio che sarà “sempre in debito con te e con quello che hai fatto per me”, accreditando Nath, insieme a suo marito, di averla tenuta in vita. Tuttavia, ha aggiunto, il suo “cuore è distrutto”.

“Ora sono più confusa che mai su ciò che il mio impegno attivo e volontario nel processo scientifico ha effettivamente significato, o ha portato a,” ha scritto. “Questa sarà l’ultima e-mail che invio”.

“Guardando indietro su questo, posso vedere quanto sia stato immorale anche quando ci stavano aiutando”, ha detto Dressen a The Epoch Times.

Le chiamate private e le comunicazioni con i medici che trattano i pazienti per le lesioni da vaccino riportate hanno avuto luogo, ma nessuna raccomandazione più ampia è stata svelata, e i funzionari federali hanno continuato a spingere la vaccinazione praticamente per tutti gli americani.

La Hertz ha descritto di essere scioccata dalla mancanza di riconoscimento pubblico dei problemi post-vaccinazione da parte della FDA, che ha autorizzato i vaccini Moderna e Pfizer nel dicembre 2020 e da allora ha autorizzato il vaccino della Johnson & Johnson.

“Si rifiutano di riconoscere quello che sta succedendo a così tante migliaia di persone”, ha detto Hertz a The Epoch Times. “Siamo stati completamente abbandonati. E siamo avviliti per questo”.

Messaggi contrastanti

I pazienti sentono che i funzionari governativi e gli scienziati stanno dando un messaggio al pubblico e un altro in privato.

Nath, per esempio, ha detto recentemente alla rivista Science che non è sicuro che i vaccini abbiano portato ai gravi problemi di salute dei pazienti.

“Bisogna stare molto attenti”, ha detto Nath alla rivista, perché “le implicazioni sono enormi” nel formulare “la conclusione sbagliata”.

Quando ha fatto una presentazione virtuale nel maggio 2021, Nath sembrava suonare una melodia diversa. Mostrando una diapositiva intitolata: “I vaccini COVID-19 possono causare complicazioni neurologiche”, con alcune delle complicazioni come la paralisi di Bell elencate, Nath ha detto che i vaccini “sono molto sicuri, ma abbiamo iniziato a vedere alcune complicazioni neurologiche con essi”.

Nath ha anche co-scritto un documento pubblicato nel luglio 2021 osservando che “complicazioni neurologiche di questi vaccini”, tra cui ictus e disautonomia, un disturbo del sistema nervoso, sono stati segnalati a VAERS.

E in una e-mail del 16 settembre 2021, Nath sembrava lasciare trasparire una certa esasperazione mentre indicava che i vaccini hanno causato alcuni eventi avversi.

“Ordinariamente quando qualsiasi farmaco viene rilasciato, è responsabilità dei produttori indagare e trattare gli effetti collaterali. Dove sono i produttori di vaccini in tutto questo? Avete provato a contattarli? Non può essere responsabilità del governo occuparsi di loro. Sono un’azienda a scopo di lucro e dovrebbero essere loro a prendere il cambiamento [sic]. Non credete?” ha scritto.

Dressen ha detto che vede standard diversi quando si associano patologie al COVID-19 rispetto al collegamento con i vaccini COVID-19.

“E’ abbastanza comodo che queste associazioni possano essere facilmente legate a COVID ed è anche un po’ strano perché Nath stesso mi ha detto molte volte che si tratta di un processo mediato dal sistema immunitario per la proteina spike”, che è parte di COVID-19 e dei vaccini, ha detto, aggiungendo che non vede l’ora che i dati vengano pubblicati.

Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson non hanno risposto alle richieste di commento. Secondo la legge federale, i produttori di vaccini sono immuni da cause di responsabilità a meno che non ci sia una “cattiva condotta intenzionale”. Il governo ha istituito il Countermeasures Injury Compensation Program per compensare le persone ferite dai vaccini, ma nessuna richiesta di risarcimento per lesioni da vaccini o altre contromisure è stata approvata al 1° gennaio. Quattro sono state negate perché “lo standard di prova per la causalità non è stato soddisfatto e/o non è stata sostenuta una lesione coperta”, dice il sito web del programma.

Lasciati fuori al freddo

“Queste vittime di lesioni da vaccino sono lasciate fuori al freddo e posso immaginare quanto siano sconvolte”, ha detto a The Epoch Times Barbara Loe Fisher, presidente e co-fondatrice del National Vaccine Information Center, che spinge per la trasparenza sui vaccini.

“NIH e CDC dovrebbero fare indagini sui rapporti di disfunzioni cerebrali dopo questo vaccino COVID la massima priorità, e la FDA dovrebbe immediatamente rilasciare le 450.000 pagine di dati di sperimentazione clinica di Pfizer su Comirnaty”, ha aggiunto, riferendosi alla FDA che rallenta i documenti di produzione della sperimentazione di Pfizer e l’utilizzo del marchio per il vaccino di Pfizer.

Alla domanda se il suo team ha fatto progressi nell’identificare il perché alcune persone soffrono di problemi neurologici dopo aver ricevuto un vaccino COVID-19, Nath ha detto a The Epoch Times: “Non sappiamo cosa rende alcune persone vulnerabili alle complicazioni dei vaccini in generale”.

“Questo richiederà grandi studi epidemiologici per determinare i confronti tra i vaccini”, ha aggiunto in risposta a una domanda su uno dei vaccini collegati a più casi degli altri.

Nath ha detto che il suo team ha smesso di trattare i pazienti perché “le cure cliniche sono meglio fornite dai clinici della comunità o da altre istituzioni accademiche”.

Nath ha presentato i risultati del suo team come una serie di casi osservazionali a due riviste mediche nel marzo 2021, ma nessuno dei due ha accettato il manoscritto. “Nessuna ragione è stata data”, ha detto un portavoce di NANDS, l’agenzia di Nath, a The Epoch Times in una e-mail. Hanno rifiutato di nominare le riviste. The Epoch Times ha presentato richieste di Freedom of Information Act per il manoscritto e ulteriori missive di Nath e Safavi. Lo studio era ancora in corso a metà del 2021, e Nath ha detto alla rivista Science che il team ha inviato una serie di casi di 23 pazienti a una terza rivista in gennaio.

“Non ci sono dati che dimostrino che i vaccini hanno causato i sintomi in questi pazienti. È importante notare che c’è una differenza tra causalità e associazione. Causalità significa che l’esposizione produce l’effetto e di solito è determinata da un grande studio epidemiologico. Un’associazione è una relazione tra due variabili, ma una variabile non causa necessariamente l’altra variabile”, ha aggiunto il portavoce dell’agenzia.

Questo punto di vista non è universale.

“I vaccini COVID causano effetti collaterali neurologici”, ha detto il dottor Josef Finsterer, un neurologo della Klinik Landstrasse in Austria, a The Epoch Times in una e-mail. Ha recentemente pubblicato una revisione degli studi che dettagliano gli eventi neurologici post-vaccinazione.

 

 

Facebook Comments