Oggi, all’Incontro Mondiale delle Famiglie parlerà in qualità di relatore il gesuita padre James Martin, forte sostenitore di valori portati avanti dalle associazioni L.G.B.T.

Per avere un quadro più chiaro, anche alla luce di tutti gli scandali a carattere omosessuale che stanno venendo alla luce e che stanno piagando la Chiesa statunitense, propongo un intervento di Thomas R. Ascik.

 

Foto: padre James Martin

Foto: padre James Martin

Con gli scandali riguardanti i legami omosessuali del cardinale McCarrick ed il rapporto della Pennsylvania sui sacerdoti omosessuali e sugli esponenti dell’episcopato che hanno facilitato (gli abusi) all’attenzione della mente di ogni cattolico, si stanno realizzando o stanno per verificarsi due grandi eventi pubblici: l’Incontro Mondiale delle Famiglie di questa settimana nell’Irlanda post-cattolica e l’ultimo sinodo di papa Francesco, il Sinodo della gioventù, che si terrà a Roma in ottobre.

Quale effetto possono avere questi due eventi sul modo in cui l’omosessualità è vista e compresa nella Chiesa? La questione è particolarmente importante perché diversi scrittori e commentatori influenti stanno chiedendo un cambiamento. Il più avanzato tra questi è lo scrittore gesuita padre James Martin, S.J., che ha più di 250.000 seguaci su Twitter ed è ospite abituale delle principali reti televisive.

Nel suo libro del 2017, Costruire un ponte: Come la Chiesa cattolica e la comunità L.G.B.T. possono entrare in una relazione di rispetto, compassione e sensibilità, padre Martin dice dell’omosessualità che “alcuni vescovi hanno già chiesto che la Chiesa metta da parte l’espressione ‘oggettivamente disordinato’” nel Catechismo. Etichettare “le parti più profonde di una persona – la parte che dà e riceve amore” come “disordinata” è “inutilmente dolorosa“, dice padre Martin. E’ “inutilmente crudele”. Il National Catholic Reporter ha ringraziato padre Martin per il suo libro e ha pienamente avallato il cambiamento della dottrina morale: “Senza un cambiamento nell’insegnamento della Chiesa sul sesso e la sessualità, le persone LGBT possono mai sperare di essere trattate con uguaglianza e giustizia dalla gerarchia?”.

Nel ricevere il premio annuale di un’organizzazione LGBT, Martin ha dichiarato che “Dio ha fatto” le persone LGBT “così come sono“. In un discorso all’Università di Villanova ha espresso la sua speranza che gli uomini gay “nell’arco di dieci anni” siano in grado di “baciare il loro partner” al bacio della pace a Messa. Ha detto che “alcuni santi erano probabilmente gay o lesbiche”.

Dalla pubblicazione del suo libro, padre Martin ha viaggiato attraverso gli Stati Uniti per promuovere il suo messaggio. Il suo messaggio è stato specificamente appoggiato da tre nomine chiave di papa Francesco nella Chiesa statunitense. Tutti e tre i cardinali americani nominati da papa Francesco – Cupich, Farrell e Tobin – hanno appoggiato con forza il libro di padre Martin e il suo lavoro. (Oltre a padre Martin, tutti e tre i cardinali sono in programma per moderare incontri durante l’Incontro Mondiale delle Famiglie in Irlanda). Tuttavia, in tutto il paese si è verificata una sostanziale opposizione a Martin da parte di laici e donne. In risposta a numerosi articoli sull’omosessualità clericale nello scandalo McCarrick e al rapporto sulle diocesi della Pennsylvania, il 15 agosto padre Martin è andato sul New York Times giusto per difendere il suo ordine del giorno: “Ultimamente, mi sono anche arrabbiato con i commentatori cattolici che hanno usato queste rivelazioni per portare avanti i loro programmi, in modo che la sofferenza dei bambini diventi un’opportunità per fomentare l’odio nei confronti, per esempio, di tutti i sacerdoti gay, o delle persone L.G.B.T. in generale“.

Subito dopo la pubblicazione di Costruire un Ponte, Martin è stato promosso da Papa Francesco nell’aprile 2017 come consulente del Segretariato per le Comunicazioni del Vaticano. Ora, è stato scelto dal cardinale Kevin Farrell, nominato da Francesco, che, come prefetto del Vaticano del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, è l’organizzatore dell’Incontro Mondiale delle Famiglie, per fare una presentazione chiave dell’evento. “Gli organizzatori – dice Martin – mi hanno chiesto di parlare di come le parrocchie possono accogliere i cattolici L.G.B.T., i loro genitori e le loro famiglie. Spero quindi di condividere le ‘buone pratiche’ delle parrocchie che hanno raggiunto con successo la comunità cattolica L.G.B.T.”.  Martin ha intitolato il suo intervento alla riunione della settimana prossima: “Mostrare accoglienza e rispetto nelle nostre parrocchie per le persone LGBT e le loro famiglie“. Secondo il giornalista cattolico Sandro Magister, “Martin sarà tra i relatori e gli ospiti, insieme alle coppie omosessuali di tutto il mondo“.

