Poiché il “totalitarismo morbido” coincide con un’erosione delle libertà civili e una “cultura dell’annullamento” alimentata dal “Wokeness” porta molte persone religiose e conservatori sociali all’autocensura, l’autore di bestseller Rod Dreher, offre le sue intuizioni e soluzioni, raccolte dalle esperienze di coloro che hanno sofferto sotto il comunismo nel blocco sovietico. Nel suo acclamato libro Live Not By Lies – A Manual For Christian Dissidents, pubblicato nel settembre 2020, osserva come questi cittadini abbiano riconosciuto i semi della tirannia in Occidente molto tempo fa e da allora hanno cercato di mettere in guardia gli occidentali.

Ecco una intervista a Rod Dreher fatta da Edward Pentin e pubblicata sul National Catholic Register, che vi propongo nella mia traduzione.

 

Rod Dreher, scrittore
Rod Dreher, scrittore

 

Se iniziamo con la tempistica del suo libro Live Not by Lies, cosa ha osservato che l’ha spinta a scriverlo? Quali prove aveva visto di questa crescente tirannia che l’ha spinta a scriverlo?

Nel 2015, credo, ho ricevuto una telefonata da un importante medico cattolico negli Stati Uniti. Avevamo un amico in comune e mi ha detto: “Ascolta, devo dire a qualcuno questo. Mia madre è abbastanza vecchia, vive con me e mia moglie, è nata in Cecoslovacchia e ha passato quattro anni in un campo di prigionia. … Ora che è molto vecchia, ha detto a me e a mia moglie che le cose che vede accadere oggi in America le ricordano come era in Cecoslovacchia quando il comunismo andò al potere”.

Così, quando viaggio ad una conferenza, e [incontro] qualcuno che è cresciuto nel blocco sovietico e che è venuto in America per sfuggire al comunismo, vorrei solo chiedere loro, “Le cose che stai vedendo accadere in America ora con la cancellazione della cultura (es. la distruzione delle statue, ndr), cose del genere, ti ricordano quello che hai lasciato?” Ognuno di loro diceva di sì, enfaticamente sì. Se parlavi con loro abbastanza a lungo, esprimevano una profonda rabbia per il fatto che gli americani non li prendono sul serio. Così, mi sono reso conto di avere un libro qui e questo è ciò che lo ha spinto. Gli avvertimenti specifici di queste persone, questi emigranti, la coerenza di ciò che avevano da dire e la profondità della rabbia per il fatto che nessuno li ascoltava.

 

Con chi ha parlato per il libro e come li ha trovati?

Ho dedicato il libro alla memoria di padre Tomislav Kolakovic, di cui non avevo mai sentito parlare prima di andare a Bratislava, e sono rimasto così stupito dalla sua storia. [Quando fuggì in Slovacchia nel ’43, disse ai suoi studenti: “La buona notizia è che i tedeschi perderanno questa guerra; la cattiva notizia è che i sovietici governeranno questo paese quando sarà finita. La prima cosa che faranno è inseguire la Chiesa, dobbiamo essere pronti”.

Lo sapeva, e poteva dire immediatamente che il cattolicesimo slovacco, molto clericale e passivo, non sarebbe stato all’altezza di ciò che stava arrivando. Così iniziò a preparare i suoi studenti. Riuniva questi gruppi di studenti per lo più per la preghiera, e per un’intensa discussione e analisi di ciò che stava accadendo, e loro avrebbero [poi] deciso.

Nel giro di due anni, una rete di questi gruppi si era diffusa in tutta la Slovacchia, e avevano alcuni sacerdoti che andavano con loro.

Divennero la spina dorsale della Chiesa clandestina. Così ho capito che ora siamo in un momento Kolakovic in Occidente. Dobbiamo approfittare della libertà che abbiamo ora, la libertà di tempo e la libertà religiosa, così com’è, per prepararci.

 

E creare reti?

Sì, preparare noi stessi e le nostre famiglie e le nostre parrocchie spiritualmente, ma fare queste reti ora attraverso i confini confessionali, attraverso i confini nazionali e internazionali. Ora è il momento, è urgente.

Lei parla di come la perdita della religione organizzata e l’instabilità della famiglia ha portato gli Stati Uniti e altri paesi occidentali ad essere vulnerabili al “totalitarismo morbido”. Siamo passati oltre con la risposta a COVID, e organizzazioni come Black Lives Matter, così come l’imposizione da parte dell’amministrazione Biden dei diritti dei transgender e altre ideologie secolari? Siamo ora più vicini a un totalitarismo duro?

Questa è una cosa su cui gli emigrati insistono: “Oh, ora è morbido, ma presto sarà duro”. 

