Un articolo dell’editor di Crisis Magazine, Michael Warren Davis, sulle ultime parole di Papa Francesco di appoggio alle leggi delle unioni civili per omosessuali.

Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Papa Francesco con il pollice verso

 

“Gli omosessuali hanno il diritto di far parte della famiglia. Sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Nessuno dovrebbe essere cacciato o reso infelice per questo. Quello che dobbiamo creare è una legge delle unioni civili. In questo modo sono legalmente coperti. Io mi sono battuto per questo”.

Questa è una citazione di Papa Francesco. Papa Francesco, il Vescovo di Roma, il Vicario di Cristo, il Sommo Pontefice della Chiesa Cattolica. E non solo si è espresso a favore delle unioni civili per le coppie omosessuali: ha anche confermato vecchie voci secondo cui lo ha fatto nella sua nativa Argentina già nel 2010. Per almeno un decennio, Francesco ha dissentito tranquillamente ma attivamente dall’insegnamento della Chiesa sulla sessualità umana.

Per non avere dubbi, nel 2003 la Congregazione per la Dottrina della fede guidata dal cardinale Joseph Ratzinger, nominato da Giovanni Paolo II:

La Chiesa insegna che il rispetto per le persone omosessuali non può portare in alcun modo all’approvazione di comportamenti omosessuali o al riconoscimento legale delle unioni omosessuali…. Il riconoscimento legale delle unioni omosessuali o la loro collocazione sullo stesso piano del matrimonio non solo significherebbe l’approvazione di comportamenti devianti, con la conseguenza di farne un modello nella società attuale, ma oscurerebbe anche valori fondamentali che appartengono alla comune eredità dell’umanità. La Chiesa non può non difendere questi valori, per il bene degli uomini e per il bene della società stessa.

Questo è infatti l’insegnamento perenne della Chiesa cattolica. E il Papa è ora a verbale che dissente da quell’insegnamento, pubblicamente e in modo inequivocabile.

Fino a questo punto, ho cercato di dare a Francesco il beneficio del dubbio. Ora non più. Il Papa ha detto molto chiaramente che il suo modo di pensare non è il pensiero della Chiesa. Non crede nel sacro deposito del Magistero. Non si sente legato alle tradizioni della Chiesa.

Alcuni lettori lo accetteranno implicitamente. Altri no. Quindi, siamo molto chiari: uno dei primi principi dell’insegnamento sociale cattolico è che gli atti immorali non devono essere autorizzati legalmente. Ecco perché la Chiesa insegna chiaramente che l’aborto (CCC, 2273) e la pornografia (CCC, 2354) dovrebbero essere proibiti dalla legge. Noi cattolici crediamo che le autorità civili non debbano condonare il vizio, anche implicitamente.

Per il Papa – o per qualsiasi cattolico – sostenere le unioni civili tra persone dello stesso sesso è malvagio. Segue esattamente la stessa logica che Joe Biden usa per giustificare il suo sostegno all’aborto: “Personalmente sono contrario a uccidere i bambini nel grembo materno, ma non imporrei questa visione alle donne che vogliono uccidere i loro bambini”. Il Papa ha appena fatto la stessa identica argomentazione a favore della sodomia maschile.

Questo potrebbe essere il momento più significativo della storia papale da quando Paolo VI pubblicò Humanae Vitae. In realtà, i commenti di Francesco sono una sorta di diabolica inversione dell’Humanae Vitae.

Quando ha stabilito che la contraccezione artificiale era sempre e ovunque immorale, Paolo VI stava affrontando un dibattito vivo nella Chiesa che non è mai stato definitivamente risolto. E non solo andò contro l’opinione popolare: contraddiceva molti dei suoi principali teologi, compresi molti “conservatori”. Quanto a Francesco, nessuno si aspettava che si pronunciasse su questo argomento. Questa è stata un’osservazione spontanea, e su una questione che è stata a lungo risolta dalle autorità della Chiesa. Solo una piccola manciata di teologi e di vescovi “mainstream” ha sempre manifestato il suo sostegno alle unioni civili.

Paolo VI ha difeso il Magistero contro vaste legioni di rivoluzionari sessuali fuori dalle mura vaticane e contro le loro numerose quinte-colonne all’interno. Francesco ha alzato bandiera bianca [davanti] alla Rivoluzione Sessuale senza che questi ultimi sparassero tanto, se non un colpo di cerbottana nella sua direzione.

Alcuni cattolici prenderanno questo come prova che Francesco sta consapevolmente lavorando per sovvertire l’insegnamento tradizionale della Chiesa. Altri penseranno che egli sia solo teologicamente analfabeta e, francamente, non molto brillante. Altri ancora concluderanno che è incline a parlare di argomenti che non capisce e che non si preoccupa di capire. Molti pensano che stia diventando senile, il che potrebbe essere il punto di vista più caritatevole. Ma questo lo lascio decidere al lettore.