In che misura, allora, la campagna del gesuita americano padre James Martin, insider di papa Francesco, diventa l’agenda per le parrocchie nella Chiesa cattolica di tutto il mondo?

Con il suo famoso “Chi sono io per giudicare” e “Non possiamo insistere solo su questioni relative all’aborto, al matrimonio gay e all’uso di metodi contraccettivi“, Francesco stabilì un cambiamento nell’atteggiamento della Chiesa nei confronti dell’omosessualità all’inizio del suo pontificato. Infatti, in Amoris Laetitia, alcuni dei passaggi più importanti e discussi non si limitano ai temi del divorzio, del matrimonio e dell’accoglienza della Santa Comunione. In Amoris Laetitia Francesco dice che “Non mi riferisco solo ai divorziati che vivono una nuova unione, ma a tutti, in qualunque situazione si trovino“. (297).  Poi continua: “non è più possibile dire che tutti coloro che si trovano in qualche situazione cosiddetta “irregolare” vivano in stato di peccato mortale, privi della grazia santificante. (301). Sulla coabitazione, dice che “potranno essere valorizzati quei segni di amore che in qualche modo riflettono l’amore di Dio” (294).

Il tema dell’omosessualità è presente in tutti i documenti dei Sinodi di papa Francesco. Nella prima settimana della prima sessione, la Sessione Straordinaria del Sinodo sulla Famiglia del 2014, è stato pubblicato un rapporto provvisorio (relatio post disceptationem) che ha provocato un clamore – come ha descritto il giornalista veterano cattolico Phil Lawler nel suo libro Lost Shepher – e accuse che il rapporto è stato un falso resoconto del contenuto e della sostanza delle discussioni sull’omosessualità da parte dei vescovi presenti. Scritto da funzionari nominati da Francesco che controllavano l’aspetto organizzativo e procedurale del Sinodo, diceva che “gli omosessuali hanno doti e qualità da offrire alla comunità cristiana“. Lungi dal criticare il matrimonio omosessuale, affermava semplicemente che “le unioni tra persone dello stesso sesso non possono essere considerate alla stessa stregua del matrimonio tra uomo e donna“.

Le proteste dei vescovi hanno portato ad un sostanziale snellimento della Relatio Synodi, la relazione finale della prima sessione del Sinodo della Famiglia. Quel documento diceva che non c’erano “motivi” per paragonare le unioni omosessuali al matrimonio, ma aggiungeva anche che “uomini e donne con una tendenza omosessuale dovrebbero essere accolti con rispetto e sensibilità. ‘Va evitato ogni segno di ingiusta discriminazione nei loro confronti’”, è stato ribadito nella relazione finale della seconda sessione del Sinodo della Famiglia, quella Ordinaria, nel 2015.

Sulle questioni di morale sessuale, compresa l’omosessualità, il documento pre-sinodale del Vaticano, Instrumentum Laboris, pubblicato a marzo in preparazione della riunione di ottobre di quest’anno del Sinodo dei giovani, va ben oltre Amoris Laetitia e qualsiasi altro documento del Sinodo di Famiglia. Si dice in quel documento che alcuni giovani “non sono d’accordo … ma vogliono comunque far parte della Chiesa” con le “questioni controverse” della “contraccezione, dell’aborto, dell’omosessualità, della convivenza e del matrimonio“. (E questa è una versione modificata del documento originale del 29 marzo, che chiamava  “polemiche” le questioni e su cui la Chiesa potrebbe voler “cambiare i suoi insegnamenti“.  Vedere il mio articolo del 29 marzo Il Sinodo dei Giovani”: Il passo successivo nel papato di Francesco”)

Prima della sessione finale del Sinodo sulla Famiglia, Papa Francesco ha unilateralmente promulgato un importante cambiamento nelle procedure che regolano gli annullamenti (dei matrimoni, ndr). Due settimane fa, Francesco ha cambiato unilateralmente il testo del Catechismo della Chiesa Cattolica sulla pena di morte, dicendo che ora è “inammissibile“.  Per quanto riguarda l’omosessualità, a quanto pare sono già state preparate alcune basi, come descritto in precedenza. A novembre di quest’anno, che cosa potrebbe significare in pratica la “sensibilità” di padre Martin per la Chiesa mondiale?

Fonte: The Catholic World Report

P.S.: questo articolo è stato scritto prima della pubblicazione della lettera di Papa Francesco al popolo di Dio del 21 agosto scorso.

Facebook Comments