Penso che le cose stiano accelerando continuamente. Il modo in cui la pandemia è stata gestita, la gente si è abituata a sentirsi dire cosa fare, essere sorvegliata, avere i propri dati presi dal governo. Uno degli aspetti più distinti di questo fenomeno è che lo stato è la parte meno importante di esso.

Nella teoria politica tradizionale, il totalitarismo implica uno stato onnipotente che si infiltra in ogni aspetto della vita, e non è quello che sta succedendo qui. Negli Stati Uniti almeno, la wokeness ha conquistato, è stata l’ideologia succeduta al liberalismo, e ha conquistato ogni grande istituzione della vita americana, le corporazioni più significativamente.

 

 L’autrice russa Elena Gorokhova una volta disse del comunismo sovietico: “Ci mentono, noi sappiamo che mentono, loro sanno che noi mentiamo, loro sanno che noi sappiamo che mentono, ma continuano a mentire comunque e noi continuiamo a fingere di credergli”. Pensi che stiamo arrivando a quel punto in cui le bugie nella vita quotidiana, nella cultura in generale, stanno diventando così prevalenti che la gente non sa più cosa sia vero?

Sì, è un sistema di bugie e dipende dal fatto che tutti riconoscano la bugia, sia per paura che per reale convinzione. Da qui nasce il titolo del libro. Poco prima di essere espulso dai sovietici nel ’74, l’ultima comunicazione di Solzhenitsyn ai suoi seguaci si chiamava “Non vivere di bugie”. Vaclav Havel disse qualcosa di simile tre anni dopo nel suo famoso saggio Il potere dei senza potere, in cui parlava dell’importanza di vivere nella verità. Ma Havel e Solzhenitsyn videro che l’essenza del sistema era una bugia o una serie di bugie, e l’unico modo per sconfiggerlo [era] se un numero sufficiente di persone diceva: “Non crederò alla bugia. Non vivrò come se queste bugie fossero vere”. Allora si avrebbe una possibilità. Questo è ciò che hanno incoraggiato i loro seguaci a fare. Noi dobbiamo fare la stessa cosa, ma ci costerà e ci costerà molto. Questo è il fatto che molti di noi non sono preparati a pagare quel prezzo.

 

Come si può convincere la gente a resistere?

Naturalmente, la cosa più importante è impegnarsi a vivere nella verità, a non preferire nulla alla verità. Il libro è scritto da un cristiano per i cristiani, e noi sappiamo qual è la verità, e dobbiamo allenarci ora, mentre viviamo in una relativa pace, a metterci solo a servire Cristo come cosa più importante, non importa cosa. In secondo luogo, e questa è la chiave, dobbiamo abbracciare la sofferenza, il valore della sofferenza. Questa è una lunga tradizione della Chiesa che risale alla Chiesa primitiva, ma ora l’abbiamo dimenticata. Questo è parte del motivo per cui siamo così vulnerabili. Questa è una dittatura, non è orwelliana nel senso che non dipende dall’inflizione di dolore e terrore per costringere le persone a conformarsi. È più un totalitarismo alla Aldous Huxley (autore del romanzo Il mondo nuovo, ndr).

 

Perché dice questo?

Viviamo in un totalitarismo morbido che non vuole che nessuno sia infelice. Così ci sono persone che sono costrette a stare zitte sotto pena di perdere il loro lavoro, perché le loro opinioni potrebbero far sentire gli altri gruppi insicuri. Quindi dobbiamo prepararci a lottare e ad essere privati e a perdere lo status, a perdere il lavoro, a perdere la libertà e forse anche la vita. Se non siamo preparati ad arrivare a tanto, non riusciremo a superare quello che sta arrivando. Questo è il messaggio costante dei dissidenti.

 

Essere preparati per il lungo periodo?

Sì. Una storia costante che tutti hanno raccontato [nel libro] è stata l’importanza di [formare] piccoli gruppi. L’ho sentito più e più volte. … Non mi sarebbe venuto in mente che era quello che dovevamo fare, ma loro erano enfatici: “Fatelo subito”.

 

Direbbe che la gente ha bisogno di capire anche le cause della “wokeness” e il totalitarismo che c’è dietro? Direbbe che è legato principalmente a una crisi della ragione, che a sua volta è in definitiva dovuta a una crisi della fede, la perdita del soprannaturale, del cristianesimo?