A un certo livello, non importa. Che il Papa sia coscientemente o accidentalmente dissenziente dalla Chiesa, [rimane il fatto che] è dissenziente dalla Chiesa. Su questo non ci sono dubbi.

Non c’è da stupirsi che i cattolici progressisti siano entusiasti dei commenti del Papa. Padre James Martin, che ha lavorato a lungo per minare gli insegnamenti della Chiesa sull’omosessualità, ha twittato: “Questo è un importante passo avanti nel sostegno della Chiesa alle persone LGBTQ”. Anche il suo collega dell’America Magazine diretto dai gesuiti, Michael J. O’Loughlin, ha scritto: “Le persone che sminuiscono le parole del Papa, davanti alle telecamere, che sostengono le unioni civili per le coppie gay, dovrebbero chiedere ai cattolici LGBT come quelle osservazioni li fanno sentire…. Vi assicuro che questa è una grande notizia”. Lo è davvero.

Naturalmente, la Sinistra cattolica utilizzerà come un’arma i commenti del Papa contro i credenti ortodossi. Padre Daniel Horan, il francescano ribelle, si chiede “a cosa pensano in questo momento i leader della Chiesa bigotta che hanno licenziato gli insegnanti delle scuole cattoliche e i ministri delle parrocchie per aver aderito a unioni tra persone dello stesso sesso. Forse stanno pensando a come potrebbero essere le loro lettere di dimissioni”. Non c’è dubbio. I vescovi progressisti e i burocrati diocesani useranno l’appoggio di Francesco come un pugno di ferro contro i cattolici ortodossi nelle nostre scuole, nei nostri collegi e nelle nostre cancellerie.

Ciò che è sorprendente è che molti cattolici “conservatori” non riescono a vederlo. Ryan T. Anderson, che si è fatto notare come critico di Big Trans e ora insegna all’Università di Dallas, è andato su Twitter a sostegno di Francesco. Il dottor Anderson ha notato che lui stesso aveva anche “proposto qualcosa come le ‘unioni civili per le persone non sposate”. Anche in questo caso si cerca di dare a Francesco il beneficio del dubbio. Ma questo chiaramente supera la linea della dissonanza cognitiva.

Francesco potrebbe essere uno di coloro che facevano parte delle Quinte Colonne a cui Paolo VI si oppose. O forse è uno dei loro utili idioti. Ma questo è perfettamente chiaro: Papa Francesco non si considera Papa. Qualunque sia la sua idea del papato, si sbaglia di grosso.

Il dovere del papa è quello di salvaguardare e chiarire il Sacro Deposito della Fede. Deve pensare con la mente della Chiesa e seguire il Magistero; invece, parla di qualsiasi cosa gli passi per la testa e si aspetta che il Magistero lo segua. Il papato non lo ha umiliato, come è accaduto al suo predecessore. Lo ha incoraggiato.

Francesco abbraccia la peggiore caricatura protestante del suo ufficio. Si vede come un uomo con una competenza universale, che gli è stata data direttamente da Dio stesso. Questa competenza gli permette di opinare in modo autorevole su qualsiasi questione, sacra o laica, che gli suscita la sua fantasia. Non è questo che è un papa, qualunque sforzo si faccia dal punto di vista dell’immaginazione cattolica.

Ma questo lo sappiamo. Sappiamo anche che, quando il Papa contraddice apertamente il magistero, possiamo ignorarlo. Meglio ancora, possiamo – e dobbiamo – contraddirlo a gran voce, per il bene di coloro che altrimenti potrebbero seguire il Santo Padre nell’errore. “Non è questo che la Chiesa insegna”, diciamo. “Questo non è ciò che credono i cattolici”.

Che orribile fardello questo Papa ha imposto ai fedeli. Un buon cattolico non vuole altro che rispettare, fidarsi e obbedire al Successore di San Pietro. Francesco ha reso impossibile tutto questo a molti. Se fosse davvero così saggio e compassionevole come crede di essere, riconoscerebbe quanti dei suoi poveri figli sta portando allo scandalo e all’incredulità.

Eppure a volte un figlio rispettoso non può fare altro che decidere di essere un uomo più grande di suo padre. E questa è la triste situazione in cui ci troviamo ora. Papa Francesco sta conducendo la nostra famiglia su una strada pericolosa, e noi non possiamo “accompagnarlo” in quel viaggio. Dobbiamo piantare i piedi nelle sacre tradizioni della Chiesa e incoraggiare i nostri fratelli e le nostre sorelle a fare lo stesso.

Preghiamo per il nostro Santo Padre, che ha bisogno delle nostre preghiere ora più che mai. Se lo amate, mantenete la vostra posizione. Pregate Dio, un giorno si allontanerà dal suo errore. Allora noi, i fedeli rimasti, potremo riportarlo a casa.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1