Sì, penso che lei abbia capito. La gente deve capire che quando abbiamo a che fare con la wokeness, non abbiamo a che fare principalmente con un fenomeno politico, ma con il fenomeno religioso che si manifesta attraverso la politica. Proprio come i totalitarismi del XX secolo, il nazismo e il comunismo, erano politiche, pseudo religioni che si muovevano per riempire un buco nell’anima di quelle persone, ecco cos’è la wokeness. Non è un caso che almeno negli Stati Uniti sia più potente tra le generazioni meno religiose della storia americana, i Millennials e la Gen-Z (le persone nate tra il ’95 e il 2010, ndr). Stanno cercando quello che cercano tutti coloro che sono suscettibili al totalitarismo: un senso di significato, un senso di scopo e un senso di solidarietà.

 

Come pensi che questo totalitarismo possa svilupparsi, come potrebbe peggiorare, di cosa dobbiamo essere consapevoli?

Negli Stati Uniti quello che probabilmente accadrà è che le élite, e con questo intendo le élite governative che lavorano con le élite corporative, specialmente le élite tecnologiche, implementeranno un sistema di credito sociale. Questo sta arrivando. Sta arrivando perché l’intera faccenda dei passaporti vaccinali ci sta allenando ad accettare questo genere di cose.

 

Ma è un totalitarismo nella misura del nazismo o del comunismo?

Bisogna fare una distinzione importante tra autoritarismo e totalitarismo, perché alcune persone mi dicono: “Beh, non sei offensivo e insultante per le persone che hanno sofferto il vero totalitarismo?”

Spiego che l’autoritarismo è generalmente un sistema politico in cui tutta l’autorità politica è concentrata in un leader o in un partito, ma al resto, al di fuori della politica, non interessa davvero quello che fai, al governo non interessa quello che fai.

Il totalitarismo è un sistema autoritario in cui tutto nella vita è politicizzato. Ad esempio, proprio quest’estate durante il Pride Month, ogni mese è il Pride Month, ma in uno speciale Pride Month più doppio, uno dei grandi produttori di cereali per la colazione negli Stati Uniti ha prodotto uno speciale cereale Gay Pride per bambini, un cereale per la colazione e sul lato della scatola avevano [messo] da far leggere ai tuoi figli mentre si godevano la loro colazione gay pride un esercizio per i bambini che li incoraggiava a pensare ai propri pronomi. Questo era la Kellogg’s, che è il principale produttore di cereali, e anche la colazione deve essere parte della rivoluzione

Questo è esattamente quello che hanno fatto in Unione Sovietica. Nel mio libro racconto la storia di come nel 1924 la Società Scacchistica Sovietica cercò di difendere gli scacchi dalla rivoluzione in arrivo, e fece una dichiarazione dicendo: “Dobbiamo mantenere gli scacchi per il bene degli scacchi”. Il commissario disse: “No, no, no. Dopo la rivoluzione, tutto deve essere per la rivoluzione”.

Anche ora, dopo la nostra rivoluzione, la rivoluzione culturale, anche i cereali per la colazione devono far parte della rivoluzione, anche la programmazione per bambini deve far parte della rivoluzione.

 

Pensa che a meno che la Chiesa o i leader cristiani in generale si oppongano davvero a tutto questo in modo visibile e unito, perderemo? E possiamo vincere questa battaglia quando ci stanno effettivamente togliendo le armi, i generali ci abbandonano prima ancora che la battaglia sia iniziata?

Quando guardiamo le autorità religiose, non solo quelle cattoliche, ma la maggior parte delle autorità religiose, le autorità cristiane, vedremo l’equivalente moderno dei vescovi slovacchi che Padre Kolakovic ha affrontato. Persone che non pensano che sia un problema o forse anche alcune delle cose che stanno accadendo, alcuni di questi vescovi potrebbero pensare che sia una buona cosa. Sono progressisti. Negli Stati Uniti, alcuni dei pensatori più pro-LGBT, pro-ideologia gender sono sacerdoti. Quindi il mio consiglio generale ai cristiani è di non aspettare che i vostri leader ci dicano cosa fare e di non contare su di loro. … Stiamo affrontando una grave crisi a lungo termine che finirà con molti cristiani in prigione e molte chiese chiuse. Ma così tanti pastori e vescovi non vogliono affrontarla, quindi non preoccupatevi.

Se il tuo pastore, il tuo vescovo non vede il problema, non vuole aiutarti, non lasciare che questo ti fermi, riunisciti con altri fedeli che la pensano come te, e anche con persone di altre chiese che la pensano come te. …Trovateli ovunque siano e state al loro fianco e fate questi collegamenti proprio ora. Non sai mai quando avrai bisogno di loro per nasconderti, per aiutarti a trovare un lavoro quando avrai perso il tuo, o per stare con te in pubblico e difenderti quando tutti gli altri saranno contro di te.

 

 



Facebook Comments